Via de’ Ciancaleoni

di

Il gioco sarebbe arrivarci bendati, magari scendendo da un’astronave. Poi, senza benda, stabilire dove siamo.

La scalinata di via de’ Ciancaleoni, che sale dal cuore della Suburra, è uno di quei posti che dici “è così bello che non sembra di stare a Roma”.

Non è molto logico, per “la città più bella del mondo”, però succede. Specie per quegli angoli che conservano, come questo, consistenza di villaggio.

La rampa sale in mezzo alle case, morbida, preceduta da qualche vaso di piante che ne accentua l’aura paesana. I ciuffi d’erba che sbucano dagli scalini fanno da spontaneo controcanto.

La prima idea, da sbendati, sarebbe quella del piccolo centro medievale, arroccato, confermata da un paio di lanterne che dicono borgo.

E non servirebbe all’indagine il cartello stradale ricoperto di adesivi variamente cool, né la coppia di giovani che fumano nell’angoletto panoramico ma riposto che dalla cima della rampa guarda alla prosecuzione della strada, larga come un carruggio.

Non sono le pratiche – diffuse – a fare da spia: dicono di più le file di sampietrini che pavimentano ogni scalino, tanto più che le precede una soglia di travertino. Ci vogliono Panelli e Valori, o cacio e pepe, per evocare in coppia altrettanta romanità.

Tuttavia quei materiali si trovano anche altrove. Così l’esplorazione deve proseguire oltre le scale, nel vicolo, che per un po’ di metri è attillato passaggio rionale.

Dopo però la stradetta si allarga, e quando arriva all’incrocio si è cambiata d’abito, e si finge qualsiasi, come pensasse ad altro. Lì, a destra, via Panisperna va giù in discesa e poi sale di colpo: un avvallamento da montagne russe che sembra San Francisco.

Lo sguardo lo percorre, scende, risale, inquadra Santa Maria Maggiore. E allora dove siamo si capisce benissimo.

[La foto del titolo è tratta dal sito annazelli.com, della guida turistica romana Anna Zelli]

[Alessandro Mauro è l’autore di Se Roma fatta a scale (Exòrma, 2016) e Basilio – Racconti di gioventù assoluta (Augh!, 2019)

08-06-2021 | © Riproduzione riservata

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*