Eur, i bolidi elettrici alla fermata del bus

di

In un quartiere come l’Eur, che per fare bella figura in pratica c’è nato, il notevole spiegamento di forze che accompagna l’attesa della Formula E appare meno assurdo che altrove.

Quel bianco marmoreo, quella frontalità dichiarata e monumentale è di per sé, da quando esiste, rombante.

Si immaginano l’entusiasmo degli appassionati e la perplessità più o meno stranita dei molti cui della velocità a motore frega niente o pochissimo, che leggono nell’imponente messinscena qualcosa di vagamente surreale, per via della sua ambientazione nella città delle buche, della mobilità ansimante, delle ciclabili a mozziconi.

Se ne può parlare, attrezzandosi per un discorso grosso che mischia affari e bisogni, economia e vivibilità, cilindrate e storia.

Basta lo sguardo, invece, per notare i due piccoli villaggi speculari sorti ai lati della Colombo, fitti di stand tirati su per ospitare i bolidi e tutto il circo che li riguarda.

In uno dei due, a piazzale dell’Agricoltura, succede che quei tendoni bianchi per auto elettriche che vanno a trecento all’ora siano capitati fianco a fianco con gli autobus fermi al capolinea.

È una vicinanza struggente, prima ancora che comica, in cui gli affaticati parallelepipedi che vediamo arrancare per Roma, qualche volta con noi dentro, appaiono anzitutto dignitosi.

Anche loro hanno ruote, e un motore, anche loro per mestiere si spostano da un punto a un altro, senza quasi mai vincere.

Quei vicini arrivati da chissà dove, snelli, coloratissimi e capaci di sfrecciare, sono corda evocata in casa dell’impiccato, sberleffo, scorribanda.

I nostri autobus sostano muti, con l’onorevole mestizia di chi non persegue il successo personale ma sbuffa al servizio di una comunità.

Magari è difficile immaginare un sorpasso, ma non c’è dubbio su chi tifare.

[La foto del titolo è di Nino Gualdoni ed è stata diffusa su Flickr.com con licenza creative commons]

07-04-2021 | © Riproduzione riservata

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*