Coronavirus – diario di crisi giorno 255

di

Questa cosa degli scacchi sta diventando una roba un po’ fortina per Giuliano. Questi giorni che è stato in casa l’ho beccato un paio di volte con un vecchio libro di mio padre e due scacchiere per ricostruire delle varianti. Ettore era là che lo guardava tra l’ammirato e l’indispettito. Devo dire che una bella botta di entusiasmo gliel’ha data ‘La regina degli scacchi’ deliziosa serie per Netflix che vi consiglio.

Per mia sfortuna la cosa più trascendente in cui credo è la sublimazione chimica, cioè il passaggio dallo stato solido a quello aeriforme, eppure ho sempre pensato che parte di mio padre, scomparso un mese prima della nascita Giuliano, si fosse trasferita in lui. Il che almeno per qual che riguarda il Dna è senz’altro vero vero.

Era molto contento di tornare a scuola, meno lo era Ettore che si è un po’ lamentato. Comunque che se la godano la scuola finché c’è.

I capi delle Regioni hanno fatto sapere al Fiero Conte che loro le scuole non le vogliono riaprire che si prosegua con la Dad. Tra le tante richieste che hanno raccolto sui loro territori pare che quella di riaprire i licei non ci sia.

C’è una parola siciliana che rende quel che le regioni provano per la scuola e i problemi legati alla sua riapertura ed è camurria. Per loro sta storia è solo una camurria una infinita, petulante ed assillante scocciatura che niente di buono gli può portare. Vuoi mettere con lo shopping Natalizio, magari in un bel centro commerciale, le luci colorate, le piste innevate, i fuochi d’artificio, il dolce scolorire delle regioni dal rosso, all’arancione, al giallo.

Comunque oggi il governo prederà atto dell’addolcimento dei dati e della curva. I casi questa settimana, pur se alcune decine di migliaia, saranno meno di quelli della scorsa settimana, dopo varie settimane in cui raddoppiavano è indiscutibilmente una buona cosa. Alcune maglie verranno per questo allargate non sembra quelle della scuola in presenza, almeno così non vogliono le regioni, tutte dalla Rossa Emilia Romagna alla Verde Lombardia, dalla Sicilia al Veneto.

I trasporti secondo la De Micheli da soli non basterebbero a risolvere una situazione che dovrebbe prevedere anche orari scaglionati, cosa che a dire il vero abbiamo sempre saputo, e scuole aperte anche il sabato e la domenica. Apriti cielo le associazioni degli insegnanti e dei presidi non vogliono e forse neanche quelle dei genitori e degli studenti.  A dire il vetro la sensazione che la De Micheli abbia mandato la palla in tribuna per non affrontare il problema del TPL, mi si perdoni la metafora calcistica ma data la maratona su Maradona ho ceduto, un po’ ce l’ho anche io.

Comunque stiamo parlando del nulla perché se le Regioni, che sono le più vicine ai bisogni del territorio, dicono tutte all’unanimità che la scuola non serve,  vuol dire che non serve.

Del resto guardateli i nostri governatori inorriditi all’idea che una bambina voglia andare a scuola per studiare gli endecasillabi.  A tal proposito De Luca il lungimirante alla fine ha riaperto solo le scuole d’infanzia e le prime elementari. Già però un risultato lo ha ottenuto molti dei bambini che potevano tornare non sono stati riportati dai loro genitori.

Alcune istituzioni stanno di fatto delegittimando la scuola questo è uno dei danni che il covid nostro ci lascerà in eredità.

Il vaccino anglo-pontino (Oxford Astrazeneca), quello in cui abbiano riposto le nostre migliori Speranze, ha fatto qualche passaggio a vuoto. Non è chiara alla comunità scientifica il protocollo scelto per un trial nato per sbaglio. Pare che si debba rifare, e rendere ripetibile e verificabile.

Intanto in Corea sarebbe arrivata già la terza ondata, tanti piccoli focolai contemporaneamente.

Comunque il fiero Conte questa sera ci chiarirà le novità. Il fermento per il DPCM di Natale prosegue e il dibattito ferve anche sulla nascita del bambinello che andrebbe anticipata per consentire a tutti di rispettare il coprifuoco alle 22.00.

A proposito di fede popolare triste è la sorte della comunità di san Pio infatti i Frati sono stati contagiati nella loro totalità. Quindi messe a porte chiuse al Santuario di San Giovanni Rotondo.

State bene e adelante con judicio!

Giuliano prova varianti su due scacchiere

Coronavirus – diario di crisi giorno 254

Tutta Italia è in fibrillazione in attesa del decreto sul cenone. Son giorni ormai che tutti attendono il nuovo Dpcm scaccia guai.

I giornali lo chiamano decreto di Natale, senza ironia, compresi nella cronaca delle festività che verranno.  Presto sapremo: ci sono varie ipotesi in campo dalla più restrittiva: cenone con i soli conviventi e coprifuoco anche a Natale, alle più generose un generico appello al buon senso ma una sostanziale tana libera tutti.

Cosa importante invece è che il Parlamento, ha votato quasi all’unanimità lo scostamento di bilancio. Credo sia il quarto dall’inizio dell’emergenza covid. Tutto il centro destra, Salvini compreso, ha votato con la maggioranza. In poverissime parole lo scostamento è la presa d’atto pubblica che non rispetteremo gli impegni presi con l’Europa con gli investitori per obiettivo di medio termine per il saldo di bilancio strutturale che ogni Paese dell’UE dovrebbe raggiungere in un certo periodo di tempo. Insomma spenderemo di più e incasseremo meno di quanto previsto. Ora grazie alla pandemia si può fare senza particolare scandalo. Ché ogni tanto bisogna dare al covid nostro quel che è suo, invece per il voto dell’opposizione pare si debba ringraziare Zio Silvio.

La flessibilità di bilancio attuale si deve al covid nostro

Pare che qualcuno per Natale si vaccinerà. Angela Merkel spiega al suo parlamento che i primi saranno i medici e gli infermieri e che il vaccino è “la luce in fondo al tunnel”. Chissà se c’è una Rimini (capitale italiana dei novax) anche in Germania. Con teutonica concretezza la cancelliera spiega anche che di sciare non se ne deve parlare fino al 10 gennaio, in tutta Eruropa. Però a meno che non tenti una nuova Anschluss pare che l’Austria resista.

Giuliano ed Ettore oggi sono rimasti a casa con la mamma. Il loro raffreddore migliora, domani si potrebbe provare a riportarli a scuola.

In attesa del vaccino e in vista delle visite che avete intenzione di fare ai vostri parenti, ora c’è la possibilità di fare dei test diagnostici rapidi in Farmacia. Qui nel Lazio in molte farmacie vi lascio qui la lista.

State bene e adelante con judicio!

26.11.2020

Coronavirus – diario di crisi giorno 253

<<Oggi è mio compeanno!>> provo a dirgli che era ieri il suo compleanno ma. <<Oggi mia fetta!>> e ci guardava pieno di una gioia che ho qualche difficoltà a levargli dal viso.  Alla fine con Giuliano gli ricantiamo tanti auguri. Ad Ettore piace tanto che sia il suo compleanno e non capisce perché lo debba festeggiare un solo giorno all’anno. I saturnali per il suo genetliaco si sono in ogni caso protratti per tutta la serata di ieri, abbiamo anche ballato oltre che scartato giocattoli e tagliato torte.

Però les deux erano decisamente raffreddati quindi abbiamo deciso di restare a casa oggi. Le maestre sono sempre più sensibili, anche comprensibilmente, quindi onde evitare che ce li rimandino a casa li teniamo spontaneamente.

I miei due piccoli, come capitava a me, sono spesso raffreddati quindi la cosa è abbastanza fastidiosa. Comunque niente febbre qualche lavaggetto e un po’di pazienza.

Tutto questo potrebbe avere una fine a breve. Per qualche ora è circolata la voce che i primi ad essere vaccinati, già a dicembre addirittura prima della riapertura delle scuole, saranno alunni, insegnanti e personale non docente. Quando lo dico a Giuliano gli brillano gli occhi e mi chiede se davvero  li vaccineranno prima di Biden e di Conte.  Poi però l’ipotesi svanisce come era apparsa sui giornali.

Oggi Speranza sul suo piano vaccinale, che presenterà il 2 dicembre in Parlamento, dice che prima andranno alle categorie a rischio “Come personale sanitario, anziani e chi ha più patologie.”

Nel frattempo l’ipotesi di riaprire le scuole superiori e le scuole medie, ove chiuse, entro il 9 dicembre prende sempre più corpo anche se fra mille distinguo e precisazioni. Il fiero Conte comunque dice che è una priorità.

Una domanda però sulla riapertura delle scuole ai capi delle regioni e della nazione e dell’istruzione la vorrei fare anche io. Avete immaginato un piano per orari di ingresso e trasporto pubblico che consenta ai ragazzi e agli altri passeggeri di non ammassarsi sui bus?

La persona nera come lo chiama Ettore

Se la risposta è che non si può fare o che non spetta alla regione ma al comune, non al comune ma alla regione, non alla regione ma al ministero temo che ci troveremo presto in un altro guaio.

Le scuole che in questo Paese vengono usate per risolvere il problema logistico del voto potrebbero essere usate per vaccinare almeno docenti, allievi e bidelli. Chissà come si sta organizzando Arcuri il Temporeggiatore, non m vengono in mente altri posti così capillarmente distribuiti sul territorio nazionale.

Tutto questo ha un senso se i vaccini arriveranno e se li faremo. Sempre più persone sembrano non essere disposte a farsi vaccinare.  Secondo una ricerca dell’Università Cattolica di Milano il 41% degli intervistati ritiene “per niente probabile” o “non probabile” l’eventualità di una vaccinazione contro il coronavirus. Per questo sembra che si stia prendendo in considerazione l’ipotesi di renderlo obbligatorio.

Ieri purtroppo son morte altre 853 persone, il contagio però ha subito una frenata si spera che anche i decessi, come naturale conseguenza, diminuiscano fra un po’.

Tutti aspettano il Dpcm di Natale che dovrebbe regolare le nostre feste forse anche consigliano il numero dei commensali.

Ora ce li ho tutte e due addosso che giocano e scherzano mentre scrivo.

State bene e adelante con judicio!

25.11.2020 Giorno della morte di Diego Armando Maradona

Coronavirus – diario di crisi giorno 252

Alla fine ho ceduto e l’ho comprato. Ne ho trovato uno ad un prezzo che mi è parso più ragionevole di quelli praticati dalle farmacie trasteverine e l’ho preso. Per la modica cifra di 35 euro la mia famiglia può ora disporre di un saturimetro perfettamente funzionante e speriamo completamente inutile. La farmacista mi ha chiesto se lo compravo con la speranza di non usarlo mai ed io candidamente ho ammesso. Comunque l’ho provato funziona e nel mio sangue pare ci sia ossigeno a sufficienza.

Oggi è il compleanno di Ettore niente banchetti o merende con nonni amici e vicini, ovviamente, però la mamma lo festeggia da giorni e già da stamattina gli fa spegnere candeline. Gli ha comprato dei cappellini di carta e dei dobloni di cioccolata, alcuni addirittura con Batman, da distribuire a scuola tra i suoi compagni. Nella speranza che le maestre trovino il modo di dirgli tanti auguri insieme agli altri bambini. Pare che sia molto importante per i più piccoli festeggiare la propria nascita. Ettoruzzo fa tre anni di cui quasi uno passato ai tempi del covid nostro. Lui ha sempre avuto qualche difficoltà ad accettare che qualcun altro compisse gli anni, infatti felice ha detto alla mamma: <<Oggi mio compleanno, non di papà, mio! >>

Ettore festeggia al mattino

Questa sera grandi saturnali casalinghi noi quattro. È il terzo genetliaco che passiamo così, prima Giuliano, poi io e ora Ettore. A Martina andò meglio eravamo in vacanza a Pesaro mare, sole, spiaggia e ristorante dell’albergo.

A tal proposito prosegue la disfida sulle vacanze di Natale. È sceso in pista anche Tomba, mito dello sci alpino, per chiedere la riapertura degli impianti sciistici.

Prosegue la disfida per un bianco Natale scende in pista anche Tomba

Pare che il  Governo abbia deciso di non riaprire per il momento, il Fiero Conte, con una leggera tossetta, è andato dalla Gruber a spiegare che per Natale non dovrebbero esserci più zone rosse ma che non possiamo permetterci di rifare gli errori dell’estate e quindi prevede delle misure specifiche. Addirittura annuncia di voler riaprire le scuole prima delle festività, il che non sarebbe una brutta cosa. Pare che si stia cercando un accordo europeo per lasciare chiusi tutti gli impianti sciistici, ma la Svizzera ha già aperto. Altra cosa su cui il premier insiste e la necessità di favorire la tradizione dei regali. La cosa è comprendibile dal punto d vista economico e si tradurrà in una serie di allentamenti degli orari per lo shopping, la ristorazione? Credo che siamo all’inizio di una trattativa.  Per intanto Speranza ha firmato ordinanza in cui conferma le misure per Bolzano (rossa) e Basilicata, Liguria e Umbria (gialle). Comunque le Regioni, quelle del nord e immagino l’Abruzzo, chiederanno grandi ristori. Il fiero Conte dice altre due cose importanti: primo che uno stato democratico non si può mettere a contare le persone che entrano nelle case private e secondo che il vaccino non sarà obbligatorio. La qualcosa dovrebbe responsabilizzarci come famiglie e come individui.

Oggi riunisce a Chigi capi i delegazione e i Ministri Roberto Gualtieri, Luigi Di Maio, Enzo Amendola vedremo.

A Roma invece tutti parlano dei vigili, un po’ perché ieri Report ha mandato in onda un’inchiesta molto dura sul potere dei pizzardoni romani, “Un sistema che permette agli agenti della Polizia locale di esercitare un controllo totale sulla città: sui commercianti, sugli imprenditori, sui politici, sugli stessi privati cittadini.”
Un po’ per una storia meno grave ma più pruriginosa: lui e lei fanno l’amore in macchina durante un turno di guardia a Tor di Quinto ma lasciano la radio accesa…

Si comincia a muovere qualcosa in vista delle prossime elezioni comunali. Roma Report ha intervistato invece due candidati diciamo così minori ma significativi se vi va, vi lascio i link

Intervista a  Paolo Berdini di Massimiliano di Giorgio

Intervista ad Andrea Bernaudo (mia di me)

State bene e adelante con judicio!

24.11.2020

Saturimetro prova

Coronavirus – diario di crisi giorno 251

Il Natale da cartolina, quello nei desideri di ogni buon occidentale consumatore di spot televisivi, dolci e regalini deve essere bianco. Per questo i capi delle regioni si stanno attrezzando per dare la possibilità a tutti noi di popolare le piste, con i nostri slittini, i nostri sci e dopo sci. Che importa che le cabinovie e le funivie siano da sempre usate come esempio quasi proverbiale di affollamenti insopportabili. Andremo felici anche a riempire i rifugi dove potremo bere il nostro grog o più modestamente il nostro vin brûlé, rigorosamente serviti dallo stesso orcio con lo stesso mestolo. Tutti in fila stretti-stretti, vicini-vicini per non sentire il freddo.

Ieri pomeriggio il fiero Conte ha fatto sapere che ci sarebbe stato del rigore anche a Natale tant’è che l’apertura del Corriere di oggi è “Feste senza neve e veglioni”. Però è bastata quella porta socchiusa tra sabato e domenica per far uscire comunicati della associazioni di categoria che già fanno i conti dei soldini che si possono incamerare con le riaperture di Natale. Infatti il titolone della cronaca di Roma è “Riaprire la sera vale 50 milioni”. Catenaccio  “Solo dalle cene fuori arriveranno 11 milioni.”

Non è che siamo schizofrenici o bipolari è che viviamo, tutti noi non solo la nostra spettacolare classe dirigente, due spinte contrapposte che di fatto, per il momento, sono difficilmente conciliabili. L’esperienza estiva  però ci dovrebbe avere un po’ ammaestrati eppure stiamo qui con 805.947 positivi a discutere di come fare a far circolare, persone, soldi e manicaretti questo Natale.

Un vero Natale deve essere bianco

Quanto al suo biancore vorrei che non pensaste a una mia esagerazione e quindi cito dall’ANSA di oggi: “Sono in arrivo le regole sulla settimana bianca anti-Covid, attesa da tantissimi italiani, previste dalle ‘linee guida delle regioni per l’utilizzo degli impianti di risalita nelle stazioni e nei comprensori sciistici’: il documento, di cui al momento c’è solo una bozza, sarà portato in Conferenza delle Regioni oggi per essere poi sottoposto al Governo e al Cts.” Linee guida che nel pomeriggio approvano.  Zaia e Cirio si fanno portavoce delle esigenze dell’economia della montagna che altrimenti, dicono, morirebbe.

Le scuole superiori? Non se ne parla nemmeno; eventualmente, se i ragazzi si comportano bene, bevono tutto il loro grog e il loro vin brûlé se ne può parlare dopo la Befana. Agostino Miozzo, coordinatore del comitato tecnico scientifico, che è da un paio di settimane che insiste perché si riaprano le scuole, ci spiega che “Se nelle festività avremo momenti analoghi a quelli vissuti nell’estete appena trascorsa, avremo dati simili o addirittura peggiori di quelli attuali. Significa che le scuole rischiano di restare chiuse altre settimane.” Chiaro? Anche questa volta sappiamo tutto quello che si può fare e non fare per evitare la terza ondata  eppure non resisteremo e lasceremo che sia.

Il vaccino anglo-pontino (AstraZeneca Oxford)  invece prosegue il suo cammino e risultava efficace al 70% sempre in attesa della terza fase. Il buon Crisanti continua nella sua opera demolitrice della già scarsa fiducia delle italiche genti per i vaccini e la medicina. <<Ribadisco che sulle basi delle conoscenze che abbiamo oggi non mi farei il vaccino>>. E dire che lui lo aveva portato il suo piano al Fiero Conte.

Giuliano ed Ettore, figli miei che un giorno leggerete questo diario ormai grandi e, si spera vaccinati, sappiate che gli uomini sono così molto generosi con le proprie idee e molto avari con quelle degli altri. Non siate troppo severi con noi ci trovammo a vivere uno strano momento.

State bene e adelante con judicio!

23.11.2020

OUTSIDE IN – San Paolo dettaglio

Coronavirus: Diario di crisi, weekend 34

<<Catwoman. La città sta buciando è tato Joker!>> Catwoman, cioè Martina risponde <<Oddio e ora come facciamo?  Gotam è distrutta!>>  Batman – Ettore la rassicura. <<Non ti preoccupare la aggiustiamo!>>

Così è passato il nostro fine settimana tra Batman, Dart Fener, gli scacchi, i compiti e qualche mangiatina. Per la verità le cose non erano cominciate benissimo. Venerdì sera mentre facevo la spesa Martina mi telefona e mi dice che a casa non c’è più l’acqua ma non quella minerale, quella corrente. Mi ricordo della comunicazione condominiale da me come sempre ignorata, di solito queste cose se le sbrigano mentre siamo in ufficio. Beh affrontare il covid nostro senza potersi lavare ne poter pulire la casa non sarebbe una passeggiata. Compro delle salviettine per pulire casa per le mani useremo il gel et amen et amore dei.

L’acqua con la pandemia serve anche di più

La cosa non si risolve subito quindi vado con Giuliano a comprare delle pizze che consumiamo nello studio guardando The Mandalorian e il piccolo Joda in Tv. Quando i bimbi vanno a dormire finalmente torna l’acqua. Devo ammettere che è stato un bel sollievo.

Sabato lo passiamo quasi tutto a casa solo nel pomeriggio mi prendo Giuliano e facciamo un scorribanda a San Paolo per vedere un nuovo murales, bello poi con musei e mostre chiuse sono una delle poche forme d’arte ancora fruibili. Passiamo in macchina per un Viale Marconi trafficatissimo e pieno di persone che passeggiano per lo shopping. Incontriamo anche un’ambulanza e una barella a terra sotto un condominio.

C’è qualcosa che somiglia al Black Friday, che invece dovrebbe essere il 27 di novembre, tante persone tutte con la mascherina ma tante!

Viale Marconi sabato

 

Il murales ci piace ci sono anche un po’ di altre persone che fotografano, che chiedono, che si informano, che vogliono attaccare bottone. Siamo così, siamo animali sociali.

Chigi salva il Natale ma non i licei

La domenica la passiamo tutta in casa c’era l’ipotesi di vedersi con degli amici ma per una ragione o per un’altra sfuma. Noi gli proponiamo di vederci a casa nostra, ma la cosa non piace perché gli ambienti chiusi sono più pericolosi per il covid. Ci propongono il parco poi però il freddo e un piccolo raffreddore di Ettore ci fanno desistere. Comincia a fare un po’ troppo freddo per fare passeggiate in Villa.

I nostri eroi a Chigi, come dicono quelli che lo frequentano, invece pare siano in sollucchero per l’appiattimento dei dati.

Che c’è, questa settimana abbiamo fatto quasi esattamente lo stesso numero di contagiati della scorsa: 241. 522 contro 242.127 poco più di mille casi in più, però sempre un quarto di milione di contagiati abbiamo prodotto.

Contagi settimanali. Si può apprezzare la comparsa del plateau 

Gli eroi a Chigi però pare vogliano riaprire piste da sci, bar, ristoranti e hotellerie per un Natale che comincerebbe il 3 dicembre. Mentre invece non prendono nemmeno in considerazione l’idea di riaprire i licei prima della Befana che con le sue scarpe tutte rotte potrebbe portare, viste le premesse, e la circolazione delle persone e del virus, che sarebbe paragonabile a quella di questo agosto, la terza ondata e quindi la decisione di non riaprire le scuole. Sì perché il sottosegretario Zampa fa sapere che potremo anche andare a trovare i nostri parenti fuori regione. La differenza fondamentale con questa estate è che adesso abbiamo 250.000 positivi accertati a settimana,  numero quasi inimmaginabile ad agosto. Voi mi direte ma per il 3 dicembre saranno meno ok facciamo la metà, 125.000 a settimana, la metà della metà? 60.0000 (per difetto). Bah a me sembra comunque uno strano procedere.

I ministro Azzolina, cui devo riconoscere di aver tentato in questi mesi di difendere il diritto dei ragazzi ad andare a scuola, secondo il Corriere della Sera avrebbe reagito così:

<<Ovviamente sono contenta anche io perché la curva si sta appiattendo, ma c’è una cosa che non capisco. Percepisco una grande euforia, vi sento parlare di aprire i negozi, i ristoranti, le piste da sci… Ma nessuno di voi ha qualcosa da dire sulla scuola? Davvero pensate che con il Dpcm del 3 dicembre si possa riaprire tutto, lasciando chiusi i licei?>> Pare di sì a parte i renziani, nessuno ha sposato al sua linea.

Comunque non temete pare che potremo riunirci per mangiare cotechini, lasagne, abbacchi, panettoni, pandori, torroni, insalate di rinforzo e il meglio che la tradizione italiana mette a disposizione per l’ingrasso natalizio. La cena e i pranzi di Natale, santo Stefano e San Silvestro pare siano salvi. Anche i brindisi e forse pure i veglioni

<<Missione compiuta! Catwomen abbiamo aggiustato il Natale!>>

State bene e adelante con judicio!

(22-11-2020)

Fotografi per il nuovo murales

Coronavirus – Diario di crisi giorno 248

Oggi in ufficio un traffico singolare nonostante fosse venerdì eravamo in cinque. Per strada poche persone anche complice la pioggia. Lavoro un pochino e mi preparo al fine settimana semi claustrale.

L’RT scende ma le Regioni pare che resteranno ancora per un po’ ognuna del suo colore, l’Abruzzo da oggi è ufficialmente rosso. La provincia autonoma di Bolzano sta testando il 70% dei suoi abitanti se ci riuscirà sarà interessante anche per sapere qual è il reale livello di diffusione del virus. Gli altoatesini sono, secondo l’ultimo censimento, 520.891. Pare siano andati in massa e che ci sia qualche ritardo, comunque è un’operazione notevole..

La curiosa vicenda della diaria in remoto per gli europarlamentari si è conclusa con una secca vittoria di questi ultimi che da lunedì potranno ricominciare a percepirla, 323 euro al dì.

Nel frattempo Totti è guarito e racconta ai romani come gli è andata questa partita che non è stata tra le più facili : “Ora mi sono ripreso e posso dirvi con un certo sollievo che ho avuto il Covid e non è stata una passeggiata: febbre che non scendeva, saturazione dell’ossigeno bassa e le forze che se ne andavano. La diagnosi è stata un colpo al cuore: polmonite bilaterale per infezione da Sars Cov 2!”

I vaccini e il Natale restano sullo sfondo delle nostre umane avventure. L’RT scende e la preoccupazione per le promesse di un Natale sereno sale. Averlo spacciato come obiettivo rischia di diventare un problema. Le regioni vogliono degradare i loro colori e spingere per un rilancio dei consumi. Ma hanno anche paura che poi si ricominci da capo.

Crisanti quasi no vax

Nel frattempo il vaccino dell’università di Oxford, Irbm e Astrazeneca, quello prodotto anche a Pomezia e Anagni, quello cui abbiamo affidato le nostre migliori Speranze, sembra essere un po’ più indietro rispetto a quelli americani della Biontech e Pfizer che hanno chiesto giusto oggi l’autorizzazione al commercio. L’anglo-pontino invece pubblica oggi su Lancet i risultati sulla fine della fase 2 condotta su 560 adulti sani, di cui 240 con più di 70 anni. Siamo non proprio all’inizio ma manca un bel po’. Anche Crisanti, star del Covid nostro, illustre accademico e infettivologo ci spiega che le tre fasi di sperimentazione dei vaccini sono state fatte parallelamente questa volta, per velocizzare i tempi e perché si poteva contare sulla cassa sempre coperta dagli stati che hanno pagato in anticipo. Non contento ci dice che lui a gennaio non lo farebbe il vaccino. Per concludere che bisogna invece usare il suo sistema di tracciamento.

Ora non oso immaginare le ripercussioni che questa dichiarazione avrà sul breve e sul lungo periodo sull’opinione pubblica e su tutte le teorie cospirazioniste e antivacciniste. Se anche la comunità scientifica si divide sui vaccini non abbiamo molta Speranza di capirci qualcosa noi.

Tutte le vote che ho portato i miei figli a vaccinarsi l’ho fatto con fiducia e una serenità che spero riuscirò a non perdere. Anche io mi sono molto vaccinato nella vita, un po’ per viaggiare e un po’ per non star male. Non vorrei che il covid nostro riuscisse ad innescare una diffidenza nei confronti di quello che dovrebbe essere il suo principale nemico.

State bene e adelante con judicio!

20-11-2020

 

Coronavirus – Diario di crisi giorno 247

La prima frase di senso compiuto pronunciata da Giuliano, di cui io abbia memoria, è stata “Sta sera mangio pesce!” ricordo il mio stupore e la mia gioia. Gli risposi che gli avrei preparato e comprato tutto il pesce che voleva. Ma in realtà la sua era una citazione cinematografica. In quel periodo guardava continuamente un DVD, “Alla ricerca di Nemo” della Disney. Si era innamorato del gigantesco squalo bianco, Bruto, che voleva diventare vegetariano ma che a un certo punto, in una specie di riunione degli alcolisti anonimi degli oceani, viene preso da una inarrestabile crisi di astinenza e si lancia con tutte le sue forze su Marlyn e Dory, pesce chirurgo e pagliaccio, che se la caveranno, urlando appunto “Questa sera mangio pesce!”. Così cominciò la passione di Giuliano, e di conseguenza anche mia, per gli animali marini ed in particolare gli squali.

Quando ho scoperto che per produrre i vaccini si usa, come adiuvante, lo squalene sostanza estratta dal fegato dei nostri antichi e terribili amici non ho potuto non pensare a che faccia farà Giuliano quando lo scoprirà.

In realtà lo squalene è presente anche in altri elementi naturali (olive, riso, amaranto, grano) oltre che nel fegato degli elasmobranchi. Ma pare che si usi soprattutto quello, evidentemente è più denso o comunque più funzionale. A gli squali serve ad accumulare grasso per i tempi di magra, il fegato di alcuni diventa gigantesco, e a contrastare la gravità, è più denso dell’acqua gli dona leggerezza e agilità fisica. Ora gli ambientalisti sono molto preoccupati: tutto il mondo vuole vaccinarsi contro il covid nostro e le industrie farmaceutiche, che fanno il loro lavoro, ora hanno risorse notevoli, fornite in anticipo dagli stati, che gli consentiranno di far squartare un numero spropositato di squali ai quali estrare il fegato.

Ora noi umani, vera specie predatoria del pianeta, usiamo delle risorse del mare  e dei grassi dei suoi animali da tempo immemore. Pensate all’immortale Melville a come ci raccontò dell’uso del grasso di balena, con il quale illuminavamo intere città, prima della scoperta del petrolio, e dello spermaceti con il qual fissavamo le essenze dei profumi.

Molecola dello squalene

Non so se glielo dirò, forse una parte di lui si ecciterà all’idea di iniettarsi squali nelle vene. Temo però che sarà più grande il dispiacere per la mattanza inevitabile.

Ieri son andato a prendere Ettore a scuola e proprio mentre varcavamo il portone è scoppiato un applauso. Non era per noi, che non avevamo fatto nulla per meritarlo, ma per la maestra della quinta. Una signora bionda con i capelli molto lunghi e lo sguardo severo che si è ammalato con il covid nostro ed è guarita. La sua malattia ha comportato la chiusura della sua classe che finta la quarantena è tornata a scuola.  Perché l’epidemia c’è anche nelle scuole ma si affronta e si supera.

E’ stato bello vedere tutte quelle mamme applaudire la maestra dei loro bambini, ha dato un senso alla mia idea di scuola, che so essere diversa da quella di parte importante dei miei concittadini ma amen e così sia.

Sembra che con le misure prese tra rosso, giallo e arancione le cose stiano migliorando, il timore diffuso è che però questa storia del Natale si trasformi in una sorta super vacanza di fine agosto. Già c’è chi parla di terza ondata , febbraio – marzo,  dovuta alle festività natalizie.

Purtroppo le persone che moriranno nei prossimi giorni continueranno ad essere molte, un po’ perché sono stati contagiati qualche settimana fa e un po’ perché il nostro sistema sanitario è molto stressato.

Tra i facili profeti di sventura c’è anche Bertolaso che si toglie qualche sassolino dalle scarpe parlando di  Arcuri il temporeggiatore dice “ha fatto talmente tante pessime figure nei mesi passati che questo sarà il momento del suo grande riscatto, quindi non posso credere che la distribuzione del vaccino contro il Covid non funzioni”. Noi invece con un piccolo sforzo credo che riusciremmo ad immaginarlo.

State bene e adelante con judicio!

(19-11-2020)

 

Coronavirus – Diario di crisi giorno 246

Giuliano ed Ettore come tutte le mattine si sono alzati, lavati e preparati per la scuola. Roma era bellissima come le capita in alcune giornate assolate tra l’autunno e l’inverno. Sono un paio di mattine che Ettore lo preparo io. E’ divertente, lui fa un po’ di storie ma alla fine credo sia contento. Oggi è venuto lui a chiamarmi per lavare i denti!

Mia moglie è indaffaratissima con il lavoro e con noi. Tutto sembra procedere normalmente. Ma non è così. Non lo è perché le persone si ammalano e muoiono, non lo è perché non vediamo più quasi nessuno, non lo è perché abbiamo paura di ammalarci anche noi o di perdere il lavoro, insomma di essere tra le vittime di vario tipo e genere del covid nostro.

Come se non bastasse appare chiaro che la situazione sta sfuggendo al controllo delle istituzioni che sono come sempre impegnate in lotte di potere ed inutili questioni che poco o nulla hanno a che vedere con la situazione, sempre più grave, nella quale ci troviamo. Perché nonostante la corsa alla chiusura delle scuole il nostro resta il Paese in cui si muore di più.

Continuiamo a morire più degli altri

Il tema del maggior tasso di mortalità in Italia a causa del covid -19 comincia a riemergere con prepotenza, dato l’andamento dell’epidemia.  Ne abbiamo già scritto (vedi giorno 240) la cosa continua ad essere dolorosa,  preoccupante e tutto sommato senza un risposta ufficiale. Certo sappiamo che questo deve avere a che fare con l’età media piuttosto alta delle italiche genti  e con il nostro sistema sanitario. L’Italia  è il terzo posto in cui si muore di più se contagiati dopo il Messico (10 su 100) e l’Iran (5 su 100). Dai noi 3,8 su 100.

La mancanza di bombole d’ossigeno per curare la fame d’aria dei malati di covid è un terribile indizio sull’eziologia di questa situazione. Nuove disuguaglianze sembrano emergere nel mondo e nel nostro paese. Questa storia che gli statali proclamino uno sciopero generale in questa situazione dà il senso della nostra capacità di coesione.

Luce a Roma

Coronavirus – Diario di crisi giorno 245

Ponte Garibaldi è da qualche settimana invaso dagli storni. Per Roma sono un vecchio problema, e uno spettacolo al tempo stesso, da più di qualche anno. Sono migliaia e fanno delle bellissime evoluzioni in cielo che hanno affascinato più di un documentarista. Purtroppo sono anche dei terribili produttori di guano e bombardano letteralmente, di solito al tramonto, le zone in cui trovano alberi in cui riposarsi. Esistono vari modi per allontanarli, il più comune prevede l’uso di un megafono che emette un particolare suono che li “dissuade” dal permanere colpendo pedoni, macchine e quant’altro si trovi sotto di loro.

Qualche volta il comune si ricorda e fa per tempo il suo bando per trovare i dissuasori. Quest’anno, forse complice lo smartworking, no. Il caso vuole però che proprio lì sulla poppa dell’isola Tiberina, gli antichi romani la trasformarono in una nave di pietra con tanto di albero, si sia formata da un po’ una colonia di Gabbiani che condivide abbastanza serenamente i suoi spazi con dei cormorani perennemente immersi o eretti con le ali allargate, quasi a formare una croce nera, credo per asciugarle o per spaventare proprio i gabbiani.

Fulco Pratesi, meraviglioso divulgatore ed ambientalista, si attribuì la colpa di aver attirato questi uccelli marini tra le mura aureliane, niente meno che nel 1971. Temo però che noi si debba la loro proliferazione alla discarica di Malagrotta e alla sua chiusura.

Un po’ per istinto predatorio, gli storni sono piccolini, un po’ per senso del territorio gli unici che almeno all’inizio si sono lanciati contro gli immensi stormi di storni son stati proprio i gabbiani reali. Li puntavano, planavano come aquile, cercavano di colpirli con il fiero becco ma con scarso successo.

Con Giuliano ci siamo fermati a guardarli mentre li attaccavano ancora appollaiati sui platani. Siamo rimasti lì insieme a molti altri curiosi a osservare ma il numero, e anche una certa agilità, consentiva agli storni di disorientare i gabbiani reali zampe gialle e farla sempre franca.  <<Gli stormi son più veloci papà!>> sentenziò il mio piccolo ornitologo. Ormai sono un paio di settimane che si sono arresi e gli storni, numerosissimi, stazionano indisturbati sui platani tra un’evoluzione di gruppo e l’altra.

Isola Tiberina nave

Quando passiamo di lì, tutte le sere, rischiamo di essere colpiti ma sappiamo che comunque prima dell’inverno andranno via verso il caldo. Non vi preoccupate non siamo ancora alla panzoozia,  per quanto tutto sembra essere cominciato proprio con un salto di specie.

L’Abruzzo, che pure vuole diventar rosso, ha deciso che non chiuderà più le scuole come annunciato nei giorni scorsi, sembra invece che la chiusura toccherà agli studenti valdostani.

Il covid nostro somiglia un po’ agli storni: se gli consentiamo di crescere in numero oltre le nostre possibilità di controllo saremo costretti ad arrenderci come i gabbiani. Poi certo prima o poi andrà via ma finché permarrà ci colpirà.

Il Piemonte e la Lombardia ci spiega il Corriere, che già prepara un vademecum per i suoi lettori presto arancioni, vogliono già uscire dalla zona rossa.  I capi delle regioni vogliono più condivisione, bisogna rivedere i parametri, la pressione dei ristoratori e commercianti e via dicendo più o meno, il solito copione.

Il criterio che principalmente vien messo in discussione è l’RT, l’indice di contagiosità come ci spiega Parisi, fisico e presidente dell’accademia dei lincei  “Sfortunatamente il calcolo di Rt in queste ultime settimane è diventato sempre più inaffidabile e la discesa dell’Rt stimato è completamente irrilevante, anzi questa discesa è un sintomo preoccupante delle crepe che si stanno aprendo sul sistema di monitoraggio: non è un segnale che da solo autorizzi ottimismo:” Il timore è che il covid nostro sia divenuto troppo numeroso per seguirne le evoluzioni.

Il 20 novembre le prime regioni  divenute rosse (tra cui Lombardia, Piemonte e Calabria) verranno sottoposte a una sorta di screening e l’idea è che se non ci sono i numeri per passarlo si debba procedere con un cambio degli standard richiesti.

La curva che per alcuni ha avuto la piegatura e i vaccini che secondo altri potremo fare praticamente domani sembrano tirare verso un allentamento delle misure.

Vedremo.

State bene e adelante con judicio!

Isola Tiberina Piranesi

Coronavirus – Diario di crisi giorno 244

E’ un po’ che quando la sera mi metto a cucinare Ettore trascina una sedia verso i fornelli <<Vojo vedere! Vojo vedere!>> Lascio che si appollai a una distanza ragionevole e ogni tanto gli faccio assaggiare qualcosa, o lo prendo in braccio per fargli vedere meglio.

Lui come tutti i bambini è molto curioso ed entusiasta. Non ho capito se sa del covid nostro. A volte la mamma gli dice proprio che quella cosa non si può fare perché c’è il coronavirus. Non ha ancora tre anni ma forse qualcosa ha capito. Chissà come se lo immagina, probabilmente una specie di Joker, per lui che si sente Batman la vera incarnazione del male. <<Vai via Joker, ho savvato di novo la città!>>

Come è fatto il virus per Ettore?

Le regioni continuano a chiudere le scuole. Il comitato tecnico scientifico dell’Abruzzo (siamo certi che ne serva uno per regione?)  ha deciso insieme al Presidente Marsilio e, a non so quale altra autorità abruzzese, credo il sindaco dell’Aquila, che la regione diventi zona rossa da domani e in più che chiuda tutte le scuole di ogni ordine e grado. Perché al primo stormir di fronda noi del sud chiudiamo le scuole o almeno ci proviamo. La Sicilia, forse in onore di Federico II, non ha chiuso ancora tutte le scuole ma il Sindaco di Palermo Leoluca Orlano la settimana scorsa ci ha provato almeno nella sua città, poi qualcuno non so se gesuita o euclideo pare averlo fatto desistere. Non c’è distinzione di colore politico, non ha importanza che il governatore meridionale sia di centrodestra o di centrosinistra, in ogni caso chiuderà le scuole. In Abruzzo ancora non è certo perché pare che qualcuno si stia opponendo anche a livello nazionale. Significativa l’intervista al Corriere di Agostino Miozzi del CTS “Molti politici hanno scelto di sacrificare la scuola come segnale di efficiente reazione in risposta all’emergenza. Banalizzo e sintetizzo questioni drammaticamente serie, ma ho la percezione che la tradizionale cultura di disprezzo del bene primario che è la scuola e la formazione dei nostri giovani si traduca bene nelle reazioni di molti improvvisati politici del nostro disgraziato Paese”.

 

In questi giorni ci siamo riempiti gli occhi di cartine geografiche dell’Italia con i tre colori delle Regioni in base ai diversi livelli di criticità, rosso, giallo e arancione. Ora ve ne propongo una io, solo due colori: verde e blu. Verde dove i Presidenti di Regione non hanno chiuso o provato a chiudere le scuole blu dove lo hanno fatto.

Vorrei che questa cartina si imprimesse soprattutto nella retina dei miei lettori meridionali e meridionalisti.

Ai quali vorrei ricordare Don Milani <<Ogni parola non imparata oggi è un calcio in culo domani.>>

Ogni giorno le borse e i giornali impazziscono per un nuovo vaccino. Oggi è il turno di Moderna. Efficace al 94,5% e molto più facile da conservare, basterebbe un normale frigorifero per 30 giorni.

State bene e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi week-end 34

 

La cangiante cartina delle regioni d’Italia oggi, domenica 15 novembre 2020, ha preso la sua nuova forma. I capi delle regioni hanno molto protestato, persino il toscano Giani, per il momento però sembra che tutti più o meno si siano adeguati.

Pensate che a questo punto sembra che De Luca il Lungimirante possa addirittura riaprire in parte le scuole dal 24 novembre “Attività in presenza dei servizi dell’infanzia e delle prime classi della scuola primaria riprenderanno dal 24 novembre, previa effettuazione di screening su base volontaria sul personale docente e non docente e sugli alunni” così in una slide pubblicata sul sito della Regione Campania.

La Sindaca Virginia Raggi è guarita 

Roma e il Lazio restano gialle insieme al Molise, alla Sardegna, al Veneto e alla provincia autonoma di Trento. In Lombardia le cose sembrano andare un po’ meglio. La Sindaca Raggi che da quando è risultata positiva si è fatta notare solo per una strana operazione anti Writer, oggi ci comunica di essere guarita dal Covid-19. “Dopo giorni di isolamento domiciliare sono risultata negativa al tampone. In questi giorni ho lavorato da casa, domani tornerò in Campidoglio.”

Noi ne siamo felici per lei. Bonaccini, il presidente dell’Emilia Romagna (arancione), invece ha fatto sapere  di non esserne ancora uscito e di avere una polmonite bilaterale.

“Il tebere il tebere!” Così Ettore ha salutato il nostro biondo fiume quando questa mattina ci siamo concessi una breve gita in bici sulla pista ciclabile sotto gli argini. E stato bello, Giuliano ci teneva a vedere da vicino i cormorani che di solito vediamo da Ponte Garibaldi che ormai sono diventati una piccola colonia che convive, sempre sulla prua dell’isola Tiberina,  con quella dei giovani gabbiani reali che da quelle parti imparano il volo.  Siamo Partiti da Porta Portese, il cui mercato è stato di nuovo chiuso questa domenica, e siamo arrivati fino a Castel Sant’Angelo.  In giro c’era molta polizia ed era più o meno dove si disponeva durante i controlli del lockdown di marzo.

Nuova star delle farmacie il saturimetro

Credo che le chiusure, o almeno il numero chiuso, in centro abbiano spinto molti a fare come noi infatti non eravamo in pochi. E’ volato anche qualche insulto più da automobilista che da ciclista, c’era qualche problema di circolazione e le persone sono un po’ più nervose del solito.

Per il resto abbiano passato il nostro secondo week-end giallo per lo più in casa.

I numeri continuano a crescere ma non con la stessa velocità di un paio di settimane fa. Sembra che le cose vadano lentamente verso un miglioramento. Dopo un preoccupante periodo in cui ogni settimana i contagi erano il doppio di quella precedente, la corsa sembra essersi rallentata. Nel grafico qui sotto potete apprezzare la differenza di incremento.

Incremento settimanale contagio Sars-cov2

Sento Martina che gioca con Ettore mentre Giuliano è impegnato nei compiti, roba anche abbastanza complicata, ioni, cationi, anioni, metalli  e non metalli. La sua maestra scientifica è piuttosto esigente e per questo che sia benedetta.

Ora è in corso un dibattito infuocato sulle linee guida o protocollo per le cure da casa che il Governo sta preparando. Come al solito c’è qualcuno che si sente scavalcato, comunque le cose che si possono trovare e somministrare sono sempre le stesse: paracetamolo per i soli sintomi febbrili; antinfiammatori se il quadro clinico del paziente Covid inizia a presentare altri sintomi e a peggiorare; cortisone solo in caso di emergenza per evitare di aggredire il sistema immunitario; Eparina se si riscontra grossa difficoltà di movimento e per la prevenzione dei fenomeni trombo-embolici.

Ma la star delle farmacie ora è il saturimetro; consente di sapere quanto ossigeno hai nel sangue ed è utile per diagnosticare i primi sintomi della fame d’aria che pare sia la principale caratteristica delle forme più gravi del covid nostro. In questo momento è utile che chi può cerchi di curarsi in casa, per non pesare sugli ospedali già in difficoltà. Ho chiesto in qualche farmacia, cercavo altra roba ma dato che c’ero, e il prezzo varia tra i 60 e i 45 euro. Ho chiesto a Martina se lo dobbiamo comprare lei dice di sì, io non saprei.  Una delle farmaciste cui ho chiesto mi ha anche detto che ora c’è anche  “Un DP, un CPM, come si dice, che lo consiglia.” Ascoltandola mi rendo conto dell’incredibile distanza che c’è tra la realtà e la sua percezione e che forse Babbo Natale reclutato per la propaganda di Governo è almeno immediatamente comprensibile a tutti.

State bene e Adelante con judicio!

Porta Portese deserta di domenica mattina 

Coronavirus – Diario di crisi giorno 242

<<Vojo quei con macchine! Quei con macchine poizia!>> E giù a piangere, una storia che è cominciata ieri per finire solo questa mattina. Ettore ultimamente cambia piuttosto spesso i suoi oggetti transizionali, per intenderci le sue copertine di Linus, ieri si era innamorato di questi calzini anti scivolo con sopra le macchinine della polizia con le sirene. Mel pomeriggio era stato molto bravo dal barbiere, seduto da solo senza fare neanche un capriccio mentre il cerusico lavorava con le forbici. Tornati a casa però doccia anche per toglierli di dosso quella specie di polvere di capelli che abbiamo ogni volta che torniamo da un taglio. Quindi pigiama e calzini. Però qualcosa lo deve aver innervosito, ha litigato con il fratello, non ha voluto quasi cenare e poi di soppiatto si è tolto i calzini, senza che ce accorgessimo, e li ha infilati nella lavatrice aperta. L’elettrodomestico che liberò le donne, però, dopo un po’ è stato riempito ancora da Martina e avviato. Quando se ne è accorto ha cominciato a urlare disperato che li voleva, che voleva quelli. La mamma si è messa a cercarli per tutta casa poi seguendo le indicazioni di Ettore ha capito dov’erano ma era troppo tardi. In un modo o nell’altro poi ieri si è addormentato ma questa mattina li ha chiesti di nuovo, solo che erano bagnati, con un po’ di vergogna, devo confessare che glieli ho asciugati con il fon.

Natale nostro oggetto transizionale

Mentre le nostre forze erano assorbite dalla battaglia dei calzini il Fiero Conte pubblicava la sua corrispondenza, via PEC, con un bambino di 5 anni su Babbo Natale. Credo che questo continuo insistere sul Natale e le sue strenne sia dettato dall’idea che questo ci possa rasserenare. Un po’ come quando ci facevano dire, sempre dai bambini con i loro disegni, che tutto sarebbe andato bene. Intendiamoci adoro i bambini e adoro scrivere di loro però non vorrei che venissero usati per rassicurarci da una parta mentre con un’altra mano gli chiudiamo le scuole.  Il Natale è stato eletto nostro oggetto di transizione.

#SchoolsforFuture contro la scuola a distanza

Alcuni ragazzi proseguono con civili forme di protesta per chiedere di tornare a scuola e fanno le loro lezioni on-line davanti ai cancelli chiusi delle scuole. Hanno la mia stima e la mia simpatia il movimento si chiama #SchoolsforFuture.

Inizio la giornata moderando una video conferenza con altre 20 persone, aspettando l’arrivo dei partecipanti, che arrivano alla spicciolata come nelle riunioni ‘vere’, scambio due chiacchiere con uno di loro giunto in anticipo, mi racconta di essere ancora in quarantena. Aspetta il terzo tampone, gli altri due erano positivi, e mi confessa di essersela vista brutta. Il covid nostro abbraccia sempre più persone che conosco. Si stima che fin ora un milione di italiani si sia contagiato.

Le Regioni, gli enti locali misti e vari e il Governo proseguono con il loro puzzle di responsabilità e chiusure fatte e fattibili. I dati che sembrerebbero indicare la mitica piegatura delle curva sono messi in discussione da molti che temono che semplicemente non si sia più in grado di intercettare i contagiati. Quindi ci si concentra su altri parametri l’RT, l’indice ci contagiosità, la cui discesa oggi è stata invocata anche dal Fiero Conte, l’RPT, la percentuale dei positivi rispetto al numero dei tamponi effettuati, i ricoveri nelle terapie intensive e ahimè il numero di morti.

Le notizie che arrivano dalla Campania non sono rassicuranti. Gli sceriffi non ci sono più, gli ospedali sono in grande difficoltà, l’epidemia è forte ma lo è anche il timore di una rivolta sociale e di nuovi disordini. Un conto è prendersela con i bambini altra cosa pare sia la folla. Possibili riclassificazioni e chiusure sono sempre allo studio ma ora per i campani è diventata una questione di campanile. Direi che è tra le cose peggiori che potesse loro capitare. Scegliere tra un mal inteso senso dell’onore e la salute non ha alcun senso. Eppure si parla di orgoglio napoletano e campano mettendosi in contrapposizione al resto del Paese e al governo nazionale. Tutti sappiamo che c’è bisogno del consenso della stragrande maggioranza della popolazione per chiudere altrimenti semplicemente le regole non vengono rispettate. Sembra che De Luca sia disposto ad accettare ormai solo un lockdown nazionale. Mentre chiudo il diario arriva la notizia della Campania Rossa da Domenica insieme alla Toscana. De Luca chiede la caduta del governo.

State bene e adelante con judicio!

Ambulanza Trastevere

 

Coronavirus – Diario di crisi giorno 241

<<Noi vojamo stare a casa. No vojamo uscire. No! Vojamo andare a casa. Noi vojamo casa non vojamo andare a cuola. Andare a casa.>> Ettore questa mattina era così, neanche avesse parlato con Brusaferro. Dopo un po’ però si è rassegna e va con la mamma a “cuoola”.

Dentro, come al solito, le cose vanno peggio che fuori. Secondo il sindacato delle polizia penitenziaria, OSAPP, i detenuti si ammalano sempre di più con il Covid nostro. Un incremento del 600% di contagi. Per loro niente mascherine, promiscuità e affollamento.  Non so quante volte succeda che la polizia penitenziaria si faccia custode dei detenuti e non solo guardia; lo faranno anche per difendere la loro stessa salute e fanno bene. Denunciano anche “la sostanziale assenza di disposizioni di carattere nazionale” da parte del Dap per prevenire il contagio.

Voi mi direte che il carcere è l’ultimo dei vostri problemi, posso comprendere, ma non sono d’accordo con voi.

<<Papà, sabato o domenica facciamo un esperimento?>> Lo guardo con sguardo interrogativo mentre sciolgo la bici dalla catena. <<Andiamo a scuola. Con la bicicletta: tu con la tua e io con la mia?>> Gli dico che poi vedremo.  Mi chiedo se sia la naturale conseguenza del fatto che il mio Giuliano ha visto che ormai usciamo solo per andare a scuola. Un altro fine settimana tutto in casa evidentemente non lo entusiasma. Arriviamo a scuola e troviamo pochi bambini perché qualche classe credo sia in quarantena. Una maestra positiva e conseguente chiusura delle classi suoi contati stretti, credo fossero almeno un paio.

Le scuole rimaste aperte qui nel Lazio stanno tutto sommato funzionando e dando un contributo piuttosto modesto al covid nostro: solo il 2% dei cluster (dei grappoli o focolai per dirla a chilometro zero) è tra le mura scolastiche. Contro l’89% in casa e il 4% nelle RSA (gli istituti per anziani).

I giornali dicono che la curva si è piegata, l’incremento c’è ma l’indice di contagiosità sarebbe sceso, cosa che già si notava un po’ venerdì scorso, per la prima volta i dati settimanali non erano il doppio di quelli della settimana precedente. Nello stesso tempo però la fondazione GIMBE ci fa notare che da ieri l’1% della popolazione è infetta, tecnicamente è la soglia oltre la quale un’epidemia si definisce fuori controllo.

Boccia che si prepara all’ennesima lojia jirga con le Regioni ci dice che il Natale, che ormai non manca mai nelle comunicazioni del Governo, lo dovremo passare solo con il nucleo familiare più stretto, non che la cosa a lui sia servita. A tal proposito complimenti alla formidabile Nunzia De Girolamo che è riuscita a liberarsi del covid nostro con grazia e leggerezza. In un’altra vita è stata, per quasi un anno, il mio ministro, e anche allora era piena di energia.  Tornando alla loja jirga tra governo, regioni ed enti locali vari l’obiettivo è sempre quello di chiudere qualcos’altro senza nuovi provvedimenti nazionali coinvolgendo tutti. Sullo sfondo c’è sempre il tema di cosa fare con la Campania. God save the school.

State bene e adelante con judicio!

Palazzo Chigi rosso

 

Coronavirus – Diario di crisi giorno 240

Infermieri e medici lanciano un grido quasi disperato in cui parlano di ospedali che “sono ormai vicini al collasso, per carenza di personale e mancanza di posti letto a fronte dell’abnorme afflusso di malati per la rapida e vertiginosa diffusione dell’infezione da Covid. Non vanno dati messaggi che sminuiscono la situazione”. La loro non è un affermazione generica si riferiscono alla saturazione dei posti letto. Sostengono sia giusto monitorare le terapie intensive ma “in tante Regioni i tassi di occupazione dei reparti di Area medica sono ormai superiori al 100%, considerando anche la presenza dei malati non COVID, che continuiamo ad assistere, ma le cui possibilità di accesso agli ospedali si stanno riducendo. Una conseguenza probabile, se non certa, sarà l’incapacità di garantire gli standard qualitativi per le cure a tutti i malati cronici e ai malati acuti non COVID”. A firmare questa lettera sono la Società Scientifiche degli internisti, FADOI e SIMI, dei geriatri, SIGG e SIGOT, e l’associazione degli infermieri di Medicina interna, ANÌMO. Sostanzialmente denunciano un collasso in atto della medicina generale.

Riporto questo appello perché mi pare significativo. I numeri purtroppo sono come al solito la vera sostanza della politica. Al tal proposito chi si fosse messo in testa tra Natale e Capodanno arrivano i   vaccini ed Amen e così sia, sappia che la pratica relativa alla loro distribuzione è stata messa nelle sicure mani del Commissario Arcuri detto il Temporeggiatore.

Ieri sera Ettore ha preso il libro di anatomia di Giuliano, un libro per ragazzi  ma abbastanza dettagliato e molto illustrato, e si è messo ad indicarmi tutte le parti del corpo che trovava e a chiedere cosa fossero. Loro vogliono sempre sapere e sono certi che noi si abbia le risposte ma non è sempre così. <<Quetto a che sevve?>> Anzi la verità e che non sappiamo quasi nulla.

Una delle cose che non so, e che forse non voglio sapere, è perché il tasso di mortalità in Italia per il Covid è sempre così alto, oggi  11 novembre 2020 ci sono morte 623 persone. Le previsioni dell’IHME  che a settembre prevedevano circa 500 morti al giorno a dicembre erano ottimistiche, e dire che mi sembravano mostruose.

La situazione non migliorerà per qualche mese, per qual che si capisce diventeremo tutti più o meno zona rossa. L’idea sarebbe quella di concordare con le Regioni ulteriori chiusure anche per chi non rientrerà nelle zone rosse o arancioni, senza fare un nuovo Dpcm. Un combinato disposto di ordinanze regionali e spennellate di rosso dovrebbero di fatto creare le condizioni per un lockdown nazionale definito “leggero” che poi prevedrebbe la continuità produttiva delle imprese e poco altro. Insomma un garbuglio ben azzeccato. La scuola già priva delle superiori in tutto il territorio nazionale e del tutto chiusa in Campania, aperta ma sabotata dalla regione in Puglia, verrebbe probabilmente sacrificata. I capi delle Regioni come è noto le vogliono chiuse da un po’. Nel resto del nostro continente non è così le scuole sono aperte. Non mi capacito del fatto che abbiano paura dei pizzaioli, dei ristoratori, dei bagnini, degli ingegneri e degli impiegati e di chiunque ma non dei genitori e degli studenti, ma è così.

Mi chiedo se la trasformazione della scuola in oggetto del desiderio non possa far bene ai ragazzi quando ci torneranno.

State bene e adelante con jiudicio!

Selfie a Fontana di Trevi

Coronavirus – Diario di crisi giorno 239

<<Carta vince… carta perde, fate il vostro gioco. Carta vince… carta perde. Fate il vostro gioco>>!

Non so se vi sia mai capitato di imbattervi in quei tavolini in cui un gruppetto di tre, al massimo quattro persone cominciano a urlacchiare intorno al gioco delle tre carte. E’ semplice bisogna trovare la donna. Per un po’ giocano fra loro e qualcuno vince, in un modo incredibilmente facile. Carta vince, carta perde.  Si giocano banconote di taglio medio alto, quando ero  ragazzino da 50 mila lire, ora 50 euro. Dopo un po’ una piccola folla si accalca intorno al tavolino e ad un certo punto uno degli avventori gioca anche lui e ovviamente perde. Perché una sola regola vige nel gioco elle tre carte, vincono solo i compari e il mazziere che bara, con garbo ma bara vistosamente. Eppure ho visto tante persone a Porta Portese quando ero più pischello non resistere e giocare. Una volta ci cascò anche un mio amico che cercai in ogni modo di dissuadere ma niente.

Perché la truffa funzioni c’è bisogno che il “pollo” si presti altrimenti non si può fare.

Come previsto c’è stato un primo rimescolamento di carte e 5 regioni hanno virato all’arancione: Abruzzo, Umbria, Basilicata, Liguria, Toscana. Rosse per il momento sono oltre a Calabria, Lombardia, Val D’Aosta e Piemonte, l’Alto Adige che si è auto proclamato ufficialmente zona rossa. Per la Campania c’è come sempre grande attesa, De Luca tratterà e deciderà. Intanto tiene i bambini e i ragazzi in strada anziché a scuola. Cosa non prevista neanche per le zone rosse, almeno per i bambini.

Qualcuno dice che le carte delle regioni pare possano essere un po’, diciamo così, pettinate. Questo è sempre vero, un giorno qualcuno mi spiego che i numeri sono sempre politici.  Però perché l’eventuale trucco e parrucco passi c’è bisogno di un accordo generale.

Le regioni cambiano colore il covid no

Le principali molle che ci rendono polli sono la cupidigia o la vanità. Chi sa sfruttare queste due nostre immense debolezze per un po’ ci ha in pugno.

Ieri sera ho portato ad Ettore una tavoletta di legno calamitata che raffigurava Batman. L’ha subito attaccata al frigo e ha cominciato a parlarci. <<Batman amico mio.>> E gli sorrideva era proprio contento di averlo. Dopo un po’ ho visto che gli stava mettendo intorno tutte le altre calamite che abbiamo, molte sono lettere dell’alfabeto altre sono souvenir d’Italie. <<Che fai Ettore? Gli fai un altarino?>> <<No. Quetta è trappola!>>

Il covid nostro continua nella sua geometrica marcia, le vittime che contiamo oggi sono il prodotto dei contagi di 15-20 giorni fa, che erano molto meno di quelli che abbiamo adesso. I medici cominciano a spaventarsi, gli ospedali, soprattutto in alcune zone del Paese entrano in affanno.  Il 15 novembre è la data che circola come l’inizio del possibile lockdown nazionale.

La grossa novità è però che con il nuovo anno il vaccino arriverà. Lo ha annunciato la Pfizer che lo ha sviluppato. Un vaccino con un’efficacia del 90%, una circostanza non ovvia e non scontata, pochi altri vaccini hanno una simile percentuale di successo. Sarebbe sciocco però pensare che grazie a questo noi si sia già fuori dai guai. Ci vorrà ancora tempo per validarlo, produrlo, conservarlo e somministrarlo. Aspetti logistici di cui spero ci si cominci ad occupare, questo sì, da subito.

State bene e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 238

Ettore è qualche giorno che vive in adorazione di un pigiama che gli consente di trasformarsi in Dart Fener  o, come preferisce dire lui, nella persona nera. L’ho trovato che lo guardava ancora bagnato e appeso nello stendino. Gliel’ho visto rubare sempre dallo stendino per portarlo via. Non ho potuto non pensare a Linus e alla sua copertina. Ricordate la faccia disperata che faceva quando gliela mettevano in lavatrice. Beh siamo lì.

Dopo il nostro week- end molto casalingo siamo tornati a scuola e in ufficio. Finché si può. Oggi Giuliano è dovuto uscire alle 13.30 perché la maestra si è dovuta assentare. Giustamente non li dividono più per le classi, altrimenti il distanziamento andrebbe a farsi benedire.

Emiliano riapre le scuole ma chiede di non andarci

Anche in Puglia oggi si poteva tornare a scuola. Infatti la Regione si è trovata costretta, da una decisione del TAR, a riaprire le scuole eppure il suo Presidente, già magistrato, Emiliano ha deciso di boicottare pubblicamente il rientro, invitando le famiglie a non riportare i bambini a scuola. Mi chiedo perché solo qui in Italia ed in particolare nel nostro sud ci sia questo accanimento quasi ideologico. Sembra che sia condizione necessaria per qualunque tipo di lotta al virus. Così non è nel resto d’Europa, dove le scuole restano aperte. Nella altre Regioni d’Italia, anche in alcune del sud, si è fatta una scelta a metà che molto ha sacrificato i ragazzi ma ha provato salvare i bambini delle medie e delle elementari. Che poi non è che se fai il liceo, il commerciale e il tecnico la Dad o Did, sia una passeggiata.

Comunque così è vedremo cosa succederà.

La pandemia si fa strada negli istituti per anziani in Toscana e non solo. Oggi in teoria Speranza il Giovane dovrebbe riclassificare le regioni a colore. Si fanno le ipotesi più varie. Sui dati che gli assessorati devono far avere al governo e al ministero meglio tacere per carità di patria e di regione. Una cosa simile a quanto fatto con i soldi stanziati per il TPL sta avvenendo con le assunzioni di personale per il tracciamento, le regioni non le utilizzano.

Il leghista Stecco chiede aiuto alle ONG

Il Piemonte chiede aiuto alle ONG. L’appello per la verità è lanciato dal presidente della commissione sanità il leghista Stecco. Al netto della propaganda credo che denoti una situazione che si percepisce come molto grave.

Il vero rischio che corriamo è che le furbizie, i sotterfugi e l’incapacità di organizzarsi di tutti finiscano per  rendere vano il tentativo del Fiero Conte di rimandare o evitare un lockdown nazionale e lunghetto.

Nel caos temo che resterebbe l’unica soluzione. Le cose sembra che si stiano avviando ad andare peggio della volta scorsa.

State bene e adelante con Judicio!

Coronavirus – Diario di crisi week-end 33

Non sono uno scacchista ma i pezzi, nella loro materialità e l’idea della guerra per finta, cristallizzata nell’astrazione mi sono sempre piaciuti. Il mio principale difetto di giocatore è l’incapacità di prevedere e programmare mosse un po’ più in là del mio naso e una distrazione cronica. La cosa che migliora anche il meno abile degli scacchisti, oltre che lo studio, è la pratica. Io gioco poco e praticamente non ho studiato mai. Ciò fa di me poco più di uno sparring partner per Giuliano che gioca molto e grazie al suo maestro studia. Quindi quando ieri ho rivinto, dopo un po’ di tempo che non succedeva, una partita contro di lui mi sono sentito quasi Bobby Fischer.

A maggio, a giugno e per tutta l’estate, quando il covid nostro ci lasciò un po’ di tregua non programmammo, non immaginammo una strategia per l’autunno e l’inverno che sapevamo sarebbero arrivati. O forse sarebbe più corretto dire che sulla carta lo abbiamo anche fatto, ma poi il tutto si è perso, come sempre, nei mille rivoli delle responsabilità italiche. Prendiamo il caso del trasporto pubblico che a maggio, giugno non era un problema; tra smartworking e scuole chiuse i mezzi erano tutti semivuoti, una sorta di paradiso del passeggero mascherato.

Non abbiamo fatto nulla durante la tregua?

La riapertura delle scuole, la riduzione del lavoro da casa, il ritorno in città dalle seconde case, tutti sapevano che avrebbero stressato molto di più il sistema. Infatti sono stati stanziati 320 milioni di euro solo per l’affitto di nuovi mezzi e autisti per il TPL (trasporto pubblico locale).

Però regioni comuni e municipalizzate non si muovono, non affittano, non organizzano: aspettano. Non so bene cosa: ordini, direttive, Dpcm, regolamenti attiativi? Chi sia stato almeno un po’ nella Pubblica Amministrazione sa che la prima regola è: nel dubbio non fare. A tal punto che chi si prende responsabilità soverchie viene prontamente additato come sciocco, o addirittura cretino, da chi invece la sa lunga.

L’altra cosa che andava fatta era organizzare nuovi orari per i tempi, non belli ma nuovi, che ci attendevano.  Ingressi “scaglionati”, come imparammo a dire in quel periodo, per scuole e luoghi di lavoro. La cosa non si fece, un po’ seguendo lo stesso principio, nessuno si prese la responsabilità di cambiare abitudini e riti consolidati. Qualcosa è stato fatto nelle scuole, ma lo “scaglionamento” di 10 minuti tra l’ingresso di una classe e l’altra non impedisce che tutti siano poi più o meno davanti la scuola alla stessa ora e, soprattutto, in giro sui “mezzi”, come si dice a Roma, tutti insieme appassionatamente.

Qualcuno si sarebbe dovuto prendere la responsabilità di inventarsi nuovi orari ed imporli. Forse l’idea di essere considerati i responsabili di disagi alla vigilia delle elezioni regionali ha dissuaso molti dal prendere una simile iniziativa. L’unica soluzione che si trovò a settembre fu semplicemente aumentare sulla carta la capienza del TPL che passò dal 50% all’80%, che voleva dire tana libera tutti.

Senza nessuna recriminazione mi chiedo se saremo in grado di farlo l’anno prossimo. So che la nostra classe dirigente è sempre impegnata nella preparazione di qualche elezione o nella stesura di qualche libro però sarei loro grato se si occupassero della questione almeno per la possibile riapertura delle scuole in primavera o in autunno, quando lor signori riterranno.

Le persone continuano a morire

A proposito di libri ho scoperto che il Ministro della salute Speranza ha scritto e pubblicato un libro dal titolo “Perché guariremo”.  Immagino lo abbia scritto nel periodo in cui il covid nostro ci lasciò un po’ di tregua. Ero convinto che l’ottimo Speranza fosse un meridionale come me. Invece deve essere trentino perché nella scelta del titolo non vi è traccia di alcuna scaramanzia. Ero sicuro fosse lucano, chissà perché.  Il titolo completo è “Perché guariremo. Dai giorni più duri a una nuova idea di salute”, no no, deve essere svedese un meridionale non lo avrebbe mai scritto.

C’è di buono che questa settimana i dati pur brutti hanno avuto una sorta di rallentamento nella crescita, la scorsa settimana ci furono 150.869 nuovi casi questa settimana 208.284. Giuliano che è qui accanto a me con un frisbee, effigiato da un indominus Rex, sbircia mentre faccio il grafico e mi ricorda quando 200.000 casi ci sembravano tanti nel mondo. Comunque 208.284 non è il doppio di 150.869. Le persone che muoiono invece sono un numero inaccettabile e preoccupante: 2070, la scorsa settimana erano 1154.

Vi lascio che Giuliano vuole giocare ancora.

PS Ho vinto un’altra partita (:

State bene e adelante con judicio!

 

Coronavirus – Diario di crisi giorno 235

<<Noi tutti belli. Io bello tu blutto.>>  Per Ettore la bellezza è qualcosa che va al di là dell’aspetto esteriore. Per i bimbi bello è sinonimo di buono , di caro. Come brutto lo è di cattivo, di doloroso. Avete mai visto un bambino accanirsi con un oggetto che gli ha fatto del male? <<Blutto e cattivo, blutto e cattivo>>.

Oggi è il primo giorno del nuovo Paese a tre colori. Tutti si lamentano per le più svariate ragioni, credo a volte anche a proposito, l’unica cosa che mi addolora è la nuova insorgenza dell’antica ostilità tra nord e sud. In fondo i capi delle regioni, che immagino fossero perfettamente consapevoli del loro colore, hanno deciso di sfruttare l’occasione per un po’ di buon vecchio campanilismo, strumento di propaganda gratuito ed efficace. Il milanese sarebbe stato meglio se anche il napoletano fosse stato rosso?  Purtroppo la risposta è sì. Perché noi ci misuriamo e ci diamo valore nel confronto con l’altro. Non c’è alcun piacere ad essere bello se lo siamo tutti ed insopportabile essere poveri se siamo circondati da persone che non lo sono. La Schadenfreude, cioè il godimento per le disgrazie altrui, sembra sia tra i sentimenti più naturali  per la nostra specie di mammiferi. E’ comune anche nei bambini e tutto sommato è alla base della comicità, ci fa ridere.

L’unico modo per soffrire un po’meno e che a soffrire siano tutti. Il mal comune questa volta sarebbe il lockdown nazionale ora nuovamente invocato da De Luca il Lungimirante.

Torna ostilità tra nord e sud

Invece in Puglia il Tar di Bari ha giusto oggi stabilito che l’ordinanza di Emiliano che chiudeva le scuole, un tempo giudice anche lui, venga sospesa. Sempre oggi invece un’altra sezione pugliese, quella di Lecce ha respinto una richiesta simile di un gruppo di genitori salentini. La Puglia è lunga si sa.

Il covid nostro invece avanza con e sue falangi senza doversi destreggiare nei mille rivoli del nostro diritto amministrativo o nelle lobby delle nostre Regioni.

Ieri tornando a  casa a piedi ho trovato seduti sui gradini del Palazzo della Pubblica Istruzione un gruppo di ragazzi. Era già buio dopo un po’ ho capito che erano ragazzi delle superiori e che manifestavano per tornare scuola.

Ho chiesto con chi potessi parlare ha alzato la mano un ragazzone biondo con i capelli lunghi e ho immaginato la barba, aveva la mascherina non lo posso sapere con certezza.

<<Perché siete qui?>>

<<Vogliamo tornare a fare lezione a scuola in presenza.>>

Bartolomeo mi dice anche tante altre cose, mi spiega che a scuola non ci si contagia o almeno che ciò avviene meno che in altri ambiti. Anche altri ragazzi e ragazze intervengono per precisare che va beh può capitare però la scuola è più sicura di altri luoghi. Me ne vado contento di aver potuto constatare che i ragazzi al plutonio sono tanti. Ed erano tutti belli. Καλὸς καὶ ἀγαθός. Belli e buoni! Invece l’omino di burro secondo me….

State bene e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 234

La commedia dell’arte funzionava più o meno a soggetto, gli attori avevano un canovaccio e poi con le loro maschere, ognuna delle quali rappresentava un carattere, andavano in scena. E così  tra ieri e oggi abbiamo avuto modo di vedere in scena Pantalone, Gianduia, Pulcinella, Meneghino, Baciccia, Farinella e Stenterello e il più amato dalle mamme Arlecchino insieme alla dolce Colombina.

Il soggetto lo ha dato, dopo lunghe trattative sui ruoli di ognuno, il Fiero Conte: tre zone per tutti e una per ognuno,  verde, arancione e rosso anzi no giallo, arancione e rosso che il verde dà l’idea che vada tutto bene e questo non è vero. A quel punto ognuna delle maschere si è scatenata per dire che  era stata trattata ingiustamente che lui non meritava quel colore e che ne era oltre modo sorpreso se non addirittura schiaffeggiato. Rugantino, vecchia maschera Romana, che a volte finisce in tristi storie di coltello però è invece rimasto in silenzio e non ha raccolto sfide o guanti.

Pulcinella e Arlecchino recitano la loro parte ai tempi del covid nostro

Pulcinella ha protestato con la sua voce nasale e  minacciato sfracelli << I songo ‘no povero ddio ma giallo no. Non è possibile almeno arancioni! A mazzate, a mazzate andrebbero presi questi fetenti! Chiudiamo intanto tutte le scuole! >> Il povero Meneghino insieme ad Arlecchino si sono ritenuti offesi e sorpresi per la loro collocazione nel rosso, loro che già tanti sacrifici avevano fatto, non meritavano certo di arrossire così.   Pantalone che invece è sempre condannato a pagare ci ha spiegato che siamo mammiferi e che quindi d’ora in poi i tamponi ce li faranno i veterinari.

Voi mi direte che non bisognerebbe scherzare in una situazione simile e probabilmente avete ragione ma ci aspettano 4 mesi così, dobbiamo arrivare alla primavera perché il covid nostro ci lasci un po’ di respiro.

<<Papà lo sai che la maestra fa fare sempre il bis alle Paola e a Carlotta>>. <<Fa bene devono mangiare sono belle altine.>> <<No, la maestra dice che vengono da lontano fanno tanta strada.>> la scuola è anche questo, forse non dovrebbe ma lo è. Chiuderla resta secondo me la cosa peggiore che il covid nostro abbia fatto alla nostra specie di mammiferi che come ci ha spiegato Pantalone hanno sette vertebre cervicali anche se a dire il vero li simpatico lamantino e il pigro bradipo ne hanno solo sei.

Il quadro ad oggi checchè ne dicano i nostri eroi è che rosse sono Lombardia, Piemonte, Val D’Aosta e Calabria; arancioni Sicilia e Puglia tutto il resto è giallo.

Comunque amici miei da domani, 6 novembre, entra in vigore il nuovo Dpcm. Il Fiero Conte ce lo ha illustrato ieri sera e sta facendo anche girare dispense facili, facili per i più ciucci come me. Una specie di bignami ve lo lascio qui

Guardarlo in TV con la mascherina addosso  e le slide mi ha un po’ angosciato. Ma pazienza, a Giuliano che era con me è invece sembrato del tutto normale, anzi se vede qualche trasmissione in cui non hanno la mascherina mi chiede se l’hanno registrata prima del coronavirus.

In Lombardia non si fanno più i tamponi ai contatti stretti, da noi nel Lazio sembra che possa essere positiva la Raggi e cosa ben più grave per molti romani il Capitano, che qui non è Salvini ma Totti, si è ammalato pure lui. Il covid nostro con la Raggi può aver trovato un bel passaggio verso il fiero Conte e il Presidente Mattarella che ha incontrato recentemente ma, sembra, all’aperto. All’Altare della Patria ieri per la festa delle forze armate, il 4 novembre di tanti anni fa vincemmo la prima guerra mondiale.

Mi dicono che a Putignano c’è un carnevale antichissimo e la maschera pugliese più celebre è quella di Farinella, personaggio con  l’aspetto di un giullare, che a volte si cimenta nel tentativo di separare un cane e un gatto che si azzuffano, ma questa è storia vecchia, ormai passata. Comunque è una specie di Joker chissà se non piacerebbe ad Ettore.

Qui vi lascio anche l’autocertificazione per gli spostamenti cui dovremo riabituarci per uscire “fuori orario” o per muoverci tra regioni.

http://romareport.it/wp-content/uploads/modello_autodichiarazione_editabile_ottobre_2020.pdf

State bene e adelante con judicio!

 

 

Coronavirus – Diario di crisi giorno 233

<<No vojo scottae io no vojo. No, no.>> Ettore un paio di giorni fa ha preparato con me la crema pasticciera. <<Gilo solo, gilo da solo.>> Alla fine non era male, gialla e dolce, però qualche grumetto nella crema è venuto, la foga di far soli qualche danno lo provoca quasi sempre. L’incidente vero però è avvenuto a fuoco spento; Ettore non ha resistito è ha preso con l’indice e il pollice uno di quei riduttori per fornelli che abbiamo tutti in casa, senza sapere bene perché. Quei cosetti a croce greca che adagiamo senza neanche pensarci sui fornelli prima di farci un caffè, noi trogloditi che usiamo ancora la moka.

Le cose controintuitive sono sorprendenti ma si imparano

Il fuoco era spento da poco e quindi per Ettore è stato sorprendente quanto doloroso. <<Non c’ea fuoco. Non c’ea. Bucia!>> Ogni tanto durante il pomeriggio veniva da me con le due  piccole dita della mano destra che strofinava per avvicinarle alla mia bocca. Dopo un po’ ho capito che voleva un bacetto. Ché un’attenzione, un gesto aiuta anche quando fa male veramente. Ora Ettore sa che i fornelli possono bruciare anche quando sono spenti, è contro intuitivo non è un concetto facile da assimilare per un bambino di meno di tre anni.  La cosa però lo ha profondamente colpito e quando si avvicina ai fornelli ripete: <<No vojo scottare io no vojo. No, no.>>

Noi pure a marzo ci siamo scottati e non vogliamo ripetere l’esperienza. Allora fu inaspettato e sorprendente come per Ettore il calore della ghisa nera.

Questa notte mentre il mondo seguiva inutilmente gli esiti elettorali delle elezioni americane, ancora non si sa chi vincerà, o dormiva o faceva l’amore o si ammazzava con i bignè, il Fiero Conte dopo l’ennesimo confronto con i capi delle Regioni formava il Dpcm.

Il Paese viene diviso sostanzialmente in tre zone o meglio in tre colori come i francesi fanno per il cibo. Una specie di nutri-score dell’epidemia. Zone, verdi, zone gialle (arancioni) e zone rosse. In nessun caso c’è una chiusura totale di tutto, c’è invece una gradualità che non è mai un lockdown come quello di marzo. Le scuole elementari rimangono aperte anche nelle zone rosse, le superiori chiudono ovunque, i bar e i ristoranti chiudono nel rosso e nel giallo. Le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per alimentari, farmacie, parafarmacie, tabacchi, edicole e benzinai sono chiuse nelle zone rosse. Non c’è libera circolazione tra regioni e all’interno delle aree rosse. Comunque qui vi potete leggere tutto il Dpcm del 3 novembre 2020 del Fiero Conte.

Tutti a nanna alle 22.00, rossi, gialli e verdi oppure in giro con autocertificazioni per motivi di lavoro, salute etc. Chi deve andare a lavorare può farlo.

Un semaforo per l’epidemia: rosso, arancione e verde

Più di un sapiente insinua che le regioni per non finire in zona rossa faranno carte false. Spero non sia vero certo dovessero dimettere dalle intensive pazienti per abbassare i parametri e poi qualcuno dovesse morire si tratterebbe di omicidio voglio sperare non lo facciano. I medici sono soggetti al giuramento di Ippocrate e credo non lo consentiranno. Invece una cosa la faranno: chiederanno di poter codecidere, come sempre, fino a pretendere la costituzione di qualcosa di simile a una commissione paritetica stato-regione e lì resisteranno si differenzieranno. Per intanto si useranno i dati del 25 ottobre. Voi che avete testa invece non vi differenziate più del necessario e state a casa quanto potete, proteggetevi e proteggete chi vi è vicino, con le mascherine l’igiene delle mani e la distanza.

State bene e adelante con judicio!

 

Coronavirus – Diario di crisi giorno 232

“Noi siamo tutti in casa. Noi siamo tutti in casa mia!” In piedi sui suoi coturni, nel caso la sedia bianca della nostra cucina, Ettore declamava quella che potrebbe presto essere la nostra comune condizione. Lui si riferiva a qual momento preciso, alla cena insieme al fratello, che ogni tanto molestava e ogni tanto sbaciucchiava, e a mamma e papà.

La danza istituzionale intorno al DPCM prosegue, pare che entro questa vedrà la luce. Non è chiaro quanto sarà automatica la chiusura per zone e regioni. Vedremo, c’è un altro vertice con le regioni. Nel frattempo il nostro emisfero si prepara al peggio. La Merkel parla di 4 lunghi mesi.

Le persone si abituano a tutto anche al covid nostro

Oggi è il big Thursday anche questo avrà un peso su come il mondo affronterà la pandemia. Nel caso in cui Trumpone non fosse riconfermato lo dovremo solo ed esclusivamente al covid nostro e a come il presidente ha affrontato e gestito al situazione, pare maluccio fino a ieri si contavano 236,997 morti.

Le persone da sempre si abituano a tutto. Ci stiamo abituando a questo nuovo modo di vivere che prevede da un lato una costante limitazione della nostre libertà personali che si allenta o si stringe seguendo il calendario delle stagioni, e dall’altro il fatto che da un momento all’altro ti puoi ammalare del covid nostro, che potrebbe non farti quasi niente, farti stare molto male o farti secco. Come se non bastasse il nostro nuovo compagno di vita anche non dovesse farti nulla ti può usare come veicolo per infettare altre persone che potrebbero star male anche a causa tua.

Ora pare che tra governo, regioni e l’anima più severa della maggioranza si stia consumando la guerra delle lancette, cioè a che ora chiuderci in casa, alle 18.00 alle 21.00 o alle 23.00. Raramente delle decisioni politiche hanno avuto un impatto così immediato sulla nostra vita. Ora pare che la paladina delle nostre residue libertà pomeridiane sia la dolce e sempre più sola Teresa Bellanova che insieme a Conte cerca di limitare la furia claustrale degli altri capi della nazione e delle regioni.  Tutto sommato che questa volta il gioco dell’uva non vada liscio e che trovi una qualche forma di resistenza mi rassicura. Mi sono chiesto perché il PD o comunque quel che resta di quella che Bersani chiamava la ditta tenda ad essere così tetragono sulle chiusure. Poi mi sono ricordato l’unica altra volta in cui qualcuno ci ha fatto così male: gli anni di piombo e mi sono ricordato la linea della fermezza che consentì alla DC e al PCI di farci uscire da quella stagione ma che consegnò Moro e parte della loro anima al diavolo.

Una nuova linea della fermezza

Forse non c’entra nulla, in fondo Speranza, credo non fosse neanche nato nel 1978 però loro sanno che se sono fermi, a caro prezzo, se ne esce. Chiudere tutto in fondo è anche la cosa più semplice da fare spero però che come ha detto il Fiero Conte considerato che non è la prima volta che il covid nostro ci attacca riescano a trovare una soluzione  più complessa che non paralizzi il Paese.

State bene e adelante con judicio!

L’atra grande notizia è il click day per la mobilità che purtroppo non sembra clikkabile troppi accessi, se volete potete provare qui sotto. Noi continuiamo a girare con la nostra vecchia bicicletta.

www.buonomobilita.it/

 

Coronavirus – Diario di crisi giorno 231

Questa mattina mia moglie mi sveglia dicendomi che Gigi Proietti   è morto nel giorno del suo compleanno. La cosa mi dispiace e un po’ mi stupisce. Ieri avevamo visto in tv Enrico Brignano che gli faceva gli auguri per il suo ottantesimo compleanno. C’è stato un periodo della mia vita in cui vivevo molto vicino al Brancaccio che lui dirigeva e lo incontravo abbastanza spesso, grande e capelluto mentre mangiava qualcosa nei dintorni con i suoi ragazzi.

I giornali on – line hanno dismesso dall’apertura per qualche ora il covid nostro che non lo ha sfiorato. Vi segnalo questo bell’articolo sul Cavaliere nero di Proietti di Massimiliano Cacciotti.

Giuliano ed Ettore si aggirano per casa un po’ assonnati ma pronti per andare a scuola. Colazione, spigiamamento, denti e vestizione.

 

Il Fiero Conte ha riferito in parlamento, primo passo pria del varo del DPCM. Snocciola dati, numeri e spiega di essere costretto ad intervenire a livello territoriale dal sistema di monitoraggio predisposto insieme a CTS, istituto superiore sanità e Ministero Sanità e Regioni ab illo tempore. Rifiuta invece l’idea di provvedimenti nazionali indistinti. Parla di coefficienti di rischio che attribuiscono a ogni regione un’area con regole precise e diverse.

 

Dispone invece a livello nazionale chiusura di centri commerciali festivi e prefestivi, chiusura di giochi e video giochi, chiusura di musei e mostre, prospetta la chiusura delle scuole superiori ma niente di più. Parla di crisi, trasformazioni e resilienza, unità, responsabilità e diritti costituzionali subordinati a quello alla salute; insomma tutto l’armamentario retorico dei tempi del covid nostro. Spiega che terrà conto delle deliberazioni del parlamento e di quelli che verranno dalle regioni ancora in conferenza. Sembra comunque voler tenere la sua linea non voler cedere alle regioni che vogliono solo provvedimenti omogenei a livello nazionale. Annuncia una modulazione regionale in base all’RT e altri 20 parametri che possono essere allentati e stretti dal ministero della sanità, questo deresponsabilizzerebbe i capi delle regioni, che colloca in tre diverse aree di rischio le Regioni o comunque delle zone delimitate.  Nessun riferimento all’isolamento degli anziani. Descrive una situazione in terapia intensiva tutto sommato ancora sostenibile. La capienza del trasporto pubblico dovrebbe scendere al 50%.

 

Cita Arcuri più volte anche per spiegare le cose fatte e il materiale medicale e i dispositivi prodotti e distribuiti. Nessuna insostenibile pressione in terapia intensiva pressione invece negli altri reparti. Capisco che non chiude tutto e tiro un sospiro di sollievo. Sperando che i capi delle regioni non gli facciano cambiare idea. Dell’orario in cui dovremo spegnere la luce invece non parla. Penso al presidente della mia regione, Zingaretti, nonché azionista di minoranza del governo che ha dichiarato: <<Credo che un mese di didattica a distanza possa salvare l’anno scolastico.>> Spero che resistano che capiscano che la scelta di chiudere le scuole pur se legittima ha un prezzo altissimo.

 

L’altro giorno tornando da scuola con Giuliano ci siamo fermati su ponte Garibaldi dove di questi tempi si può assistere agli attacchi dei gabbiani che cercano di ghermire i piccoli storni che però numerosissimi e molto agili, tra bombardamenti di guano e cinguettii striduli di solito se la cavano. Speriamo che ce la caviamo pure noi.

 

State bene e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi week-end 32

<<Vojo vedere la persona nera. La persona nera!>> Così Ettore tutto vestito con il mantello, la maschera e il citofono sul petto chiede di Dart Fener –  Dart Veder (dipende dal vostro livello maniacalità galattica) appollaiato sul bracciolo della poltrona della mia scrivania. Le passioni per le cose, anche le più sceme, spesso si trasmettono di padre in figlio. Glielo cerco su internet e guadagno la sua attenzione per un po’ poi scende per tornare ad arrampicarsi qualche decina di minuti dopo. Ora è di nuovo qui con in braccio un peluche di Simba e mi chiede come si chiama quello leone e se è il re del bosco, poi conviene della foresta e  mi chiede cosa canta.  Mi viene in mente la sigla di un vecchio cartone giapponese in cui Simba (Kimba) è bianco. Ricordo la visita a casa di un altro bambino in Viale Trastevere con una delle mie tate e il gioco insieme con un pupazzetto di Kimba, per terra su uno di quei tappetti pelosi monocolori anni ’80, la televisione accesa e la sigla. Ora sono di nuovo sulla mia poltrona tutti e due, Giuliano ed Ettore, che vogliono vedere una Kimba e l’altro Simba, quello giallo.

Mi rendo conto di come loro siano la mia ricchezza, anche con il loro universo fantastico e colorato, e di come tutto questo possa essere apparentemente lontano da quella che qualcuno ha chiamato, un paio di secoli fa ormai, la ricchezza delle nazioni eppure non è così.

I bambini e gli anziani sono tra le ricchezze delle nazioni anche se ad alcuni non sembra

Ieri ci siamo incontrati con degli amici con i quali abbiamo smesso tacitamente di incontrarci nelle rispettive case. Ci siamo visti a Villa Pamphili; i bambini hanno giocato, corso e scavato come spetta loro, noi passeggiato e chiacchierato. La Villa era piena come lo fu a marzo prima che chiudessero anch’essa. I runner erano numerosi e maledetti perché senza mascherina <<Poi alitano!>> era il commento più tollerante nei loro confronti. La mia naturale empatia per i diversi da me invece me li rende simpatici.

Così abbiamo anche festeggiato Halloween l’americanata e festa dell’imbecillità come ebbe a dire De Luca il lungimirante.  I bambini erano contenti, correvano e qualcuno portava anche qualche maschera.

Le persone continuano ad ammalarsi ma fortunatamente anche a guarire, non tutte non sempre ma si guarisce. Gli ospedali però stanno tornando un luogo infernale e a questo giro anche qui tra noi sudici. Mi apre di aver capito che non in tuti gli ospedali c’è un percorso sporco e uno pulito per separare i contagiati o presunti tali dagli altri.  Il punto settimanale venerdì ha evidenziato come anche in questi sette giorni i casi siano quasi raddoppiati per la quarta volta di seguito. La settimana scorsa ci sono stati 84.129 nuovi casi questa 150.865, a dire il vero un po’ meno del doppio ma non consola.

Grafico increm
Grafico incremento settimanale positivi

Il fiero Conte sta cercando di coinvolgere le opposizioni e le regioni il più possibile, credo anche su impulso del Presidente Sergio Mattarella, in vista dei prossimi provvedimenti. Si susseguono molte voci sembra comunque che dopo un passaggio in Parlamento verrà varato lunedì un nuovo Dpcm. Cosa altro chiuderà non è ancora dato sapere ma certamente taglierà un altro pezzetto di scuola: DAD almeno dalla terza media in su. Altre ipotesi circolate: zone rosse in alcune metropoli, principalmente Milano e Napoli, qualcuno però parla anche di Roma, Tirino e Bologna. Una nota particolare merita l’ipotesi di confinare gli anziani malamente raccontata anche da un tweet del presidente della Regione Liguria Toti. La cosa nel caso risultasse una reale ipotesi, come temo sia, farebbe il paio con l’idea di scarificare i bambini e i ragazzi, non produttivi come le “persone – twittò Toti –  per lo più in pensione, non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese”.

Adelante con Judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 229

Ieri quando ho portato Giuliano dal barbiere, cosa che lo ha reso felice almeno fino a questa mattina quando pregustava i commenti delle compagne e dei compagni di classe, un po’ paura l’avevo. Per carità il cerusico è stato bravo, ha lavato le mani, tenuto la mascherina e tutto il resto però mi sono chiesto se ne valesse la pena. Facevo bene a correre quel rischio, piccolo ma comunque reale o sarebbe stato meglio lasciare Giuliano con i capelli incolti che alla fine per me è sempre bellissimo. Mente ero lì compulsavo i dati della IHME (qui il Lazio che certo non contribuivano a rasserenarmi, per altro ho scoperto che ogni giorno peggiorano. Pur nella prudenza non riesco a smettere di vivere anche in questi giorni in cui la luce del sole è sempre più rara. Il pensiero un po’ infantile per cui bisogna fare quel che si può finché si può, purtroppo, non mi è del tutto estraneo.

Giuliano è felice di essere andato dal barbiere

Non sono un tipo da apericena ma  un pranzo con mia moglie questa settimana me lo sono concesso, dal filettaro, che ora dispone di tavolini all’aperto come un po’ tutti nell’era del covid nostro, vicino Campo dei Fiori davanti a Santa Barbara la patrona dei bombaroli e dei pompieri.  E’ stato bello quasi  normale: baccalà e puntarelle.

Ero dalle parti di Prati stavo, cercando un accessorio elettronico, una cosuccia senza importanza, ho provato ad entrare in un piccolo negozio che sembrava poter avere quel che mi serviva, aperto l’uscio vi ho trovato una coppia di bangladesi, o comunque bangla, con la mascherina che si nascondevano dietro una lunga tenda di pellicola trasparente e un piccolo bancone, il tutto in 5 forse 7 metri quadri di spazio senza finestre. Ho lasciato la porta aperta mentre chiedevo loro quel che mi serviva non lo avevano. Sono andato via con la sensazione di aver profanato la loro intimità o qualcosa del genere.

Dal DPCM delle mascherine per tutti ovunque sono passati 17 giorni, le cose sono peggiorate e altri provvedimenti sono stati presi ed altri probabilmente ne verranno. Politici e virologi continuano ad azzuffarsi sulla gravità della situazione mentre le persone si ammalano e hanno bisogno di assistenza ed aiuto. De Luca il lungimirante chiude anche asili e materne

A 17 giorni da DPCM mascherine che fare?

Quest’estate l’Italia per la prima volta ha provato l’ebbrezza di un PIL cinese o almeno da tigre ASIATICA più 16,1%. Una roba mai vista dovuta ovviamente alla ripresa dallo schianto dei tre mesi precedenti però devo ammettere che fa un certo effetto.

In Piemonte pare che vogliano abbassare il carico consentito nei bus al 50%, insomma ogni regione sta a suo modo varando nuove misure per far fronte alla situazione il federalismo del covid prosegue.

Oggi vedremo se da venerdì scorso i casi sono di nuovo raddoppiati e no.  Mentre scrivo pur non avendo i dati definitivi tutti sanno che anche non fossero raddoppiati più o meno siamo lì.  Questa costatazione di solito è la premessa a un provvedimento da parte del governo centrale.  Chiudere ancora qualcosa prima del lockdown generale, oppure procedere con chiusure totali ma localizzate.

State bene e adelante con judicio!

Santa Barbara

Coronavirus – Diario di crisi giorno 228

Le persone sembra non si vogliano fermare. Il genere umano è così, trova il modo di andare avanti ovunque e comunque. Uscendo di casa oggi mi è caduto l’occhio su uno dei disegni di Giuliano posato su una sedia all’ingresso. Ritrae i suoi compagni e le sue maestre, ormai tutti rigorosamente con la mascherina.

Siamo arrabbiati, spaventati ma proseguiamo nel nostro viaggio: chi fa il pane panifica, chi ha bottega vende, chi lavora nelle scuole insegna, gli studenti studiano, chi fa l’autista guida, chi lavora in ospedale cura, chi fa il casalingo spiccia, chi fa il barbiere taglia e  chi fa il terrorista uccide. Oggi 29 novembre 2020 a Nizza due donne e un uomo sono stati uccisi da un terrorista islamico in una Chiesa e ad una di loro è stata separata la testa dal corpo.

Il coronavirus non ci ha cambiato in meglio

Restiamo quelli che eravamo prima con in più il covid nostro, che non ci ha fatto sviluppare alcun senso di solidarietà particolare contro la natura, questa volta veramente un po’ matrigna. Continuiamo ad odiarci come prima, come sempre. I francesi sono anche alle prese con un lockdown che risparmia solo le attività essenziali, tra cui la scuola. Noi invece abbiamo chiuso anche elementari e medie in Puglia. Devo dire che più passa il tempo e più mi trasformo in un centralista della più bell’acqua. Emiliano non ha un momento di esitazione indica i bambini e i ragazzi come responsabili della crescita della curva del contagio. Se il governo pensa quello che dice per bocca della ministra Azzolina che impugni questo provvedimento salvando i bambini pugliesi da questa decisione sbagliata. Poi un po’ in generale trovo che in questa situazione una catena di comando che preveda che un po’ decidono i comuni, un po’ le regioni e un po’ zia Peppina sia fuori luogo.

Perdonatemi oggi non spicco per buon umore è che la situazione peggiora di giorno in giorno e noi sembriamo sempre più in balia degli eventi. Secondo l’IHME (The Institute for Health Metrics and Evaluation) di Seattle in Italia ci  aspettano tre scenari al 1 di febbraio: primo tutti con le mascherine 69.208 morti, secondo attuale trend 80.128 morti, terzo allentamento delle misure 227.979. Ad oggi ne abbiamo meno di 38.000.

https://covid19.healthdata.org/italy?view=total-deaths&tab=trend

State bene e adelante con judicio!

Tutte le nostre storie su Roma Report

 

Coronavirus – Diario di crisi giorno 227

Ieri sera nel centro di Roma militanti di estrema destra hanno dato fuoco ad alcuni cassonetti, spaccato qualche vetrina e fatto a botte con i poliziotti. Oggi verso l’ora di pranzo i ristoratori, in attesa del ristoro del Fiero Conte, hanno apparecchiato il suolo di Piazza del Pantheon con tovaglie di fiandra e piatti di porcellana per manifestare il proprio dissenso. Anche per i media, per le istituzioni e per i social comincia ad essere chiara la differenza. Ne sono felice perché non potrei sopportare di vivere in un Paese in cui chiunque si opponga ai provvedimenti del governo viene definito fascista o criminale. Non sono sicuro di sapere se i ristoratori hanno ragione nel dire che i loro esercizi sono luoghi sicuri e che quindi l’ultimo Dpcm del fiero Conte è sbagliato, sono certo invece che hanno il diritto di dirlo anche manifestando pubblicamente e pacificamente. Ieri anche grande spreco di birra qui a Trastevere, in Piazza Trilussa i gestori di Pub l’hanno versata a terra per protesta.

Roma che si spegne alle 18.00 non è un bello spettacolo, speriamo che serva

Giuliano prosegue le sue lezioni di Scacchi grazie al metodo inventato dal suo maestro che prevede che uno solo dei giocatori tocchi gli scacchi mentre l’altro muove a voce. Tornando dalla sua lezione, verso le 18.00 ho visto le saracinesche che si abbassavano e i vicoli che si liberavano dalle gambe dei tavolini ormai onnipresenti. Non era una roba allegra ma che dire così è.

Sala e De Magistris vogliono sapere dal giovane Speranza se Ricciardi li vuole chiudere veramente o se lo ha detto per dire. #Zingaretti pure scrive una lunghissima lettera su Repubblica in cui ci spiega che il nemico è il virus e chi si oppone alle misure del governo senza fare nessun cenno alle difficoltà in cui ci troviamo noi nel Lazio con file mostruose per fare un tampone, Roma che ha superato i mille casi stabilmente, e trasporti pubblici (qui un articolo notevole  di Marco Veruggio sul tema) di cui è meglio non parlare perché altrimenti viene da piangere. Mentre lo leggo tutto, nella speranza di trovare una qualche forma di autocritica o una proposta concreta, è un uomo di potere mica fa più il segretario della FGCI romana, mi rimbomba la sua deliziosa zeppola in testa ma non trovo altro.

Per un po’ andrà peggio lo sappiamo

Tutti sanno che nelle prossime settimane andrà peggio, non un po’ ma molto, in tutto l’emisfero settentrionale. Macron e la Merkel stanno per varare nuove chiusure, pare con un solo punto fermo le scuole resteranno aperte.

Alla fine come per le questioni ambientali, che poi in fondo anche questa a suo modo lo è, c’è anche quello che posso fare io. Oggi sono rimasto a lavorare e studiare un po’ a casa, cerco di mettere la mascherina sempre, ormai non la porto solo nel nostro appartamento, non prendo mezzi pubblici, a meno che non sia costretto e vado a piedi o in bici. Ho molto limitato la mia vita sociale, diciamo così, in presenza.

Adelante con Judicio!

 

Coronavirus – Diario di crisi giorno 226

<<Ciao Caro Babbo Natale, spero tu stia bene anche se c’è il coronavirus. Quest’anno ti chiedo gentilmente un Fangteke set carte Pokemon da 100 pezzi, Gengar normale carte Pokemon, 4 vaccini anti influenzali, una bacchetta magica di Harry Potter, Snorlax V e Snorlax M Max.>>La fede dei bambini, in qualunque cosa sia riposta, è sempre bellissima. Questa è la letterina di mio figlio Giuliano. Quando gli chiedo, sorridendo, dei vaccini mi risponde che ha pensato alla famiglia. Loro ci ascoltano e capiscono tutto, o con la testa o con la pancia, ma capiscono tutto. Dopo un po’ mi guarda preoccupato e mi chiede se il Babbo Natale ce la farà anche quest’anno

Oggi mi sono concesso un taglio di capelli, non è stato facile ho dovuto cambiare barbiere perché il mio si pensionò, mascherine e porta di ingresso aperta tutto il tempo. Niente di che, ma si può fare, ci porterò anche les deux, prima della non improbabile serrata. Il cerusico è un giovane uomo calabrese che prima lavorava molto con le barbe degli  hipster che, mi spiega, sono state falcidiate dalle mascherine. Andando in ufficio passo per Santa Maria in Trastevere e trovo un gruppo di adolescenti che alle 10,30,  grazie alle nostre scelte dissennate, sono vicino alla fontana a cazzeggiare anziché a scuola; alcuni hanno la mascherina abbassata, tutti sono molto vicini. La scuola! la scuola! la scuola! Per strada a 14, 15 e 16 anni si possono commettere molte stupidaggini che la vita poi non sempre ti perdonerà.  Rimandiamoli a scuola vi prego.

I ragazzi stanno meglio a scuola che in piazza anche ai tempi del covid nostro

Nel frattempo Ricciardi, il consigliere del giovane Ministro Speranza, dice che serve un lockdown a Napoli e Milano perché lì “uno può prendere il Covid entrando al bar, al ristorante, prendendo l’autobus. Stare a contatto stretto con un positivo è facilissimo perché il virus circola tantissimo. In queste aree è necessario, in altre aree del Paese no”.

Un po’ ovunque si moltiplicano le manifestazioni di piazza che saranno, come dicono tutti, guidate da pericolosi camorristi,  fascisti e antagonisti ma ci sono e hanno un peso a Milano, a Torino come a Roma e a Napoli o a Pesaro. Anche se devo riconoscere ai pesaresi di aver trovato una forma di disobbedienza civile più interessante, della piazza e dello sfascio delle vetrine: l’abbuffata al ristorante nell’orario proibito.  Un satyagraha al brodetto di pesce, non posso negare di aver sorriso all’idea della polizia che irrompe mentre loro continuano a mangiare. Chissà che ne avrebbe detto Marco Pannella che mi risulta essere stato anche una buona forchetta.

State bene e adelante con judicio!

 

Coronavirus – Diario di crisi giorno 225

Ettore ha sempre avuto un gusto spiccato per alcuni sapori più forti ma la cosa che mi ha sempre incuriosito è la sua smodata passione per broccoli, cavolfiori e broccoletti.

Oggi è rimasto a casa con la mamma che aveva un po’ di cose da fare ma “smartabili”. Con Giuliano abbiamo attraversato il Tevere e il centro in bici e come al solito c’erano un bel po’ di macchine in giro. Arriviamo appena in tempo per il suo turno di ingresso a scuola. Continuo a vedere coppie di genitori che accompagnano figli unici e mi chiedo perché. La cosa mi sembrerebbe strana anche in tempi normali, chissà forse così si fanno coraggio fra loro.

In ogni caso l’ingresso a scuola di Giuliano è ancora una roba più che ordinata e resto grato di ogni giorno di scuola guadagnato.

Prosegue disfida tra  Regioni,  Conte  e Speranza

La grande disfida tra il Fiero Conte, il giovane Speranza e i Capi delle Regioni prosegue su una questione fondamentale: i tamponi a chi farli e quando. Un po’ come la storia dell’80% di capienza per i mezzi pubblici.

Oppure come fu per la questione della distanza in aula che improvvisamente, sempre su pressione delle regioni, venne ridotta a zero purché si portassero le mascherine. Questa volta vogliono poter testare solo i sintomatici. Dopo che per mesi ci hanno fatto una testa così con contact tracing sarebbe singolare. Temo però che ci arriveremo, i capi delle regioni sono gente pratica se chiedono questo significa che è la migliore soluzione sul breve periodo e probabilmente la peggiore sul medio. Evidentemente non riescono a star dietro al contagio quindi preferiscono smettere di inseguirlo con tamponi i cui esiti arrivano troppo tardi. Non è una bella cosa ma così è.

Qui in ufficio ci sono ancora zanzare che non esitano a pizzicarmi. La caparbietà dei parassiti è una costante formidabile quanto fastidiosa. In fondo alche il covid nostro e un non troppo simpatico parassita.

Tutte le categorie colpite dal nuovo Dpcm, chi in un modo e chi in un altro, hanno cominciato a protestare, Geppy Gleijeses e Walter Veltroni si fanno portavoce del mondo del cinema e del teatro e sorprendentemente la cosa più giullaresca non la dice l’attore ma l’ex politico. Chiede perché le Chiese siano rimaste aperte se hanno chiuso teatri e cinema. Non sta a me che, sono anche un senza Dio, spiegare che cosa sia il diritto alla libertà religiosa. La cosa che mi colpisce è l’idea, cui partecipa anche Veltroni, di contenderci con acrimonia quei pochi spazi di libertà che ci sono rimasti. Immagino la preoccupazione e le difficoltà in cui si trovano tutti quelli colpiti professionalmente da questi provvedimenti: gli istruttori delle palestre, i baristi, i cuochi, i camerieri, gli attori, i musicisti, gli attrezzisti i bigliettai, e molti altri oltre, naturalmente, ai loro datori di lavoro. Però non dobbiamo cedere alla tentazione di metterci gli uni contro gli altri, almeno mi aspetto che non ci aizzino i più fortunati tra noi.

Non ha senso contrapporre le chiese ai teatro

<<I giovani non fanno il necessario per proteggersi e c’è un eccesso di sovrapposizione tra Governo, Regioni e Comuni, fanno tutti quello che vogliono.>> Questo dice Garattini, Istituto Negri, e temo sia la verità, cruda ma la verità. Non è simpatica non assolve nessuno ma è la realtà.

Anche la nostra classe dirigente si sta ammalando, fisicamente, il che non aiuta. Sullo sfondo il nostro messia, ossia il vaccino che pare sia efficace anche sugli anziani, questa la principale buona notizia di oggi. Domani ci dovrebbe essere il “decreto ristoro” che dovrebbe aiutare chi è stato costretto a chiudere.

Siamo tutti meno disposti della volta scorsa a sacrificarci ma in qualche modo lo dovremo pur fare.

Oggi niente nuoto e mi dispiace molto perché sono convinto che a Giuliano faccia bene e poi un po’ anche per i suoi istruttori che sono bravi e pazienti. In compenso Giuliano di sua sponte si sta impegnando nella stesura di una riduzione teatrale di Harry Potter e la Pietra Filosofale, lui lo chiama il copione lo vuole distribuire ai suoi compagni. Ieri sera l’ho ascoltato per me è sempre bello sentire la sua voce mi sembra però che se la stia cavando bene.

State bene e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi week-end 31

Carmina vs panem e il nuovo dpcm. Niente più piscina per Giuliano ma a scuola può ancora andare.

<<Da quando? No!>> Capisco di aver omesso troppo e gli spiego che per ora questa regola vale solo per le superiori quindi lui potrà continuare ad andare a scuola per il momento, certo fosse vissuto appena 150- 160 km più a sud a casa anche lui. Niente più piscina però le palestre chiudono, come i teatri e i cinema. Non ho capito i  musei.

Il vecchio adagio carmina non dant panem come quello più recente per cui con la cultura non si mangia, hanno fatto, come è tradizione, capolino nel dibattito pubblico sulle chiusure che il governo veniva invitato da più parti a fare. Non è mancato il buon vecchio manifesto degli intellettuali, questa volta definiti scienziati, per fare le dovute pressioni, non in favore della cultura ma della lotta la virus invitando a chiudere un po’ tutto.

Per il fiero conte non è stato facile anche perché i capi della regioni erano più propensi a chiudere le scuole, che non producono un Pil immediato, piuttosto che le palestre, bar i pub e i ristoranti. Pe un momento ho avuto l’impressione di intravedere un nuovo topos: carmina vs panem. La non troppo strana contrapposizione alla fine ha prodotto quello che un tempo, in altri contesti, avremmo definito un taglio trasversale, questa volte non di risorse ma di libertà e agibilità.

Il portavoce del Presidente della Repubblica Mattarella è anche lui positivo con sintomi, ci spiega però di non aver avuto contatti diretti con il presidente Mattarella. Stessa sorte sembra essere toccata a Casalino Portavoce di Conte. L’assedio del covid nostro alle istituzioni repubblicane sembra stringersi ogni giorno di più.

Prosegue l’assedio del covid alle istituzioni

Non ho le competenze per giudicare le misure prese fin qui, certo stiamo riperdendo tutto quello che ci sembrava di esserci ripreso da giugno in poi. Però che il virus ci sia e abbia ricominciato a colpire con violenza è evidente a chiunque non voglia chiudere gli occhi. A parte i tragici numeri, questa settimana per la terza volta raddoppiamo il numero di contagiati, anche solo le persone che conosco personalmente colpite dal sars-cov2 sono sempre di più e sembra che un cerchio lo stia facendo anche intorno a noi comuni cittadini.

Incremento contagiati settimanale

Giuliano mi spiega che le ultime lezioni di scacchi in presenza le ha fatte giocando a voce. Praticamente funziona così: solo uno dei due giocatori ha la disponibilità della scacchiera, l’altro debitamente distanziato muove parlando: <<Pedone in H4!>> l’altro lo muoverà per lui. Non ho capito cosa preveda il DPCM per questo genere di sport.

Scacchi a voce per Giuliano

A parte il fastidio per la retorica del Natale da salvare, come se fosse possibile risolvere la questione entro novembre, e per le promesse di bonifici sui conti correnti, per un rapido ristoro, cerco di comprendere le difficoltà e mi adeguerò come è mio dovere alle disposizioni del governo. Spero che altrettanto faranno i miei concittadini. Non c’è conversazione che intercetti nei bar e per le vie in cui non si mostri insofferenza e non si dia credito a una retorica uguale e contraria a quella della propaganda ufficiale. I tafferugli delle scorse notti ne sono un segnale sgradevole, anche fossero tutti camorristi o fascisti come si sostiene, cosa che mi pare improbabile, avranno un ruolo nell’evolversi di questa vicenda. Temo che in generale ci sia un minore senso di comunità e una minore disponibilità ad accettare quello che verrà.

Sabato chiusi in casa, dopo il pranzo  domenicale non resisto e comincio a proporre di fare un giretto; prima usciamo solo io e Giuliano, dopo un po’ ci raggiungono anche Martina ed Ettore incrociamo la chiusura del mercato di Porta Portese, vediamo tavoli chiusi e accatastati, grandi manovre di furgoni e grandi fagotti issati e portati via.

Adelante con judicio!

 

 

Coronavirus – Diario di crisi giorno 222

Come 20 piccoli indiani , una dopo l’altra le regioni stanno cadendo sotto il peso del covid nostro. Lo schema per ora è quello del coprifuoco e della DAD per le superiori. Già però De Luca, il lungimirante, chiede un lockdown nazionale, e chiusura dei confini tra regioni, e preannuncia che in ogni caso lui lo farà.

Bertolaso e Fontana riaprono l’ospedale in Fiera a Milano, le giornate si faranno più buie con il ritorno dell’ora solare, quello che sta per capitarci non sarà divertente.

Giuliano ed Ettore oggi sono andati a scuola io in ufficio, a piedi. Molti di noi rifuggono dai mezzi pubblici da tempo ormai; se possiamo andiamo a piedi in bici in macchina, in monopattino; non credo che riuscirò mai e dissociare l’arrivo dei monopattini a noleggio da quello delle mascherine  e del covid nostro.

Conte continua a presentarsi alle camere per parlare di un DPCM che tutti, lui compreso, considerano ormai superato dai fatti, sottolinea la differenza con marzo.  Differenza che c’è, senza dubbio, ma non so se in favore di quella o questa situazione. In marzo le decisioni avevano una regia nazionale ed era lui che le prendeva ora sembra aver lasciato l’iniziativa a una sorta di federalismo del covid nostro che per il momento ha una spetto tutt’altro che equo.

Arriva il federalismo del covid

Ci aspettano tempi cupi. Ettore oggi era felicissimo di tornare a scuola ma una strana coltre sembra ricoprire anche le nostre piccole gioie quotidiane. Stanno per arrivare numeri sempre più spaventosi e con loro il freddo, il buio e le altre sindromi influenzali. La pressione dell’epidemia e delle regioni preoccupate per la tenuta degli ospedali e del consenso spingono verso nuove chiusure. Anche solo le persone che conosco che sono state lambite dal covid nostro rispetto a  marzo si sono moltiplicate, perché a marzo qui a Roma, e in generale al sud, quasi non era arrivato.  Consola, come dice il presidente Conte, che abbiamo le mascherine ed infrastrutture ospedaliere più preparate? Un po’ sì però non basta.

<<Chiudere, chiudere tutto.>> Ricomincia ad essere il grido di battaglia e propaganda. Per il momento sembra che il governo non sia disposto a chiudere scuole e attività produttive. 100 scienziati hanno scritto a Conte e Mattarella per chiedere misure drastiche subito o sarà peggio.  Non so quanto il Governo riuscirà a reggere a questa pressione. Devo ammettere che questa volta spero che il fiero Conte riesca a riprendere la situazione in mano ed eviti quello che lui chiama un lockdown generalizzato.

Oggi era il centenario della nascita di Gianni Rodari autore simbolo delle scuole elementari italiane. Chissà che filastrocca avrebbe scritto sul covid nostro. Per intanto vi lascio con questa tra le mie preferite anche Giuliano l’ha imparata a memoria credo in prima o in seconda.

Ci sono cose da fare ogni giorno.

lavarsi, studiare, giocare,

preparare la tavola,

a mezzogiorno.

Ci sono cose da fare di notte:

chiudere gli occhi, dormire,

avere sogni da sognare,

orecchie per non sentire.

Ci sono cose da non fare mai,

né di giorno né di notte,

né per mare né per terra:

per esempio, la guerra.

 

State bene e adelante con judicio!

 

 

Coronavirus – Diario di crisi giorno 221

<<Lui Snoopy. Hum. Che vuole lui?>> Ogni qualvolta Ettore scopre un nuovo personaggio o un nuovo animale, o che comunque si trovi a maneggiarlo con le parole o le mani, prima si accerta di averne detto il nome poi chiede, senza mezzi termini cosa voglia. <<Che vuole squalo? Mangiare!>>

<<[…] questa ordinanza della Regione Lombardia, uscita ieri un po’ in velocità, noi sindaci l’abbiamo vista ma eravamo concentrarci sul tema del coprifuoco.>> provo un grande imbarazzo per la nostra classe dirigente e in ultima analisi credo proprio per la nostra specie. Il virgolettato è dell’ex city manager della Moratti e dell’ex Commissario Expo, ex manager di spessore,  attuale sindaco di Milano. L’idea che la parte dell’ordinanza di Fontana che chiude di fatto tutte le scuole superiori della Lombardia sia passata in un momento di distrazione dei sindaci lombardi e dei loro staff, che avevano chiesto fortemente il provvedimento generale, poi fermato in un primo momento dal bevitore di mojto, mi imbarazza oltremodo e spero sia una penosa bugia. Poi mi ricordo gli apericena, le Milano che non si fermano, le Bergamo che runnano .

La scuola dovrebbe essere veramente l’ultima cosa e chiudere, e non la prima, meriterebbe però un po’ di franchezza da parte di chi decide delle sue sorti. Noi nel Lazio, che da domani spegniamo le luci presto pure noi, abbiamo un ordinanza più ambigua e quindi sperabilmente più flessibile.   Si parla di un incremento della didattica digitale per le scuole secondarie di primo grado, le superiori, del 50% con esclusione degli iscritti al primo anno.  Mi pare di aver capito che stanti così le cose un ragazzo di 16 anni potrebbe trovarsi nella seguente situazione: vuole farsi fare un massaggio, nessun problema, vuole andare in palestra a sudare un po’, ok, vuole andare dall’estetista per una ceretta californiana, ottimo, vuole andare in un centro commerciale a farsi un giro, ci mancherebbe,  vuole andare a scuola, beh un momento prudenza, magari da casa con il tablet.

Un sedicenne può fare tutto, certo la scuola però…

Nel frattempo il Ministro Azzolina scrive a De Luca, che è anche riuscito ad annunciare una riapertura che poi ha negato qualche ora dopo, per chiedergli elementari e medie in presenza e a Fontana per esprimere disaccordo con la decisione di chiudere tutte le superiori.

Pare di aver capito che anche questa volta  nonostante un po’ di retorica e qualche pubblico strepito la scuola non sarà l’ultima a chiudere ma la prima. Direi che anzi abbiamo cominciato a chiudere. In modo più graduale ma abbiamo cominciato.

Nel frattempo sembra che il comune di Roma voglia affittare dei pullman turistici per potenziare i trasporti ed aiutare il settore. Di ufficiale per ora c’è solo una mozione dell’Onorevole Marco Palumbo consigliere comunale di opposizione; l’Atac sembra aver reclutato degli psicologi per gli autisti sotto stress.

Il covid nostro però continua diffondersi piuttosto velocemente e secondo il Messaggero, il governo sta valutando un lockdown generalizzato di due settimane. Il fiero Conte dice alle Camere che la situazione è critica ma diversa da quella di marzo e che eventualmente sarebbero pronti a intervenire di nuovo. Temo che la fonte del messaggero non sia Palazzo Chigi del resto è noto che altri ministri hanno posizioni più rigoriste.

Magari non un lockdown ma qualcosa durante il wek-end dobbiamo aspettarcela.

State bene e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 220

<<Ssseppente. Cattivo, butto e cattico. Ammazziamo>> Il bellicosissimo Ettore vuole uccidere i serpenti possibilmente tutti. Provo a spiegargli che non sono necessariamente velenosi e che comunque hanno il loro ruolo nella natura, mangiano i topolini.  Ma niente <<Questo buco non cattivo ma seppenti cattivi via uccido tutti.>> Questa sua dichiarazione la fa tenendo fra le dita un po’ di pasta di sale viola, da noi autoprodotta in mattinata, con la quale ha fatto un serpentiforme. Un “buco” cioè un bruco. Credo che un ruolo in queste sue convinzioni ofidiofobiche lo abbia avuto anche Nagini, il terribile serpente di lord Voldemort che il fratello gli ha fatto vedere ieri sera in DVD.

I serpenti comunque non godono  di buona fama tra noi umani dai tempi di Adamo ed Eva quindi il mio amore piccolo è in buona compagnia. Sono da sempre il simbolo del male, del veleno, del peccato ma anche di Esculapio quindi della medicina.

Come si cura un malato do covid oggi? Un paucisintomatico? Alla fine le cose che hanno scoperto che abbiamo più o meno a ad immediata disposizione sono tre:  paracetamolo, cortisone, e per evitare o combattere sovrapposizioni batteriche un determinato tipo di antibiotico. In più l’eparina in alcuni casi per evitare trombi. Questo 4 farmaci sono quelli immediatamente disponibili che anche un medico di base può prescrivere e che un paziente può trovare in farmacia. I monoclonali, il plasma iperimmune, il Remdesivir sono cose meno disponibili ed accessibili. Queste sono le poche armi che abbiamo insieme al nostro sistema immunitario che si spera riesca a cavarsela.

Sta di fatto che oggi siamo rimasti a casa con brodo di pollo e pasta di sale. Il raffreddore di Ettore migliora e con esso anche il mio.

Le cose non vanno per il meglio, è ricomparso anche il bevitore di mojto che voleva impedire a Fontana il coprifuoco lombardo. Perché prima doveva capire. Fontana glielo deve aver spiegato per bene, con parole semplici, poi però ha formato l’ordinanza. Chiusura di tutto dalle 23 alle 5 e autocertificazione per gli spostamenti. Le scuole superiori temo che chiuderanno per passare alle lezioni a distanza. Oggi tra i lombardi è andata cosi: 4.126 positivi di cui 1.858 a Milano. In tutta Italia invece così: 15.199 nuovi casi e 127 morti ieri erano 10,874 ed i morti 89.

State bene e adelante con judicio!

I Re Magi con la mascherina

Coronavirus – Diario di crisi giorno 219

<<Ciao a domani.>> con il suo casco in mano Ettore saluta, tranquillo e serafico, le sue maestre che però ci hanno appena fatto capire che è veramente troppo raffreddato e che quest’anno.. cosi, così e così. Per capirsi il naso che cola non è tra i sintomi più comuni del covid nostro, la febbre e al tosse lo sono. Ora tutto considerato, credo che domai staremo a casa, anche perché farebbe bene anche a me. Però così perché si sappia il raffreddore con il naso che gocciola, gli sternuti non è, il covid nostro. Il raffreddore, diciamo così tradizionale, non ha smesso di circolare solo perché ora si è fatto avanti questo suo nuovo esotico parente. Comunque dato che ovviamente tutto quello che prendono i miei due figli, infinite volte baciati e abbracciati, lo prendo anche io, domani a  casa con il brodo di pollo.

Per intanto torniamo in bici dopo aver accompagnato Giuliano a scuola di scacchi. Passiamo davanti a Palazzo Chigi e vediamo garrire dal balcone, oltre  alle consuete bandiere europea e italiana, la bandiera Spagnola. Bella, nuova, e allegra con le sue bande rosse e gialle. Le macchine dell’ospite, Pedro Sanchez, e della sua delegazione, ora stazionano fuori dal Palazzo in piazza Colonna e credo non entrino più nel cortile come si usava un tempo. Ora lì ci fanno le conferenze stampa ho visto. Quante abitudini cambia il covid nostro.

Flaviano mio amico e collega dice che suo figlio, il piccolo Manfredi, non ricorda più quando le mascherine non c’erano. Fa un po’ impressione ma la memoria dei bimbi si sta formando ora.

Alcuni bambini non ricordano un tempo senza mascherine

C’è un bellissimo negozio di articoli sacri e abbigliamento per il clero che collega piazza della Minerva con largo argentina. Se non ricordo male Carlo Verdone ci ambientò anche un suo film. In cui lui stesso faceva il proprietario di un negozio di articoli religiosi.

Oggi passandoci affianco con Ettore non ho potuto fare a meno di notare un Presepio con i Re Magi mascariati. Attorniavano la sacra famiglia che invece era a volto scoperto. Lì per lì ho pensato ci fosse anche qualche allusine razzista, i Re magi sono stranieri e Baldassare è pure di colore. Poi mi son detto, sarà per rispettare la raccomandazione di proteggersi se si ospitano persone che non sono conviventi. In realtà non lo so perché e forse non lo voglio sapere. Forse è solo un po’ di marketing.

Comunque per strada tutti con ala mascherina  e facciamo bene perché la situazione non migliora anzi peggiora cominciano ad esserci problemi per le terapie intensive. Tutto ampiamente previsto ma così è.

De Luca Sun Tzu conosce l’arte della guerra

Pare che non sia vero che il buon De Luca, detto il lungimirante, non conosca l’arte della guerra. Tutto il mondo si sta misurando con nuove chiusure ma sembra che una cosa, a questo giro, debba essere preservata la scuola. È così in Germania, in Irlanda (dov’è in atto un vero lockdown) e un po’ ovunque. Quindi anche De Luca il lungimirante sembra rimodulare la sua strategia. Riapre le scuole elementari, pare, e chiude bar e ristoranti la sera. Il coprifuoco di De Luca Sun Tzu risparmierà le scuole elementari che riapriranno. Noi ne siamo felici e lo ringraziamo. Tra le cose che portano le persone a questa rubrica c’è la domanda di come si concilino l’ordinanza di De Luca e le disposizioni nazionali sulla scuola, purtroppo se il governo non ricorre si fa quello che vogliono le regioni, grazie a un combinato disposto del titolo V e dei dpcm.

Checché ne dica o ne direbbe Flaiano la situazione non solo è tragica ma è anche seria. Chi può cominci a stare a casa che male non farà.

State bene e adelante con judicio!

Bandiere a Palazzo Chigi

Coronavirus – Diario di crisi giorno 218

<<Il modulo non c’è, altri soggetti vedi lì? è vuoto. >> Lo stallo è quella situazione in cui se ti muovi muori, più o meno. Negli scacchi però, se la partita ha preso una brutta piega, può essere anche un obiettivo, lo stallo infatti decreta un pareggio.

Arriviamo di buon ora per un appuntamento preso quasi un mese prima, dobbiamo sbrigare una piccola cosa ma così è la burocrazia ai tempi del covid nostro. Quando arriviamo ci viene spiegato che abbiamo il tipo di prenotazione sbagliato quindi dobbiamo tornare, riprenotare o andare al collatino dove potremmo fare la pratica in giornata, noi eravamo a Trastevere. Protestiamo cerchiamo di spiegare che forse punirci mandandoci al Collatino è un po’ eccessivo potremmo farla li ormai c’eravamo, poi il tipo di prenotazione non era stata una nostra scelta.

A volte sembra che la burocrazia voglia essere punitiva

<<Avete la macchina? Al Collatino! Oppure vi insegno come prenotare domani!>> Il tono non era paternalistico era proprio punitivo. Dovevamo pagare l’errore commesso. Alla fine ci prospetta un’altra possibilità avremmo potuto fare il giorno stesso se qualcuno non si fosse presentato allo sportello. Mentre discutiamo e ci viene ribadito ancora che avevamo il tipo di prenotazione sbagliato quindi <<Io non posso, ho tutti gli sportelli già occupati da persone regolarmente prenotate. Insomma è una cosa da scuola elementare!>> Improvvisamente si libera un posto nella fila giusta.

Andiamo allo sportello, la guardia giurata che ci accompagna ci sussurra all’orecchio che demo da sta boni che mo’quella è peggio.

Arrivato difronte alla scrivania, debitamente schermata con il para sputi di plexiglass, vedo una sedia che mi sembra fuori posto, a circa due metri dalla postazione. Ingenuamente la prendo e faccio per spostarla verso il tavolo. <<Cosa fa? State fermi. Non vi dovete permettere! Restate lì. Se la sedia è lì deve stare, lì>>. La signora si alza  e mentre noi indietreggiamo rimette la sedia a due metri dal tavolo e dal para sputi.

Mi guardo intorno e vedo che tutti gli altri avventori sono seduti davanti ai rispettivi impiegati. Comunque non facciamo storie.  Mi sembra di essere un detenuto al suo primo ingresso in un film americano. Il mio ufficio matricola però è questa giovane signora dall’accento napoletano.  Per depositare i documenti ci bobbiamo chinare senza superare una linea beigiolina, una specie di genuflessione.

Dpcm: Tanto rumore per nulla

Alla fine dopo un lunga telefonata della signora, che ho immaginato chiamasse qualcuno in smart-working per farsi spiegare come fare, riusciamo.

La burocrazia spicciola spesso fa il verso a quella più grande che gestisce tanta parte del nostro Paese. Il tono e la condiscendenza è preoccupante.

Il Dpcm tanto atteso non ha prodotto niente di particolarmente rilevante. Direi quasi tanto rumore per nulla. Il Fiero Conte non ha voluto sentire ragione o regioni, nulla poté, raccontano le cronache, neanche il potente Franceschini: “La strategia è cambiata, bisogna tutelare salute ed economia”. Niente di draconiano se non la possibilità dei sindaci, immagino sentiti i prefetti, di chiudere le piazze orari più scaglionati per le scuole e qualche limitazione per i ristoranti e i bar. Per il trasporto pubblico, vero nodo della questione, non ho capito bene cosa si intenda fare. Comunque le scuole non sono state chiuse, e siccome era una richiesta di molti governatori, siamo grati al fiero Conte per aver resistito.

Purtroppo però mentre noi ci arrocchiamo nella speranza di uno stallo il covid nostro non sembra cercare la patta.

State bene e adelante con judicio!

Scrivania con para schizzi

Coronavirus: Diario di crisi, weekend 30

Ettore si aggira per casa con costume\pigiama da Dart Fener, con tanto di mantello, però se gli chiedo mi dice, ovviamente, che lui è Batman. Fuori c’è il sole ma oggi stiamo in casa. Tortellini ricotta e spinaci per loro tre, insalatona per me. Ieri invece ci siamo fatti una bella passeggiata, sempre on l’idea che potesse essere l’ultima, in centro. Beh signori miei Roma il sabato pomeriggio è piena di ragazzi e turisti come ai vecchi tempi o quasi. Prima di giungere all’Istituto Centrale per la grafica di stato, a me incognito fino ad ora, che ospita una spettacolare mostra con tanto di incisioni in acciaio e bronzo di Giovanni Battista Piranesi, incontriamo tanta bella gioventù biondazzurra, latina e colored. Tedeschi, francesi, pariolini e casilini tutti insieme per via del Corso. Dove un tempo il Piranesi aprì la sua bottega.

Giuliano ed Ettore divorano un pezzo di pizza con la mortadella che sembra la fine del mondo.

Mi sono chiesto se tutte quelle persone in giro, mascherate ma a spasso, sarebbero disposte a farsi rinchiudere un’altra volta. Perché il grande successo dello scorso lockdown è, a mio modestissimo avviso, stato anche riuscire ad ottenere la nostra quasi totale collaborazione. Ne ho parlato con Martina mia compagna di claustrazione e anche lei mi ha detto che non sa. L’altra volta eravamo più spaventati era tutto nuovo e terribile. Non so come reagiremo questa volta. Non voglio sembrare un “esagerazionista”, però spero che il Fiero Conte trovi un punto di caduta che non preveda la chiusura delle scuole o peggio il lockdown. Poi, sia chiaro, io mi adeguerò perché il faut.

Mi lascio andare queste riflessioni mentre con Giuliano osserviamo le claustrazioni immaginarie del grande Piranesi. Penso a mio padre, suo grande cultore, che si sarebbe perso volentieri tra incisioni ed acqueforti. Una delle sezioni si chiama appunto i capricci delle carceri, speriamo di poterci risparmiare sia gli uni che le altre.

Dobbiamo capirci su cosa sia essenziale. La scuola lo è!

So che ognuno di noi ha qualcosa di irrinunciabile, dipende da quello che siamo e da quello che facciamo. Chi ha la responsabilità di scegliere per tutti noi si trova in una situazione non facile. Si scelga in modo razionale e non emotivo se possibile, il covid nostro c’è è cattivo e ci dovremo convivere ancora per un po’. Si parla di nuovo di una data prossima per il vaccino, speriamo, per intanto attrezziamoci con quello che abbiamo.

La crescita è esponenziale di settimana in settimana, venerdì scorso eravamo arrivati a 20.989 questo venerdì siamo arrivati 43.240, più del doppio.

I tedeschi e i francesi non sembrano disposti a chiudere le loro scuole spero che si faccia altrettanto anche da noi, anche se la Campania è parte grande e notevole della nostra Italia ha in parte già proclamato la nostra resa.

Mentre scrivo le indiscrezioni sul prossimo Dpcm si susseguono a qualcosa dovremo rinunciare il punto e capirsi su cosa sia essenziale.

State bene e adelante con judicio!

Incremento settimanale dei casi

Coronavirus – Diario di crisi giorno 216

Oggi 16 ottobre, data già infausta per altre tragiche vicende romane, il diario mi costa un po’.

Sono troppo addolorato per la piega che le nostre vicende stanno prendendo. Al primo stormir di fronda i capi delle regioni hanno cominciato a chiudere le scuole. Dopo le prima avvisaglie dei giorni scorsi, con i presidenti di regione contrapposti alla Azzolina,

De Luca ha chiuso tutte le scuole in Campania, che aveva aperto per ultimo da pochissimo. Senza nessuna gradualità o differenza. Inevitabile quanto inutile la zuffa con il ministro dell’istruzione. A parte il desiderio di prendermela con il padre e la madre del titolo V della costituzione, che hanno un nome e un cognome preciso e sono anche regolarmente sposati, mi rendo conto che ancora una volta i primi ad essere sacrificati sono stati i bambini e che sarà così anche in altre regioni e poi, probabilmente, su tutto il territorio nazionale. Ricordo ancora una volta che la Campania è la regione con il maggior numero di abbandoni scolastici d’Italia in termini assoluti.

In tutto questo si è preparato per tempo un piano per la DAD (DID), didattica a distanza\didattica integrata? Pare di no. In un’epoca in cui tutto è smartabile (sic) pare che la capacità di programmare non lo sia. Eppure lo sapevamo che con i primi freddi sarebbe finita così. Perché non organizzarsi durante la tregua estiva? Oppure qualcuno ha veramente creduto al pettinatissimo e leccatissimo anestesista di mezza età? Per i trasporti nessuna soluzione se non la chiusura delle scuole.

Rabbia a parte ci dobbiamo organizzare. Dobbiamo fare in modo che i nostri figli almeno non restino imprigionati nelle pastoie della DAD. Devo immaginare un percorso, delle cose da fare e da dire con Giuliano ma anche con Ettore. Almeno noi genitori proviamo a programmare un po’. La mia speranza è ancora che non chiudano le scuole che provino qualcos’altro prima ma non mi pare che abbiano tanta fantasia, chiudere le scuole è facile ed anche efficace, per carità. Vedremo cosa si inventeranno per Milano tornata capitale morale del covid nostro.

Ci si avvia a grandi passi verso un nuovo Dpcm. La chiusura almeno dei licei sembra scontata inoltre si immagina un coprifuoco come in Francia, non si capisce se solo per alcune zone oppure ovunque. Pare che il problema principale siano i bus i trasporti pubblici ora non voglio fare la proposta classica dell’anziano fascistone ma l’esercito non ha un po’ di mezzi da mettere a disposizione?

Oggi quando andrò a prendere Giuliano ed Ettore saprò che potrebbe essere ancora una volta il loro ultimo giorno di scuola.

Sull’Ansa leggo una lunga articolessa di aggiornamento e trovo questa frase attribuita al Ricciardi, quello che aiuta Speranza prendere le decisioni sul Covid nostro. “Il contact tracing non sta funzionando né manualmente, con le interviste ai positivi al virus sui loro contatti, né tecnologicamente con l’app Immuni”.

Capisco che la situazione ci è sfuggita di mano e che ci aspetta un lungo e chiuso inverno. Da oggi lo Spallanzani ricovera solo per Covid.

State bene e adelante con judicio

Coronavirus – Diario di crisi giorno 215

<< Ma anche se ci sarà il lockdown per Babbo Natale non sarà un problema. Lui viene lo stesso vero?>>

<<Bah, meglio che preparate subito la letterina, quello è anziano, sovrappeso e sicuramente diabetico. Capace che deve stare in casa pure lui, ha troppi fattori di rischio>>.

<<Papà ma che dici, che ne sai che è diabetico>>?

<<Ma secondo te amore mio, questo signore anziano, con quel pancione che si ritrova, che in una notte si berrà qualche miliardo di tazze di latte e si mangerà qualche fantastilione di biscotti, può non essere diabetico? Per sabato voglio le letterine.>>

Così ieri sera a cena abbiamo affrontato la questione del lockdown natalizio. Con Ettore che diceva <<Bappo Natale potta regalini.>>

E così ridendo e scherzando ci stiamo preparando a quella che sembra un’eventualità sempre più prossima. Israele ha chiuso, approfittando di un periodo di festività, UK farà lo stesso, la Francia ha già messo in atto un coprifuoco che neanche ai tempi dei bombardamenti della seconda guerra mondiale, in Olanda c’è qualcosa di molto simile. Non so come finirà ma io a comprare un po’ di giocattoli ci vado. Sopporterò come sempre tutto ma i “legalini di Bappo Natale” come dice Ettore sono il superfluo di cui abbiamo bisogno. Nel frattempo il fiero Conte prima rimanda la questione alle regioni e poi ammette esplicitamente che l’eventualità della chiusura c’è.

 I legalini di Bappo Natale, come dice Ettore, sono il superfluo di cui abbiamo bisogno

Sono un po’ infastidito da questa storia che se ci sarà o non ci sarà dipenderà dagli italiani. Bene che siamo un Paese cattolico e che Conte è devoto a Padre Pio però… Certo dobbiamo far tutto quello che possiamo come individui e come famiglie ma lui fa il presidente del consiglio avrà qualche responsabilità in più, o no, anche riguardo al covid nostro. Trasporto pubblico, tracciamento, organizzazione degli ospedali e delle scuole sono leve importanti su cui lavorare prima di ritrovarsi di nuovo costretti a chiudere.  Mi pare poco generoso il fiero Conte, poi considerando quanto deve al covid nostro.

Speriamo che ci aiuti almeno Babbo Natale che è una cosa seria sia quando c’è che quando va via come ci spiega in quest’articolo Massimiliano Di Giorgio.

Molti per regalo vorrebbero il vaccino per chiudere definitivamente questa storia, i capi delle nazioni a Bruxelles già discutono di come dividerli e distribuirli. Non è passato neanche un anno da quando la pandemia si è manifestata con tutta la sua violenza la prima volta. Quindi anche solo per una questione di tempo a disposizione le fasi tre della sperimentazione, quelle che si fanno su un campione di migliaia di persone, non sono ancora in grado di dirci quanto durerebbe la copertura, e il grado e della sua efficacia. Certo credo che lo prenderemmo anche se ci dicessero che ci copre per tre mesi e che ha un efficacia del 60%. Comunque non credo se ne parlerà così a breve.

Comunque Giuliano vuole delle carte Pokemon, ma delle carte in particolare speriamo che il nostro eroe di rosso vestito sappia smanettare un e-bay. Ettore invece vuole legalini.

State bene e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 214

Beh buon #Natale a tutti! Come purtroppo previsto dalle pagine del nostro diario (vedi giorno 193) il Natale è preda del Covid nostro. Il Professor #Crisanti, generale romano-veneto, salvatore della patria, detto il tamponatore, delle cui gesta contro la prima ondata parleranno anche i nostri nipoti, al grido di “delenda Coviddi” propone di chiudere tutto proprio a Natale. Il ragionamento del microbiologo non fa una piega: volete mantenere la continuità educativa? Volete tenere aperti gli uffici e le aziende? Ok, però a Natale quando ci sono le vacanze scolastiche, chiudiamo tutto.

Praticamente il #Grinch. Però razionalmente, a parte le evidenti conseguenze economiche che scaturirebbero dall’abolizione di imperio della più importante festa religiosa e mondana del nostro calendario, non riesco dargli del tutto torto. Quindi sbrigatevi a fare shopping che il Grinch chiude tutto per il 23.

Domani vado a comprare i Batman lego che avevo visto per Ettore, mi devo far dire da Giuliano che vuole credo voglia il Millennium Falcon quello costa però uno sproposito, dovrà addivenire a più miti consigli.

Comincio a vedere un po’ di mascherine anche nei format tv e presto irromperanno anche nelle fiction e nei cine panettoni.  I fa quasi più impressione che dal vivo. La tv era il mio tempio del mondo prima del covid nostro.

Purtroppo i dati non sono e non saranno confortati per un po’. Oggi sono andato in macchina con collega tutti e due con i musi azzurrini per le mascherine.  Ieri invece sono andato a prendere Giuliano in bicicletta, me la sono fatta tutta di corsa è stato bellissimo, mi sono sentito quasi giovani e bello.

Coronavirus – Diario di crisi giorno 213

Giuliano vuole che lo porti a tagliarsi i capelli, io un po’ esito ma alla fine lo porterò. È che il barbiere cui ci eravamo affezionati ha deciso dopo aver fatto l’ultima grande sforbiciata post  lockdown di chiudere per sempre. Si chiama Dino un uomo con tante storie da raccontare sempre gentile ma data l’età e l’onorato servizio comprendo. La volta scorsa dopo gli sport di contatto chiusero, le palestre, le piscine, le scuole e  i barbieri, appunto, in un crescendo di Dpcm che portò poi al lockdown del Paese.

Riuscirò a portare Giuliano dal barbiere prima che li chiudano?

I capi delle regioni sembra che nella notte abbiano chiesto di chiudere un po’ di classi per alleggerire il trasporto pubblico. Per il momento la Azzolina ha potuto prendersi un po’ di rivincite rispondendo di no a muso duro. “I ragazzi sono felici di andare a scuola e ci devono rimanere” il che nel caso dei miei è anche vero. Il fiero Conte nel frattempo riflette.

Intanto sui social almeno da qualche giorno gira questo testo:

SCIOPERO PER LA CHIUSURA DELLE SCUOLE CAUSA COVID 19:

Questo sarà il primo sciopero di una serie di tanti finché non cambierà qualcosa o almeno non otterremo la chiusura delle scuole.

È importante che aderiscano tutti perché ne va per il nostro bene. Domani 13 ottobre noi ragazzi dobbiamo presentarci davanti scuola senza creare assembramenti senza entrare a protesta del modo in cui dobbiamo trascorrere l’anno scolastico. Se qualcuno non aderisce allo sciopero è pregato di stare a casa ma non deve ASSOLUTAMENTE entrare a scuola.

Mi raccomando ragazzi facciamo bene le cose che siamo noi che possiamo cambiare le cose.

FATE GIRARE IL MESSAGGIO A QUALSIASI SCUOLA“.

La disinformatia con il covid nostro si trova  benissimo

A parte l’italiano più che incerto, quasi da phishing est europeo, non risulta nessuna organizzazione di ragazzi in carne ed ossa che abbia la paternità di questo sciopero. Sta di fatto che più di un figlio di miei conoscenti è rimasto a casa. La disinformatia può fare grandi cose ai tempi del covid nostro.

Del Dpcm con le raccomandazioni per una festa in casa ben riuscita ai tempo del covid-19 non vi dico nulla se non che non sarà l’ultimo e che a parte l’ironia, che vorrei ci fosse lasciata, ci dovremo abituare.

State bene e adelante con judicio

Coronavirus – Diario di crisi giorno 212

Con Ettore ieri abbiamo letto un bel fumetto di Batman, il suo più grande eroe. <<Che wole fare Batman, che wole fare?>> <<Vuole prendere i cattivi.>> <<Sìììì!!>> In questi casi bisogna stare attenti, perché Ettore vuole una risposta precisa che ha già in mente se la sbagliamo si arrabbia molto. Fino a poco tempo fa Batman correva solamente ora invece si impegna anche nel suo lavoro di acciuffa criminali.
A volte penso che anche noi come Ettore vogliamo una risposta e prescelta. Purtroppo però non sempre riusciamo nel nostro intento autoconfermativo. Gli “esagerazionisti” che non sono dei veri negazionisti, per esempio cercano disperatamente qualcuno che gli dica che in fondo è tutto un complotto per dominarli e spennarli e alla fine, pur non trovando quasi nessuno di autorevole che gli dia ragione si trovano fra di loro e si confermano nelle loro teorie.
Una delle frasi che mi ha torto le budella di più da quando è iniziata quest’orribile storia è “io al covid non ci credo”, come pure il suo contrario “io ci credo al covid”. Come fosse un atto di fede. Gli esagerazionisti tendono a dire che loro ci credono ma si sta esagerando, questo poi si declina in varie forme e modi.
Dopo la vicenda di ieri del capo di Gabinetto Prefetto Frattasi che ha precisato tre volte cosa siano l’attività motoria e quella sportiva per poi stabilire che nulla era cambiato per l’uso della mascherina, quindi, aggiungo io, in bicicletta si può andare senza, c’è da aspettarsi che con il Dpcm prossimo venturo ci saranno altri dettagli discutibili e al limite della fantasia della burocrazia italiana.
La sostanza però già la conosciamo, niente feste, niente calcetto, niente movida e niente assembramenti. L’inverno si avvicina e con lui anche quello che cominceremo presto a chiamare picco della seconda ondata. Quindi pur trovando fortemente limitativi delle nostre libertà personali i provvedimenti che si susseguiranno da qui alla prossima primavera dovremo adeguarci a meno che non si sia disposti a sacrificare una parte importante dei nostri anziani e più di qualcuno dei nostri adulti maturi.
La risposta che molti vogliono sentire alla loro domanda è <<Eureka abbiamo il vaccino! >> temo che nonostante gli annunci di molti dei governanti nostri e altrui dovremo aspettare ancora un po’.
Qui piove e fa un po’ più freddo se potete aprite comunque le finestre nei vostri uffici e non dimenticate di lavarvi le mani e mettervi la mascherina. Questo è quello che possiamo fare noi alle istituzioni tocca tutto il resto, che non è poco. Vediamo se i pediatri e i medici di famiglia verranno veramente dotati di strumenti utili come i test e se ci si occuperà del trasporto pubblico pericoloso ogni giorno di più se non potenziato. Vediamo se il sistema del tracciamento che in UK non funziona qui da noi è davvero così efficace. Vediamo se riusciremo almeno a fare i vaccini antinfluenzali, che poi cos’è questa storia dei vaccini cinesi per la Lombardia bocciato dall’Aifa. Abbiamo avuto un lungo periodo di tregua nel quale prepararci all’inverno non posso credere che non sia stato fatto nulla.
Una scelta politica sembra essere stata fatta un solo tampone in uscita dal covid nostro per averne di più a disposizione e testare più persone. 10 giorni anziché 15 di quarantena per aver più persone attive. Speriamo siano scelte giuste. Leggo solo ora che in UK ci sono più ricoverati che in marzo spero sia un errore ma temo di no.
State bene e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario week-end (di paura) 29

Veniamo accolti da una guardia giurata con una notevole somiglianza con Hagrid, il guardiano di Hogwarts, ma con il barbone rossastro, che ci chiede se siamo lì per il tampone veloce o quello molecolare. Noi abbiamo sia una ricetta dematerializzata per il molecolare che una ricetta su carta bianca per il veloce. Hagrid ci dice che se non abbiamo dei motivi seri non ci fanno fare il veloce.
<<Perché se dovete fare il veloce vi faccio entrare che ho ancora qualche posto. Il molecolare invece.. aspettate qui.>>
Sono le otto del mattino e siamo in macchina fuori dal cancello dell’ex Forlanini dietro di noi si sta formando una fila notevole. Provo a spiegarvi come e perché ci siamo finiti.
I dottori ci rispondono e ci consigliano
Mentre sono al Pc verso le 17.00 di giovedì a scrivere proprio questo diario mi chiama Martina e mi dice che così, così e così. Insomma una persona della nostra cerchia familiare è risultata positiva al test sierologico. Io di persona personalmente non la vedo da 9 giorni però Martina ha avuto un incontro con una terza persona che l’ha visto da poco. Che fare? Intanto stabiliamo che Giuliano non va in piscina. Poi io mi metto a cercare su internet chi fa test sierologici a Roma. Ne trovo uno in viale Marconi una settantina di euro a testa per 4 sarebbe una spesa non trascurabile.
Decidiamo di chiamare il nostro medico di famiglia che nonostante l’orario dopo un po’ di tentativi e un paio di messaggi allarmati risponde. Ci consiglia un tampone rapido in un laboratorio privato ai Parioli, il test sierologico ce lo sconsiglia. Chiamiamo anche il pediatra che appurata la situazione ci dice sostanzialmente che possiamo fare quello che vogliamo ma ai bambini niente. Se risulteremo positivi noi allora si provvederà anche a loro.
Code davanti ad un laboratorio privato di Roma Nord
Si fanno più o meno le 18.00 questo laboratorio pariolino non risponde, del resto noi siamo di Roma sud quindi un po’ di scostanza ci sta. Decidiamo di andare. Sul sito si parla di percorsi protetti e tempi di attesa ragionevoli in un contesto che si dedica ai tamponi rapidi proprio dalle 18.00. Armati di una ricetta bianca che ci siamo fatti mandare con Wapp dalla dottoressa giungiamo sul posto. Troviamo un esercito di ragazzi che attornia la palazzina armato di un numeretto. Sono appiedati e si appoggiano o si siedono un po’ dove possono. Diciamo che me la sento senza tema di essere smentito che di definire quell’’insieme di persone in attesa un assembramento. Tutti mascherati ma serrati e vicini. Chiedo ad una coppia di ragazzi da quanto sono lì e come funziona, scopro che aspettano dalle 14.30 per avere un numeretto che ora gli darà diritto ad entrare nello stabile dove c’è il laboratorio, quando li chiameranno. In macchina mi aspettano due bambini e mia moglie penso che metterci in fila in quella situazione ci esporrebbe al virus più di qualunque altra nostra attività precedente. Risalgo in macchina e andiamo via. Noi non abbiamo nessuno cui lasciare i bambini quindi dobbiamo trovare una situazione che ci consenta di portarli con noi.
Ai Parioli una fila che sembra proprio un assembramento meglio il drive – in pubblico
Richiamiamo la dottoressa che ci risponde, devo darle atto di aver avuto una certa pazienza nonostante l’ora, conveniamo che a questo punto per noi sarebbe meglio fare un tampone molecolare al drive -in dell’ex-Forlanini.
Questo ci porta dal nostro Hagrid che dall’abitacolo della mia utilitaria sembra ancora più maestoso.
<<Ma c’avete sintomi?>> <<No però.>> <<Guardate che la fila è lunga secondo me il vostro è uno scrupolo eccessivo. Io al posto vostro me ne andrei.>> Insomma cerca di dissuaderci. Peraltro con il tampone molecolare dobbiamo aspettare l’esito in isolamento. Mi risuona in testa la voce della dottoressa che mi raccomanda di fare prima al spesa perché poi si sta chiusi in casa.
Scendo dalla macchina, varco il cancello e inizio una trattativa con Hagrid e i suoi aiutanti, uno di loro si spaventa un po’ quando gli spiego che uno dei miei familiari è positivo: si allontana di tre o quattro passi, mutando in modo anche un po’ comico la nostra prossemica. Il problema è che non ho la ricetta dematerializzata per il veloce anche perché la mia dottoressa non sapeva che lo potessimo fare lì. Insisto un po’ e mi chiamano un infermiere che dopo aver tentato anche lui di dissuadermi dal fare alcunché ed eventualmente consigliandomi di fare il molecolare ammette che con le ricette che ho posso fare anche l’altro, quello veloce, quella in carta bianca va bene.
Il tampone secondo Ettore
Dopo un’ultima trattativa con Hagrid finalmente entriamo nel piazzale e ci mettono nella fila dei tamponi veloci. Sono circa le 9:30 del mattino eravamo lì dalle 8.00. Restiamo in fila per altre tre ore. Certo Ettore e Giuliano sono fantastici riescono a giocare e a farlo con noi anche chiusi in un’utilitaria. Ettore passa davanti e comincia a far finta di guidare la macchina cosa che gli piace molto. Giuliano si è portato il suo album di carte Pokemon, Snorlax e Pikachu gli fanno una buona compagnia. Parliamo e scherziamo per cinque ore prima che tocchi a noi. Ettore trova anche una spada di plastica piena di acqua e sapone e ci dice che quello è il tampone. <<Tampone quetto, tampone!>> Le altre macchine in fila ospitano persone abbastanza giovani e molti genitori con figli, credo inviati lì dalle Asl per casi a scuola, oppure persone che, credo, vogliano partire, prendere l’aereo. Sul pratone che circumnavighiamo si formano anche dei piccoli capannelli di ragazzini che chiacchierano e giocano. Noi i nostri li teniamo in macchina.
Cinque ore di fila in tutto
Quando mi infilano il lungo cotton fioc nel naso fa un po’ male, il fastidio mi resterà per un po’. Dopo di me anche Martina, tutto restando seduti ai nostri posti. Il prelievo ce lo fa una ragazza, gentile e sorridente, che cambia i guanti ad ogni procedura e che è ovviamente tutta bardata con un tuta bianca “anti covid”, mascherina, para schizzi e tutto quello che serve.
Ci fanno parcheggiare al centro del giardino che abbiamo circumnavigato in quattro ore, dopo mezz’ora un’altra ragazza bianca comincia cercarci dicendo ad alta voce i nostri cognomi, macchina per macchina. Negativo e negativa. Tutto bene. Giuliano ci rimprovera di avergli fatto perdere un giorno di scuola inutilmente. Però siamo stati insieme ed è una bella cosa sempre, inoltre siamo decisamente più tranquilli.
Torniamo a casa e cominciamo a riprendere la normalità della nostra vita. Giuliano si mangia un pantagruelico piatto di pasta al gorgonzola e anche noi ci diamo il nostro bel da fare.
Dopo qualche ora cominciano ad arrivare i risultati delle altre persone che erano state a contatto con il nostro presunto paziente uno, tutti negativi. Allora dico a Martina ma hai visto mai che sia negativo anche lui? Perché il test sierologico non è affidabile come un tampone. Il giorno dopo sabato mattina, arriva il responso del tampone molecolare del nostro presunto paziente uno negativo anch’esso. Insomma stiamo tutti bene!
Riguardatevi e Adelante con judicio!
Ragazza con tutta anti covid

Coronavirus – Diario di crisi giorno 209

Giuliano comincia a leggere qualche libro dalla mia biblioteca. Ne ha pescato uno da solo senza alcun mio suggerimento. Sono stato tentato di dirgli che no, che era meglio che leggesse qualcos’altro ma poi ho lasciato perdere. Niente censura se poi lo troverà troppo complicato Amen.

Sole e acciaio di Mishima ha culti a me pressoché sconosciuti, corpo, arti marziali, ma ha un titolo di una bellezza rara. Giuliano ni chiede di interpretargli alcune metafore e similitudini sul corpo e la mente lo faccio volentieri. Mi accorgo che è incuriosito.

Di sole oggi ce n’era più di un po’. Ettore ha provato a guidare la macchina sulle mie ginocchia e si è molto divertito. Il Covid nostro lambisce le coste del nostro sud ogni giorno di più. Il dubbio che le regioni non abbiano usato il tempo prezioso avuto finora per organizzarsi e ampliare ospedali e terapie intensive comincia serpeggiare sui giornali.

La Germania nostro specchio ordinato, è molto più simile a noi di molte altre nazioni per storie, orrori e bagliori, ha anch’essa una brutta impennata di contagi. Del resto il generale inverno farà molti prigionieri e marcerà a passo sostenuto.

L’acciaio delle macchine in fila per eseguire i tamponi ha contato questa settimana 20.989 nuovi casi di contagio da coronavirus, il 50% in più. Se guardate un grafico fa un certo effetto questa settimana c’è stato proprio un brutto scatto. Una progressione simile potrebbe portarci in un baleno in acque perigliosissime.

La situazione non è paragonabile a marzo o ad aprile perché il rapporto tra tamponi fatti e positivi è decisamente diverso. 1 su 4 di allora contro i 3 su 100 di adesso. Anche il tasso di letalità è molto diminuito però la progressione dell’ultima settimana spaventa anche un profano come me.

Nel libro di favole di Giuliano ed Ettore c’è una bellissima fiaba che racconta di come un ricchissimo principe accettò di pagare un mercante che gli aveva portato un nuovo passatempo da lui inventato, che poi si rivelerà essere il gioco degli scacchi, con un compenso a scelta dell’eroe. Questi scelse di essere pagato con un chicco di riso e il suo doppio, ed il doppio del doppio e così via per tutti gli scacchi di una scacchiera. Il principe, in altre versioni lo Scià, il Faraone, gli chiese se fosse sicuro in fondo un pugno di riso era poca cosa. Il nostro eroe accettò. Al momento del pagamento il sovrano si rese conto di non avere abbastanza risorse per pagare il suo debito. Perché le caselle degli scacchi sono 64 e la progressione sarebbe quindi questa 2,4,8,16,32,64,128, 256,521,1024,2048,4096,8192,16384,32.768,65536,131072 e cosi via fino a raggiungere la cifra di diciotto miliardi di miliardi di chicchi di riso, cui dobbiamo aggiungere il riso che c’è nelle altre 63 caselle. Ok se il covid nostro prendesse questa piega, cosa possibile, come dice un mio amico “Semo der gatto”.

Oggi 5372.

State bene e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 208

Il delirio delle file per i tamponi per il momento ci è stato risparmiato. Notizie ferali però ci raggiungono su file di drive in non lunghe ma lunghissime. Spesso mi chiedo come mai nel mio Paese sia tutto così complesso è complicato. Anche vaccinare i bambini e noi stessi per l’influenza ordinaria è diventato piuttosto ostico. Sono giorni che mi sbatto tra numeri della Asl e pediatra con scarsissimo successo.
Giuliano vuole che rivediamo tutti Harry Potter, anche se lo conosciamo a memoria, perché è tradizione. Tra gli universi artificiali per bimbi grandi e piccini è uno dei miei preferiti, certo ho qualche difficoltà a riguardarlo tutto ogni autunno però lo faccio.
Pare che la regione stia aprendo qualche drive in in più, speriamo. Oggi c’è di nuovo il sole e anche Pomezia mi è sembrata più bella. In realtà l’azienda in cui siamo andati per dei corsi è molto interessante e tecnologica. Tutti con le mascherine ma tutti indaffarati. Progettano e testano pneumatici per uno dei più grandi marchi del mondo.
Tornando a casa su Viale Trastevere, pieno di persone verso le 17.00 come ai vecchi tempi, tutti a o quasi avevamo la mascherina. Attira la mia attenzione un signore che la tiene appesa all’orecchio mentre parla al telefono a fa qualcosa alla sua bocca, guardo meglio e mi accorgo che si sta pulendo i denti con un filo interdentale, così mentre passeggia e parla al cellulare. L’ho trovato un gesto particolarmente sconveniente soprattutto oggi.
Nel frattempo siamo arrivati a 4.458 nuovi casi e 22 morti.
State bene e adelante con judicio!
Uno degli ingressi del Senato. Quando entra un parlamentare che è di guardia sbatte la spada sulla placca in segno di saluto.

Coronavirus – Diario di crisi giorno 207

Fino alla fine dell’anno i licenziamenti sono bloccati e questo è stato sicuramente un bene. Il problema è che i tappi prima o poi saltano e, come mi spiega un collega in auto mentre raggiungiamo Pomezia, a un certo punto bisognerà che diano alle aziende di nuovo la possibilità di licenziare le persone perché altrimenti rischiamo di saltare le imprese stesse. Non so se sia sempre vero, sono state molto aiutate dalla cassa integrazione, ma l’idea di un fiume di licenziamenti con il nuovo anno mi spaventa. Mi informo chiedo un po’ in giro e scopro che alcune aziende hanno già una lista di esuberi, sanno di non potercela fare.

 

A Pomezia vado giusto nella zona industriale non vedo grandissimo movimento piove e viene giù il mondo. La zona è in parte abbandonata, altre crisi ci sono passate sopra lasciando più di qualche qualche segno.

 

Piove, leggo che a Venezia viene giù il mondo ma il MOSE funziona. Penso a Gianni De Michelis che ne sarebbe stato felice, ne fu un grande sostenitore quando contava più di qualcosa, quando diciamo era il “Doge”. Chissà che avrebbe detto del covid nostro. Lui che passava un mese l’anno in Cina quando l’ho conosciuto.

Da gennaio inizierà un fiume di licenziamenti?

Da Pomezia torno a Roma nel pomeriggio vado a prendere Giuliano ed Ettore. <<Dov’è mia mamma dov’è la mia mamma? Dov’è bicicletta dov’è, la tua bicicletta?>> Ettoruzzo è molto deluso dalla mancanza di Martina e dal fatto, ancora più inconsueto, che io sia a piedi. Però se gli spiego che la mamma è in ufficio e che la bicicletta in tre non possiamo alla fine si calma e capisce. Tutti abbiamo bisogno di spiegazioni, non andiamo sottovalutati dobbiamo sapere cosa ci succede e perché. Altrimenti è difficile pretendere da noi accettazione.

 

Passo parte importante della giornata con la mascherina addosso. Mi da fastidio, non mi piace credo sia una limitazione notevole della mia libertà, mostrare il mio viso e respirare liberamente non è una parte trascurabile delle mie libertà individuali, ma lo faccio perché mi hanno spiegato che così do una mano. I casi sono saliti oggi 3678 nuovi, qui nel Lazio +357 in Campania +544.

 

Ogni giorno andrà un po’ peggio. Il fiero Conte ci consiglia di usare le mascherine anche in casa quando riceviamo qualcuno e ha varato un decreto che rende le sue raccomandazioni diciamo così più stringenti.

Varato il decreto mascherine

La vera ciccia del DL è la proroga dello stato di emergenza al 31 gennaio 2021, e la riduzione dei poteri dei presidenti di Regione sul contenimento del Covid che potranno emanare solo ordinanze restrittive rispetto a quelle del governo e non più il contrario. Altra cosa importante e che si proroga la cassa integrazione in deroga il che allontana ancora per un po’ i licenziamenti.

Noi ci siamo ritirati nella nostra casetta per mangiare spezzatino e guardare il mitico Harry Potter

State bene e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 207

<<Papà è lotto quetto? Quetto è lotto?>> <<No amore non è rotto >> << Ah è aggiustato!>> Constata felice.

Per Ettore il contrario di rotto è aggiustato. Non è sano, intero o nuovo o funzionante, ma solo ed esclusivamente aggiustato.

La cosa è molto significativa, temo che in generale abbia più ragione lui che i vocabolari e il mio linguaggio da adulto corrotto da 40 anni di letture, buone e cattive, e scritture, di solito pessime. Le cose con cui abbiamo a che fare, soprattutto se importanti, tendenzialmente o sono rotte, irrimediabilmente o no , o sono state aggiustate. L’entropia, il caos, che tutto rovina consuma e rompe. Anche le malattie che effetto hanno sul nostro corpo, alla fine anche il covid nostro, o ci rompono irrimediabilmente oppure dopo un po’ il nostro corpo riesce ad aggiustarsi. Di solito anche grazie all’aiuto di qualche farmaco e di qualche buon medico.
Gli aggiustati, cioè i guariti nel mondo sono molti 26,908,407, quelli censiti, ma anche i rotti irrimediabilmente cominciano a spaventare 1,049,751. Ora si da il caso che uno degli aggiustati, anche se ancora non del tutto, sia il presidente degli USA e noi ne siamo contenti per lui.

Manca numero legale alla Camera anche a causa del covid

Il Dpcm è stato illustrato alla Camera dal Ministro Speranza e pare che sarà più laziale che campano, mascherine per tutti ma niente coprifuoco e chiusure anticipate del locali, che vengono lasciate alla libera scelta dei governatori. Il ministro mantiene una linea di prudenza e di cauto ottimismo; senza dire troppo esplicitamente che durate la stagione più fredda le cose non potranno che peggiorare. La maggioranza presenta una risoluzione alla Camera da far approvare credo anche per legittimare il prossimo Dpcm che comunque è un atto, diciamo così, individuale del presidente del consiglio.
Le risoluzioni come gli ordini del giorno non contano quasi nulla ma hanno un valore simbolico. Ebbene il covid nostro ha fatto mancare il numero legale. 41 deputati della maggioranza sono in quarantena fiduciaria, degli altri non so, comunque sta di fatto che il numero legale manca. La risoluzione non passa. Sul lungo periodo e su atti più importanti potrebbe cominciare ad essere un problema. Il Covid nostro comincia a rompere o almeno imballare il nostro sistema di rappresentanza che già secondo più d’uno aveva bisogno di una aggiustatina.

Accompagno Giuliano a scacchi è un bellissimo pomeriggio assolato di ottobre siamo tutti mascherati è un po’ spaventati.

Adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 205

<<Mascherinaaa!!>> Mi giro e mi accorgo che l’urletto è rivolto proprio a me. Una vigilessa un po’ âgé munita di un grande distintivo sul petto, che mi indica convinta. Volto il mio velocipede e protestato la mia innocenza: <<Guardi che in bicicletta posso non portare la mascherina!>> La pizzardona, che nessuno se ne abbia a male a Roma per via del grande cappello bianco a pizza li chiamiamo così, concilia ma mi ricorda di portarla con me. Cosa che io ovviamente faccio. L’idea che la signora possa da giovedì comminare multe fino da 3000 euro un po’ mi spaventa. Comunque riesco a raggiungere la scuola di Giuliano senza farmi comminare alcunché e lì ci mettiamo le mascherine. Lui è particolarmente contento dello zaino nuovo: abbiamo mandato in pensione quello dell’era glaciale che pare con il suo “mammuttone” non fosse più all’altezza della situazione.

Al grido mascherinaaa mi fermano in bicicletta

Spero che si goda questi giorni di scuola, che abbiamo scoperto non fermi nella nostra quotidianità come credevamo. I presidi chiedono di passare celermente ad una scuola per metà on line. Di fatto già 130 scuole, visitate più o meno frequentemente dal covid nostro, hanno dovuto passar alle lezioni a distanza.

Spero si possa resistere ancora un po’ vedremo..

La “normalità” fiscale invece sembra voglia tornare almeno attraverso le cartelle esattoriali che finora erano state bloccate per l’emergenza covid. Dal 15 di ottobre potrebbero riabbattersi su di noi 9 milioni di cartelle esattoriali! Una vera bomba. Ci si aspettava un emendamento, al Dl agosto, in commissione bilancio che questa notte non c’è stato. Potrebbero ripartire anche pignoramenti e su stipendi e pensioni. Chissà che non rinviino ancora magari nel prossimo decreto covid.

Mi ritrovo a Piazza Navona dopo un parco pranzo a base di un tramezzino preso in supermercato; mi guardo intorno e vedo ben tre comitive di turisti, quelle con il numero sulla paletta, i ristornati hanno i “buttadentro” in piena attività e qualche tavolino occupato. Questa parvenza di gioiosa normalità sembra che si debba dissolvere di nuovo.

Mentre il governatore della Liguria tenta una ribellione in stile marsigliese contro i nuovi provvedimenti nazionali che da mercoledì caleranno facendo un po’ più buio il nostro autunno, qui nel litorale laziale si è formato un super cluster nella provincia di latina. Il grappolone ha sfiorato anche l’uomo dei mojto, da quelle parti abbastanza di casa, per un incontro elettorale in un ristorante di Terracina.

Salvini nel grappolo del Tordo, ottimo ristorante di Terracina

Al Tordo un positivo, quella sera pare piovesse e quindi tutti dentro il ristorante con qualche mascherina su e qualcuna giù pure il Salvini cui ora i giornalisti fanno domande sul cluster di Terracina. La Asl di Latina ha sostanzialmente chiesto alle persone di stare chiuse in casa. Una sorta di lockdown volontario.

State bene e adelante con judicio.

Passanti con mascherine

Coronavirus – Diario di crisi week-end 28

Ettore, l’unico di noi che avrebbe diritto al viso scoperto, dopo un po’ chiede e ottiene la mascherina, ché ai bimbi non piace essere diversi.

Qui nel Lazio quest’obbligo non c’è stato neanche durante la prima ondata anche perché all’inizio le mascherine erano introvabili.

Les deux abbassano le loro chirurgiche colorate solo per nascondersi dietro a due supplì per la loro merenda.

Non ci sono abituato, dopo un po’ di cammino mi rendo conto che mi pesa anche fisicamente. Ho una gran voglia di toglierla. Mi chiedo come farei se fumassi ancora. Praticamente è stato proibito il fumo all’aperto poiché fumare con la mascherina su mi pare improbabile.

La domenica mattina l’abbiamo dedicata ai compiti e alla preparazione degli gnocchi. Ci sono venuti benissimo tutti diversi e appartenenti a quattro famiglie distinte.

Ettore mi insegue con un bruco fatto di pasta di sale; noi la facciamo con il sale, appunto, il doppio di farina un po’ d’acqua e zafferano, viene di un giallo strepitoso.

Giuliano mi chiede se mi piacciono più i bruchi o le farfalle, rispondo le farfalle, anche pensando al messaggio positivo, quanto banale, che la metafora della farfalla porta con se. Lui invece mi dice che preferisce il bruco è un po’ come se mi dicesse, per non uscire dalla metafora, che preferisce la sua infanzia oggi alla sua trasformazione, quanto mai incerta, domani. Eppure gli toccherà pure a lui.

Tra bruchi e farfalle decidiamo di fuggire in bicicletta verso il Tevere arriviamo fino alla Fao, ci divertiamo attraversiamo il Circo Massimo in sella. Abbiano l’illusione di essere liberi e normali senza mascherine e in mazzo al prato.

Il nuovo Dpcm pare prevederà controlli più frequenti e stringenti affidati anche ai militari dell’esercito e limiti per feste, ristoranti etc. speriamo bene. Oggi meno tamponi e, quindi, qualche contagio riscontrato in meno: 2578 casi di cui 412 in Campania.

State bene e adelante con judicio!

Bandiera dell’ONU alla FAO

Coronavirus – Diario di crisi giorno 202

Da domani mascherine obbligatorie anche all’aperto. Mi pare di aver capito che almeno in bici posso star senza, il che è importante, per poter portare Giuliano e il suo zaino ho bisogno di tutto il fiato possibile. Non siamo contenti ed è solo l’inizio di una serie di cose non belle che ci aspettano da qui alla prossima primavera, ma va fatta. Tutto quello che possiamo fare per aiutare a contenere la pandemia lo dobbiamo fare. Quindi su la maschera!

Oggi Ettore ha fatto tanti capricci voleva sempre qualcosa di nuovo e diverso ma la sostanza è che i suoi “vojo” si opponevano alla routine che sapeva lo avrebbe portato a scuola. La situazione nelle scuole di ogni ordine e grado non è facile. Molti genitori, quelli che possono, hanno cominciato a prendere in considerazione l’ipotesi di tenere i bambini a casa. La cosa ha un senso soprattutto se i piccoli non fanno le elementari o le medie ma la materna o l’asilo.

Se però le conseguenze della scuola, e della sua riapertura, si limiteranno all’incremento che stiamo vedendo ci si potrebbe quasi stare. Zingaretti annuncia test salivari a tappeto nelle scuole e una campagna vaccinale antinfluenzale senza precedenti. Si fa riprendere con la mascherina al viso e il tamponino in mano. Il Tar intanto si incarica di rimescolare un po’ le carte annullando l’ordinanza di Zinga che rendeva obbligatorio il vaccino per gli over 65 e gli operatori sanitari. Ora sul sito della mia ASL cominciano ad esserci le indicazioni per aderire alla campagna vaccinale 2020-2021.

Se durante la prima ondata i nostri conoscenti con il covid erano pochissimi ora cominciano ad essere di più. So di non essere un campione statistico attendibile ma sulla mia vita questo ha un peso e mi porta a pensare che questa volta qui tra noi al sud sarà peggio. La vicenda di Trump si svolge troppo fuori porta però l’ironia manzoniana del virus non arretra.

State bene e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 201

Il fiero Conte ha annunciato che prorogherà lo stato di emergenza fino al 31 di maggio. I casi son quello che sono. Rispetto a quello che sta succedendo ai nostri ancora relativamente buoni ma il covid nostro ci ha abituato a colpi di coda e colpi di scena. 2548 in 24 ore non sono comunque pochissimi. Speranza, il giovane ministro della nostra malandata salute, che prima diceva che dovevamo resistere fino a primavera ora dice che dobbiamo resistere altri otto mesi, e con il coltello tra i denti aggiunge, chissà quel bel visino dove avrà imparato questa espressione da marines. In questo momento in Italia risultano 52,647 casi attivi, insomma contagiati. Di questi il fato vuole che due siano senatori, una ventina calciatori, uno è un ex presidente del consiglio, che un po’ stiano al TG1 e che uno sia un bimbo che va nella stessa scuola di mio figlio.
A proposito Giuliano ora siede in uno dei mitici mini-banchetti e grazie a questa accortezza arcuriana si è trasferito con tutta a classe dal corridoio ad una classe. La differenza fondamentale, contata da Giuliano, sarebbe che la maestra umanistica ora vuole tenere tutte le finestre mentre prima pare che nel corridoio sentisse freddo.
Ettore fa il tempo pieno anche lui ed è contento, oggi però pranzo al sacco, cioè al posto di servirgli un pasto normale hanno dato loro dei panini. Chissà perché. Ho pensato ad una sanificazione di qualche ambiente in cui deve passare il cibo o alla positività qualcuno che lo maneggia o lo ha maneggiato. Probabilmente è un mio film ma tant’è.
Il mio ex capo Zaia ha di nuovo le sue gatte da pelare 445 casi solo da lui e anche il suo collega De Luca, nonostante le urla e le minacce, 390 casi. Qui da noi nel Lazio 265 di cui 151 a Roma. Il feroce Burioni ci mette in guardia da un virus che circola cattivo come a marzo.
Direi che oggi primo di ottobre i 15 giorni canonici nei quali il contagio si mostra, sono passati dall’apertura delle scuole e forse dobbiamo scontare anche questo al dato odierno, almeno in Veneto, nel Lazio e in Lombardia.
Passo per Campo dei Fiori che si sta preparando per la sera con il suo consueto passaggio dalla frutta alla birra. Ricordo quando era deserto e semichiuso. Dobbiamo stare attenti ma la vita o tornerà chiuso e triste.
Mi pare di aver capito che per risolvere il problema dei positivi in Sere A faranno meno tamponi. Ma sicuramente ho frainteso non sono dell’ambiente.
State bene ed adelante con Judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 200

I banchi “piccoli” poi non giunsero a scuola di Giuliano però i bambini hanno ricominciato a mangiare in mensa, che pare sia stata opportunamente sanificata. I bambini quarantenati, per ora a parte il bimbo “0” tutti in salute, hanno il problema di come continuare a studiare, quindici giorni non sono pochi.

I bimbi della prima avevano appena cominciato la scuola non so come si organizzeranno gli insegnanti ma le lezioni on-line con tutti i loro limiti mi sembrano l’unica soluzione, non so se siano già cominciate. I fratelli nelle altre classi invece devono cercare di non rimanere indietro sta un po’ anche ai loro compagni cercare dei aggiornarli raccontandogli cosa hanno fatto a scuola. Giuliano un po’ lo ha fatto ieri con alcune sue compagne costrette a casa con la sorellina quarantenata insieme a tutti i bimbi di prima.

L’impatto del calcio nella nostra cultura di massa è enorme e questa storia dei tamponi del Genoa ha molto colpito tutti, in grande sintesi se non funzionano per i campioni non funzionano per nessuno. A me invece ha fatto riflettere che avessero messo su un sistema che non prevedeva, praticamente in nessun caso quarantene, se i tamponi dei possibili contagiati risultavano negativi. Il mio timore e che i cittadini pensino lo stesso per loro stessi. Il punto è questo miei affezionati e preoccupati lettori se un nostro convivente o un nostro collega con cui condividiamo la stanza, e con i quale abbiamo contati stretti, dovesse risultare positivo al covid nostro oltre al tampone ci toccherebbe la quarantena: 15 giorni.

“E’ fatto obbligo alle Autorità sanitarie territorialmente competenti di applicare la misura della quarantena con sorveglianza attiva, per giorni quattordici, agli individui che abbiano avuto contatti stretti con casi confermati di malattia infettiva diffusiva COVID-19″ Non dice è fatto obbligo di fare il tampone e poi amen.

Ora la Zampa, sottosegretario alla salute nonché storico portavoce di Prodi, ha detto che il campionato andava sospeso per poi fare marcia indietro precisando che sarà la FGCI a stabilirlo. Intanto due senatori del M5S sono risultati positivi vediamo che protocollo verrà utilizzato per loro, per ora tampone. Mi spiacerebbe constatare che i contatti stretti sono meno stretti per calciatori e senatori. Per ora sanificazioni in commissioni, un gran via vai di lavoratori, molto mascherati, dalle uscite di “servizio”. Tamponi anche per i funzionari. Del resto il covid nostro si è fatto strada tra i politici da un po’.

La guerra tra noi sudici e loro nordici, quell’ostilità sorda e inestinguibile che vidi materializzarsi per la prima volta in caserma, strano luogo ma posto in cui eravamo tutti costretti a mescolarci, con il covid nostro riemerge forte del male estremo e delle estreme misure.

L’idea che possano chiudere Lazio e Campania per l’aumento dei casi quando a marzo chiusero tutto anche se il problema era soprattutto al nord, soffia su un fuoco mai spento. Quando a maggio riaprimmo il paese la situazione era ancora più problematica per la Lombardia che per il sud che quasi non aveva casi. Ora con le nostre vacanze pazzerelle ci siamo rimescolati e l’ipotesi di chiusure locali è più che verosimile.

Ieri hanno trovato il primo caso di influenza stagionale a Parma, una bimba, la pressione aumenterà.

La mia Asl ha risposto a una mia mail in cui chiedevo del vaccino antinfluenzale rimandandomi ad informazioni che “a breve” avrei trovato sul loro sito. Per il momento niente: sul sito ci sono ancora le indicazioni per la campagna vaccinale scorsa.

C’è di buono che Roma è tornata ad essere quel formidabile e rumorosissimo posto in cui sono cresciuto e ingrassato: macchine in doppia fila in curva, grandi suonate di clacson, puzza di tubi di scappamento e comitive di turisti son tornati a popolare il centro della capitale del mondo antico. Lo smart working ha già subito un discreto decremento vedremo cosa succederà dal 14 ottobre data nella quale finisce la cosiddetta procedura snella per mettere un lavoratore in smart. Rispetto alle prospettive anche politiche che la questione ormai pone vi rimando a questo interessante articolo di Massimiliano di Giorgio.

State bene e adelante con judicio!

.

Coronavirus – Diario di crisi giorno 199

Inizialmente tendiamo a negare, anche se sappiamo molte cose sul male cui stiamo andando incontro. Perché il male non ci piace e diamo importanza a qualunque informazione lo possa allontanare e sottovalutiamo tutte quelle che lo avvicinano.

Tendiamo a dire che no ci deve essere uno sbagliò, ma chi lo dice.. ma siamo sicuri.. no vedrai che è una sciocchezza, una bufala. Eppure quando la chat delle mamme impazzisce perché una di loro ha parlato in piscina con una mamma della prima che le ha detto che c’è un caso di positività, appunto in prima, lo faccio forsennatamente, ma un po’ in mala fede. Vengo preso anche da un certo furore moralista perché commentano la notizia con le faccine spaventate. Protesto dicendo che non c’è nessuna ufficialità è che è solo un pettegolezzo, finché non ci girano, sempre in quella benedetta chat, una comunicazione urgentissima fatta dalla preside alle mamme della prima.

<<La sottoscritta comunica che oggi pomeriggio è stata messa al corrente dal genitore di codesta classe dell’esito positivo…>>

Ora… come pezza d’appoggio purtroppo era sin troppo buona. Per chiarire il flusso spaziotemporale: è venerdì sera, siamo in cucina che mangiamo risotto allo zafferano, fuori piove che Dio la manda, Ettore ogni tanto abbraccia il fratello.

La comunicazione finisce con la raccomandazione in cui si invita la classe prima a non venire a scuola il lunedì successivo. In attesa di ulteriori disposizioni secondo il protocollo previsto dalla Regione Lazio.

Insomma il covid nostro ci è venuto a trovare a scuola. E siccome è un bullo della peggior specie, se l’è presa con i più piccoli, i bambini della prima. Nello stesso edificio va a scuola anche Ettore che fa la materna e che non è stato toccato minimamente dalla discussione, invece Giuliano era abbastanza preoccupato gli chiediamo subito se pur stando in quarta avesse avuto modo di frequentare i bambini della prima. Ci dice, con un certo sollievo, che sono in piani diversi e che non si incontrano nemmeno a pranzo. Praticamente non li ha quasi mai visti anche all’ingresso hanno orari diversi.

 

Il punto è che alcuni bambini della prima hanno dei fratelli che vanno in classe con Giuliano e loro si, ovviamente, Giuliano li frequenta. Peraltro uno di loro era stato assente proprio quel venerdì. Ed era stata la prima cosa che Giuliano mi aveva detto quando lo era andato a prendere. Inizia una sorta di indagine per capire chi sia e se il bambino in questione possa essere il fratello o la sorella di uno dei compagni di classe di Giuliano.

Nella chat delle mamme qualcuno dice che se fosse stato suo figlio lo avrebbe detto subito. Ringraziando iddio, i padri costituenti e le cose che il garante per la privacy non ha ancora ceduto integralmente allo stato e ai media, il nome del bambino non viene fatto. E ad oggi nessuno di noi sa chi è, sappiamo solo che è della prima, il che a me sembra più che giusto.

Il problema dei fratelli però ovviamente c’è. Si immagina che tutta la famiglia del contagiato venga messa in quarantena ma i fratelli dei bambini della prima? Le mamme raccomandano di tenerli a casa. Ma la loya jirga della chat di classe per quanto autorevole non è l’autorità costituita. Noi quattro decidiamo di aspettare notizie ufficiali e per il week-end di non frequentare nessuno.

Domenica sera ci comunicano che la scuola durante il fine settimana è stata sanificata e che tutti bambini della prima e i loro fratelli devono fare la quarantena obbligatoria che in un documento successivo viene quantificata in 14 giorni con termine il 9 ottobre incluso. Lunedì la ASL RM 1 conferma la positività del bambino, immaginiamo con un secondo tampone, e la preside tramite circolare ci informa ufficialmente tutti dell’accaduto, ci dice anche che sono stati fatti i prelievi anche agli altri bambini della prima.

Lunedì a scuola i bambini all’ingresso sono di meno, qualcuno arriva un po’ dopo, in ritardo, come se i genitori fossero recalcitranti a portarli. Giuliano ci racconta la sera che l’unico cambiamento è stata la decisione di farli pranzare direttamente in classe e che i fratellini non c’erano, e che una delle maestre li ha cazziati dicendogli: <<Vedete quello che succede se non rispettate le regole, per questo la maestra vi dice sempre di mantenere le distanze e di non toccarvi.>>

Per il momento devo riconoscere che la scuola ha gestito la vicenda con grande civiltà e rispetto anche del piccolo paziente che non conosco e del quale mi auguro di non conoscere mai l’identità. Per il quale pregherei se non avessi litigato con il Signore tanti anni fa.

<<Papà però c’è una buona notizia.>>

<Cioè?>>

<<Domani arrivano i banchi quelli piccoli!>>

State bene e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 198

<<Buon giorno. Vorrei comprare o prenotare il vaccino antinfluenzale che faccio tutti gli anni. E’ possibile?>>
<<Guardi non è ancora chiaro come funzionerà, forse potrà farlo nei centri vaccini o dal medico di famiglia se ne ha diritto. Comunque non ne abbiamo. Qui ne arriveranno poche dosi. E a dire la verità settembre è ancora un po’ presto>>.
Ho preso l’abitudine di fare il vaccino antinfluenzale in un periodo in cui facevo un lavoro che onestamente non mio avrebbe permesso, o almeno così io pensavo, di restare a casa per curarmi. Devo dire che mi trovai piuttosto bene e da allora quasi ogni anno lo rifaccio e quando me ne dimentico me ne pento amaramente.
L’anno scorso l’ho fatto anche a Martina e anche lei si è trovata bene. Glielo faccio io nel senso che le inietto il siero che compro in farmacia e lo inietto anche a me stesso.
Ho fatto richieste simili al mio medico di famiglia e al pediatra dei miei figli. Il mio dottore di famiglia di solito me lo prescriveva, quest’anno mi ha risposto che non c’è bisogno della prescrizione e che posso andare direttamente in farmacia.
Il pediatra mi ha spiegato che non sapeva bene come avrebbe funzionato e che probabilmente tutto si sarebbe fatto nei centri vaccini e che forse non sarebbe stata necessaria la sua prescrizione.
Mi pare di aver capito che il grande acquisto delle regioni abbia messo un po’ in crisi i canali tradizionali. Di noi quattro l’unico ad aver diritto alla vaccinazione antinfluenzale gratuitamente è Ettore, da Giuliano in poi siamo troppo grandi e troppo giovani. Fuori dal target principale.
Provo a chiamare i singoli centri vaccinali e poi il RECUP del Lazio. Non mi risponde nessuno, mai in nessun caso. Faccio il numero unico regionale mi viene recitato un lungo articolo di legge da una voce registrata e poi mi mettono in attesa sono il numero <<30, 7, in linea, siete in linea>>. Poi mi risponde una signora gentilissima che mia aiuta dandomi un po’ di numeri della mia Asl. Provo ma non mi risponde nessuno neanche a questi come non mi rispondono al numero verde per le prenotazioni vaccinali che abbiano usato in passato per Ettore.
Alla fine mi arrendo anche perché ho anche altre cose da fare. Spero che le categorie a rischio abbiano un accesso più facile. Considerando che la campagna vaccinale qui nel Lazio inizia il 1 di ottobre mi pare ancora un po’ troppo farraginoso. Zingaretti ha reso obbligatorio, nel Lazio, il vaccino per gli over 65 sarà il caso che non sia troppo difficile procurarselo.
Mi pare che siamo un po’ nella stessa situazione delle mascherine all’inizio della pandemia la proporzione tra domanda e offerta rende il prodotto introvabile. Che arrivi il buon Arcuri in soccorso?
Mentre scrivo vedo l’allarme della fondazione Gimbe che giustamente dice che bisognerebbe vaccinare anche la popolazione generale per non sovraccaricare gli ospedali e i pronto soccorsi. I loro dati stimano per il Lazio 926.291 dosi per i troppo grandi e troppo giovani.
Comunque questa mattina niente febbre ne sintomi da raffreddamento nonostante piova a dirotto da giorni.
Noi si va avanti con tutte le precauzioni del caso. Perché dobbiamo giocare, studiare, mangiare e lavorare almeno un po’.
State bene e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi week-end 27

Il nostro Paese risulta ogni giorno di più Covid oriented. Tutto si è in qualche modo misurato o adeguato al Covid nostro. La politica, le imprese, i media, la società civile,si sono reindirizzati e riadattati alla pandemia celermente. La scuola invece un po’ zoppica ma il nostro non è un paese per bambini si sa. Quando il Fiero Conte dice all’Onu che la pandemia è un’opportunità pensa un po’ a se ma non solo.

Insieme possiamo voltare questa pagina buia della storia, come 75 anni fa. Insieme possiamo costruire un futuro migliore per i nostri figli

Certo il Covid nostro ha cementato il suo governo ed esaltato la sua figura, ai più ignota fino a poco tempo fa, come nessuno immaginava possibile. Ha consentito al Paese di rinviare sine die una serie di problemi di bilancio che sembravano insormontabili e di accedere a fondi formidabili messi a disposizione dell’Ue. L’opposizione appare frastornata e recentemente anche febbricitante. Questo fine settimana è stato molto piovoso e ci ha costretti a stare in casa, ci siamo fatti una grande polentata con salsicce e spuntature.

Ettore e Giuliano si sono divertiti comunque hanno fatto una grande doccia insieme ed hanno giocato un po’ fra di loro e un po’ con me. Macchinine, via il tappeto e grandi corse per il corridoio.
Giuliano deve fare anche i suoi compiti. Qualche scuola a Roma ha avuto il suo alunno positivo. In alcuni casi è stato chiuso tutto, in altri la quarantena ha riguardato solo la classe dello studente in questione.
Fino a venerdì la situazione era questa: 500 le scuole che hanno registrato almeno un caso di covid nelle proprie classi e oltre 80 di queste sono state chiuse in tutto il Paese. Roma è la città che registra più scuole con almeno un caso: 22. Ora le dimensioni di Roma, è la città più grande e popolosa d’Italia, giustificano in parte questi dati però non è rassicurante e non è un bel primato.
Giuliano mi dice che non vuole ricominciare con le lezioni online. Lo capisco ma gli rispondo che ha ragione ma che faremo quel che ci sarà da fare. Per il momento si va a scuola.

Nel resto del mondo le cose procedono abbastanza bene per il Covid nostro che continua a falciare il grosso delle sue vittime in India, Usa, Brasile, Argentina. Mentre scrivo siamo arrivati a 999.418 morti. Ragionevolmente entro oggi toccheremo il milione. In Europa molte nazioni sono state costrette a nuove restrizioni.
Noi insieme al fiero Conte siamo un po’ inorgogliti dai riconoscimenti dell’OMS, e anche dal video che gira sui social, ma quel tanto di superstizione che alberga in me mi suggerisce di non farci troppo caso. Comunque ci viene riconosciuto di essere stati in grado di far fronte a una situazione drammatica, grazie agli sforzi congiunti dello stato e della popolazione. Sembra che noi si sia trovato un modo per non farci fare troppo male dal Covid nostro ma è meglio che lui non lo sappia. La voce si deve essere diffusa vedo più di qualche turista per il centro.

Miei affezionati lettori con gli sbalzi di temperatura verremo invasi dagli odiati ma meno pericolosi virus del raffreddore e da quelli para influenzali. Curatevi e fate tutto quello che ritenete opportuno ma non tutto è Covid. Anche se pensavo che in fondo tutte le precauzioni che prendiamo contro il coronavirus: mascherine, lavaggio delle mani, distanziamento dovrebbero mettere in difficoltà anche gli altri virus.

State bene e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 195

Sono passati anche qui in Corso del Rinascimento, urlavano qualche slogan che non sono riuscito a capire. Non erano molti, un piccolo corteo. Poi sono andati in Piazza Montecitorio dove ogni giorno ha la sua pena e la sua manifestazione. Chissà che non riescano ad uscire dalla solita liturgia post sessantottina e a sorprenderci tutti chiedendo più scuola, più aule, più libri, più insegnanti e più ore di studio. Un po’ mi pare che lo facciano. In un tripudio di selfie, di fumogeni, di cameraman e musica inizia il corteo da Piazza Montecitorio. Molti di loro sono piccoli, saranno ginnasiali. Spero che un po’ si sia capaci di ascoltarli questa volta hanno più di qualche ragione. Domani di dovrebbe essere, sempre qui a Roma quella nazionale. Mi pare che fossero quasi tutti mascariati comunque.

Noi vecchi invece ce la dobbiamo vedere anche con l’agenzia delle entrate. Purtroppo quello che un tempo si faceva in un attimo mettendosi in fila ed aspettando il proprio turno ora, grazia al Covid nostro, è un po’ più difficile. Arrivati all’ingresso ci accorgiamo che ci sono due impiegati dell’agenzia e un paio di ragazzi della security che gestiscono gli avventori dall’esterno. La sostanza è che non si entra senza una prenotazione obbligatoria da fare on line. La facciamo con il mio Iphone e veniamo collocati nella seconda settimana di ottobre.

Con un pochino di sagacia in più ci si poteva arrivare prima senza bisogno di arrivare fisicamente in questa scatola vuota assediata da avventori sprovveduti come noi.

Ettore non voleva andare a scuola oggi chiedeva alla sua mamma di essere riportato a Roma. Pare che ora casa Plotta si chiami direttamente Roma. Alle precisazioni della mamma rispondeva che allora voleva andare a casa. Il pomeriggio invece voleva tornarci.

Nel frattempo l’ordine dei giornalisti, cui anche io sono iscritto, fa slittare le elezioni per il rinnovo degli organi interni. Pare che ciò sia dovuto al fatto che gli ordini campano e lombardo abbiano ritenuto di non convocare le elezioni nei termini stabiliti a causa dell’emergenza del covid nostro. La cosa appare singolare considerando che si è votato or ora per le regionali.

Uno dei nuovi focolai del Lazio ed in particolare della provincia di Latina è Sabaudia. Tutto sarebbe però cominciato con una festa romana cui partecipò un imprenditore della fu “Littoria.” Almeno questo è quello che spiega la sindaca Giada Gervasi su facebook, dove qualche ora più tardi annuncia l’obbligo di mascherina all’aperto su tutto il territorio comunale fino al 15 ottobre. Quest’obbligo sembra essere preso in considerazione per tutto il territorio regionale, così almeno riferisce il Messaggero.

Detto questo tornando a Sabaudia sono particolarmente interessanti i commenti ai post della Sindaca in cui più di un utente pretende di sapere i nomi di tutti contagiati. La comunità della cittadina, finita la stagione balneare, è piccola quindi immagino che molti dei nomi richiesti già circolino o che addirittura ne circolino in sovrabbondanza. Comunque non risulta al momento che la gogna faccia parte della terapia anticovid, però c’è tempo e noi abbiamo speranza.

State bene ed adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 194

Prima laLiguria, con La Spezia e Genova, poi Latina e provincia infine tutta la Campania. Con questa progressione sono state imposte nuove misure restrittive, che si sostanziano principalmente nell’obbligo di portare la mascherina anche all’aperto. Per Genova si parla dei carruggi stretti che non consentono alle persone di mantenere le distanze. Si sottolinea soprattutto la presenza di alcune etnie. Per Latina e la sua provincia non mi sembra ci siamo particolari toponomastici od etnici da sottolineare. Per quel che riguardala Campania che dire è una delle regioni italiane più densamente popolata, si fanno pochi tamponi ma i positivi sono sempre un bel po’. E poi vuoi mettere un provvedimento restrittivo si porta molto bene di questi tempi. Nel resto d’Europa le cose continuano ad andar malaccio, dal punto di vista dei contagi peggio che a marzo. Certo si fanno più tamponi e sembra che le persone muoiano un po’ meno.

“T’ho fame vojo mantare cioccolato”

Mi dice il mio Ettore che oggi si è salvato dagli acquazzoni. Ha smesso di piovere appena sono andato a prenderlo. Niente cioccolata però yogurt banana.

Certo andare in bicicletta con la mascherina mi darebbe un po’ fastidio ma con la chirurgica riesco. La speranza è che ci lascino quei margini di libertà indispensabili che il signor Johnson non crede ci stiano a cuore in quanto noi italiani e tedeschi di fondo siamo rimasti tutti un po’ fascisti. Devo ammettere che i pregiudizi del mondo non finiscono mai di stupirmi, unicuique suum.

Comunque meglio gli insulti di Bojo che il coronavirus, il covid nostro è meno biondo ma più pericoloso.

Nel frattempo a Milano settimana della moda sottotono e mascariati. Bellissime quelle che portano Dolce e Gabbana.

State bene e adelante con judicio.

Mascherine per bambini al Dinsney Store di Via del Corso


Coronavirus – Diario di crisi giorno 193

Ettore che gioca con le galosce saltando nelle pozzanghere come Peppa PIG mi avverte plasticamente della fine dell’estate e dell’arrivo dell’autunno. Con lui, come abbiamo sempre detto, le cose per il covid nostro miglioreranno e per noi peggioreranno non poco. Staremo più stretti, meno all’aperto e poi è inutile nascondersi dietro un dito la stagione delle influenze non è l’estate, la stagione delle polmoniti, la peggiore complicazione del covid nostro, nemmeno.

I casi qui nel Lazio, che poi alla fine la mia regione demograficamente è soprattutto Roma, salgono da un po’, il che non rassicura.

Ma la cosa peggiore che potrebbe capitarci quest’anno è la fine del Natale. Avete presente quei film americani in cui bisogna salvare il Natale perché un essere crudele vuole distruggerlo? Bene ci siamo, i cattivi sono il SARS-CoV-2, il Coronavirus che ci può infettare, e il Covid nostro, la sindrome che ne deriva precisamente chiamata COVID-19, e il generale autunno giunto ufficialmente fra noi da ieri 22 settembre.

Il pranzo di Natale tutti insieme, la famiglia riunita tre o quattro generazioni attorno all’albero e al fuoco acceso? I mercatini di natale, le luminari, lo shopping, i bambini attorno al presepe, la messa di Natale i regali da scartare al mattino? Beh tutte cose cui potremmo essere costretti a rinunciare. Sono assembramenti classici. Il picco previsto sarebbe proprio a dicembre. Le autorità sanitarie è qualche settimana che si dicono preoccupate per i pranzi di famiglia. Insomma dobbiamo prepararci quantomeno a un Natale più austero.

Le conseguenze sarebbero devastanti non solo sul nostro umore, e quello dei nostri figli, ma anche sulla nostra economia.

Il bambinello nascerà lo stesso ma ci troverà un po’ più spaventati e solitari del solito quest’anno.

Nei film americani alla fine il Natale viene salvato dai nostri eroi e forse è vero anche questa volta.

Una serie di cose le possiamo fare certamente: mantenere le distanze il più possibile, lavarci le mani, portare la mascherina (anche sopra il naso), evitare assembramenti inutili, cambiare aria nelle stanze frequentemente e stare all’aperto il più possibile.

Oggi mentre portavo Giuliano a scuola ho incontrato un muratore acrobatico e una sposa che si faceva truccare davanti a fontana di Trevi prima del servizio fotografico. Temo però che non basteranno un po’ di trucchi e qualche acrobazia per cavarcela questa volta.

State bene e adelante con judicio

Coronavirus – Diario di crisi giorno 192

<<Papà Giujano è pinolo?>> <<Non sono pinolo. Se io sono pinolo tu che sei un chicco di riso?>> <<Dai amor mio un po’ pinolo sei, io sono disposto anche ad essere melanzana se tu accetti di essere pinolo.>> <<Anche anch’io melanzana papà! Giujano pinolo!>>Questa conversazione avviata ieri sera dal dolce Ettore sul nostro essere qualche tipo di vegetale o seme mi ha fatto tanta compagnia oggi mentre ero in ufficio.

Tanta pioggia, un gran bel temporale poi più nulla ora è uscito anche il sole. Tengo la finestra aperta, misura che considero una forma importante di profilassi. Spero lo facciano anche a scuola, Giuliano mi ha assicurato di sì.

La mia amministratrice di condominio dice che non riesce a fare una riunione completa per mancanza di uno spazio adeguato. Comunque arrivo al lavoro in bici dopo la pioggia e lascio Giuliano ed Ettore con la mamma tutta per loro. Oggi scuola ancora chiusa per i seggi.

Queste elezioni ci hanno insegnato che il motto del divo Giulio è ancora più vero con il covid nostro: “Il potere logora chi non ce l’ha.” Più o meno chiunque fosse in qualche modo al potere si è trovato rafforzato ed anche riconfermato nella sua posizione.

Pare che addirittura il pessimo Jair Bolsonero, già negazionista, stia risalendo in popolarità. Le persone quando hanno paura non hanno una gran voglia di cambiare lo status quo, il che è anche comprensibile e forse addirittura saggio.

Vedo le facce ancora abbronzate di molti candidati in TV e penso che ne avremo ancora per un po’ e che Gaber aveva ragione la politica fa male alla pelle.

I primi raffreddori sono cominciati ad arrivare e la mancanza di tatto e il panico di qualcuno comincia a farsi notare. Telefonate del tipo.<< Venga a prendersi sua figlia che ha la tosse da covid>> finiscono sul messaggero.

Il covid nostro ha fatto il suo nuovo record: di due milioni di nuovi casi nel mondo nella settimana dal 14 al 20 settembre (+5% rispetto alla settimana precedente). È sceso invece il numero dei decessi – 10%.

Più modestamente anche a Roma siamo passati dai nove casi in terapia intensiva (registrati il 9 settembre) ai 27 (dato del 20 settembre), praticamente il triplo.

Speriamo che le scuole riaprano ovunque finalmente e che siano pulite e sanificate secondo ragione. Pare che a Napoli stiano prendendo in considerazione di farle riaprire non il 24 ma il 28. Ricordo ancora che ogni giorno di scuola perso per molti bambini è un giorno in più per strada e una cosa in meno imparata e come avrebbe detto Don Milani un calcio in culo in più.

State bene e adelante con judicio!

Bandiere logore

Coronavirus – Diario di crisi giorno 191

Miei cari lettori dopo tanto tempo compulsando i siti e i social mi sono accorto che il covid nostro aveva perso la prima. Oggi è la festa degli elettori e dei candidati che hanno vinto e anche un po’ di quelli che hanno perso. Ve lo dico perché per esperienza so quale insostenibile fatica sia fare una campagna elettorale. E la fine di quella fatica è sempre una festa anche se è andata male anche perché dopo un po’ si impara che e elezioni non sono l’apocalisse ma solo un momento della vita di un Paese.

Certo queste sono state strane perché molte cose tipiche degli appuntamenti elettorali erano parzialmente o del tutto proibite a causa della pandemia. Mentre scrivo sembra che non ci siano state particolari sorprese, ma questo importa poco ai fini del nostro racconto.

Quel che conta è che per consentire il regolare svolgimento dell’esercizio democratico ci hanno buttato fuori un’altra volta dalle scuole. Era inevitabile ma tant’è. Mentre scrivo Ettore è appollaiato sul bracciolo della mia poltrona che mi chiede cose. Qggi abbiamo pranzato tutti e tre insieme: loro gnocchi al sugo e filetti di pollo con le mollichine al forno, io melanzane a funghetto e pane di segale.

Nel frattempo il covid nostro, che qui sembra darci tregua e ci fa guadagnare i complimenti dell’OMS per come ce la stiamo cavando, non molla la presa su molti altri paesi europei. In UK sembra ci si stia avviando a un nuovo lockdown magari con un nome diverso ma quello sarà. Interessante l’idea di dare dei soldi alle persone meno abbienti purché non escano di casa. Metà dei territori francesi sono definiti zona rossa dalle autorità. In Belgio e in Spagna le cose non vanno meglio.

La speranza è che qui la situazione regga ancora un po’. Certo il clima sembra che ci stia aiutando: continuiamo a passare molto tempo all’aperto e nonostante qualche acquazzone qui a Roma sembra ancora estate. La cosa in altri periodi avrebbe prodotto, anche da parte mie, lamentele per il clima che cambia e per le stagioni che non sono più quelle di una volta. Stanti così le cose ci teniamo il caldo e non protestiamo troppo. Che le stagioni non siano più quelle di una volta potrebbe essere uno svantaggio per il covid nostro.

 

State bene e adelante con judicio!

 

Via Petroselli

 

Coronavirus – Diario di crisi week-end 26

Ho votato! Questa mattina prestissimo mi sono reso conto di aver finito gli spazi nella tessera elettorale. Allora mi son vestito, dopo breve abluzione, e sono andato in via dei Cerchi a chiederne un’altra. Lì un signore molto cortese mi ha detto che dovevo andare in Via Petroselli. Era l’alba ci sono andato a piedi, mentre mi avvicinavo la fila che avevo intravisto da lontano svaniva. Alle sette in punto quando aprivano i seggi anche gli uffici di via Petroselli, miracolo dei momenti elettorali, aprivano le loro capienti porte e in pochi secondi fornivano a me e numerosi altri avventori, nonostante il distanziamento, tessere nuove di zecca.

Al seggio ho trovato scrutatrici giovanissime e me la sono sbrigata in un lampo. Ho tenuto la mascherina e mi sono pulito le mani con il gel messo a disposizione nel seggio stesso. Purtroppo ad accogliermi c’era, come spesso capita negli edifici pubblici, una bandiera tricolore logora e mal arrotolata alla sua asta.

Ieri siamo andati a Santa Severa a fare un altro bagno e a visitare il suo splendido castello. Una bella gita, ancora molte persone in giro per le spiagge. Giuliano ed Ettore si sono molto divertiti anche perché c’era il loro amichetto Gianluca.

Mi rendo conto mentre faccio una lunga fila per prendere dei caffè che quest’estate ci siamo mescolati non poco chi più, chi meno. La cosa buona è stata che lo abbiamo fatto, per lo più all’aperto. Tra un po’ comincerà a piovere anche qui e staremo al chiuso e questo probabilmente peggiorerà le cose.

E’ giusto chiarire come fa qualche immunologo che l’incremento di casi che abbiamo visto recentemente non è da collegare alla riapertura delle scuole, non ci siamo ancora con i tempi, ma resta bagaglio delle nostre splendide vacanze.

I capi delle regioni riescono sempre a trovare il modo per far parlare di loro e dei loro bracci di ferro con i capi della nazione, specie se si sta per votare. Ora discutono dell’apertura degli stadi al pubblico per l’inizio del campionato di serie A. Alla fine si accordano per 1000 persone a stadio.

Ogni giorno sui giornali qualcuno ci promette che tutto finirà tal giorno di tal anno. Questo momento purtroppo si sposta sempre un po’ più in là. Queste visioni di un modo senza più il coronavirus e il covid nostro (che sono due cose diverse) , ci vengono consegnate non solo dai politici ma anche dai tecnici della materia che si spingono anche loro ogni volta un po’ più in là. Ora l’anno che verrà, come avrebbe detto Lucio Dalla, è diventato il natale del 2021, così secondo Fauci l’immunologo degli USA. Ce la dovremmo fare grazie ai vaccini, che comunque non avranno una copertura del 100% ma di gran lunga inferiore, tra il 60 e il 70 e politiche sanitarie adeguate. Quindi secondo Fauci non ci resta che “indossare le mascherine, tutti. Tenere una distanza di sicurezza di 180 centimetri o più. Evitare gli assembramenti di qualunque tipo. Cercare di fare le cose all’aperto. E lavarsi le mani il più spesso possibile.”

Vedi caro amico cosa ti scrivo e ti dico\E come sono contento di essere qui in questo momento\Vedi, vedi, vedi, vedi\Vedi caro amico cosa si deve inventare\Per poter riderci sopra\Per continuare a sperare\E se quest’anno poi passasse in un istante\Vedi amico mio come diventa importante\Che in questo istante ci sia anch’io\L’anno che sta arrivando tra un anno passerà\Io mi sto preparando\È questa la novità

State bene e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 188

In UK si parla apertamente di un nuovo lockdown, in Francia Macron ne parlò qualche settimana fa, dicendo che a volte i francesi hanno il coraggio di dire cose che gli altri tacciono. Ora sono due le nazioni europee che non escludono questa eventualità.
Noi nel frattempo ci dovremo riprendere i bimbi in casa perché nel mio strano e bel paese si deve per forza votate nelle scuole. Oggi mi hanno ridato tutte le cosine di Ettore: scarpine da usare solo lì, cambi vari e misti.
Questa cosa del molti e della gravità, mi si perdoni il gioco di parole, mi rendo conto sia relativa. Per Ettore per esempio tutto quello che eccede il due è “tanti.”
951,230 persone decedute per me sono un’enormità per altri no. Ho letto di qualcuno che ha scritto e detto che forse si poteva addirittura evitare di votare data la situazione. Certo tutte quelle dita sulla stessa matita un po’ spaventano anche me. Però mi dovessi portare i guanti questa volta non voglio rinunciare al mio diritto al voto. Dovessi decidere di non votare vorrei che fosse una scelta politica non una imposizione del covid nostro.
Dobbiamo state attenti prendere tutte le precauzioni della caso: pulizia mani, mascherina, distanze, pulizia mani di nuovo.
Mentre tornavo con Ettore in bici mi sono accorto che Roma brulica dì nuovo di persone. Erano più o meno le 14:00 tutti a tavola, grandi tavolate per tutto il centro storico. Molti di noi per una ragione o per l’altra sono un po’ in difficoltà in questo periodo anche a causa del covid nostro. Ognuno ha la sua storia e la dignità ma non sempre è facile.
Nel frattempo la corsa ai vaccini continua. Trump assicura che presto, molto presto li avrà e udite udite, funzioneranno meglio delle mascherine, passaggio piuttosto inquietante, lo speriamo anche noi.
L’Ue chiude accordi per accaparrarsi dosi con tutte le multinazionale del farmaco disponibili. La metafora che viene usata da alcuni immunologi è quella della pizza ordinata in tutte le pizzerie disponibili nella speranza che una arrivi in tempo. Non ho capito perché proprio la pizza comunque per comprendere la piccola parabola culinaria dobbiamo far conto che se la pizza non arriva entro un tempo x il cliente muore.
Che dire, buon appetito (che non si dice) e adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 187

Oggi grande corsa dietro all’8 per raggiungere la scuola. Non trovavo le chiavi della bici ormai era tardi e via. Non era pieno e tutti con la mascherina. Poi grande corsa in via del Corso una roba che neanche i cavalli berberi del carnevale romano.

Con Giuliano riusciamo ad arrivare a scuola per un pelo, col fiatone ma in tempo. La sua classe aveva già cominciato ad avvicinarsi all’entrata. Esausto mi seggo nei gradini semivuoti che coronano la Fontana di Trevi. Vedo una coppia di sposi che per i colori immagino irlandese con il fotografo al seguito gli faccio gli auguri. Sembrano felici in una Roma quasi tutta per loro. Anche prima del covid nostro la mattina presto non c’era troppa gente, certo ora ce n’è veramente poca. Mi accorgo per la prima volta che al lato nei gradoni ci sono incastonati due nasoni. L’acqua scorre un turista con vistosa macchina fotografica si avvicina e beve gargarozzo. Son tentato anche io ma penso a tutte le dita che hanno deviato il flusso verso la bocca e lo trovo poco igienico. Mi perdo qualcosa ma non riesco.

Ettore invece viene rimbalzato tra due entrate diverse, la scuola vuol far entrare i bimbi della materna da un’altra parte. Qualcosa però non va e Martina ed Ettore fanno avanti indietro finché una discussione tra mamme, bidelle della materna e delle elementari alla fine dirime la questione e i bombi passano.

Tra un po’ le scuole richiuderanno dobbiamo votare. Pare che però domani funzionino ancora almeno quella di Ettore e Giuliano. Mani igienizzate, mascherina, distanze e orari prestutini questi i consigli che mi sento di dare ai coraggiosi elettori che si recheranno alle urne tra sabato e domenica. Le mani è meglio pulirle prima e dopo l’uso della matita copiativa. A un certo punto ci chiederanno di mostrare il viso per riconoscerci, tireremo giù la maschera e chissà…

Oggi si è parlato molto del fiero Conte e delle “sue” scuole. Un po’ perché in Prati, elegante quartiere della Roma bene, la scuola dove va il figlio pare riesca a garantire solo due o una lezione a settimana, un po’ perché lui invece va a visitare una scuola a Torbella, meno elegante quartiere della periferia della Roma non sempre bene. Dove invece pare che le cose vadano meglio. Le veline di Chigi narrano anche dei mitici banchi a rotelle già giunti.

Nel frattempo Cirio vince la sfida della febbre: il Piemonte può continuare a misurare la temperatura ai ragazzi che arrivano a scuola, sospensiva respinta. I miei due hanno un destino diverso: Giuliano solo a casa, Ettore anche a scuola, oggi però risultava che avesse 32,6, qualcosa non deve aver funzionato nel termometro. Credo la difformità di trattamento dipenda dal fatto che la scuola elementare è statale e la materna comunale.

Tornando mi accorgo che alcune botteghe non hanno mai riaperto ne ho la certezza dai cartelli che ancora parlano dell’emergenza covid e delle disposizioni di marzo.

Le chiavi della bicicletta non sono venute più fuori mi sono improvvisato scassinatore e in 5 minuti, con martello e scalpello sono riuscito a far saltare il lucchetto, temo non fosse troppo sicuro.

State bene ed adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 186

Mille bolle blu. Una delle soluzioni adottate per contenere l’epidemia sono le bolle. Da noi si fa nei nidi: gruppi di bambini che giocano solo fra di loro e una maestra e non si mescolano con gli altri. Gruppi di 5, 6, 7 dipende dalla disponibilità di educatrici. Ettore quest’estate al centro estivo faceva così.

In Gran Bretagna dove le cose vanno un po’ peggio che da noi, 3991 in più oggi, hanno applicato questa regola in modo non esclusivo ma massivo. Non si può stare in più di sei persone, all’aperto come a casa. Esclusi gli i luoghi di lavoro e le scuole.

Quindi io, Martina, Giuliano ed Ettore potremmo invitare a casa una coppia ma non una coppia con un figlio perché diventeremmo sette: 2550 sterline di multa.

In Belgio e Nuova Zelanda le bolle sociali erano invece esclusive: il tuo nucleo familiare poteva scegliere altre 4 persone con le quali condividere il tempo libero e queste sarebbero state sempre le stesse fino alla fine delle restrizioni. Fu un passo dopo il lockdown.

Vi scrivo delle bolle sociali nelle loro declinazioni perché credo che possano essere un’eventualità? Non lo so, non faccio l’immunologo. Ne scrivo perché mi affascina la fantasia dell’uomo nel respingere l’invadenza del covid nostro. Comunque negli asili romani mi spiegava ieri un’educatrice è una regola che vige, le bolle volano.

Mentre Giuliano si sfidava a scacchi in una parrocchia del centro questa signora, madre di un altro piccolo scacchista, mi raccontava della mascherina, del camice, del para schizzi e dei guanti. Quest’ultimo accessorio lo usano solo durante i cambi, abbastanza numerosi data l’età dei bimbi dei nidi. Bambini che secondo lei sono particolarmente contagiosi a quell’età.

Giuliano ha rivisto il suo maestro di scacchi che ora fa qualche lezione in presenza. Portava la mascherina e tutti noi ed anche bambini la portavano. Giocare a scacchi mantenendo la distanza di un metro non è facile, poi si toccano inevitabilmente i pezzi. Però a Giuliano piace ed insieme alla piscina finché si potrà lo farà.

In piscina invece ho visto le istruttrici dei bambini più piccoli, quelle (e quelli) che stanno in acqua con loro portare il para schizzi. Giuliano invece sta tra quelli più grandicelli e il loro maestro gli da istruzioni da bordo piscina. Sono stato molto contento di vederlo nuotare di nuovo. Io non posso entrare neanche negli spogliatoi ma ho trovato da tempo un luogo esterno dal quale lo spio mentre nuota. Inizialmente credo di averlo cercato per poter fumare, attività alla quale poi mi son sottratto.

Ettore oggi sono andato a prenderlo io, mi è corso incontro felice distogliendosi dai suoi giochi. Mi pare che stia bene a “cquola” come dice lui. Mi ha chiesto dove fosse la mamma e dove fosse il fratello, avute notizie si è rassegnato ed è salito in bici con me. <<Mia cquola questa? È mia cquola!>>

Del nuovo saluto anti covid suggerito dal presidente dell’OMS, mano sul cuore, non vorrei parlare più di tanto però certo è che darsi la mano e abbracciarsi, come facciamo noi sudici, non è ancora consigliabile. Verbalizzare mi pare ancora la strategia migliore.

State bene ed adelante con judicio!

Coronavirus – Diario di crisi giorno 185

Questa mattina levataccia anche per Ettore, la mamma lo ha accompagnato per il suo primo giorno di scuola materna. Era molto contento con Giuliano li incontriamo per Viale Trastevere li salutiamo. Lui ci guarda felice dal suo passeggino. Martina lo porta a piedi, son tre quarti d’ora di passeggiata, mia moglie è una tosta. “Non andrò in palestra ma almeno cammino”.

Giuliano mi ha raccontato della sua classe, delle regole e della filastrocca che le racconta.

Per garantire gli spazi e le distanze non li hanno accolti nella loro solita aula, non l’avevano mai cambiata dalla prima, ma in un grande corridoio al piano di sotto. Non devono tenere la mascherina se non quando la maestra si avvicina. Pranzano a mensa ma la ricreazione la fanno lì nel corridoio dove fanno scuola. Per il momento è tutto nuovo e le cose nuove all’inizio hanno sempre un bei sapore.

I banchi piccoli non sono giunti neanche a scuola di Giuliano, né con le rotelle né senza, quindi li hanno fatti sedere sui banchi classici ad elle, uno nel lato piccolo e uno nel lato lungo.

 

Disposizione alunni sui banchi in classe di Giuliano

Deve riportare a casa lo zaino con i quaderni e i libri tutti i giorni. Li guardo e trovo una filastrocca sulle distanze, le mascherine e il lavaggio delle mani. Le mascherine chirurgiche sono una piccola spesa che si va aggiungere al budget che ogni famiglia ricca o povera deve mettere da parte per la scuola. Nella chat delle mamme si discute della questione, si preferirebbero quelle di comunità che sono lavabili. Certamente avrebbero anche un minor impatto ambientale. Arcuri non ha procurato ancora le mascherine per tutti, è che il ragazzo si impegna ma non è proprio un fulmine di guerra.

Giulinao mi racconta di una bella passeggiata che fanno prima di pranzo in un parco lì vicino, delle moltiplicazioni e delle divisioni, del pranzo secondo lui un po’ troppo parco e non uscito da monoporzioni ma cucinato in mensa.

Ettore invece oggi fa il suo inserimento cui ha partecipato anche Giuliano che la maestra di matematica ha portato giù alla scuola materna per salutare il fratellino. E’ entrato fiero con il suo zaino che poi la mamma ha dovuto riportare indietro. Hanno voluto delle scarpe nuove dedicate solo alla scuola.

Ieri rimproverava il fratello: <<Sei ‘ndato scuola! Tu ‘ndato scuola!.>> e ogni tanto gli tirava qualche schiaffetto. Martina mi ha raccontato che è rimasto molto deluso dal fatto che non fosse proprio nella stessa classe di Giuliano. <<Io co Giujano. Ora da Giujano, ‘ndiamo.>> Però alla fine si è messo a giocare e ha lasciato che la mamma andasse via. La maestra spiega a Martina che alcuni giochi e tutti i libri andranno messi da parte perché non lavabili. La cosa mi spiace non poco i libri ci piacciono.

Il dolce Ettore ritorna con il suo zainetto che non vuole togliersi neanche sul passeggino, simbolo della sua libertà e della sua proprietà.

Questo diario si è molto occupato della scuola che non c’era ed ora si occupa di quella che c’è, che comunque ha riaperto, pur con tutti i limiti del caso. Credo che le maestre, le professoresse e le presidi si meritino un ringraziamento da parte di tutti noi genitori per la gentilezza e il coraggio che hanno dimostrato e dovranno dimostrare quest’anno.

State bene ed adelante con Judicio!

 

Primo giorno di scuola

<<Papà ma ormai non possono più cambiare idea vero? Domani andiamo a scuola?>> Questo l’ultimo pensiero ieri sera mentre ci lavavamo i denti. Oggi al risveglio Giuliano ha misurato la febbre 35,9. Ha fatto colazione passeggiando e chiacchierando, era decisamente di buon umore. Quando capisce che andiamo in bici tira un sospirone di sollievo, mi accusa (non troppo ingiustamente) di fargli fare quasi sempre tardi quando non prendiamo la bici. Lungo la strada vedo tanti genitori che portano i figli a scuola con i mezzi e nelle formazioni più svariati, vespe, moto da cross, bici, tandem, file indiane, ho visto anche una mamma e una figlia sullo stesso monopattino.

“Signora, io capisco che co’ n bambino de sei anni è difficile… però… Guardi anche io c’ho ‘n figlio.. però c’è un distanziamento che dobbiamo rispetta’.” Così un vigile urbano apostrofa una mamma e un gruppetto di bambini che aspettava di entrare davanti alla scuola di Giuliano un po’ troppo assembrato.

Non aveva torto. Passando davanti ad altre scuole ho avuto modo di vedere che non tutti hanno chiara l’idea che bisogna evitare di stare troppo vicini anche all’entrata e all’uscita dagli istituti. L’idea sarebbe che li accompagniamo, senza farli ammucchiare, e poi andiamo via subito. Ho visto invece che molti genitori sono rimasti lì a fare circoletti, un po’ di chiacchiere. Impareremo.. un po’ alla volta.

Noi non abbiano avuto problemi anche perché io tendo a mantenere un po’ di distanza sempre, non ho mai amato la folla, pur essendo un discreto flâneur.

Quando hanno chiamato la sua classe e l’ho visto entrare insieme alla sua maestra e ai suoi compagni, tutti rigorosamente mascherati, mi è sembrato l’inizio di una nuova stagione. Ero contento ma anche un po’ più solo senza il mio Giuliano, e mi chiedevo cosa gli succedesse oltre quel portone. Curiosità che devo ammettere precede l’arrivo del covid nostro.

Forse non è chiaro a tutti ma i bambini che perderanno giorni di scuola per le ripartenze posticipate subiranno un danno che speriamo si possa poi recuperare. Anche qui nel Lazio un terzo delle scuole hanno rinviato, molte cose non hanno funzionato, speriamo che i capi delle regioni e delle nazioni riescano a rimediare.

Ne frattempo sembra che dimettano zio Silvio, che ci ha informato di aver avuto la quinta carica virale del San Raffaele e di aver affrontato la prova più pericolosa della sua vita, ma il covid nostro continua a darsi un gran da fare. Israele ha proclamato una chiusura totale di tre settimane. In un solo giorno 307.930 positivi nel nostro pianeta.

State bene ed adelante con Judicio!

Venticinquesimo week-end senza scuola

Firmare abbiamo firmato tutto. Il principale documento che la nostra scuola vuole sin dal primo giorno, non è l’autocertificazione né qualche altra forma di manleva ma un’autorizzazione a far uscire nostro figlio durante l’orario scolastico. Pare che questa cosa della scuola diffusa ci sarà sin dall’inizio.

Siamo emozionati, un po’ nervosi e trepidanti, come se domani fosse veramente il primo giorno di scuola di Giuliano che invece si appresta a fare la quarta elementare. Però sappiamo che sarà un po’ diverso è un nuovo inizio.

Ieri mare, ci hanno un po’ spennati ma devo dire che Santa Marinella, che non frequentiamo di solito, è molto carina. Con Giuliano abbiamo fatto anche un po’ di snorkeling: banchi di saraghi e cefalotti in quantità.

Ettore si è molto arrabbiato: <<Vojo mascara Giujano e papà!>>. Gli è sembrata un’ingiustizia ma è ancora piccolino, per le immersioni tra gli scogli. Ce l’ha fatta pagare strepitando e urlando per un bel po’.

Prima però si era molto divertito prendendosi a pallate di sabbia con Giuliano. Cosa per la quale ogni tanto chiede il mio aiuto. <<papà iutimi ! iutimi!>> Spesso vuole essere accompagnato negli assalti anche in quelli all’arma bianca.

Credo che un po’ mi mancherà stare con loro ma non mi sembra vero che possano tornare a scuola. La chat di classe mi dice mia moglie si è molto ravvivata in questi ultimi giorni.

Sono passati sei mesi dall’ultima volta che li abbiamo portati a scuola. Sei mesi senza scuola non credo fosse mai successo almeno dal dopo guerra. Scopriremo che molte cose non vanno e mancano, ne sono certo conosco il mio paese e la sua passione per i ritardi ed i garbugli, però i bambini ricominceranno ad avere una vita normale o quasi. Non so quanti di voi ricordano il periodo in cui a loro era assolutamente precluso ogni movimento fuori dal perimetro di casa. Anche i cani avevano diritto ad uscire per una passeggiata ma loro no.

Sono stata probabilmente la generazione che ha preso più fuoco amico in questa guerra con il coronavirus. Ed è esattamente da sei mesi che tengo questo diario pubblico.

Nello zainetto gli metteremo anche le mascherine ma viva Dio rivedrà le sue maestre e i suoi compagni, che non potrà abbracciare.

Gli uomini hanno bisogno di vedere una luce, un traguardo. Ora ci dicono che dobbiamo resistere altri sei mesi, sostanzialmente passare l’inverno e poi tutto passerà. Non so se è vero, credo che non lo sappia nessuno, però una cosa è certa tutte le epidemie prima o poi sono finite.

Che la regione con i più alti numeri assoluti di dispersione scolastica non solo non apra ora ma non sia certa di aprire neanche il 24 a me sembra una iattura per i ragazzi.

State bene ed adelante con judicio!

Coronavirus – diario di crisi giorno 181

Tue stirpi non credesti o dal fato o da te fatte immortali.

“Si raccomanda di mantenere la distanza di sicurezza segnalata con appositi avvisi fuori dai portoni principali. Gli alunni dovranno entrare e raggiungere le aule con il distanziamento e le mascherine indossate, evitando di correre e di abbracciarsi.” Così recita una delle numerose circolari che abbiano ricevuto in questi giorni. Trovo il dettaglio del divieto di correre e abbracciarsi agghiacciante, necessario ma agghiacciante.

Tra i documenti ci è giunto anche l’orario completo, il tempo pieno e il servizio mensa sono confermati e cominciano dal primo giorno. L’ingresso scaglionato costringerà Giuliano a svegliarsi una ventina di minuti prima ma se ne farà una ragione.

Ettore comincerà il giorno dopo e dovrà portare delle ciabattine, il cambio in buste sigillate e niente zainetto. Lui comunque comincerà martedì e inizialmente mezza giornata.

Oggi vado in ufficio, prima però di inforcare la mia biciclettona passo da Cecere a comprare due cornetti uno alla crema e uno alla marmellata per i miei, li lascio a casa e vado.

Lavoro un po’ con Flaviano, cose da fare ce ne sono. Mi chiama la libreria per dirmi che un po’ dei libri di Giuliano sono giunti. Tutto sembra preludere al grande ritorno. Tutte le forze politiche faranno su quel che sta per succedere la loro propaganda e ci diranno che è andato tutto bene o tutto male.

Il fiero Conte sembra che approfitterà dell’occasione per fare gli auguri agli studenti e ai genitori da Domenica In come faceva il Divo Giulio Andreotti. Un momento di propaganda indimenticabile. La scuola e i bambini, insieme ai funerali, come ben sanno i politici di tutti i tempi, ben si prestano alla propaganda politica, vecchio arnese che nonostante la comunicazione moderna ci accompagna anche ai tempi del covid nostro.

In Israele torna il lock-down totale, è il primo paese a rifarlo. Il virus non sembra volerci abbandonare, ci avviciniamo al milione di morti nel mondo e dei vaccini temo non si parlerà più per un po’.

Oggi è l’11 settembre anniversario sia del golpe del Generale Pinochet che dell’attacco alle torri gemelle. Due eventi molto diversi ma comunque due manifestazioni del male che gli uomini sanno farsi da soli. Un male forse non meno orribile del covid nostro ma ai miei occhi di uomo del ‘900 più comprensibile.

State bene e adelante con judicio!

Centottantesimo giorno senza scuola

Se tutto va bene questo è uno degli ultimi giorni senza scuola dei miei due.

Siamo stati insieme dal mattino: grande doccia, che Ettore non voleva più abbandonare, colazione e poi in strada loro con le biciclettine io con un modesto carrellino da massaia. Passiamo dal sartino Bangla a ritirare un pantalone con l’orlo e un giubbotto con lampo nuova e poi andiamo a scegliere il diario per Giuliano.

Mentre attraversiamo viale Trastevere rischiamo veramente la pelle perché un furgone bianco nonostante noi si stia attraversando sulle strisce e con il verde ci liscia di poco. Devo dire che mi sono un po’ spaventato; più di un po’ ho quasi visto Giuliano sotto. Ho ancora i brividi.

Un cucciolo di tigre, sarà lui ad accompagnare quest’anno Giuliano e a raccogliere le sue annotazioni scolastiche, compiti, note (speriamo di no), scioperi fra le sue pagine.

Leggo una lunga intervista del presidente dei presidi del Lazio, un anziano signore in pensione che denuncia una situazione di grande scontento tra i suoi colleghi, anche lui chiede, ovviamente un rinvio. Credo sia naturale che sia così, un po’ perché i problemi ci sono e un po’ perché tutti noi abbiamo avuto paura quando ci siamo trovati davanti a un grande impegno. Banalmente dall’esamone all’università che speravamo slittasse, almeno di qualche giorno, almeno di una settimana. Ripeto è comprensibile ma a un certo punto bisogna cominciare e ricominciare ad andare a scuola e, mi spiace anche ad andare a lavorare, a scuola o in ufficio che sia.

La scuola italiana non è quella finlandese e non lo sarà nemmeno tra una settimana. Ogni giorno di scuola perso per i nostri figli, però, sarà un calcio nel culo in più che prenderanno da grandi. Cito più o meno da Lorenzo Milani. Soprattutto se non provengono da famiglie molto ricche o molto colte. La mia speranza è che la situazione consenta almeno di ripartire, non solo per la loro istruzione ma anche per la loro socialità.

Finita la spedizione in cartoleria breve spesa e ritorno a casa. Il menù prevedeva per loro gnocchi al pomodoro, filetto di vitella alla palermitana al forno e contorno di spinaci, per me hamburger di pollo alla piastra e riso rosso.

Le scuole private che intanto hanno aperto, pensate un po’, affrontano per prime i casi di bambini positivi, con tutte le conseguenze del caso, isolamenti quarantene, tracciamenti etc. Vedo che l’idea di diminuire i giorni di quarantena, nata in Francia e da noi prontamente copiata, non trova il consenso della comunità scientifica, se non siamo sicuri non capisco.

Ettore dorme, Giuliano studia e nei ritagli di tempo mi batte a scacchi. Gli ho chiesto se mi spiegava qualcuna delle strategie che gli aveva insegnato il maestro, lo ha fatto il mio gioco è un po’ migliorato ma ho perso ugualmente.

PS Io e Martina sappiamo che mandandoli a scuola aumentiamo le loro e le nostre possibilità di contrarre il covid nostro, crediamo però che ne valga la pena.

State bene ed adelante con Judicio!

Centosettantanovesimo giorno senza scuola

Mi scuso con i miei appassionati lettori ma riesco scrivere il mio diario solo ora.
Oggi dovevamo essere a Salerno, motivo per il quale decidiamo di andare dalla sera prima a Roccasecca, che è notevolmente più vicina. Veniamo accolti da un incendio poco sopra la casa dei nonni. Con l’occasione scopro che gli aerei antincendio non lavorano dopo le sette di sera. almeno così mi viene detto. Pur avendo lavorato per anni in un ministero che si occupava anche di foreste non lo sapevo.
L’incendio di estingue nel volgere di poco tempo anche perché circoscritto dai lanci precedenti. Les deux sono felici ed eccitatissimi per il piccolo viaggio e per la prospettiva di una giornata con la nonna.
L’indomani mattina ci alziamo alle sei ed iniziamo il nostro viaggio nel regno dell’uomo che ci seppellirà tutti tra le risate: il super governare Vincenzo De Luca già sindaco di Salerno.
Andiamo ad un evento della Confederazione per cui lavoriamo. Un incontro che ci catapulta nella campagna elettorale che probabilmente vedrà trionfare di nuovo il politico che fa ridere più dei comici che fanno politica. Diciamoci la verità De Luca ha un senso dei tempi comici che Grillo se lo sogna. All’evento partecipa invece il candidato sfavorito: Stefano Caldoro che non ci fa sbellicare ma ha la pazienza è la voglia di stare con noi e di rispondere alle nostre domande per più di due ore.
Il caso vuole che proprio ieri De Luca ufficializzi la sua decisione di non aprire le scuole. La forza del governatore è tale che il basso Lazio lo segue. Per un po’ sembra una slavina inarrestabile e che anche Giuliano ed Ettore si debbano abituare all’idea. Poi il fiero Conte fa sapere che non c’è motivo di non aprire il 14. Vedremo…
Parlando e ascoltando mi rendo conto che la riapertura delle scuole ha i suoi nemici.
Alcuni politici: quelli che credono di poter avere un vantaggio politico dallo slittamento della sua apertura, o addirittura dal sua non riapertura, ma anche quelli che non sono riusciti a coordinare nel migliore dei modi la riapertura in sicurezza della nostre aule. Alcuni diciamo culturali: molti hanno in odio la scuola pubblica come istituzione, altri perché la ritengono piena di insegnanti “comunisti”, altri amano talmente tanto quella privata da detestare quella pubblica. Altri nemici sono spinti dalla paura: quella degli insegnanti di contagiarsi, quella dei presidi di prendersi troppe responsabilità, quella dei genitori di non tutelare abbastanza i figli. Poi ci sono anche gli MBI (i medi burocrati italici) che ci mettono del loro. Insomma la scuola aperta ha i suoi nemici, per storpiare Popper.
Comunque a Salerno faceva un gran caldo ma la platea ha disciplinatamente tenuto la mascherina per tutta la durata dell’incontro. Penso che deve essere stata una ben strana campagna elettorale.
Nel pomeriggio torniamo a prendere le deux e prendiamo la via di casa, ci fermiamo in un Autogrill per far mangiare i bimbi, mi sfugge una battuta di compiacimento per la mancanza di fila e una cassiera super mascherata, FFP2 più visiera, mi dice .<<<No signore purtroppo non c’è fila.>>
Mentre torniamo a casa ci giunge notizie per telefono degli orari della scuola di Giuliano, della sua certa riapertura per il 14 e anche un po’ di moduli da firmare nei quali autorizziamo la scuola a portare nostro figlio fuori dall’edificio e ci assumiamo ogni responsabilità su di lui per quel che riguarda il covid nostro.
PS in serata arrivano i dati: in Campania non sono affatto buoni speriamo bene
PPS Come abbiano scritto qui tempo fa questa storia del vaccino tra due mesi era e resta una sciocchezza, oggi ne abbiamo avuto la riprova con il vaccino Britannico-Pomezino (AstraZeneca-Oxford) che blocca la sperimentazione, quello che ci dovevano regalare per Natale.
Adelante con judicio e state bene!

Centosettantottesimo giorno senza scuola

Che nel Bel Paese, come diceva insieme a Dante una nota marca di formaggi industriali, oltre alla sindrome delle culle vuote riesca ad esserci quella delle cattedre vuote sembra quantomeno una contraddizione in termini.

Comunque così anche se non ci pare. L’anno scolastico inizierà come al solito senza insegnanti e senza supplenti, che verranno chiamati in un secondo momento grazie alla messa a disposizione. Le condizioni in cui versa l’organizzazione del nostro sistema scolastico è questa. Peccato che quest’anno dividere gli alunni senza insegnante nelle altre classi possa essere un po’ più complicato.

Dopo il casino fatto per distanziare e non sovraffollare le classi immaginatevi di doverle rimpinzare di alunni provenienti dalle cattedre vuote.

Comunque il grande giorno si avvicina. Giuliano non vede l’ora ma allo stesso tempo teme per la comunicazione dell’orario di ingresso. Non vorrebbe fosse troppo presto. Ho provato a spiegargli che alla fine è solo una questione di abitudine, ma non mi crede. Poi chissà, per il momento non ci hanno ancora comunicato quando dovrà entrare.

Ettore invece si aggira per la casa con in mano una piccola ciambella di plastica e finge che sia il volante di una macchina e ogni tanto mi chiama e mio dice “Venii, Veni dai veni”. A quel punto dobbiamo fare grandi corse tra il corridoio e l’ingresso che lo vedono sempre vincitore.

Tra gli asili e le scuole che hanno già aperto, come era prevedibile, c’è stato qualche caso di positività ora sarà interessante vedere come verrà gestito e che ripercussioni avrà sul prosieguo dell’anno scolastico.

Qualche sera fa abbiamo visto Cenerentola in Tv, la versione di Kenneth Branagh, la mamma della nostra eroina fa una sola raccomandazione a Ella le chiede di avere coraggio e di essere gentile. Mi piacerebbe poter dire lo stesso ai miei due piccoli.

State bene e adelante con judicio!

.

Centosettantasettesimo giorno senza scuola

Dopo la pausa pranzo torno in ufficio, le mani mi puzzano di tre disinfettanti diversi. L’odore del covid nostro per me è questo misto dia alcolico e dolciastro; le lavo con acqua e sapone ma niente, mi resta addosso quel sentore fastidioso. Sarà stato quello del posto dove ho preso il panino? Oppure è il mio quello che ho in tasca, potrebbe anche essere quel bar dove ho preso il caffè o quello dell’ufficio. Anche il cibo che porto alla bocca ogni tanto odora di gel disinfettante. Me lo ha fatto notare Giuliano che ha stabilito anche quale fra i nostri gel non deve essere mai usato prima di mangiare, per il suo odore particolarmente acre.

La famiglia di Zio Silvio sembra essersi tutta ammalata con lui. Immagino sia così, se si ammala uno poi tocca a tutti gli altri, vale per i poveri come per i milionari. Per la mia famiglia picciola è sempre stato così. Ci siamo passati un numero x di virus gastrointestinali, raffreddori e influenze varie. La situazione peggiorò notevolmente quando Giuliano cominciò l’asilo, con Ettore forse è andata un po’ meglio man on molto!

Il nostro mese peggiore è di solito dicembre, le nostre feste natalizie sono state spesso funestate dai malanni di stagione.

Questa volta sarà diverso, non sorrideremo più ai primi freddi e raffreddori ci spaventeremo invece e non poco. A dicembre ci sarà per noi dell’emisfero nord un nuovo picco e 30.000 morti al giorno in tutto il mondo secondo uno studio dell’università di Washington, ora non ce la fanno circa 4000 persone al dì.

Tornando alle nostre mani veicolo di carezze ma anche di contagio, all’inizio di questa storia Giuliano si procurò una dermatite o qualcosa di simile perché si sfregava con troppa forza il dorso con il sapone.

Manca una settimana al primo giorno di scuola. Mi tremano i polsi e spero che tremino anche ai capi delle regioni e delle nazioni. Le voci più strambe si susseguono nei passaparola tra genitori e insegnanti. Più d’uno mi ha giurato di aver sentito dire a Zingaretti e al suo assessore che rinvieranno l’apertura a dopo le elezioni. Per ora fonti ufficiali e ufficiose non parlano di rinvii. Invece molti tra gli oppositori spingono per perché ciò avvenga, sarebbe una palese sconfitta per il governo. La mia irritazione per i giochi di potere sulle spalle dei bambini cresce di giorno in giorno. Nel frattempo De Luca, che non dovrebbe essere un oppositore, ha fatto sapere che quelli del governo sono dei dilettanti e che lui rinvia quindi niente scuola in Campania prima della sua rielezione.

Venendo in ufficio ho comprato due quaderni per Giuliano, quest’anno userebbe per la prima volta le righe normali, quelle da grandi. Spero tanto ci riesca.

Parliamoci chiaro molte scuole riapriranno più o meno come se nulla fosse accaduto. Il governo, il sistema burocratico che sta dietro le scuole, non ha finora brillato nella riorganizzazione per l’apertura. Credo però che vadano aperte lo stesso se sarà necessario fare degli aggiustamenti si faranno, intanto si apra.

State bene e adelante con juicio!

Ventiquattresimo week-end senza scuola

Spesso mi accorgo che non mi capisco con i miei interlocutori perché do per scontato che sappiano delle cose che invece non conoscono e ovviamente avviene anche il contrario. Quando me ne accorgo è di solito troppo tardi. Forse è inevitabile ma è molto frustrante.

Dato che mi sono reso conto che il numero dei miei interlocutori grazie a questo diario è un po’ cresciuto vorrei condividere alcune cose che credo di sapere.

Quello che ci sta succedendo con il covid nostro è una cosa vera, brutta, mortale ed in parte attesa. La scelta delle società aperte di chiudersi per far fronte al pericolo rappresentato dal virus è comprensibile, se sia giusta o meno è opinabile. Per fortuna il periodo di maggiore compressione delle nostre libertà individuali è finito, almeno per il momento.

Ora ci si chiede di rispettare alcune regole con l’arrivo della seconda ondata, sì ormai non sembrano più esserci dubbi arriverà, possono limitare i danni. Quindi ognuno di noi può fare qualcosa per contrastare il virus: igiene, distanza, mascherine evitare di assembrarsi inutilmente.

La vita deve andare avanti, non per questo dobbiamo favorire la circolazione del virus.

Le scuole devono riaprire per il bene dei ragazzi e del paese. La scuola è di tutti non di questo o quel ministro, di questo o di quello schieramento. È dei nostri figli, come prima fu nostra e dei nostri padri. Non può essere anch’essa una questione ideologica. La scuola deve essere il miglior posto in cui portare i propri figli.

La società pediatrica italiana ha sentito la necessità di comunicare che le mascherine non producono alcalosi, ipossia, alterazione della flora intestinale o altre non amene condizioni patologiche nei bambini. Questo perché una parte non trascurabile di noi genitori ha creduto e vuole disperatamente credere che il male non sia nel covid nostro ma altrove. Invece il male come spesso capita è vicino, non è lontano, non è diverso da noi. Tra poco con i mezzi pubblici di nuovo pieni, il freddo e la vita al chiuso, le cose peggioreranno. Se non ci proteggeremo fra di noi avremo più perdite: più morti e più malati, più attività chiuse.

Oggi con la mia famiglia “picciola” abbiamo deciso per una passeggiata a Garbatella, quartiere delizioso che, come un po’ tutto qui a Roma, avrebbe bisogno di manutenzione. Quest’anno erano i cento anni dalla sua fondazione erano previste grandi cose che temo siano state molto ridimensionate dal Covid nostro. Abbiamo pranzato davanti a un meraviglioso murales di Diamond e Solo che rappresenta Garbatella come una deliziosa signorina anni ‘20, la qual cosa si sposa splendidamente con lo stile di Diamond , che gioca sempre tra il liberty e il déco. Abbiamo anche avuto modo di visitare un nuovo murales: Supernova di Jerico, vera meta della nostra gita.

Garbatella di Diamond e Solo

Giuliano è felice per aver finito i compiti, io un po’ meno: dovrò inventarmene di nuovi ma ce la faremo. Ora sta leggendo un libro che ha per protagonista un pappagallo cenerino di cui ogni tanto mi parla con entusiasmo. Il pennuto ha un nome per nulla importante Einstein.

La scuola materna di Ettore ci ha contattato. Ha telefonato a casa. Miracolosamente mia moglie ha risposto. Non mi pare avessero molto da dirci se non che l’orario di ingresso e il giorno di inizio, che resta almeno per ora il 14 settembre.

State bene e adelante cin judicio!

Coronavirus – diario di crisi giorno 174

Questa mattina prima di prendere la porta di casa ho sentito Giuliano che discuteva con la mamma. Ho chiesto. Mi ha guardato e mi ha detto: “Ho bisogno d’aria!” Voleva uscire all’istante anche se il fratello ancora dormiva e la mamma doveva fare ancora qualcosa.

Ha bisogno di muoversi, di correre, di saltare. Ha otto anni, e nonostante il centro estivo, le vacanze aa mare e in montagna è come se avesse accumulato un quantitativo di movimento che deve lasciar amdare.

Ieri l’ho iscritto in piscina, dove avrà modo di sfogarsi un po’. C’è una nuova regola: i genitori non seguono i bambini negli spogliatoi. Questo ovviamente dimezza l’affollamento, mi sembra una buona cosa. Vedremo come se la caverà, al centro estivo fa la doccia e si cambia da solo. L’autonomia… il vero obiettivo di ogni genitore decente.

En passant mi è stato spiegato che Giuliano come tutti gli altri bambini che frequentano quella piscina vengono iscritti alla stessa classe dell’anno scorso. Una politica opposta a quella della scuola: non tutti promossi ma tutti bocciati.

Il Senato, con la sua varia umanità, troneggia davanti al mio ufficio. In questo periodo è in restauro, degli operai ben assicurati e conformi a tutte le normative sulla sicurezza, hanno tirato su un grande ponteggio. La facciata tutta coperta sembra ricordare la caducità degli eletti, presto tagliati dal referendum confermativo della riforma che ne diminuirà il numero notevolmente da 315 a 200.

Qua per i commerciati dei dintorni no sarà un bene ma chissà che nel frattempo non saranno tornati i turisti. Il centro di Roma è sempre abbastanza vuoto ma sembra andar un po’ meglio di prima della pausa estiva, qualche turista in più c’è. Lo smart working fa ancora la differenza.

Zio Silvio si è aggravato ora è ricoverato nelle mani di Zangrillo al San Raffaele con una polmonite bilaterale. Zangrillo, per chi non lo ricordasse, ha passato l’estate a spiegarci che il virus era clinicamente morto. Chissà cosa avrà detto al suo illustre paziente e non ora ma prima che si ammalasse.

Giuliano poi è uscito con la mamma e con i fratello, grande passeggiata e giostrine anche oggi.

State bene e adelante con judicio!

 

Centosettantatreesimo giorno senza scuola

<<Mamma dove andato sole?>> Martina gli risponde: <<Dall’altra parte del mondo amore mio.>> E lui di rimando senza pensarci: <<Posso andare dall’altra parte del mondo mamma?>>

L’amore mio piccolo si è accorto che il tempo passa e che ogni giorno è un po’ più buio e con il suo innato senso della praticità vuole andar dove sta il sole. Però non si può, amor mio, dobbiamo stare qui ed aspettare che il sole torni, lo farà, lo fa ogni volta!

Pare di capire che con le mascherina a scuola siamo più o meno alle solite: i capi della nazione e la comunità scientifica sanno che devono essere portate sempre anche al banco, ma non lo dicono e non obbligano perché temono di non essere in grado di far fronte alla richiesta di mascherine. Più o meno come avvenne a marzo. L’immunologo amico-nemico di Zaia, Crisanti, lo dice con grande franchezza e semplicità.

<<Le mascherine servono e funzionano. Se teniamo gli studenti tutti zitti per ore va bene che non la indossino in classe, ma non ce la vedo una classe che sta in silenzio per ore. Di fatto aboliamo l’interazione sociale in una classe; perché nel momento in cui si parla si emette droplet.>>

A me pare cristallino. Inoltre dice ai nostri politici in campagna elettorale che, come il Papero americano, promettono oltre che pani e pesci anche vaccini domani, che se ne parlerà nel 2021.

Questo signore, che in qualche modo riuscì ad impedire che il Veneto precipitasse nella situazione in cui si trovò la Lombardia, vuole, come fece in primavera nella Regione di Zaia, fare tamponi a tappetto in tutta Italia. Ha presentato un piano ai capi della nazione di cui i giornali parlano da qualche settimana. Vedremo, il Professore non ha un carattere facile ma sembra avere idee chiare e immediatamente comprensibili.

La vera notizia del giorno è però che Berlusconi è positivo. Per noi italiani Zio Silvio è qualcosa di più di un politico, malo e buono che sia. E’ ormai una maschera, un pezzo molto importante della nostra storia, del nostro carattere, del nostro costume, della nostra ricchezza e della nostra miseria.

Gli zii di Sicilia di Leonardo Sciascia

 

Sciascia scrisse un libro bellissimo, Gli zii di Sicilia, nel quale coglie il vezzo di noi (anche io lo sono in parte) siciliani di cercare zii e padrini che ci proteggano, ci ispirino o che ci spaventino. Sono sicuro che accanto allo zio Stalin adorato dal calzolaio Schirò, che ci parla in sogno, e allo zio Garibaldi accolto da un barone pronto a staccare in fretta e furia il ritratto di Pio IX per accogliere in casa sua il generale, da lui in realtà temuto ed odiato, ci starebbe benissimo anche un racconto su zio Silvio, anche lui molto amato ed odiato dall’isola che Sciascia voleva metafora.

In tutto questo con Giuliano ed Ettore siamo andati un po’ al parchetto di Piazza San Cosimato: grandi salti e scivolate.

State bene e adelante con judicio!

 

Centosettantaduesimo giorno senza scuola

Sono arrivato in ufficio a piedi. Adoro camminare e le distanze lo consentono.

La vera notizia di oggi è che ci ha scritto la preside, anzi la dirigente scolastica. Nel nostro registro elettronico è comparsa una lettera in pdf “Lettera ai genitori per il rientro a scuola”. Fatta la tara a quel tanto di retorica da libro cuore, che comunque in qualche modo mi appartiene, la sostanza è che la scuola riapre, i bambini faranno le ore che hanno sempre fatto e le entrate saranno scaglionate.

La novità è la “diffusione” degli spazi scolastici. Giuliano va a scuola in centro, in un edificio antico con spazi ristretti, e tutto l’istituto comprensivo è così, quindi la preside ha fatto una serie di accordi con altri luoghi del centro in cui portare, immagino a turno, i bambini.

L’idea di Giuliano e i suoi compagni che invadono l’accademia di scherma del vecchio Musumeci in Via del Seminario, o la Camera di Commercio , o le Terme di Caracalla o il cinema Farnese mi piacerebbe ancora di più se non ci fosse il covid nostro.

Comunque questa è la soluzione trovata, si fa un po’ gli zingari, si gira da un posto all’altro. Noi però siamo gagè e il posto in cui ho visto dei bambini rom stare meglio era comunque una scuola. Che per me che sono vecchio e stolto è un edificio in pietra o mattoni di proprietà dello stato.

La temperatura la dobbiamo misurare noi e i bimbi entreranno a scuola mascherati. L’appello della preside è ad essere coraggiosi ed indicare con il nostro comportamento la strada ai bimbi. Ci proveremo, resisteremo, e se come è normale che sia, qualcosa andrà storto terremo duro e porteremo pazienza.

Anche Ettore da quest’anno andrà nello stesso edificio di Giuliano, lui non lo ha chiaro e ogni tanto mi guarda e mi dice “Tu porti me scuola, bicicletta.” ricordando il suo asilo che poi è stato anche i suo centro estivo.

Ieri quando ho detto a Giuliano che le scuole avevano riaperto lui si è subito preoccupato del fatto che non avesse ancora finito i compiti per le vacanze. Con calma la mamma ha provato a spigargli che non avevano proprio “aperto – aperto”. Non è stato facile.

A Piazza Navona sono tornati alcuni pittori, almeno dal secolo scorso presenza fissa, ho visto anche una coppia pomiciare appoggiata a una di quelle colonnine bianche che delimitano la piazza, sembravano autoctoni però mi è parso bello trovare un po’ di normalità. Pensate che ci sono di nuovo i buttadentro fuori dai bar e dai ristoranti che non sono più vuotissimi.

State bene e adelante con judicio!

 

Piazza Navona durante il lockdown.
Piazza Navona durante il lockdown.

Centosettantunesimo giorno senza scuola

La maratona di Karate kid, Cobra Kay e Tartarughe Ninja comincia ad avere effetti importanti sulla nostra routine. Ettore si mette in guardia e urla qualcosa che crediamo sia calcio poi attacca il fratello che spesso lo attende nella posizione della gru. Speriamo non si facciano male!

A pranzo risi e bisi e uova sode. Sul fuoco ho messo anche l’ultimo sugo fresco della stagione: cinque kg di pomodori maturi e cinque cipolle; poi vasetti e si congela. Il risveglio è andato bene niente pianti per l’assenza di Martina che è andata in ufficio.

 

Il primo settembre, oggi, formalmente le scuole hanno riaperto le loro porte. Iniziano i riti collettivi che ne precedono l’apertura effettiva: il collegio dicenti, i corsi di recupero ed altre attività settembrine. La storia delle mascherine sembra essere finita che si devono mettere se non c’è la distanza anche al banco, la cosa però è stata presentata al contrario: “non si devono mettere le mascherine in classe se c’è la distanza”. Suona meglio no?

Nel frattempo i capi delle nazioni sono in pieno trans elettorale, che per loro è qualcosa di simile alla frenesia alimentare dei carnivori; difficile da controllare quasi impossibile da fermare. Comunque potremo votare in sicurezza, negli stessi edifici che poi dovranno ospitare i nostri figli – alunni.

Mentre scrivo Giuliano mi informa che un silver back di Miami, un enorme gorilla maschio, è risultato negativo al tampone, cimincia ad vere accesso a tablet ed altri dispositivi mobili.

Per votare dovremo pulirci le mani almeno due volte, fare prevedibilmente una discreta fila, metterci e toglierci la mascherina almeno una volta: sarà necessario mostrare il volto per farsi identificare. Il referendum interesserà l’intero corpo elettorale quindi tutti gli allievi delle scuole pubbliche dovranno interrompere le lezioni per qualche giorno. Perché si debba votare proprio a scuola non l’ho mai capito comunque voteremo. Ah anche per votare ci dobbiamo far misurare la febbre a casa. Me lo farò misurare da Giuliano.

Ho provato un certo disagio nel leggere delle maschere elettroniche prodotte dei coreani della LG. Mi è sembrata una brutta trovata di qualche fumettista di terz’ordine, una roba da 1984 o da Eternauta. Un filtro elettronico che aspira l’aria insieme a noi è di fatto una sorta di polmone in più, un organo artificiale. L’idea che multinazionali investano in cose simili mi deprime perché mi lascia pensare che scommettano su una fine non prossima del covid nostro.

 

State bene e adelante con judicio!

Giuliano nella posizione della GRU

Centosettantesimo giorno senza scuola

Il fiero Conte ci fa sapere con un Tweet che riaprire le scuole è la nostra priorità. Speriamo sia vero e che si impegni per farlo bene, in sicurezza e con certezza. Intanto molte regioni lasciano intendere di voler rinviare il fatidico momento. Le mascherine invece sembra che non siano più necessarie in aula. I professori avranno le loro, con la finestrella trasparente. Al di là delle Alpi con più di cinquemila casi al dì invece aprono domani, i “franzosi” si sa sono strani.

Speranza dice di pianificare lezioni online in caso di quarantena. Non promette bene ma nel caso sono certo sia stato pianificato dagli ottimi funzionari del MIUR.

Oggi è stato invece il mio primo giorno di scuola. Pioveva, ho fatto un lungo tratto comunque a piedi, poi ho visto passare due 8 di seguito e di corsa ne ho preso uno. Salito mi sono messo subito la mascherina, sotto gli occhi severi di una signora, un po’ grande, che insieme al marito portava un bellissimo bouquet a qualcuno. Ho immaginato a qualche sposa, magari una sorella o una figlia in seconde nozze; una sobria cerimonia come se ne fanno in Campidoglio, cui si può andare anche in autobus. Del resto il tram fa capolinea a Piazza Venezia. Sposa bagnata sposa fortunata!

Arrivato in ufficio mi sono messo un po’ a tavolino. Non è proprio facile ma ripartiremo.

Ettore e Giuliano sono rimasti con la mamma. Che belli! Stamattina mi hanno salutato mentre uscivo… mi sono sentito quasi un papà anni ’50. Domani stanno con me!

Ettore chiede sempre se può mangiare qualunque cosa. E meno male perché fosse per lui mangerebbe veramente qualunque cosa, soprattutto se colorata e dall’aspetto caramellesco. Fosse pure una candela, un pezzo di sapone o peggio ancora una medicina. Però chiede <<Potto paniare papà? Potto?>>

Con Giuliano ci siamo appassionati ad una serie su Netflix che riesuma la mia primissima gioventù insieme a quella degli attori superstiti di Karate Kid. Però gli autori hanno avuto l’intelligenza di cambiare la prospettiva e di intitolarla “Cobra KAY” battezzandola con il nome del dojo dei cattivi. Che questa volta, in un grande ribaltamento di ruoli, sono gli sfigati che cercano riscatto anche contro Karate Kid, Daniel La Russo, che è diventato un insopportabile venditore di macchine, pieno di soldi e di spocchia. Invece il suo antagonista di sempre, Johnny Lorenz, si barcamena facendo lavoretti come manutentore e muratore. Sta di fatto che ci aggiriamo per casa urlando <<Cobra Kai, never dies, il Cobra Kai, non muore mai! >> e ci diamo un sacco di botte, anche con Ettore. Se vi capita guardatelo.

Settembre mese da me sempre detestato sta per arrivare, si annuncia con i temporali, le foglie morte e di solito porta con sé la, da me a dire il vero da bimbo temutissima, riapertura delle scuole. Questa volta invece mi trovo ad agognarla insieme ai miei due piccoli. Ho sempre pensato che di buono l’autunno avesse solo le castagne. Vedremo.

Sarà più buio staremo al chiuso e coccoleremo il covid nostro e tutti suoi fratellini meno aggressivi. Ho provato ad ordinare il vaccino antinfluenzale in farmacia ma mi hanno detto che è presto. Nel frattempo il Papero non vuol essere da meno dell’Orso e si prepara ad annunciare il vaccino americano, che detto così suona anche bene, sembra un’opera di Melville. The great American vaccine!!!

Adelante con judicio e state bene!

Ventitreesimo week-end dalla chiusura delle scuole

Ho finito un libro che stavo leggendo da tanto tempo credo da prima del lockdown, che non ci sarà di nuovo ci assicura il fiero Conte. L’abbandono di questo mio compagno di viaggio mi lascia un po’ più solo e un po’ più triste. Le piccole scappatelle che mie ero concesso durante la sua lettura non hanno reso il nostro rapporto meno importante. Mi manca già nella sua fisicità con le sue pagine, il suo odore, la ruvidezza della sua copertina. Non era in brossura era un tipo serio ben vestito e rilegato con il filo. Mi mancheranno anche tutte quelle persone che lo abitavano così docilmente. Più di tutti mi mancherà il semplice Hans e il suo modo di chiedere matite in prestito. L’autore in una lezione a Princeton consigliava di leggere il libro due volte, perché conoscendone la storia si è in grado di apprezzarne non solo riferimenti, simbolici e non, a quel che è già stato narrato ma anche a quel che lo sarà. Chissà magari lo farò! Mi piace ritrovare le cose al loro posto e nei libri succede sempre, più o meno.

Ieri mattina Ettore si è preso lo zainetto di Spiderman ci ha infilato dentro una conchiglia pesarese e, dopo essersi assicurato con la mamma che fosse sua: <<Questa è una cosa, questa è una cosa mia?>>, ha preso la via della porta è a comunicato a tutti noi che sarebbe andato a scuola.

La signora Merkel ancora una volta ha colto il punto della questione. Consideriamo che da lei scuole hanno riaperto da un po’ e che in più d’una ci sono stati casi positivi, producendo un moto di parte dell’opinione pubblica che ne chiede una nuova serrata. La cancelliera, dopo aver chiarito che con la fine dell’estate e della possibilità di vivere all’aperto le cose peggioreranno, ha detto che scuole e asili sono la cosa più importante e che i bambini non devono diventare le vere vittime dell’epidemia. Prepariamoci ad una situazione simile e speriamo di avere anche noi una signora Merkel che difende i diritti dei bambini e dei ragazzi.

Da noi sembra che le scuole riapriranno, non in tutte le regioni il 14 alcune lo faranno dopo le lezioni con comodo, anche se oggi 30 agosto ancora non abbiamo chiarissime alcune modalità piuttosto importanti.

Mascherine in classe su o giù alle elementari? Domani ce lo diranno. Vorrei ricordare che l’introduzione delle mascherine in classe è servito per poter superare il distanziamento di un metro da rima buccale a rima buccale.

Orari. Pare che si riesca diversificare le entrate: primarie e secondarie di primo grado dalle 7.45 alle 9.00. Se ci capita alle 7.45 sarà dura, Giuliano vuole andare alle nove: <<Così mi faccio grandi dormite.>>

Mensa: posate usa e getta (tanta plastica) e mono porzioni ma anche pranzi al sacco da consumare al banco. Speriamo mangino qualcosa!!!

Per la misurazione della febbre sembra che permanga l’obbligo genitoriale, ma pare che molte scuole non solo nell’efficiente e zelante Milano ma anche a Roma siano state dotate, di termo scanner.

La DAD per ora è prevista solo per le superiori e per gli atenei.

DAD è l’acronimo per didattica a distanza creato dai medi burocrati italici (MBI)

Ettore svegliandosi dal suo pisolino mi chiede i popcorn. Li preparo, ne è entusiasta anche Giuliano. Girano per casa urlando POOPCOORN! Oggi piove anche un po’ sembra quasi autunno non fosse per il caldo che non vuole abbandonarci, chissà magari è un bene. Appena i popcorn cominciano a scoppiettare Giuliano chiama Ettore per fargli sentire il pop-pop-pop. Ne ho messi un po’ troppi alla fine ne viene un sacco e una sporta anche io e Martina ci sacrifichiamo e ne mangiamo un po’.

State bene e adelante con judicio!

Centosessantasettesimo giorno senza scuola

<<Mio, quello mio! Spiderman l’uomo ragno è mio>>. Quest’accorato appello era rivolto a uno zainetto con raffigurato uno degli eroi del mio piccolo Ettore. Glielo abbiamo comprato, ci è costato pochissimo solo 6 Euro. Per lui, se riaprirà la materna andrà bene. Ci metterà la merenda, un cambio e poche altre cose. Giuliano ne aveva uno simile con sopra le tartarughe ninja.
È l’unico oggetto per il ritorno a scuola che abbiamo comprato. Martina mi ha proposto di andare ad ordinare i libri per Giuliano che quest’anno va in quarta. Però qualcosa di simile alla scaramanzia mi trattiene. Per la prima volta non siamo certi della riapertura delle scuole. I capi delle regioni non vogliono problemi con il traffico, vogliono che si autorizzi il 100 % della capienza dei bus. Molti insegnanti, i più fragili, vogliono marcare visita, altri si rifiutano di fare il test sierologico. Migliaia di supplenti caleranno nelle scuole, forse. Ognuno vuole qualcosa e in nome della sua esigenza è disposto a togliere qualcosa agli studenti.
I miei, nel frattempo, si sono prodotti in un grande duello con le spade laser e grandi merende di gelato. Alla fine si divertono però non posso pensare però debbano andare avanti così per un altro anno.
Un segnale che mi spaventa è che De Luca, che ha un certo fiuto, voglia rinviare l’apertura a dopo le elezioni. Non vuole pagare il prezzo elettorale del caos che prevede nella sua regione.
Data l’incapacità organizzativa mostrata in questo frangente sembra che se riapriremo lo faremo più o meno come se niente fosse successo. Nessuno scaglionamento degli orari di ingresso, nessuna misurazione della temperatura, nessuna mascherina, nessun distanziamento.
Questo scenario non è ancora certo ma è probabile se le cose proseguiranno così. Quando il CTS ha detto che le distanze si potevano non rispettare purché si mettessero le mascherine, si è aperto il vaso di Pandora. E’ stato un continuo togliere sicurezza i bambini per semplificare la vita agli adulti.
Nessuno ci farà una bella figura ma la responsabilità maggiore ricadrà sul governo. La nota di colore che dovrebbe distrarci un po’ è legata questa volta alle mascherine trasparenti per le maestre. Si tratterebbe di quelle utilizzare dai sordomuti. Sono in commercio da un po’ e sono certo che l’ottimo Arcuri sarebbe ben lieto di acquistarne un bello stock. Nel frattempo i mitici monobanchi arrivano a Nembro e Alzano, portati dall’esercito. Le immagini sanno un po’ di propaganda ma tutto sommato pazienza.
Giuliano è qui che fa i compiti accanto a me, i problemi vanno risolti. A pensarci bene però ho anche comprato una risma di quaderni a quadretti.
State bene e adelante con judicio!

Centosessantaseiesimo giorno senza scuola

<<L’unico falco urbanizzato è quello Pellegrino, quindi potrei aver visto quello.>> Gli avvistamenti di rapaci di mio figlio Giuliano proseguono anche qui in città. Spesso mi chiedo dove recuperi le sue nozioni di etologia ed ornitologia. Un tempo qui a Roma gli aruspici dal volo degli uccelli riuscivano a predire il futuro dell’Urbe. Abilità che ci verrebbe buona oggi per capire se nonostante la cattiva volontà più o meno di tutti riusciremo a rivedere aperte le scuole. Non voglio credere alla notizia che un terzo del personale scolastico non voglia fare i test seriologici. Non riesco a capirne la ragione. Perché? Di che hanno paura è solo un prelievo.

Possibile che la soluzione proposta dal ministro dei trasporti per risolvere il distanziamento nei bus pieni di studenti sia l’ennesimo trucco da azzeccagarbugli. Nei bus tutti congiunti? I compagni di classe congiunti?

I test seriologici come dicono le persone medie, che amministrano mediamente la nostra burocrazia si sono finora fatti a macchia di leopardo. Che tradotto dal mediocrese vuol dire siamo ancora all’inizio. Le cose di Arcuri si sa ci mettono un po’ ad arrivare ma alla fine giungono. Così è stato per le mascherine, sarà per i banchi e i test.

Ci è stato spiegato che bisognava consentire a un parte del Paese di ripartire, il turismo, ci è stato detto, è importante, bene lo abbiamo fatto ne stiamo pagando il prevedibile prezzo. Cioè un rimescolamento di persone che non poteva non dar vita ad una ripresa, anche nelle condizioni ambientali peggiori per lui, del covid nostro.

Ora però si consenta alla scuola, ai bambini e ai genitori di ripartire. Se si è corso dei rischi per far riaprire il Billioneaire, spero non ci si spaventi per la scuola. I sindaci della Campania, De Magistris escluso, chiedono in rinvio dell’apertura al 24.

Noi pur boccheggianti di calore un po’ si è lavorato e studiato. Giuliano è alle prese con un numero imprevisto di problemi da fare sul quaderno. Ettore è felice soprattutto in terrazza e al parco dove si mette davanti a un volante giocattolo e naviga per mari e per terre.

Gli stessi ragazzi che sono andati in Sardegna, a Malta, a Ibiza e negli altri centri culturali del nostro Mediterraneo invece sembra potranno tornare all’Università solo con mascherine proprie e affollamento aule al 50%. Tutto questo non interessa quasi a nessuno, sembra per il momento poco anche gli studenti.

Un piccolo test avete: tre secondi per dirmi il nome del ministro dell’Università e la ricerca. Niente vero…

State bene e adelante con judicio!

Centosessantacinquesimo giorno senza scuola

Mi rendo conto che una parte sempre più importante, numericamente ed economicamente, del Paese si è stufata e non vuole più credere al covid nostro. Girano sui social deliranti autocertificazioni prestampate in cui si dichiara di non credere all’esistenza di alcun virus e per cui niente mascherina ne distanziamento, rifiuto delle cure etc.
Qui a casa Plotta tutto bene, per fortuna non accusiamo alcuna sindrome influenzale. Il che so bene fa di noi degli sfigati. Ma tant’è. Oggi ho portato Ettore a fare la spesa con me, si voleva mettere a tutti i costi i guanti del reparto frutteria. Ieri la cassiera mia eroina Coletta mi ha molto rimproverato, mi ero dimenticato di metterli.
Giuliano studia, disegna si aggira per casa e tra il compiaciuto e lo stupito dice: <<È strano siamo a casa e siamo solo noi quattro, non c’è nessun altro.>> La socialità per i bambini è importante. Ora aspetta la riapertura della scuola con una trepidazione a me sconosciuta.
Ogni tanto si fa triste e mi racconta del lockdown che per lui è stato soprattutto non poter stare con altri bambini della sua età.
I capi delle Regioni guidati dall’ottimo Toti e quelli della nazione guidati dall’altrettanto ottimo Boccia litigano sulle modalità dell’eventuale riapertura delle scuole.
A parte la sorte dei banchi di arcuriana memoria, i nodi principali sembrano essere le mascherine, la temperatura e il trasporto. I capi delle regioni hanno raccolto il disappunto di molti genitori che non vogliono mettere, le “museruole ai bambini”.
Dobbiamo sperare che trovino un accordo perché grazie alla riforma del titolo V della nostra costituzione le competenza sulla scuola sono sia regionali che statali. Aver detto improvvisamente che il problema delle distanze si sarebbe risolto con le mascherine credo abbia maldisposto un po’ tutti. Detto questo se è l’unico modo per mandare mio figlio a scuola gliela metterò.
Di Briatore, della sua prostata (che a un certo punto sembrava l’unica causa del suo ricovero) e del covid suo non parliamo più, ci limitiamo ad augurargli una guarigione completa e pronta.
L’autunno arriverà come sempre e sarò un po’ più complicato. Pare che le regioni stiano facendo scorte di vaccini antinfluenzali.
State bene e adelante con judicio!

Centosessantaquattresimo giorno senza scuola

Siamo tornati in quella che, mentre noi oziavamo tra le montagne abruzzesi, è diventata la nuova capitale del Covid nostro. Contendendo questo primato a molte grandi e piccole città del nord produttivo del nostro incantevole e incantato Paese.

Per noi tornare a casa, una volta passato il GRA, è una piccola cavalcata nella bellezza di Roma che ci consola sempre della fine delle nostre vacanze. Prima intravediamo il Verano e i suoi monumenti, poi San Giovanni maestoso e chiaro con tutte le sue statue sotto il cielo, appena lo passiamo ci troviamo dinnanzi al gigantesco obelisco Lateranense quasi 50 metri di granito e geroglifici , completamente dimentichi di Amon-Ra e di Tebe e del 3500 anni che ci guardano da lassù, non fosse per Riccardo, grande guida della Roma egizia, che ogni tanto celo ricorda. Poi finiamo davanti al Colosseo, al Circo Massimo che un tempo ospitava l’obelisco Lateranse, al Tevere alla Sinagoga al San Michele, al Ponte Rotto, all’isola Tiberina e qualcos’altro. Questa volta però poco prima di arrivare davanti a Villa Celimontana costeggiando l’ospedale San Giovanni siamo stati fermati da degli uomini in divisa, mascherati e cortesi che ci hanno chiesto se dovevamo fare il tampone. Sì perché stavano passando accanto a un drive-in per vacanzieri un po’ più esotici di noi. Roma è la nuova capitale del covid nostro non solo perché la sua mejo gioventù è tornata infetta da meravigliose scorribande nelle peggiori discoteche del Mediterraneo; certo anche per questo ma anche perché ha lo Spallanzani, antico istituto specializzato in malattie infettive sopravvissuto ai tagli di questi anni, che oltre ad aver ospitato e guarito la simpatica coppia di cinesi che per prima si ammalò qui da noi, ora ha iniziato la sperimentazione per un vaccino che tutti noi speriamo efficace. È la capitale italiana del covid nostro perché il cinematografico presidente della nostra regione si scambia messaggi con l’indimenticata Sharon Stone sulla necessità che il vaccino dello Spallanzani, sia un bene comune, e lei lo chiama “the Rome Governor”. Ora che il vaccino che testano allo Spallanzani sia non sia dello Spallanzani poco importa. Roma nostra è la nuova capitale italiana del covid perché alla fine qui si dovrà decidere come quando e a che ora riapriranno le nostre scuole. A proposito mancano due settimane e mezzo (non 9 anche perché quella era Kim Basinger) alla preannunziata riapertura. Certo il mitico Briatore è ricoverato a Milano al San Raffaele ed oggi il re del covid è lui, con le sue tachipirigne le sue decine di collaboratori tutti positivi, la sua ira funesta per la chiusura del suo locale un po’ sardo e un po’ troppo sordo. Il covid nostro ha sempre mostrato una strana ironia Manzoniana con i Don Ferrante di ogni nazione e colore, ricordiamo tutti gli apericena milanesi di Zingaretti e le frasi ad effetto di Boris Jhonson.

Certo qua fa un caldo che con Giuliano , Ettore e Martina ci eravamo dimenticati ma siamo come dice Ettore a casa Plotta. I nostri pesciolini sono ancora vivi e le piante sono sopravvissute.

State bene e adelante con judicio!

Centosessantatreesimo giorno senza scuola

Il covid nostro in alcuni luoghi ha funzionato come acceleratore di crisi già esistenti. Qui da noi finora sembra aver invece stabilizzato il fiero Conte e la sua maggioranza. Di fuoco su cui soffiare purtroppo però ce n’è tantissimo.

La scuola e la sua confusa riapertura insieme all’inconsueto personaggio che formalmente ne reggerebbe le sorti sono un bocconcino troppo appetitoso per le opposizioni.

Sono tra i genitori che credono che la scuola sia sempre il posto migliore in cui possano stare i ragazzi e i bambini. Mi rendo conto però che la mia non è l’unica posizione in campo. Molti adulti odiano la scuola più di quanto la possa detestare un adolescente in crisi.

Le rimproverano molte cose, la principale delle quali, paradosso, l’avere ancora un ruolo sulla formazione e la crescita dei loro figli che loro non capiscono.

I limiti e le difficoltà delle nostre scuole esistono e non sta a me qui disquisirne ma credo che in questo momento stia avvenendo qualcosa che ne può mettere in discussione l’esistenza stessa in quanto istituzione.

Le tecnologie e il covid nostro potrebbero accelerare uno scenario che vede la fine della scuola come agenzia educatrice e luogo fisico di crescita. Il bevitore di mojto che fiuta l’aria dei suoi meglio di me, ha detto che non porterà i suoi figli a scuola se dovranno portare la mascherina. Molte persone sono spaventate sia tra i genitori che tra gli insegnanti. Molti vorrebbero che la scuola non riaprisse. Mi chiedo però cosa ne sarebbe se dovesse chiudere per un altro anno.

Qui le persone sono diminuite, il clou agostano è finito. Ettore si è molto divertito a fare una passeggiata fino al paese qui vicino, Pescocostanzo, le nuvole che tanto ci spaventavano questa mattina ci hanno protetto dal sole. Erano un paio di kilometri che è riuscito a fare quasi tutti a piedi appoggiati un ombrellino che lo ha entusiasmato come il più colorato dei giocattoli.

Nel frattempo i contagi crescono e prima o poi il sole ci abbandonerà lasciando il posto all’autunno e al freddo che sembra possa essere ancora più favorevole al covid nostro.

State bene e adelante con judicio!


Ventitreesimo week-end dalla chiusura delle scuole

Qua non ce n’è di coviddi! Come tutti voi sapete non c’è n’è “ammare a Mondello”.Però l’ottimo presidente Musumeci sa che qualche immigrato nei centri di prima accoglienza e negli hot spot c’è . E non esiste assolutamente niente di più popolare per un politico del nostro tempo che fare il duro con gli immigrati. Sopratutto se scuri di pelle, se africani. Quindi dato che ci avviciniamo alle elezioni fa un’ordinanza in cui li caccia tutti dalla Sicilia. Sa bene di non avere alcun potere al riguardo ma qualche titolo se lo è comunque guadagnato. Sputnik, l’organo ufficiale della propaganda russa in Italia, ogni Paese ha la sua versione in lingua, ne parla come di un novello Kutuzov. I colleghi poi si sa semplificano quindi il titolo base è “Musumeci caccia gli immigrati dalla Sicilia”. Una vera medaglia.

Nel frattempo lo spettacolare De Luca minaccia di chiudere i confini del suo regno “La Campania” per impedire ai barbari laziali e lombardi di contaminarne il fertile e felice terreno. Anche lui sa, perché comunque è un politico, di non avere alcun potere per chiudere alcunché ma le regionali si avvicinano e lui corre in prima persona. L’infelice combinazione tra aumento dei contagi e campagna elettorale agostana ha prodotto una sovreccitazione difficilmente controllabile tra i capi delle regioni.

La curva cresce, sui giornali si raccontano le minute procedure da seguire in caso di malanno di un bimbo segnalato dalla scuola. Noi si continua a fare passeggiate in bicicletta, a mangiare, leggere, scrivere e a fare i compiti e giocare. Tra qualche giorno torneremo a Roma. Città che grazie alla sua meglio gioventù ha raggiunto un numero di contagi che è il suo picco di sempre. Giuliano ed Ettore qui stanno bene, non possiamo però per una serie di ragioni logistiche e professionali trasferirci qui.

Dovremo tornare nella nostra Orano. Così meravigliosamente amministrata ed abitata. Ora sembra che si faranno tamponi prima dell’imbarco dalla Sardegna e per la Sardegna. Spero si immaginino delle soluzioni per le quarantene lontano da casa che inevitabilmente bisognerà comminare. Oppure li imbarcano lo stesso, in una classe speciale riservata ai soli positivi? Pare questo il rientro “protetto” .

Ettore fa un po’ di capricci non vuole dormire. Giuliano studia io vi scrivo del nostro fine settimana abruzzese particolarmente assolato. I trattori stanno facendo le balle di fieno e si contendono l’attenzione dei bambini insieme ai cavalli e agli uccelli. Giuliano anche oggi ha avvistato un’Aquila. Che sia in buon segno? Qualche nuvola comincia a fare capolino.

State bene e Adelante con Judicio!


Centosessantunesimo giorno senza scuola

La fiammata c’è: siamo quasi a quota 1000 e non più mille. Abbiamo paura ma ci rassicurano che la mortalità è minore, per poi dirci che lo è a causa dell’età inferiore dei contagiati. Il mio vero timore è che per non sapere né leggere né scrivere decidano di rinviare l’apertura delle scuole. Il

Ministro Azzollina e i sindacati litigano e si rimpallano responsabilità, di solito non è un buon segno. La meglio gioventù continua nella sua opera di diffusione del contagio, di “ottima” musica e di qualche pasticca “corroborante”. Nel frattempo hanno chiuso il Billionaire dell’anziano Briatore. Ieri ero in un supermercato qui di Rivi per comprare qualche bibita ed altri generi voluttuari da condividere con i miei sin troppo gentili ospiti. Mentre riempivo il mio mini carrello ho sentiti una discussione tra un giovane uomo capelluto ed una signora. Lei pretendeva che lui mantenesse la distanza. Lui insisteva che non stava facendo nulla di male e comunque ci teneva a far sapere a tutti noi che tanto suo figlio stava in Grecia. La signora, credo napoletana, gli rispondeva che anche il suo era in Sardegna ma questo non significava che lei non avrebbe mantenuto le distanze. Alla fine la signora faceva passare avanti il non galantissimo signore il quale, non contento, se ne lamentava con il cassiere.

A parte il fatto che i maleducati ci sono sempre stati la cosa che mi ha colpito è stata l’esibizione del figlio ventenne in vacanza in zone focolaio. Che alla la meno gioventù diventi uno status simbolo?

Il mio pensiero continua invece ad andare a quei giovani che passano le loro vacanze tra un libro, un bacio e una nottata sotto le stelle. I nerds sono i miei preferiti.

A tal proposito ieri notte con i bimbi e Martina abbiamo guardato un tappeto di stelle che non finiva mai. Ho anche visto la ma mia prima stella cadente. Giuliano invece sostiene di averne viste almeno quattro.

State bene e Adelante con Judicio!


Centosessantesimo giorno senza scuola

La scuola sta facendo entrare in fibrillazione i capi della nostra nazione. Non quanto le elezioni, però un qualche sussulto si è visto e sentito. Anche se la vera indignazione ha colpito l’imprudente Ricciardi, grancapo immunologo e molto altro, che aveva cominciato a paventare l’idea che non solo non aprissero la scuole ma anche che si rinviassero le elezioni regionali e il referendum. Comunque anche se magari con poca cognizione di causa se ne discute. Pensate che il bevitore di mojto dice che qualcuno le vuole trasformare in lager.

Noi qui si sta bene, la temperatura si è un po’ alzata ma in questo momento porto comunque una felpa.

Gran tour in bici tra mucche, campi coltivati, qualche cacca ed infiniti prati. Mia moglie Martina si è esibita in una prova ciclistica di tutto rispetto seminando il gruppo che in un tratto arrancava. Ettore comodo nel suo seggiolino si è goduto la passeggiata più di tutti.

In farmacia le mascherine non sono ancora arrivate. Il che non è un bene.

Qualche sera fa mi è capitato di vedere una signora con il Hijab tradizionale che grazie alla mascherina si era trasformato in qualcosa di più integrale. Sembrava molto infastidita dalla cosa.

Come farò con Giuliano e le mascherine scolastiche? Come posso fare in modo che non le sporchi, non le perda? Non ci cammini sopra? Credo che dovrò munirlo di un contenitore adatto, in cui possa conservarle quando le toglie. Ricordate quei porta sapone colorati di plastica. Una cosa del genere. Arcuri inonderà le scuole di gel e mascherine.

La verità è che i contagi anche grazie al modo un po’ truce che abbiamo noi di divertirci, o forse semplicemente perché non perdiamo la nostra attitudine a frequentarci, risalgono un po’ a singhiozzo ma inesorabilmente.

La nostra società è ancora pensata per persone che si incontrano, si mescolano e si toccano. Non sarà facile, ammesso che lo si voglia, cambiare questa nostra condizione che tutto sommato ci connota per quello che siamo.

Non è certo una caratteristica esclusiva dell’uomo ma certame siamo animali sociali. Tutte le nostre istituzioni, politiche, giuridiche, economiche, culturali prevedono piccoli e grandi assembramenti.

La Azzolina ci garantisce la scuola a settembre. Purtroppo nessuno di noi ha mai creduto che al riguardo il Ministro avesse anche solo una vaga influenza.

Nel frattempo Giorgetti, il cugino astemio del bevitore di Mojto, dice di essere terrorizzato dal distanziamento e che senza relazione non c’è educazione, lo dice al Meeting di CL, un posto certamente ricettivo al tema dell’educazione della persona umana. Trovando così, ancora una volta, il modo di parlare al nostro emisfero destro, quello meno razionale più istintivo.

State bene e Adelante con Judicio!


Centocinquantanovesimo giorno senza scuola

Il grande altopiano che divide Rivisondoli da Roccaraso, detto Piana delle cinque miglia, e le montagne che lo circondano consentono largamente, con pochissima buona volontà, di mantenere le distanze.

Ieri sera dopo le 18:00 per le vie del centro e la piazza principale del paese, dove si stava svolgendo un piccolo concerto, sono calate le mascherine. Tutti contemporaneamente e disciplinatamente mascariati!

Tra le nostre mete, indicateci dalla nostra ospite Cristina, c’è un bel prato raggiungibile in seggiovia vicino Roccaraso, detto dai locali l’ombrellone. Questa volta animati dalle peggiori intenzioni abbiamo deciso di raggiungere la “vetta” a piedi. Per un po’ il covid nostro sembrava sparito, nessun umano oltre a noi, finché in un tratto un po’ difficoltoso un mio compagno di escursione sentendosi in pericolo istintivamente ha messo la mascherina. Ci abbiamo scherzato però racconta un po’ delle nostre paure e del nostro stato.

Quando arriviamo Martina, Cristina ed Ettore che hanno preso la funivia, sono già arrivati. Mangiamo tra il cielo è le montagne, i bambini corrono, giocano, litigano.

Riscendiamo io e Giuliano sempre a piedi. La natura ci avvolge di nuovo, decisamente più mamma che matrigna questa volta.

Vado in farmacia per comprare il dentifricio per Ettore, dato che sono lì chiedo mascherine, ormai lo faccio sempre, beh mi dicono che non ci sono. Non mi capitava da un po’. I luoghi di villeggiatura si stringono per noi turisti e qualcosa inevitabilmente manca. Se non è lo spazio è la mascherina. I compiti sul terrazzo sotto gli abeti ci ricordano che la scuola si avvicina, forse. Sembra che comunque dai sei anni in su la mascherina sarà obbligatoria in aula. Tranne che a mensa e in palestra.

State bene e Adelante con Judicio!

Centocinquantottesimo giorno senza scuola

Veniamo qui a Rivisindoli ormai da qualche anno e mai come quest’estate abbiamo trovato tante persone. Tutte le seconde case sono state aperte e le iniziative culturali promosse dal Comune sono scaglionate per doppi turni e complici le norme per il distanziamento si fa la fila quasi per qualsiasi cosa. Persino al maneggio dove di solito non trovavamo nessuno, ferve un’attività notevole.

Giuliano, Gianluca ed Ettore superano la paura iniziale e fanno il loro giro a cavallo. Ettore va su un pony e non vuole più scendere.

In montagna il sole va e viene, bisogna approfittare quando c’è per fare determinate cose; da un momento all’altro il tempo potrebbe cambiare, si può alzare il vento, può venire giù la pioggia. Con il covid nostro sembra essere un po’ così.

Tra un po’ se tutto va bene riapriranno le scuole e tra banchi arcuriani, distanze, mascherine, rive buccali, presidi che non vogliono responsabilità, primi raffreddori, genitori in ansia o in eterno conflitto con il sistema, insegnanti un po’ avanti con l’età, sindacati e graduatorie sarà complicato reggere l’urto che inevitabilmente a un certo punto arriverà.

Certo essere bambini in questo periodo sembra avere i suoi svantaggi ma quando li ho visti tutti e tre che spazzavano, pulivano e scavavano un pietrone nel giardino divenuto

ai loro occhi “un importante reperto archeologico” ho capito che di risorse comunque ne hanno ancora molte.

Nel frattempo il Lazio ha scalato la classifica delle regioni con più casi giornalieri sopratutto grazie ai ragazzi della mejo gioventù reduci da feste e festini in giro per il Mediterraneo. Il meccanismo dei tamponi in aeroporto se funzionerà non potrà che aumentare i numeri della mia regione, speriamo però che funzioni in ogni caso.

Siccome non ci dobbiamo far mancare mai nulla gira sui social una piccola storia di disinformatia creata per mettere in ansia e in conflitto i genitori con la scuola. Con il meccanismo della catena di Sant’Antonio si chiede di pubblicare sui propri profili o di far girare nelle chat un testo nel quale si diffida la scuola dal traumatizzare il proprio figlio in caso di sintomi assimilabili al covid nostro. Il fanciullo rischierebbe l’isolamento e verrebbe sottratto ai genitori. Invece il protocollo, e la prassi, sono quelli di sempre se il bambino sta male deve tornare a casa. Gli verrà messa una mascherina e aspetterà fuori dalla classe l’arrivo di mamma o papà. Se poi il bimbo risulterà positivo tutta la sua classe si farà la quarantena a casa.

Draghi parla al meeting di CL dei nostri ragazzi e del loro futuro, degli investimenti in ricerca della differenza tra debito produttivo e improduttivo. Sembra quasi si voglia occupare del Paese chissà. Una cosa però vorrei che fosse chiara anche a lui un investimento è produttivo solo se finisce nelle mie tasche altrimenti è uno spreco. Questo più o meno è il pensiero comune. Altro che donne e champagne!!! A proposito… i discotecari sembra si vogliano ribellare all’editto di San Rocco che ha disposto la loro chiusura ricorrendo al Tar.

State bene e Adelante con judicio

Centocinquantasettesimo giorno senza scuola


<<Ginluca, Ginluca e Clistiina>> Si riparte per l’ultimo tratto delle nostre vacanzine. Andiamo in montagna a Rivisondoli in Abruzzo ospiti della nostra amica Cristina. Lì Giuliano ed Ettore rivedranno Gianluca loro amico molto invocato da Ettore negli ultimi giorni.

Nel frattempo i nostri eroi hanno trovato il coraggio di chiudere le discoteche. A dire il vero lo ha dovuto fare il Governo, le Regioni non se la sono sentita. A proposito di eroi delle nostre regioni ricordate Gallera? L’assessore regionale al welfare della regione Lombardia. Quello delle conferenze stampa online in piena epidemia, sempre sorridente e allegro. Quello che a un certo punto ci spiegò che essendo l’RT sotto 1 ci sarebbero voluti due positivi per contagiarlo. Insomma il nostro eroe era in vacanza e durante una partita di paddle (una sorta di mini tennis) ha colpito violentemente la testa contro un’inferriata metallica: 30 punti x due profonde ferite al capo. Lo riteniamo un dato di cronaca interessante, ci spiace e auguriamo pronta guarigione, ma crediamo che contribuisca a chiarire il quadro generale. Nel frattempo il tracciamento delle feste dei giovani vacanzieri è uno sport che comincia a dare qualche risultato. Per ora trovati 8 ragazzi positivi di Roma nord reduci da festeggiamenti a Porto Rotondo insieme a qualche giovane di Milano San Babila. La notizia si è guadagnata molto spazio sul corriere. Pare fossero la meglio gioventù. Il nuovo provvedimento che chiude le discoteche prevede anche l’obbligo di mascherine nei luoghi aperti che si presume possano essere affollati dopo le 18:00.

Ieri pomeriggio Ettore si è goduto una piccola visita ad un maneggio dove ha potuto ammirare cavalli e animali da cortile.

State bene e Adelante con Judicio!

Ventitreesimo week-end dalla chiusura delle scuole

Ci siamo, la scuola è di nuovo in discussione. Meno importante dell’apertura dei locali delle movide varie, delle discoteche in spiaggia e dei viaggi organizzati nei luoghi dello sballo per le coste del Mediterraneo. Non si può ordinare di chiudere balli e sballi ma si può invece ventilare la non riapertura delle scuole senza paura. I capi delle nazioni e delle regioni hanno più considerazione delle lobby dei Cecchetto e degli Albertino che di noi genitori e dei nostri figli. I numeri sono un po’ risaliti, la tendenza sembra questa, e per un po’ sembra che andrà peggio. Ma come dice l’uomo dei Mojto il problema non sono i ragazzi che ballano ma quelli che sbarcano. Il problema sono sempre gli altri, quelli diversi che non ci somigliano, non siamo mai noi. Non sono i nostri comportamenti. Ho visto persone giocare a passarsi sigarette iniziate, personale di bar e ristoranti portare la mascherina come foulard e molto altro.

Eppure la cosa che mi lascia più perplesso è stata la scelta strategica di consentire e promuovere entro i confini europei quella che il commissario Gentiloni definì: “una stagione turistica estiva” un rimescolamento di uomini e donne notevole. Mentre i nostri esperti rimettono in discussione l’apertura delle scuole stabiliscono anche che se a scuola non si potranno mantenere le distanze Amen, si terranno su le mascherine e pazienza. In fondo sembra veramente che delle scuole non freghi niente a nessuno. Però i banche di Arcuri arriveranno, magari gli ultimi a dicembre ma arriveranno.

Intanto io e Giuliano ci siamo messi a studiare le divisioni a due cifre. Devo dire che non ricordavo neanche io come di facessero.

Oggi siamo andati dove osano le aquile di queste parti. È stata una passeggiata impegnativa ma Giuliano è riuscito a vedere due poiane e due aquile (lui dice reali) . C’è una lunga strada che costeggia i preappennini che chiamano il tracciolino, chiusa alle auto per via di alcune frane è diventata meta per camminate e corse per pedoni e ciclisti. Un piccolo paradiso dell’escursionista anche perché le montagne al mattino garantiscono ombra e temperature decenti.

Ettore invece cerca fantasmi e lupi nella notte. Gli abbiamo detto che arrivava il fantasma assuntino, indicandogli una zia di Martina che appunto si chiama Assunta che stava arrivando in quel momento. La cosa lo ha molto divertito e ogni tanto ci guarda e ci chiede <<Fantama assuntino? Ov’è fantama?>> I bambini adorano spaventarsi. Che sia così anche per noi ? La seconda ondata fa paura questo è certo.

State bene e Adelante con Judicio

Centocinquantaquattresimo giorno senza scuola

Da ex fumatore incallito, che a lungo ha creduto che vivere e fumare fossero per lui due attività indissolubili, sono rimasto molto colpito dagli ultimi provvedimenti anti covid. In Spagna, prima in Galizia e ora in tutta la penisola, i due provvedimenti cardine introdotti per contrastare l’aumento dei casi, ieri quasi 3000, sono stati la chiusura delle discoteche e il divieto di fumo all’aperto. Ci ho messo un po’ a capire perché, poi mi sono ricordato delle sigarette consumate in fretta fuori dai locali e dagli uffici in compagnia di altri tabagisti come me. Chi fuma per altro non può tener su la mascherina, un po’ come chi beve o mangia. Inoltre ricordo la facilità con cui ci si scambiava sigarette accese, magari per fare a metà. Il covid nostro comincia ad avere delle venature di moralismo anti edonista che neanche il suo cugino anni ‘80 che si portò via Tondelli e Keith Haring e con loro una generazione di libertini mica male, si permetteva.

Qui da noi ancora discutono di come e quando eventualmente chiudere le discoteche. Ma a Ferragosto è domani e sarà una grande occasione di aggregazione, assembramento ne è il sinonimo cattivo, civile, ludica e religiosa. Vedremo come andrà. Pare però che si ballerà, si berrà e si fumerà a volontà.

Un pensiero va ai ragazzi un po’ solitari di tutte le epoche, che forse il mondo oggi apprezza un po’ di più.

Oggi Ettore ha voluto che stessi con lui. Abbiamo fatto una piccola passeggiata, comprato biscotti e succhi di frutta. Con Giuliano invece abbiamo giocato a scacchi e ho perso di nuovo. L’orgoglio per l’abilità del proprio figlio e la frustrazione per la propria sconfitta si mescolano in uno strano sentimento che non so definirmi.

Buon ferragosto e Adelante con judicio!

Fontana della “Piazza” di Roccasecca Via Roma

Centocinquantatreesimo giorno senza scuola

Le cose non vanno più molto bene. Secondo la fondazione GIMBE il trend è negativo e i casi aumentano nonostante i tamponi siano diminuiti. La Lombardia, come da tradizione, non si ferma e mantiene il primato di regione con il maggior numero di positivi. La cosa che preoccupa di più è l’aumento dei ricoveri e delle terapie intensive.

I capi delle regioni e delle nazioni hanno ricominciato a litigare sui provvedimenti da prendere nell’immediato per contenere la ripresa del contagio. Per il momento discutono sulla chiusura o no delle discoteche e i luoghi del ballo in generale. In Toscana si dovrà ballare a due metri di distanza l’uno dall’altro. Sul Corriere trovo le autorevoli opinioni di Cecchetto e Albertino.

Per la scuola non sappiamo moltissimo se non che forse non serviranno le mascherine e forse ci saranno i mitici tavolini con le rotelle entro settembre, ma forse no, ci vorranno le mascherine e i banchi arriveranno a ottobre. E’ cominciata intanto l’indagine sierologica tra gli insegnanti e il personale scolastico. Arrivano mail per prenotarsi etc. L’adesione è volontaria e individuale.

La stucchevole polemica sull’eventuale obbligatorietà dei vaccini, che ancora non ci sono, pare essere stata spazzata via dall’evidenza che se mai ci saranno non saranno sufficienti per tutti.

Giuliano ed Ettore si sfidano a colpi di imballaggi di polistirolo, provocando sintetiche nevicate sul pavimento. La Ciociaria che in questi giorni ci ospita purtroppo ha ricominciato anche lei ad avere i suoi contagiati. Ieri siamo andati in un ristorante con i nonni e ho è potuto notare la diversa disposizione dei tavoli, la diminuzione dei coperti e una certa attenzione da parte della gerente che ci teneva a che negli spostamenti avessimo la mascherina e che non si è mai tolta la sua che le copriva perfettamente naso e bocca. Mangiamo bene anche troppo la signora ci spiega che le cose le vanno meglio ma che è preoccupata perché vede che molte persone si comportano come se nulla fosse accaduto.

Oggi ho fatto una piccola passeggiata con Marco un cugino di Martina e anche la bar dove ci siamo seduti a bere un caffè le cameriere facevano rispettare distanze e distribuivano i clienti con un criterio.

Se tornate da Grecia, Spagna, Croazia o Malta sappiate che dovrete fare un tampone e che verrete posti in isolamento fiduciario, cioè in quarantena.

Con Marco ho visitato anche una piccola cappella che non conoscevo. Mi spiega che ci fanno qualcosa con il pane.

State bene e Adelante con judicio

Centocinquantaduesimo giorno senza scuola

 

I capi delle nazioni e delle regioni mostrano preoccupazione per il mutato circolare ed emergere del virus, sempre più presente tra i giovani. C’è un discreto incremento di casi anche in Italia da un po’. Anche se qui in Ciociaria sono molto orgogliosi degli zero casi in più degli ultimi due giorni.

Si paventa la possibilità di imporre le mascherine anche all’aperto e di procedere con alcune chiusure: piazze, locali, spiagge. È che pare che non siamo più molto disciplinati, sopratutto quando andiamo a cercarci un po’ di sballo fuori. Ma poi non si era detto quest’anno di fare le vacanze a chilometro zero? Se risaliranno i ricoveri, vero discrimine, temo che si procederà con nuove strette che renderanno la riapertura delle scuole ancora più complicata è provvisoria. Oggi con Giuliano abbiamo fatto un po’ di matematica. Ettore giocava e dopo un po’ il fratello con un piccolo mappamondo gli spiegava la differenza tra gli oceani e la terra. Chissà cosa ha capito però male non gli farà.

Le cronache dei giornali hanno trovato la loro storia noir estiva, le cicale cantano e le zanzare ci pizzicano, sembra un agosto qualunque in una provincia qualunque del vecchio impero occidentale. Eppure non è così, guardo la mia meravigliosa Martina penso a tutte le estati che abbiamo passato insieme e so che questa è diversa c’è un’ombra in più.

 

Una curiosa vicenda anima la vicina Cassino; le parrocchie, con una raccolta di firme, hanno chiesto di dedicare la città alla Madonna dell’Assunta, di farne una Civitas Mariae, anche per ringraziarla di aver protetto la città dal Covid nostro.

 

La richiesta ha trovato terreno fertile anche in importante parte della politica e dell’amministrazione comunale. Questo però è stato visto come un affronto dall’Abbazia di Montecassino, forza antica e molto presente, e dai numerosi cittadini che ricordano quanto San Benedetto abbia caratterizzato non solo l’identità di Cassino ma in fondo quella dell’Occidente tutto. Scontri tra fanti in nome dei santi. Questo meccanismo umano, antico e connaturato alla nostra specie di primate non finisce mai di sorprendermi.

Tutto quello che facciamo, fosse anche salvarci la ghirba da uno sconosciuto virus respiratorio, è anche uno scontro di potere. Per il momento sembra che l’abbia avuta vinta l’Abate. Il sindaco(PD) ha ritirato la delibera mariana in cui accoglieva la richiesta delle parrocchie per preservare la coesione sociale.

Il vescovo però dà appuntamento il 14, viglia dell’assunzione, quando emanerà la bolla di proclamazione in piazza durante l’incoronazione di Maria, dove a proposito do coesione sociale il Sindaco vedrà <<da solo quanto Cassino vuol bene alla Madonna.>>

State bene e Adelante con judicio

Centocinquantunesimo giorno senza scuola

Dopo aver contribuito alla ricchezza delle nazioni, riacquistando un iPhone, imbocchiamo l’Appia Pignatelli e l’autostrada. Ci trasferiamo dai nonni. <<Loccasecca nonna. C’è Mia nonna Glaziella, c’è Minù>>. Ettore è dal mattino che ripete questo mantra. A Roccasecca ci attendono i nonni, l’annuncio di un bel temporale e vecchi giochi dimenticati che con i bambini riprendono vita. La sfida a Twister diverte molto sia Giuliano ed Ettore che Martina. Io provo con dolore e mi arrendo quasi subito. Qui in Ciociaria il Covid nostro non è stato finora particolarmente cattivo. Qualche problema negli istituti per anziani e nelle lungo degenze lo hanno avuto, c’è stato anche qualche lutto intendiamoci, certo niente di paragonabile alle province martiri del nord Italia.

I nuovi untori sono i vacanzieri di ritorno dalle mete balneari e un po’ discotecarie del Mediterraneo, soprattutto Spagna e Grecia. È stato predisposto un servizio di controllo con test rapidi negli aeroporti. I giornali ne fanno ampia descrizione. Mai come in questo ultimo periodo c’è stata una simile consonanza tra i media Mainstream e gli uffici stampa del governo. Il Covid nostro è stata la grande fortuna di una classe dirigente che si sta specializzando ed adattando velocemente alle opportunità che esso offre. Poi c’è la propaganda ex sovietica lo Sputnik V, vaccino provato dalla figlia di Putin che ridimensiona le piccole veline di un regime adveniente, una roba da dilettanti. Nessuna pubblicazione su riviste scientifiche internazionali accreditate, per ora ci dobbiamo fidare della parola del Padre sulla testa della figlia. Una roba che neanche Abramo e Isacco. Sputnik oltre ad essere il nome del primo satellite che l’URSS e l’umanità mandarono in orbita è da sempre uno dei nomi della propaganda sovietica prima e russa poi.

In macchina Giuliano ci fa cercare un brano della Cenerentola di Gioacchino Rossini che il maestro di musica gli faceva cantare in un coro a scuola, luogo che evidentemente gli manca molto.<<Una volta c’era un re che a star solo, che a star solo ….>>

State bene e Adelante con judicio

Centocinquantesimo giorno senza scuola

Perdere il proprio i-phone è una delle peggiori tra le piccole iatture possibili. Ha un impatto discreto sulla vita lavorativa, sociale ed emotiva. Provate a immaginare di perdere in un sol colpo tutte le cose che custodite nel vostro ex telefono ora computer, macchina fotografica, agenda, archivio e molto altro e di non essere più raggiungibili. Oggi mi è successo e devo ammettere, anche se è il 10 di agosto, che quando mi sono dovuto arrendere all’evidenza dello smarrimento mi è venuta letteralmente la nausea. Poi mia moglie mi ha detto che tutto sommato è solo una cosa e un po’ mi sono rassegnato.

Era stata una giornata deliziosa di noi quattro al lago a festeggiare il mio onomastico. Canoa, nuoto e cartoccio di fritturina di pesce. Le persone non sono tantissime e devo dire che quasi tutte rispettano distanziamento e portano la mascherina dove è previsto. Fa eccezione il barista che la porta sotto il naso. La recente indagine sierologica della croce Rossa del Ministero della sanità e dell’Istat ha purtroppo constatato che dopo il personale sanitario viene quello del mondo della ristorazione, per numero di contagi. Premesso questo molti dei lavoratori della ristorazione che ho incontrato chiamano le mascherine museruole e trovano una sorta di ingiustizia doverle portare e lo fanno in modi diciamo così sportivi.

L’enorme nasone di uno dei ristoratori che mi è capitato di frequentare in questo periodo, un po’ per suggestione e un po’ per constatazione, me lo sono sentito più volte dentro il piatto che mi portava o mi preparava. Altri sono stati impeccabili ma tant’è.

Il covid nostro a Roma fa il suo, con 18 nuovi casi 38 in totale nel Lazio.

Dei 38 laziali 13 provengono dal Cas Mondo Migliore di Rocca di Papa (Asl Roma 6) e 9 casi sono casi di importazione: due di rientro da Ibiza, due da Malta, due dall’Ucraina, due dal Pakistan e uno dalla Romania. Vite diverse come quelle di chi decide nonostante tutto di andare divertirsi a IBIZA e quelle dei disperati rinchiusi nei centri di accoglienza che per quanto abbiano nomi paradisiaci sono comunque istituzioni chiuse.

Ormai abbiamo cenato con i miei folli amori Ettore parla sempre meglio e a volte mi stupisce, oggi volevo far capire una cosa a Giuliano usando un modo dire e ho detto appunto non è né carne né… e subito Ettore <<Pesce! Mio qualo pesce!>>

Chissà come funziona la nostra testa.

State bene e adelante con judicio!

PS non disponendo, causa smarrimento i-phone, di molte foto corredo il mio diario con uno scatto di mia moglie Martina e un delizioso murales di BLU che si chiama Pandemia ed è a Campobasso.

Ventiduesimo Weekend dalla chiusura delle scuole

<<Come si cama? Come si cama papà?>> Vuole sempre sapere il nome di tutte le cose. E se lo sa lo richiede e vuole proprio quel nome lì. Niente sinonimi. Quando gli dici la parola che aspettava e che riconosce è soddisfatto annuisce e sorride: “Si cama macchina!” A volte mi chiedo se non siamo un po’ così anche noi, assolutamente indisponibili ad accettare niente che non confermi le idee che già abbiamo. Riuniti in gruppi, in partiti, in bolle. Tendiamo tutti al pregiudizio e al meccanismo dell’auto convalida. Anche di fronte alla cocciutaggine dei fatti. Forse è fa parte del nostro essere sociali, sarebbe terribile dovere cambiare continuamente idea sulle persone e su chi rappresenta i nostri valori e le nostre certezze. Certo il Covid nostro non ha di questi problemi non ha pregiudizi si adatta a tutti, russi o americani, destri o sinistri, negazionisti o allarmisti, banchi e neri, bangla e latinos, giovani e anziani, uomini e donne, cinesi e francesi. Con conseguenze diverse ma contagia tutti. Quando scrivo il conto dei morti è arrivato a 730,502 nel mondo.

Ieri siamo riusciti ad andare allo zoo abbiano visto anche le due leoncine che son nate durante il lockdown. Stavano strette strette alla mamma.

Giuliano ed Ettore erano entusiasti quasi di ogni animale che abbiamo visto. Anche se Giuliano continua a coltivare la sua recente passione ornitolgica grazie alla grande voliera ed Ettore si innamora della maestosità di Bingo, un maschio di scimpanzé, che imita con una certa accuratezza.

C’erano un bel po’ di persone, in qualche tratto mi sono anche sentito troppo vicino ma con un po’ di buon senso abbiamo potuto comunque mantenere la distanza. Verso la fine della visita stanco mi sono seduto su una panchina mentre Giuliano inseguiva una pavoncella con i suoi pulcini ed Ettore, anche lui esausto, crollava tra le braccia della mamma. Nella panchina accanto a noi c’era un’altra famigliola simile alla nostra: un papà, una mamma e due bimbi maschi. Il minore consuma con grande entusiasmo un lecca-lecca che a un certo punto gli cade a terra, letteralmente in mezzo alla terra. Sta per rimetterselo in bocca tal quale ma interviene la madre che lo sciacqua con un po’ d’acqua e glielo ridà. A quel punto capisco che ognuno ha la sua idea di igiene e che disinfettanti per le mani e mascherine sono anche loro relativizzati dalla mamma che hai.

Per le scuole il problema vero restano gli spazi. I presidi chiedono spazi alternativi e di fatto esterni alle scuole. L’Anci si prepara ad una bando agostano che coinvolgerà anche B&B ed appartamenti singoli oltre ad alberghi, cinema e teatri.

I media e comunicatori istituzionali continuano a parlare, senza nessuna pietà per genitori e studenti, di classi pollaio. La scelta dei termini a volte denota una particolare forma di crudeltà. Per dire che non ci saranno più ma affinché ciò sia possibile servono nuovi spazi.

Sarà complicato anche perché mediamente i bambini sono quasi sempre raffreddati, hanno smesso di esserlo solo durante il confinamento. Appena torneranno a fare vita di comunità si raffredderanno si ammaleranno, si e ci contageranno e noi cadremo nel panico. Perché non sarà facile distinguere un raffreddore, una “normale” influenza di stagione dal Covid nostro. Non oso immaginare le chat di classe.

Due cose possiamo certamente farle: vaccinarci contro l’influenza stagionale, e cercare di mantenere la calma.

I capi delle nazioni, e gli adulti in genere, saranno presto tentati di richiudere le scuole; è facile, immediato e dà la sensazione che si sta facendo qualcosa. Dobbiamo sperare, e fare pressione ognuno come può, affinché ciò non avvenga perché il danno per i nostri ragazzi sarebbe grande.

Giuliano ha bisogno di tornare a scuola come tutti i suoi coetanei, la vita dei bambini senza scuola non deve più essere nel novero delle cose possibili.

State bene e adelante con judicio!

Centoquarantaseiesimo giorno senza scuola

<<Posso ‘bbracciare? Posso bbracciare?>> No so che rispondere ad Ettore che vuole abbracciare l’enorme giraffa del museo zoologico. Non può, la tassidermia è una pratica affascinante quanto discutibile ma certo non può. <<Le cose che ci sono nei musei si si guardano e non si toccano>>. Chissà perché poi voglia abbracciare solo la giraffa? Forse perché è altissima? Dopo un po’ ne incontriamo un’altra fatta con una resina tutta bianca. Vuole abbracciare anche quella. Però chiede, allarga le braccia e chiede se può.

 

L’idea oggi era di andare allo zoo, Bioparco per i migliori tra noi, ma non avendo prenotato abbiamo dovuto ripiegare sul vicino museo zoologico, uno dei luoghi preferiti di Giuliano, che ora che ha scoperto il beard waching può godere della collezione del museo ancora di più.

Da una parte le imminenti elezioni regionali dall’atra la desegretazione dei verbali del CTS metteranno in difficoltà i capi della nazione e delle regioni. La storia di Nembro e Alzano purtroppo è lì nero su bianco. Sembra che nessuno si sia voluto prendere la responsabilità di chiudere né la Regione né il fiero Conte o il giovane Speranza.

D’altro canto il numero dei contagi sono un paio di giorni che continuano a crescere soprattutto in Veneto. Zaia parla di focolai di migranti e di Veneti (lo scrivo maiuscolo perché lui lo dice maiuscolo) positivi di ritorno dalle vacanze all’estero.

Per la scuola nonostante il protocollo d’intesa con i sindacati ancora non è chiaro come funzionerà. La saga dei banchi prosegue con Federlegno che spiega che nessuno sarà in grado di farli nei tempi dettati da Arcuri e Renzo Piano che suggerisce di farli fare ai 10.000 falegnami italiani tutti di legno.

Giuliano mi mostra tutto orgoglioso la bellissima Upupa conservata al museo zoologico. Lo fa con maggiore orgoglio perché io l’avevo confusa con uccellino che non c’entrava nulla.

Upupa, ilare uccello calunniato

dai poeti, che roti la tua cresta

sopra l’aereo stollo del pollaio

e come un finto gallo giri al vento;

nunzio primaverile, upupa, come

per te il tempo s’arresta,

non muovere più il Febbraio,

come tutto di fuori si protende

al muover del tuo capo,

aligero folletto, e tu lo ignori.

(Eugenio Montale)

State bene e adelante con judicio!

Centoquarantaseiesimo giorno senza scuola

Grazie alla Fondazione Einaudi, che ha fatto desegretare con una battaglia legale e politica i verbali del Comitato tecnico scientifico, sappiamo che non è vero che non si preoccupavano dei bambini. Infatti qualcuno tra loro stilò, e fece approvare dal comitato, questa militare organizzazione della giornata dei nostri pargoli,

“Sveglia, bagno, colazione (compreso sparecchiare, mettere in ordine e lavaggio denti), igiene personale, attività domestiche, attività ‘scolastiche’, contatto telefonico e/o video con amici e parenti (nonni, zii, cugini), pranzo (compreso sparecchiare e mettere in ordine, attività libera (televisione, computer, ecc), attività ‘scolastiche’, merenda (compreso sparecchiare, mettere in ordine e lavaggio denti), uscita di casa (dal cortile, alla spesa), attività ludico/ricreativa (hobby), cena (compreso sparecchiare, mettere in ordine e lavaggio denti), igiene personale, a letto (lettura e/o favola)”.

In questo periodo con Giuliano stiamo vedendo Umbrella Academy e non posso fare a meno di immaginare Reginald Hargreeves, il crudelissimo ed esigentissimo padre putativo dei ragazzi con poteri speciali, nonché miliardario ed extraterrestre, come l’estensore di queste impersonali e gelide regole, compreso sparecchiare e mettere in ordine. Non mi pare di ricordare né il fiero Conte né alcuno dei suoi ministri declamare il decalogo.

L’altra cosa che emerge è che il CTS non consigliò di chiudere tutta l’Italia ma di fatto solo il Nord. Poi le cose andarono come tutti sappiamo. Del resto non era tollerabile che fermandosi Milano non si fermasse anche Palermo.

Oggi dopo esserci occupati dell’ormai improcrastinabile riparazione del cellulare di Martina e aver pranzato siamo andati a visitare la piccola Galleria D’Arte Moderna di Roma in Via Crispi.

Ci hanno misurato la febbre con un visore ad altezza uomo al quale ho dovuto issare Giuliano, Martina invece ha sollevato il nostro Ettore. Eravamo gli unici avventori, anche perché il curatore ha deciso di dedicare due piani del museo, agli artisti Ungheresi a Roma, tema non proprio popolarissimo. C’erano però delle bellissime sculture inizio novecento che viste con gli occhi dei bambini assumevano una bellezza ancora più particolare.

<<Coa è quetta? Coa è quetta?>> mi chiede Ettore indicandomi una Galatea singolarmente anni ’20. Mentre provo a dirgli mi guarda felice mi indica la mano della statua che visse per l’amore di pigmalione e la grazia di Afrodite: <<Pisciolino, pisciolino! Quetto Pisciolino!>>.

State bene e adelante con judicio!

Tutte le nostre giornate su Roma Report

Ettore chiede del pesciolino di Galatea

Centoquarantacinquesimo giorno senza scuola

<<Quindi papà hanno trovato questa medicina che ti guarisce per sei mesi?>> Giuliano ha sentito me e Martina commentare la notizia che un’iniezione di anticorpi monoclonali possa guarire e proteggere per sei mesi dal Covid nostro. Mi colpisce come sia attento a qualunque cosa noi si dica riguardo il virus e a tutto quello che gli gira intorno. Del resto ha capito benissimo, come tutti i bambini più o meno della sua età, che la cosa lo riguarda. Il lockdown lo ricorda benissimo e l’improvvisa chiusura della scuola pure.

Il fiero Conte garantisce lui, le scuole riapriranno. Detto così spaventa un po’, che riaprissero il 14 settembre oramai lo davamo per assodato. Non sappiamo ancora come e in che modo ma che riaprano ci crediamo e, direi, ci contiamo. Oggi la Azzolina ha firmato un’ordinanza per 50.000 posti in più fra docenti e Ata, con una priorità per la scuola dell’infanzia e la primaria. Quando lo leggo penso subito alla maestra scientifica di Giuliano che parlava di un atteso “contingente” per poter sdoppiare le classi, non so se 50.000 basteranno però apprezzo.

Ieri pomeriggio ho fatto una passeggiata con Ettore in bicicletta per comprare il cibo per i “piscilini”, la parte di Trastevere che la sera si trasforma in una specie di paese dei balocchi di giorno sembra un paesino, che non è stato completamente vuoto neanche quando c’era il confinamento. Ora si è trasformato, come molti altri posti, in un’infinita teoria di sedie. E ancora non è giunto il bonus ristorante: un miliardo di euro, sembra. Passando appunto accanto ad una di queste file, devo dire piene di avventori, è l’ora dell’aperitivo, incontro due vecchie conoscenze che saluto scherzosamente. Uno di loro mi insegue per chiedermi delle informazioni mentre inseguo Ettore e la sua biciclettina. La vita continua, le persone fanno progetti, litigano e cercano quello che hanno cercato sempre. Mi pare, tutto sommato, un buon segno.

Mentre scrivo Ettore cerca di sottrarsi alla nanna, la mamma si spazientisce gli dice: <<Non hai dormito sta notte, ora almeno dormi un po’, così mi riposo anche io non sono mica una macchina>>. E lui di rimando:

<<No macchina! Donna! Sei una donna!>>

State bene e adelante con judicio!

 

 

Centoquarantaquattresimo giorno senza scuola

Secondo l’indagine sierologica condotta dalla Croce Rossa nei mesi scorsi, ufficialmente del Ministero della Salute e dell’Istat, i positivi ai test di siero prevalenza, cioè le persone che hanno sviluppato anticorpi a seguito di un contatto con il Virus SARS-CoV-2, cioè i contagiati sono il 2,5% della popolazione. Sappiamo che non è stato facile perché molti hanno rifiutato la propria collaborazione alla Croce Rossa, comunque alla fine il campione (64.600 prelievi) pare sia stato composto correttamente. Il 2,5% della popolazione è come previsto, molto di più del numero delle persone diagnosticate fino ad ora. Ma credo molto meno di quanto ci si aspettasse, in tutto sarebbero un po’ meno 1,5 milioni di persone. Malamente distribuiti per lo stivale, quasi nessuno in Sicilia e 750,000 in Lombardia, più della metà di tutti i positivi italiani, con una percentuale sulla popolazione lombarda del 7%. La provincia di Bergamo è la più ”sieroprevalente” con il 24% di positività. Dati su Roma non ne ho trovati ma nel Lazio la percentuale di positivi risulta 1, nelle Marche è del 2,7 in Calabria dello 0,6. La cattiva notizia è che l’immunità di gregge non è solo lontana è in un’altra dimensione spazio temporale. Questo vuol dire che se va avanti così ogni raffreddore che prenderemo, ogni influenza che colpirà i nostri bambini ci getterà nel panico finché non verrà distribuito un vaccino, poi per chi ha problemi ideologici con i vaccini l’unica sarà pregare molto.

I miei oggi li ho portati a Villa Sciarra, per un picnic a base di supplì. I prati erano singolarmente apposto e rasati, le panchine vecchie e rovinate sono state quasi tutte sostituite, le fontane funzionavano e abbiamo visto anche entrare un furgone e un suv degli addetti alla manutenzione delle fontane storiche ed artistiche. Insomma l’avvicinarsi delle elezioni fa bene alla villa un tempo dei coniugi Wurts.

Giuliano ha sviluppato un senso di protezione e guida nei confronti del fratello minore che va letteralmente in sollucchero per questo e lo cerca e lo vuole continuamente. La gioia di Ettore è stata grande quando ha visto che il fratello lo aiutava a salire sulle altalene e lo seguiva nei suoi giochi. Questa notte è andato a dormire sul letto di Giuliano senza svegliarlo e senza che lui se ne accorgesse. Giuliano è contento e viene a raccontare tutte le cose divertenti o buffe che Ettore fa, anche nel caso io fossi presente Giuliano mi “riracconta” tutto, per il piacere di condividere credo. In fondo una cosa non è veramente successa se non la raccontiamo. A un certo punto non trovo più Giuliano, è andato a bere alla fontanella ma non lo vedo e non lo sento più. Lo chiamo una volta, due. Poi comincia a chiamarlo anche Ettore: <<Giuiano, Giuiano mio!>> Sento nella sua voce, e a dire il vero anche nella mia, un po’ di spavento. Poi lo vedo che risale una strada bianca rifatta di fresco che Giuliano adora percorrere. Era semplicemente andato ad un’altra fontanella.

Nel frattempo sono uscite le linee guida per la scuola da 0 a 6 anni. La febbre non verrà misurata all’ingresso m ai bambini non dovranno averla, come non dovranno avere sintomi respiratori, quindi se hanno il raffreddore o la tosse, nel caso dei miei figli è una circostanza molto comune, dovranno rimanere a casa. Niente mascherina e riorganizzazione degli spazi. Mi pare di capire che cercheranno di dividere i bambini i micro gruppi, cui assegnare in modo esclusivo giochi ed altri materiali. Vedremo!

State bene e adelante con judicio!

Centoquarantatreesimo giorno senza scuola

Questa mattina sono dovuto andare in banca. La mia è un po’ lontana da casa è dopo Prati al Mercato Trionfale. Decido di andarci in bicicletta. Non esco prima di aver tentato di far mangiare qualcosa per colazione ad Ettore. Provo con dello yogurt ma niente, mi chiede delle mozzarelline ma niente. Propongo tutto quello che ho dalle uova al latte, dal pane e marmellata o nutella ai biscotti ma nulla. Ettore è di ottimo umore mi abbraccia mi sorride, mi porta in giro per la casa che per lui è “glande, bella mia casa” ma non si mangia nulla. Giuliano invece ancora dormicchia quando esco.

Passo per la pista ciclabile sotto i muraglioni, costeggio il Tevere che se ne va a mare contento come sempre anche oggi. Incontro la colonia di gabbiani che sta imparando a volare sull’Isola Tiberina che di solito vedo da Ponte Garibaldi. Il fiume era stupendo, non hanno autorizzato gli stand che negli anni hanno sostituito la ”Festa de no antri” e quindi la passeggiata è ancora più gradevole.

Roma è abbastanza vuota di romani come accade sempre ad agosto, in più permanendo lo smart working anche chi lavora non si vede. Invece i turisti si vedono ogni giorno un po’ di più, italiani per lo più e qualche tedesco. IL gestore di BB me lo racconta soddisfatto dicendomi che ha anche accettato i bonus vacanze. <<Er commercialista m’ha detto che tanto un po’ de tasse le dovemo paga’ e con quelli scalamo.>>

Io non l’ho neanche chiesto al mio albergo se volevano il bonus vacanze. Bah pazienza.

Nel frattempo i capi della nostra nazione riescono nel più grande crash di prenotazioni della storia delle ferrovie italiane. Dando l’impressione che quantomeno la mano destra non sapesse quanto facesse la sinistra. Prima annunciano la fine dell’era del distanziamento nei treni italiani, lasciano il tempo di vendere posti e biglietti, e poi cambiano idea. La seconda decisione è probabilmente la più saggia ma vien da chiedersi perché abbiano preso la prima.

Quando entro in banca mi chiedono di togliermi il casco da ciclista effettivamente tra mascherina e casco ero molto travisato.

L’uomo del mojto invece pare che dopo un piccolo eccesso a una festa delle Lega in spiaggia, che lo ha visto chiedere a un minore di togliersi la mascherina se voleva, abbia deciso di fare un piccolo passo indietro invitando tutti all’uso della mascherina al chiuso e chiedendoci di usare la testa. Cercheremo.

Per quanto riguarda la scuola ancora sembra che ognuno sia nelle mani della propria dirigente scolastica. Speriamo bene. Curiosa invece la soluzione proposta dall’immunologo/virologo del giorno. Quest’oggi è un francese e suggerisce ai giovani di ammalarsi durante l’estate prima dell’apertura delle scuole, un po’ come le massaie di un tempo che infilavano i bimbi nei letti dei cugini malati di morbillo o varicella, così se la toglie.

Insomma il professor Eric Caumes sostiene che i giovani siano incontrollabili e che quindi valga la pena che si contagino tra loro mantenendosi però distanti dagli anziani e dagli adulti. Leggendo la sua intervista su Repubblica mi sale un certo fastidio finché non mi imbatto in questa battuta. “Questo virus è chiaramente troppo intelligente per gli europei, a parte i tedeschi”. Mi sento di nuovo nel rassicurante mondo delle barzellette di quando eravamo bambini e c’erano gli italiani, i tedeschi e i francesi. Ora ogni tanto capita che me ne racconti qualcuna Giuliano non sono molto cambiate, solo che ora c’è quasi sempre anche un cinese.

Tornato a casa mangio uno spettacolare riso al salmone scozzese, rughetta e zenzero preparato da Martina. Veramente buono. Con Giuliano ci guardiamo un episodio della nuova serie di Umbrella Accademy poi però si studia e si legge un po’.

State bene e Adelante con judicio

Ventiduesimo weekend senza scuola

Pieni di panni sporchi, souvenir e qualche libro in più ripartiamo. Lasciamo Pesaro, posto pieno si senso per me e la mia piccola famiglia. Lasciamo Zia Nunzia, mia cugina Federica e suoi tre figli bellissimi: Filippo, Ludovico ed Edoardo. Lasciamo il nostro albergo alla fine diventato troppo stretto anche se quasi vuoto. Lasciamo il mare con i suoi “piscilini” , le sue conchiglie rotte e sane, i gabbiani i cormorani e la sua vastità.

Il viaggio ci piega un po’, mal d’auto per i bimbi quindi molte soste e molto caldo. A un certo punto ci è sembrato che ci abbandonasse anche l’aria condizionata ma poi si è ripresa.

Il giorno prima di partire scopro che c’è l’inaugurazione di un giardino dedicato alla memoria di Bettino Craxi in Piazza Matteotti. Sono socialista, la mia famiglia era socialista, e lo sono ancora, ammesso che questo possa avere un senso nell’era dei Mojto e delle pochette, accessorio che mio padre adorava. Ci penso un po’ e decido di andare, a piedi dall’albergo ci metto otto minuti. Arrivo un po’ in anticipo. Trovo subito degli anziani contestatori, che mi proibiscono di fotografarli chissà perché. Ci sono anche digos, addetti del comune, protezione civile, vigili urbani, c’è una sola persona che potrebbe sembrare un simpatizzante, porta sotto braccio un giornale con la testate che recita Avanti! L’ultimo di una genia che si è succeduta dopo quella che alcuni di noi chiamano la diaspora, credo lo editi Claudio Martelli è un mensile mi spiegheranno poi.

Ho con me un libro di Piperno mi seggo vicino ai contestatori provo a leggere ma inevitabilmente li ascolto dicono cose dure, e per me ancora dolorosissime. A un certo punto mi alzo e glielo dico mi guardano stupiti, per loro è inconcepibile che ci sia al mondo qualcuno che non odi Craxi. Aspetto un po’ più in là, e i “craxiani” finalmente giungono, alla fine sono più numerosi dei contestatori che comunque sono una buona ventina e ben organizzati. Cominciano ad urlarci ladri, bottino ed altre amenità e ovviamente “onestà”. Il primo dei relatori ad arrivare sul posto è il sindaco Matteo Ricci, è piuttosto arrabbiato chiama il suo capo di gabinetto che gli aveva garantito condizioni di agibilità differenti. Gli chiedo se stesse al telefono con il mandante della contestazione mi spiega invece che sta parlando con il suo staff. Non sembra comunque perdere la calma. Mi dice che si aspettava una contestazione ma non nel punto in cui si sarebbe svolta la cerimonia. Dopo un po’ arriva Bobo. Lo conosco da una vita e quando lo vedo avvicinarsi da solo vengo preso da quel senso di protezione che suscita in tutti noi socialisti. Gli vado incontro e gli spiego che sta succedendo e gli indico Ricci. Non lo vedevo credo da tre o quattro anni. Parlano, Ricci si lamenta, Bobo Craxi anche un po’, ma non hanno molte alternative devono fare quel che devono fare con la contestazione, le urla e gli insulti. Bobo sdrammatizza un po’ scherza, ma non sembra rassegnato ad andar via. A un certo punto uno, mascheratissimo, si avvicina con fare minaccioso al nostro gruppo urlando “Vergogna, buffoni” Ricci non resistive e gli dice che sono ridicoli, questo si calma e gli replica che se avesse accettato un confronto prima con loro le cose sarebbero state diverse. Io tra il serio e il faceto chiedo a Ricci cosa non abbia dato a quel gruppo ed in particolare a quel signore. Dopo un po’ arriva un uomo molto abbronzato in zoccoli, Lacoste e calzoncini corti. Interloquisce con Ricci che gli dice che insomma così non si può. Penso sia il mitico Capo di Gabinetto, dopo un po’ capisco che invece è il Questore che sostanzialmente dice a Ricci e con lui a tutti che le cose stanno così e se vogliamo possiamo cominciare. Lo dice in un modo buffo reso ancora più comico dal suo abbigliamento. “Ehhhhhhhh. Che vi posso dire. Non è stata autorizzata nessun’altra manifestazione. Potete cominciare quando volete.”

Arriva anche l’ultimo relatore: Claudio Martelli. Mi rendo conto che il sindaco vuole parlare dando le spalle ai contestatori mi pare poco prudente e lo faccio notare, Ricci mi guarda come si guarda uno che non sa quello che dice. Bobo deve avere la mia stessa sensazione e chiede a un gruppo di noi di mettersi dietro al sindaco e agli altri relatori, tra i quali c’è anche Enzo Maraio. Alla fine si fa tutto, parlano tutti dicono più o meno quello che volevano dire pur non riuscendo a non dialettizzarsi con i contestatori.

Scoprono la targa tra le urla, le maledizioni e gli applausi. E dire che sono passati tanti anni 20 dalla morte quasi trenta dall’esilio.

Mi rendo conto che la questione non è ancora chiusa. Ricci nel suo discorso dice di venire da una famiglia fieramente anticraxiana, certo deve dare una certa soddisfazione veder nascere delle parole e delle controparole con il proprio cognome, ma di aver capito poi con gli anni che quanto fatto dal Presidente del consiglio Craxi etc.

Bobo ricorda i giardini del Cile dedicati a Craxi che tanto fece per i patrioti e i compagni cileni perseguitati da Pinochet. Martelli quasi non parla di Bettino cita Brodolini, pesarese secondo Martelli (in realtà di Recanati), e interloquisce con i contestatori che invita a studiare un po’ di storia. Poi tutto finisce in un tripudio di sigarette e mascherine, la targa viene scoperta e si va via. Mi accorgo che a Bobo chiedono i selfie come a Salvini. Mi avvicino, non lo abbraccio lo saluto però con affetto e vado via. E mi riprometto che questa sarà l’ultima volta che vado a farmi insultare anche se so che forse non è così. Meno male che non ho portato con me Ettore e Giuliano o forse no?

State bene e Adelante con judicio

Centoquarantesimo giorno senza scuola

Casa Pllotta, come dice Ettore comincia a mancare anche a me. Domani partiamo, oggi ultimo giorno pieno di mare. Martina in un momento di meravigliosa vitalità si esibisce per noi in ruote e rondate. Giuliano ed Ettore giocano con i cuginetti. In spiaggia fa un caldo pazzesco. Infatti i bimbi stanno quasi sempre in acqua.
Un nuovo studio dice che invece, a differenza di quello di due giorni fa che diceva il contrario, anche i bambini piccoli sono portatori di grandi cariche virali. In Veneto le cose vanno maluccio proprio a Treviso, la città tanto amata da Zaia. Anche se la situazione sembra meno tragica di quanto detto fin qui, in fondo solo 6 persone in terapia intensiva. Tra i nuovi ospiti qui a Pesaro ci sono i cormorani: i bagnini li guardano stupiti alcuni bagnanti li maledicono come purtroppo sono solito fare con gli africani tutti neri come loro. Ogni tanto qualcuno si erge in piedi sugli scogli o sui pali ed apre le ali, da lontano sembra una croce, una croce nera.
I dati sono un po’ in salita ora anche qui ma la variabile terapia intensiva è quella ancor più cruda dei decessi per il momento è ferma.
State bene e Adelante con judicio.

Centotrentanovesimo giorno senza scuola

La vita in spiaggia con i suoi ritmi, il suo ozio e i suoi bagni non è cambiata quasi per niente. L’unico grande assente è il biliardino o calcio balilla, che dir si voglia. Grande protagonista delle estati di molti di noi quando eravamo bambini e fino all’anno scorso anche di quelle di Giuliano. Quest’anno non c’è, non è stato proprio collocato. Come non sono stati messi i fili per stendere i costumi, troppo promiscui.

In Romagna dopo Dio e il Partito c’è il bagnino quindi per sua insindacabile disposizione, prima ancora che per qualsivoglia fonte legislativa , è stato decretato l’esilio dei nostri eroici calciatori Rossi e Blu e delle loro poco igieniche manopole. Comunque se siete degli insulsi legalitari e cercate una norma c’è (linee guida conferenza stato regioni per riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative.) e recita:
“È vietato l’utilizzo di strumenti di gioco per i quali non è possibile il mantenimento della distanza personale di almeno 1 metro (es. calciobalilla).”Quel caos di ragazzini che giocano e tifano, quel loro conseguente questuare monete mi manca un po’ , però tant’è. Comunque nuove linee guida stanno per arrivare proprio in questi giorni chissà.
Giuliano preso dal suo spirito di caccia insieme ai suoi amici ha catturato una medusa a suo avviso di dimensioni inusitate.
Ettore ha stabilito non solo, come al solito, di essere Batman ma che suo fratello Giuliano sia Superman. Il che ha fatto inevitabilmente di me un orrendo Joker da loro attaccato con ogni mezzo a loro disposizione. Mentre riposo vedo una bella signora che si fa un selfie prima di appisolarsi felice, l’ozio della spiaggia resiste al Covid nostro.
L’epidemia non si arresta tra i nostri cugini spagnoli e francesi, secondo Gimbe qui da noi in una settimana abbiamo avuto un incremento del 23%. Però a settembre a Roma facciamo gli internazionali di tennis … e con il pubblico probabilmente.
State bene e adelante con judicio.

Centotrentottesimo giorno senza scuola

Abbiamo portato qualche fiore a mia mamma che riposa in un paese qui vicino, Mombaroccio. Lei non ha visto nessuno dei miei figli è andata via quasi un secolo fa. Praticamente non c’era internet, i cellulari erano una rarità e il mondo non era ancora entrato nel terzo millennio. Io ero un ragazzo e non conoscevo quella che sarebbe diventata mia moglie. Lei aveva solo Cinquantatré anni ed era a detta di molti una donna straordinaria. Da quel paesino e da Pesaro partì alla conquista di Roma, città che a suo modo conquistò e poi perse.
“Questa è nonna Serenella, Ettore, era la mamma di papà”. Prova a spiegargli Martina. Lui è un po’ perplesso poi riassume a modo suo. “Nonna è motta! È motta”. Gli rispondo che sì, però un po’ vive ancora anche dentro di lui. A questo punto mi guarda tra il perplesso e lo spaventato. Come affermazione fatta in un cimitero è effettivamente un po’ al limite. Me la cavo con un accenno al patrimonio genetico più per Martina e Giuliano che per Ettore.
Le parlo un po’ ad alta voce di loro due e di noi due e le dico che tutto sommato stiamo bene e che c’è stata questa cosa del Covid, una specie di spagnola che si accanisce però più con gli anziani che con i bambini e che è tanto piaciuta ai politici che molto ci hanno giocato. A mia madre la politica interessava e un po’ ne capiva chissà che avrebbe detto. Sarebbe stata con quelli che negano o con quelli che enfatizzano. Chissà? Comunque li ho portati a salutare anche mio zio Dante, fratello molto amato da mia madre, e i miei nonni che non ho fatto a tempo a conoscere un po’ come Giuliano ed Ettore con mia mamma.
Nel frattempo il fiero Conte ha incassato da Camera e Senato la proroga dello stato di emergenza, fino al 15 Ottobre. Il che significa che siamo ancora distanti dalla normalità. Un dpcm può ancora sospendere quasi tutte le nostre libertà personali, lo Smartworking è ancora in vigore nel pubblico impiego, ci sono ancora i commissari e molte altre amenità. Del resto come dice il fiero Conte il virus ancora circola. Sopratutto ha cominciata a farlo pericolosamente negli altri paesi europei dove i numeri peggiorano ogni giorno. Torniamo a Pesaro e Giuliano ci coinvolge in una spietata caccia agli avannotti con il retino. È così bello vederlo felice sotto il sole con l’acqua fino al dorso. Ettore lo segue con gli occhi pieni di ammirazione e grida <<pisciolini, pisciolini>> Che peccato credo le sarebbero piaciuti, un po’ le somigliano anche.
State bene e adelante con judicio.

Centotrentasettimo giorno senza scuola

Non so se si tratti di una coincidenza o meno, certo il mare di Pesaro non è mai stato così limpido e così pieno di vita. Banchi di avannotti di diversi colori circondano al mattino i miei due fanciulli, la sabbia è piena di vongole e granchi. Con Giuliano ci dedichiamo anche a un po’ di snorkeling. La sensazione è che per la prima volta con il Covid nostro ci sia stato un vero fermo biologico. Non so cosa sia successo negli altri mari ma qui nell’Adriatico la rivincita della natura un po’ si vede. Del resto anche nella mia Roma, con grande scorno del romano medio, l’aria è di molto migliorata. D’altro canto i dispositivi di protezione individuale possono sporcare le nostre spiagge se non ci comportiamo in un modo civile.
Ieri si è svolto un evento in Senato nel quale l’uomo del Mojto, un tenore e alcune vecchie glorie della politica e della medicina hanno proclamato la fine del Covid nostro. Platealmente sono state rifiutate mascherine anche se tricolori. Alcuni di loro fino a qualche mese fa volevano istaurare la legge marziale per contrastare l’epidemia.Nel frattempo dall’altra parte la classe dirigente del Covid nostro sembrerebbe appropinquarsi ad una proroga della fase emergenziale che tanto gli ha permesso e gli ha dato. Duole constatare come il potere avuto o perduto prevalga su tutto. Segnalo però una conferenza stampa organizzata dal Presidente del Veneto, Leghista come il bevitore di Mojto ma con qualche reale responsabilità, in cui intima ad alcuni suoi interlocutori di tenere la distanza è di tenere la mascherina fino al momento di parlare. Mentre lo guardò su Facebook mi ricordo del suo umore e del suo senso delle cose, ho lavorato per lui per un po’ di tempo, in fondo così adatto a questo momento.
Ettore ogni tanto si contempla e dice “Quetto mio coppo”, mostrando una consapevolezza di se stesso che forse ogni tanto abbandona noi adulti.
State bene e adelante con judicio.

Centotrentaseiesimo giorno senza scuola

Prosegue la nostra vacanza in riviera ai tempi del Covid nostro.
Uno studio su “Science” ci dice che i bimbi contagiano di meno perché sono più piccoli di statura, quindi più lontani dalle nostre bocche (o rive buccali come direbbe qualcuno) e respirano con meno intensità, quindi spingono nell’aria meno virus. Per carità, non tutto deve essere contro-intuitivo, però sembra proprio l’uovo di Colombo. In ogni caso speriamo sia vero e che questo aiuti il mondo a riaprire le scuole.
Questa parte della riviera sembra il regno dei bambini, le spiagge sembrano fatte per loro, per arrivare dove non toccano devono camminare un bel po’, la sabbia è sottile, il mare non è turchese ma è caldo e attrezzato per loro e le loro famiglie.
Qui a Pesaro il Covid questa primavera c’è stato e ha fatto anche più di qualche vittima. I pesaresi si sentono da sempre più romagnoli che marchigiani, mia mamma era di qui ed era certa di essere romagnola come di essere una donna. La Romagna insieme alla sua sorella Emilia è stata tra le zone più colpite.
Giuliano ed Ettore giocano con i cugini che qui sono noti come i romani, si divertono Giuliano si lancia anche in una nuotata un po’ più lontano fino agli scogli frangiflutti. Noi restiamo un po’ con il fiato sospeso, ma lui se la cava, fa pure dei tuffi.
La guerra ideologica sulle terapie prosegue, al punto che il leader delle opposizioni chiede conto al governo del plasma del De Donno a parer suo boicottata e non supportata da ministero e istituto superiore di sanità. A me sembra strano che ci possano essere divisioni politiche su questo poi mi rendo conto che le umane genti non hanno smesso per il Covid nostro di dividersi per la conquista o il mantenimento del potere e delle ricchezze del mondo.
Ci aspetta un periodo difficile con informazioni confuse e una lotta fa i capi delle nazioni e delle regioni che prevederà molta disinformazione è una dose notevole dì negazione. Non sarà facile orientarsi.
Qui si sta bene, al mattino una interminabile teoria di lettini, quasi tutti vuoti ci accoglie in spiaggia. Poche persone fuori dal week-end.Nonostante i volti un po’ dispiaciuti di chi di questo vive la minore presenza di turisti e bagnanti rende la nostra vacanza particolarmente gradevole.
La segnaletica orizzontale del Covid fa parte dell’arredo urbano e balneare le mascherine invece qui sono meno presenti che in città. I bagnini sono sempre i bagnini e il mare è rimasto salato.
“Mamma è biua, mamma e biua, mamma è donna”: cosi Ettore è qualche giorno che celebra la sua mamma ricordando a se e a noi le due cose più importanti che sa di lei che è una donna è che viva. Noi tre ne siamo molto felici ed oggi glielo diremo ancora perché è il compleanno di Martina. W Martina che è una donna ed è viva.
State bene e adelante con judicio.

Ventesimo weekend senza scuola

Prime vacanze ai tempi del Covid nostro.
Per arrivare a Pesaro facciamo un buon viaggio con deviazione in uno strano santuario eretto da una suora spagnola attorno a un crocifisso. Mangiamo in un giardino sotto un fico panini e succhi di frutta. Il percorso si allunga ma il posto un po’ surreale pieno di acquasantiere vuote, non sarebbe igienico, tanta pietra e luce vale il tempo perso. Il santuario dell’Amore Misericordioso a Collevalenza è una struttura poderosa su una splendida valle umbra. Non ci sono molti fedeli, non c’è quasi nessuno, i limiti di capienza sono rispettati.
Il nostro viaggio prosegue con Ettore che si addormenta dopo essersi arreso al fatto che il mare stavolta è un po più lontano. Giuliano invece non chiude occhio, ci fa cantare “Bella ciao” e ci parla delle mille cose che lo interessano in questo periodo. Impazzisce per l’avvistamento di un aquila, forse, poco prima del Passo del Furlo.
“La vostra stanza è stata sanificata da poco, potreste sentirne ancora un po’ l’odore”. In camera veniamo accolti da un sentore acre che ci pizzica le narici. Non posso fare a meno di pensare al sanatorio di Berghof della Montagna Incantata, anche li ogni partenza veniva seguita dalla fumigazione degli ambienti. C’è un distributore di gel i ogni angolo, il personale porta la mascherina ci viene consegnata la chiave della stanza in una bustina sigillata e ci viene detto di non riconsegnarla in reception fino alla partenza. Un muro di plexiglas protegge il buffet che ora è servito, chissà che ciò mi costringa ad abusarne di meno.
Andiamo a mare in uno stabilimento per noi insolito, splendidi lettini rossi ma poca distanza, anche senza Virus lo sarebbe. Vado dai gerenti e spiego che è per noi una situazione un po’ faticosa, mi rispondono che con il Covid hanno dovuto fare dei cambiamenti prima era diverso avevano il doppio dei lettini. Chiedo loro se avevano due piani perché non riesco a capacitarmi della possibilità di raddoppiare i posti in quel luogo. Alla fine decidiamo di andar via e tornare nello stabilimento consueto.
“Bene ora, ‘ndiamo casa Pllotta”. Ettore felice della giornata è della cena vedrebbe come giusta conclusione un nostro rientro a casa, Giuliano gli dice che ora dormiamo in albergo per un po’. Tra cena e pranzo, devo dire ottimi conto i coperti e mi accorgo che sono la metà della metà dell’anno scorso.
Il Covid nostro ha un po’ rialzato la testa in Europa, ora anche la Francia ha superato i mille casi al giorno. L’estate ha cambiato i luoghi di contagio spostandoli proprio verso i mari e i monti. Bisogna essere prudenti anche memori di quel che successe in febbraio nelle stagioni sciistiche.
Oggi mare, sale, sabbia e questa sera cena con la zia e i cugini e i cuginetti. A maggio non avrei creduto che fosse possibile tornare qui Pesaro come ogni anno.
State bene e adelante con judicio.

Centotrentatreesimo giorno senza scuola

Fervono i preparativi, valigie quasi fatte, ultimo giorno in ufficio prima della nostra piccola vacanza. Trovo Flaviano e Luca il quale è reduce da una settimana a Capri e mi dice che anche lì a parte il week- end poca gente, piazzetta o non piazzetta. Certo che varrebbe quasi la pena di andarci in questi posti meravigliosi ora rarefatti. Venezia di solito in questo periodo è invisitabile, chissà che invece con covid nostro non si sia un po’ svuotata. Roma ora è stupenda immagino sia così anche per le altre città d’arte europee.

Noi andiamo come ogni anno a Pesaro dove faremo, speriamo, le solite cose che facciamo ogni estate. La consuetudine è una delle chiavi dell’equilibrio, soprattutto nei momenti di crisi, rassicura.

Cosa non meno importante rivedremo persone cui vigliamo bene e che per il resto dell’anno raramente incontriamo fisicamente, con il lock-down ancora meno.

Lascio Martina, in uno splendido negligé, a casa alle prese con le valigie e i due già un po’ eccitati all’idea della prossima partenza. Alle sei erano già svegli e sul nostro lettone. Grandi sfide a braccio di ferro con Ettore che ora ha imparato a dire <<Vinto io!>>

Giuliano lo lascio intento nella fabbricazione di carte pokemon, operazione nella quale mostra una certa destrezza da qualche tempo. Ritaglia, disegna, colora e plastifica da zero, con cartoncino, matita pennarelli e scotch.

Vicino l’ufficio il negozietto in cui feci il mio primo acquisto futile post confinamento alla fine ha deciso di chiudere e sta svendendo tutto decido di compragli qualcosa. Acquisto una ciotolina e degli occhiali da vicino. Vado un po’ più in là e trovo un gruppo di teutonici che divora un gelato. Sono una tale rarità che li fotografo come ho fatto poco prima con una cicogna affacciata sull’Isola Tiberina.

Il virus non molla la presa, anche se qui la situazione è relativamente tranquilla nonostante un piccolo incremento dei casi nella giornata di ieri. Il concetto di tempo scuola, denso e ridotto, sta lentamente passando dai media insieme alla storia dei banchi a rotelle. Ho la sensazione che ci dovremo preparare a una gestione dei bimbi in famiglia almeno per parte dell’orario scolastico.

State bene e adelante con judicio.

Centotrentaduesimo giorno senza scuola

<<Vai papà, W papà, forza papà, bravo papà!>> Così il mio dolce Ettore mi incoraggiava mentre tentavo di stringere delle inavvitabili viti a farfalla in un faticoso lavoro di bricolage casalingo. È sempre con grande stupore che accolgo l’ammirazione infinita dei bambini per il padre, chiunque egli sia. Con trepidazione altrettanto grande attendo il giorno in cui cadrò e smetterò di essere una creatura quasi soprannaturale ai loro occhi. Sarà un momento cruciale più per loro che per me. Ricordo distintamente quando questo successe con il mio di papà. Ma questa è un’altra storia.

Comunque oggi di nuovo io e loro, un po’ di lavoro smart e un po’ di lavoro cretino. Pasta al pesto per pranzo e breve passeggiata per una Roma calda ma non troppo afosa. In cerca appunto di migliori viti a farfalla.

Il covid nostro continua a farsi strada nel mondo. L’ultima terapia che sembrerebbe, come molte altre prima di lei, essere la soluzione definitiva contro il coronavirus è quella con gli anticorpi monoclonali. Ho smesso di contare le soluzioni definitive proposte dai giornali. Ho scoperto essersi anche incistata una sorta di guerra ideologica sulle diverse terapie che vede sostanzialmente il favore di alcuni gruppi per qualunque cosa non sia il vaccino. Comunque gli anticorpi monoclonali a differenza del plasma degli immuni potrebbe essere prodotto su larga scala.

La sensazione è che siamo ancora lontani dal vaccino e il dibattito sulla liceità di infettare deliberatamente con il covid 19 delle cavie umane, persone sane, per accelerare il processo di verifica da l’idea del tempo che ci vorrà.

Ettore fa il suo pisolino Giuliano legge ed io sono qui con voi. A proposito non ve l’ho mai detto ma ogni condivisione, like o diffusione di questi testi è gradita.

State bene e adelante con judicio.

Centotrentunesimo giorno senza scuola

<<Ma quacqua casa Pllotta mia. Gatti… lava gatto!>> Così Ettore risponde alle mie proteste per l’uso che sta facendo del lavandino. E’ lì che lava un gatto fatto da lui con delle costruzioni di cubetti colorati. Provo a dirgli che è un po’ che l’acqua è aperta e che non si spreca ma niente. Alla fine troviamo un compromesso chiudo il rubinetto ma gli lascio il lavandino pieno.

In ufficio oggi devo sbrigare un po’ di cose, riunioni, notizie , comunicati, video riunioni. E’ come se il mondo avesse deciso di accelerare proprio ora che io voglio andare in vacanza.

Sulla scuola oltre alla vicenda dei banchi con le rotelle che grazie all’ottimo Arcuri invaderanno le classi, e immagino anche i corridoi per gare di velocità sfrenate, comincia d intravedersi un profilo del rientro. Mi sembra di capire che almeno per un po’ dovremo fare i conti con un orario ridotto. Giuliano fa il tempo pieno , c’è tutta una formula con le ore da 50 o 40 minuti che lascia intravedere una permanenza più breve. Magari con dei recuperi il sabato.

Nel frattempo il mio quotidiano preferito fa i conti della serva e osserva che con il recovery found “per la parte dei trasferimenti diretti ogni italiano riceverà 500 euro, ogni tedesco ne verserà 840 e ogni olandese più di 930”. Si tratta ovviamente di una media del Trilussa però…

Mentre lavoro sento un po’ di confusione davanti al Senato è Conte che esce, viene applaudito dai passanti. Leggo che invece Rutte viene fischiato, sembra che stavolta sia andata benino. Speriamo sappiano farci qualcosa di utile con questi soldini.

Martina, Giuliano ed Ettore hanno ricevuto una visita dalla nonna ed hanno festeggiato con una bella mangiata di pizza e supplì che genera in me una certa invidia. Ettore perso per la nonna al momento del congedo saluta la mamma per andare con lei. La cosa non si fa stavolta però chissà.

Il covid nostro invece almeno da noi sembra ammansito. In Spagna, Romania invece le cose non vanno troppo bene.

A Roma comunque 16 nuovi casi, sette di importazione: un caso dal Bangladesh, quattro dal Pakistan, un caso dalla Romania e un caso dall’India.

Tornando a casa trovo in piazza Sonnino una coppia che dipinge con degli acquarelli la piazza stessa. Mi piacciono li fotografo.

State bene e adelante con judicio.

Centotrentesimo giorno senza scuola

Dopo aver ispezionato minuziosamente la casa ed aver costatato con profondo disappunto che la mamma non c’era Ettore viene a chiedermene conto in bagno. Il suo dispiacere si scioglie in un po’ di lacrime dopo un lungo abbraccio. Andiamo a svegliare Giuliano e prepariamo due belle uova al tegamino. Una a testa, le mangiano con piacere. Giuliano vuole leggerci a tutti i costi “Diario di una schiappa” di Jeff Kinne. Lo ascoltiamo raccontarci dell’imbarazzante famiglia di Gregory Heffley, detto Greg. Penso che tra qualche anno l’adolescente sarà lui e probabilmente la famiglia imbarazzante saremo noi.

Lavoro un po’, faccio qualche telefonata scrivo, aggiorno, messaggio ma soprattutto agogno. Agogno la nostra vacanzina annuale a Pesaro che si avvicina. I preparativi fervono: si stirano magliette e parei, si tirano fuori le valigie, si schierano le creme da sole e dopo sole, i giocattoli da spiaggia e i libri da portarsi.

Nel frattempo organizzo per le deux un utile e divertente car woshing. Si danno un bel da fare e si divertono restituendo le loro cavalcabili a una condizione più decorosa. Povere macchinette ora sono spesso sottoposte a bagni di terra realizzati da Ettore che vuole sempre vedere l’effetto che fa più o meno con qualunque cosa. L’altro giorno nonostante le nostre raccomandazioni contrarie si è avvinghiato a un tegamino dal quale stavo servendo muddica tostata per la pasta. Ci si è attaccato con tutte e due le mani. Era caldino, io lo tenevo con la presina. Comunque niente di grave speriamo, che la sua furia sperimentatrice non gli arrechi troppi guai. A pranzo il riso al sugo era tiepido.

Ora fa la lotta con Giuliano sul tappeto e urla “Lascimi stare, lascimi stare.” e ride, ride. Lo scontro nasce dal fatto che Ettore si è impossessato di un paio di galosce e Giuliano vuole togliergliele.

Nel frattempo i capi delle nazioni a Bruxelles hanno raggiunto un accordo. I nostri sembrano soddisfatti, 209 miliardi sono un bel gruzzoletto. Certo è un aiuto, speriamo noi si sia in grado di utilizzarli e che si riesca smentire l’adagio nord europeo per il quale i paesi del sud spendono tutto in donne e champagne. La frase divenne di dominio pubblico quando l’allora ministro delle finanze olandese, nonché presidente dell’eurogruppo, la pronunciò in un intervista alla FAZ (uno dei giornali tedeschi più importanti con un lungo nome che neanche più i tedeschi utilizzano). Jeroen Dijsselbloem, nel lontano 2017, disse precisamente: “Non puoi spendere tutti soldi per alcol e donne e poi chiedere aiuto”. Pare che nonostante tutto lo abbiamo chiesto e lo abbiamo ottenuto.

State bene e adelante con judicio.

Centoventinovesimo giorno senza scuola

<<Mi strazia il cuor … mi strazia il cuor>>. Qualcuno dal maestro di musica canta, piuttosto bene, un’aria che parla di amori perduti e cuori infranti. Non la riconosco penso alla Turandot ma quasi certamente mi sbaglio. Il melodramma resta tra le forme d’arte che meglio ci rappresenta anche ora con il covid nostro che ci uccide e gli avari nordici che sembrano volerci affamare. Sono arrivato in ufficio a piedi questa volta senza accompagnare Giuliano al centro estivo. Oggi lui ed Ettore stanno con la mamma.

Uscendo di casa trovo in gigantesco Tir della Croce Rossa che sta facendo manovra. Chissà cosa porta. Una crocerossina, si potrà ancora dire, urla indicazioni in spagnolo.

Niente proroghe fiscali, gli adempimenti iniziano oggi 20 luglio e credo che saranno circa 200 fino alle fine del mese. Brutte cose ma necessarie.

Anche oggi i capi delle nazioni discutono del Recovery fund. Qualche anno fa mi capitava di frequentare quelle sale e vedere alcuni dei capi misurarsi in trattative. Una cosa l’ho imparato da allora ed è che quello che emergerà lo capiremo solo dopo un po’, quando saremo riusciti a farci largo tra le coltre di propaganda che verrà diffusa subito dopo. Siamo degli strani Paesi: litigiosi, scrocconi, frugali e spreconi ma come dice un mio amico che è stato tra i capi delle nazioni “Questa Ue così imperfetta resta un paradiso se la confrontiamo con il resto del pianeta.” E questa cosa del covid nostro sembra averlo confermato.

Leggo sul Corriere delle terribili bande di adolescenti bulli che invadono Trastevere per una movida violenta. Tra le loro malefatte ci sarebbe lo sputo al citofono per diffondere il covid. Attività abbastanza raccapricciante. Gli orari della movida violenta non coincidono con i miei ma devo ammettere che qualcuna delle persone che conosco ed abitano dalle parti di Trastevere vecchia, tra San Cosimato e Via della Scala si è molto lamentato ultimamente delle intemperanze notturne dei ragazzi. Pare che dopo il lock down ci sia stato un peggioramento, come un tappo saltato.

Resta il fatto che io ovunque vada, negli orari consoni per me mia moglie e i miei due bambini, trovo la metà dei locali aperti e pochi avventori.

State bene e adelante con judicio.

Diciannovesimo weekend senza scuola

Per fare una cosa diversa siamo andati a fare una visita guidata per i murales a Ostiense. Non è molto lontano da casa mia ed è un po’ che mi appassiono al tema. Ho anche una pagina che se ne occupa. La guida, una ragazza molto preparata, era contenta di avere qualcuno da portare in giro. Ci racconta della mancanza di lavoro, della tristezza di vedere le principali mete culturali di Roma deserte o quasi. “E’ da febbraio che non lavoriamo.”

Paghiamo 10 euro a testa esclusi i bambini. Ha voluto che le dessimo nomi e telefoni e che portassimo con noi le mascherine, credo per l’eventuale tracciamento.

Siamo noi quattro, la guida, due suoi colleghi che l’accompagnano un po’ per curiosità e un po’ perché non si sa mai, una coppia che viene dalla Calabria, accolta quasi da una ola, due signore con due bambine che giungono dal più vicino Formello. Una piccola compagnia di turisti all’Ostiense, un bel quartiere di Roma laboratorio della street art Romana. Facciamo una lunga passeggiata più o meno da Via del Porto Fluviale, dove ci sono i murales più notevoli, BLU e IENA CRUZ, Atoche fino alla Basilica di San Paolo. Noi li avevamo già visti quasi tutti, non con la calma e l’ozio necessari. Tira un bel ponentino Ettore ogni tanto scende da passeggino per forsennate corse, inseguito dalla mamma. Giuliano invece si arrampica sugli alberi che incontriamo sui viali.

Vedere tutte quelle pareti colorate ascoltare le storie degli artisti è piacevole. Non posso fare a meno di notare che la metà dei locali son chiusi, siamo in uno dei posti della movida romana e nel quartiere universitario di Roma 3. E’ sabato sera in giro non c’è quasi nessuno.

Ho letto di una viceministra, già nota per strane teorie economiche legate ai condizionatori, che ha provocato sdegno invitando il governo ad aiutare i ristoratori a cambiare mestiere, beh sdegno o no tra un po’ qualcosa bisognerà pure che se la inventino.

Noi troviamo posto in una storico locale sul Tevere dove ci servono una buona pizza scrocchiarella. Ancora non riesco ad abituarmi al sicuro incedere dei camerieri velato dall’azzurrino della chirurgica. Giuliano mangia a quattro ganasce Ettore un po’ meno ma è estasiato dalla cola cola.

Le seconda ondata nel frattempo sembra affacciarsi in alcuni posti d’Europa come al Romania, la Spagna e il Portogallo. I capi delle nazioni faticano a trovare un accordo a Bruxelles dove pare che vada di gran moda essere frugali con la pancia degli altri.

L’umanità non riesce neanche qui nel civilissimo vecchio continente a farsi solidale contro il virus, prevale il fastidio e il disprezzo per l’altro. Qui per l’immigrato scroccone, per cui deve finire la pacchia. In Olanda per l’italiano parassita che vuole spendere i soldi del probo olandese, dietro il quale c’è più di qualche tedesco, danese, finlandese eccetera.

State bene e adelante con judicio.

Centoventiseiesimo giorno senza scuola

Prendo l’autobus. Un po’ per curiosità e un po’ perché sono in ritardo. Ho nel portafogli un vecchio biglietto precovid. Lo vidimo nella mitica macchinetta obliteratrice. Devo arrivare prima che Giuliano si senta di dovermi rimproverare. Far tardi dal proprio figlio impegnato in qualche attività scolastica od extra scolastica è insieme una costante inevitabile e una delle mie piccole angosce quotidiane. Loro si sentono un po’ come se li avessi abbandonati, o peggio dimenticati, e tu ti senti un po’ una mamma sciagurata, anche se sei un papà ti senti comunque una madre sciagurata. Per la precisione io mi sento una mamma hippy negli anni settanta che odora un po’ di incenso.

In realtà non prendo il bus ma il tram, il mitico 8 che collega il casaletto, Monteverde Nuovo, con il centro di Roma passando per Viale Trastevere. E’ una delle poche cose della viabilità pubblica romana che a volte funziona benino. Viene anche in qualche modo celebrato da Özpetek in un suo film credo “la Dea fortuna”.

Trovo poche persone a bordo, tutte con la mascherina. Una signora parla al telefono ma tiene comunque su la sua FFP2. Faccio un paio di fermate e poi scendo. Trovo Giuliano felice come una Pasqua si è cambiato maglietta per poter far parte della squadra che voleva, mi racconta tutto minuziosamente. “Ho fatto il mio primo canestro in partita. Sai che la pokemon ball è il migliore allenatore?” Lo porto a prendere il gelato, lo mangia e continua a dirmi di compagni, giochi, carte e sapori.

Nel frattempo leggo che la CGIL scuola ritiene che non ci siano ancora le condizioni per un ritorno in aula in presenza. Ieri ho sentito dalla viva voce della ministra Azzolina che le scuole non misureranno la febbre ai bambini all’ingresso. Cosa che ora fanno anche nei centri estivi. Lo dovremmo fare noi genitori prima di farli uscire di casa. Penso all’otto che non sarà più così vuoto e mi rendo conto che questa storia del covid nostro non è ancora finita.

State bene, e adelante con judicio.

 

Centoventicinquesimo giorno senza scuola

Oggi mentre mi preparavo con Giuliano per uscire mi sono accorto che stava soccombendo sotto il peso del suo zaino. Mi è sembrato veramente eccessivo mica c’erano i libri per la scuola! Eppure si fletteva come un giunco. Ho riaperto la porta gli ho preso la borsa e l’ho svuotata. Ci ho trovato dentro: quattro bottigliette d’acqua semipiene, il doppio degli indumenti, delle creme, dei cappelli, dei costumi, degli occhialini e degli utensili di vario tipo che gli servivano. Svuotato di tutto pesava meno della metà. Diciamo che non ho trasmesso a mio figlio il concetto che bisogna viaggiare leggeri. Eppure mai come in questo momento anche concettualmente bisogna viaggiare leggeri.

Martina mi racconta che quando misurano la febbre ad Ettore questa mattina le operatrici del centro estivo asilo- riscontrano tre temperature differenti. Qualche problema al termometro evidentemente. Mi chiedo per analogia se la febbre del mondo e del paese sia adeguatamente misurata in questo momento.

Arrivo in ufficio dove sta per svolgersi una riunione con persone provenienti da molti posti diversi, mi assicuro che abbiano finestre aperte, che circoli l’aria, che non stiano troppo vicini. Tutti si comportano con giudizio anche se non manca lo splendido che invita tutti a stringersi le mani.

La febbre nel mondo continua a salire solo ieri +40,638 casi oggi probabilmente sfonderemmo il tetto dei cinque milioni di infetti. Da noi invece le cose vanno benino per proteggerci abbiamo deciso di chiudere agli ingressi dal Kosovo, dalla Serbia e dal Montenegro. Roma comincia ad avere qualche turista in più ma il volto triste dei baristi del Ghetto e di Trastevere dice molto più delle possibili statistiche sugli ingressi. Andiamo a pranzo siamo circa una dozzina di persone alla fine cadono tutti i distanziamenti e le precauzioni, facciamo una vita più o meno normale. Troppa roba però dobbiamo imparare ad andare in giro più leggeri.

State bene e adelante con judicio.

Tutte le nostre giornate su Roma Report

Centoventiquattresimo giorno senza scuola

Da oggi cade in Lombardia l’obbligo di portare la mascherina all’aperto. Qui a Roma non c’è mai stato. Un po’ più di persone in giro ci sono, molti tra le persone che incontro che sono state messe in difficoltà dalle misure di contenimento del virus hanno cominciato a sviluppare una sorta di retorica negazionista.

Qui giù per lo stivale il fenomeno del contagio e della malattia vera non ha mai morso ferocemente come al nord. Pochi di noi hanno conosciuto qualcuno che si è ammalato. Insomma il negazionismo può farsi largo con maggiore facilità. “Questa roba non c’è è solo un influenza o poco più. E il cancro? Lo sai quante persone muoiono di cancro ogni giorno? E gli incidenti stradali?” Eppure sappiamo cosa sta succedendo nel resto del mondo dove invece l’epidemia galoppa, un po’ perché è arrivata dopo e un po’ perché le misure restrittive sono state messe in campo più tardi e meno draconianamente.

L’Europa in questo momento è un isola già colpita dalla tempesta i cui abitanti però vedono i tuoni ed i fulmini devastare il resto dell’arcipelago ancora un po’ spaventati.

Giuliano mi racconta dei suoi compagni di basket e di nuoto con cui si ruba palla in acqua e in campo mentre passeggiamo sotto il sole verso quella che fu l’opera Balilla di Roma Centro e che ora, tra le altre cose, ospita il centro sportivo dove va Giuliano. Arrivando in ufficio trovo il Senato animato dai giornalisti che cercano Toninelli od altri dei 5 star per commentare la roba di autostrade. Tutto sembra quasi normale.

Il focolaio Bangla resta sotto controllo con 184 casi trovati su un totale di tamponi effettuati nella comunità bengalese di 6000.

State bene e adelante con judicio.

Centoventitreesimo giorno senza scuola

Ieri sera mentre Ettore si nascondeva sotto la sua poltroncina io e Giuliano, sazio di tortellini, abbiamo visto al telegiornale il Presidente Sergio Mattarella che si teneva per mano con il Presidente sloveno Borut Pahor. Qui non voglio parlare del valore simbolico del gesto, la tragedia delle foibe la violenza comunista e fascista i profughi, ma del fatto in se. In questo periodo in cui tutti, o quasi, evitiamo di darci la mano per non aiutare il covid nostro. Nelle immagini che ci son giunte, credo attentamente selezionate dall’ufficio stampa del Quirinale, si vede che i due in varie occasioni, portano la mascherina e si tengono a una certa distanza come fanno i rispettivi staff e il Ministro Di Maio cha faceva una certa tenerezza dietro una mascherina più grande di lui. Questa cosa dei ministri “bambini” poi un giorno mi piacerebbe approfondirla.

Trieste – Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Presidente della Repubblica di Slovenia Borut Pahor, oggi 13 luglio 2020..
(Foto di Paolo Giandotti – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Il nostro presidente portava una FFP2 bianca il presidente sloveno una più comune chirurgica azzurra. I due però quando si sono avvicinati prima al memoriale delle foibe di Basoviza, e al monumento ai caduti sloveni hanno abbandonato mascherine e distanze e si sono presi per mano. Questo davanti a due giganteschi corazzieri mascheratissimi. Credo che il senso fosse che di fronte all’omaggio al dolore di allora anche le prudenze di oggi nella solennità dovessero cessare.

Nel frattempo Ettore è sempre più felice del suo asilo-centro estivo dove ora lo sta portando la mamma, non lontano da quella via Condotti in cui sono state trovate due commesse positive al test sierologico. Tra i commessi e i dipendenti dei supermercati si è tornati a chiedere tutele sanitarie e prudenze e distanze ai clienti. A volte non ci accorgiamo ma ci avviciniamo troppo.

State bene e adelante con judicio.

Centoventiduesimo giorno senza scuola

Parte importante del settore del terziario e del commercio a Roma senza i soldi dei turisti e l’argent de poche degli impiegati pubblici può reggere ancora per poco. Per motivi misti e vari in questi giorni mi è capitato di parlare sia con alcuni commercianti che con impiegati in smart working. Devo purtroppo registrare una sorta di inconciliabilità delle posizioni. Dipendesse da loro gli impiegati pubblici non tornerebbero mai più. <<Adesso è il dirigente che deve dimostrare la nostra indispensabilità in ufficio>>. Il gerente del bar tavola calda invece: <<Come voi che va? Oh vedi lì quello è er palazzo daa San Paolo mo’ so 50 de solito ce stanno 1550 persone. Quello è der Tesoro, oggi è venerdì nun venivano manco prima, comunque ora la media è 150 persone, di solito so 2000. Guarda, o vedi quell’artro palazzo lì è l’agenzia […] Poi che t’aspetti mo’ andranno in ferie. Perché dopo tre mesi di smartworking è anche giusto che vanno in ferie no? Vedremo a settembre.>> I miei interlocutori in smart invece mi dicono di aver lavorato molto di più da casa che dall’ufficio, e non sono particolarmente allettati dall’idea di riattraversare Roma per raggiungere i loro, un tempo consueti luoghi, di lavoro. Inoltre una questione si dibatte in questi giorni ma se sei in smart hai diritto al buono pasto? Certo per la viabilità e il contagio il fatto che a Roma gli impiegati stiano a casa è più che un bene. Ma tutto quel mondo che viveva di loro?

Vedo e fotografo molti tentativi di adattamento, mascherine sartoriali, protocolli anticovd delle pizzerie. Senza clienti però non c’è fantasia che tenga.

E’ un po’ come se a Torino avesse chiuso la Fiat. A pensarci bene credo sia avvenuto…

Il punto è che proprio in queste ore con l’approvazione del decreto rilancio e l’eventuale proroga dello stato di emergenza si vedrà come la PA organizzerà: “Il lavoro dei propri dipendenti e l’erogazione dei servizi attraverso la flessibilità dell’orario di lavoro, rivedendone l’articolazione giornaliera e settimanale, introducendo modalità di interlocuzione programmata, anche attraverso soluzioni digitali e non in presenza [..]” Come recita il decreto rilancio. Vedremo mentre sono immerso in queste riflessioni accompagno Giuliano al centro estivo dove timbra il suo cartellino con la fronte. Niente febbre può passare.
Lo vedo entrare con la sua mascherina di spiderman lo trovo, come sempre, tra le cose più belle per me. Penso che molto di quello che sta succedendo lo riguarderà. Per ora lo aspetta il basket, gioco che quest’anno lo appassiona molto, da un paio di settimane sono state riautorizzate anche le partitelle. Per questo vuole che gli metta nello zaino una maglietta bianca e una nera per poter scegliere in quale squadra stare. Poi raggiungo il mio ufficio.

Diciottesimo week-end senza scuola

<<Sì è vero, il covid è il virus delle code>>. Dice il mio Giuliano mentre facciamo una delle nostre brevi code shoppingare. Questa mattina abbiamo fatto una breve spedizione a Porta Portese urgevano lampadine, carte pokemon e una passeggiata. Abbiamo trovato tutto, dopo la breve fila all’ingresso entriamo in una Porta Portese ancora semivuota. La faccia dei venditori è abbastanza desolata. Comunque riusciamo a comprar quel che ci serviva. Ieri invece nei nostri propositi di revange shopping ci eravamo spinti fino all’outlet di Valmontone. Martina trova per sé dei bellissimi jeans bianchi, per i piccoli compriamo qualche maglietta e pantaloncini corti. Io trovo due paia di bermuda, capo da me prediletto. Nei due mercati opposti ed uguali, per merce e organizzazione, uno curato e un po’ artificioso dietro i suoi pannelli in cartongesso, l’altro spontaneo e incasinato e profumato di salsiccia, legato alle strade della mia città, le regole che vigono sono o le stesse. Mascherina obbligatoria, gel ovunque e misura della temperatura all’ingresso. Il distanziamento in un mercato delle pulci è più un’attitudine che una regola ma tutti portano la mascherina, magari non la maglietta ma la mascherina sì. Cinesi, bangla, romani, napoletani, arabi, magrebini, giovani e vecchi, ed anche i superstiti russi. Faccio cambiare ad una signora la batteria dell’orologio di mia moglie, anche lei è mascherata. E’ un bel sacrificio perché siamo a luglio e fa abbastanza caldo. Solo i bambini sono quasi tutti esentati, chissà come la prenderanno quando arriveranno a scuola e troveranno tutte le mascherine di Arcuri.
Chi vende ha un’aria preoccupata sia a Valmontone che qui a Porta Portese, le persone hanno ancora molta paura anche di spendere.
Abbiamo superato i 200.000 casi in un giorno a livello globale ricordo che quando iniziai questo diario avevamo appena toccato i 100.000 in tutto. Anche il più fesso tra i capi delle nazioni ormai ha capito che non si scherza con questa roba e sta cercando un modo per gestirla che non contempli più alcun tipo di negazione. Si maschera, si ammala fa quello che può, come in fondo è successo anche da noi. Qui ora le cose vanno piuttosto bene, c’è qualche caso di focolaio provocato da ondate di ritorni o arrivi dall’estero, un po’ come avvenne in Cina e in Corea a marzo aprile. La nottata per il momento è passata ma che ci piaccia o no siamo parte di una umanità più vasta e anche quello che succede a Camberra ci riguarda. Vedo purtroppo che la campagna contro i bangla ha fatto al sua prima vittima, per fortuna non grave, un venditore di rose scagliato nell’acqua dei navigli proprio a Milano da due ragazzi. Adesso arriveranno, alcuni già ci sono stati, anche gli sbarchi con a bordo migranti positivi, arriveranno al sud che si è sentito graziato dal covid e anche questo non sarà facile da gestire. In tutto questo si sta formando una classe dirigente che molto deve al coronavirus e che è consapevole dei poteri, e a volte anche delle ricchezze, che ha guadagnato grazie ad esso e non ha una gran voglia di rinunciarvi.
Un voto del parlamento non dovrebbe essere visto con diffidenza ma tant’è.
Qui a Trastevere sono attivati i mini lockdown sulle piazze della movida: Piazza Santa Maria e Piazza Trilussa chiuse e interdette la sera. Le forze dell’ordine disperdono la folle che vuole bere e divertirsi. Quando l’ho visto mi sono immaginato i carabinieri di Pinocchio che scoprono il paese dei balocchi e lo sgombrano.
La situazione dei contagi a Roma (e provincia) oggi 12 luglio è questa: 20 casi di cui 16 di importazione 12 bangla. Un caso di rientro dall’Ucraina, uno donna dal Messico, un uomo dal Montenegro e un uomo da Afghanistan. La comunità bengalese continua sottoporsi a tutti i controlli richiesti con grande senso di responsabilità. Anche un bambino di un anno a Civitavecchia.
Tornando a casa raccolgo dei capperi dalle mura Aureliane che butterò nel sugo di coniglio.

State bene e adelante con judicio.

Centodiciannovesimo giorno senza scuola

Questa mattina Giuliano orecchiando la radio mi ha chiesto: <<Papà ma perché parlano di quelli del Bangladesh contagiati e non degli italiani?>> Conosco bene quel riflesso mentale, credo che sia frutto anche delle cose gli ho raccontato. I bambini però sono un po’ come diceva Gesù, il loro parlare è sì sì o no no. Ho provato a spiegargli che effettivamente un problema esiste tra la comunità bengalese a Roma e che occuparsene per curarli e prevenire nuovi contagi non è razzismo ma è giusto e normale. Però il suo riflesso non era del tutto infondato. In qualche modo il rischio di una campagna contro l’untore bangla c’è. La storia del bengalese fermato con la febbre alla stazione Termini dalla Polizia sembra fatta apposta.

Oggi sulla prima pagina del Messaggero, su cui trovate qui un bell’articolo che racconta del fresco cambio di direzione, c’era un editoriale intitolato perché “Roma deve evitare che si torni alla pandemia” sovrastato dal seguente occhiello: Pericolo asiatico. A parte il titolo vagamente allarmistico vi si spiega che non bisogna bloccare solo i voli dal Bangladesh ma anche dal Pakistan perché i passeggeri Pakistani sono risultati positivi anche loro 1 su 8. Per inciso il Messaggero che compro me lo consegna un Bangla che gestisce un’edicola in via Arenula, Bangla è il fioraio che incontro vicino Piazza Mastai, Bangla è il ragazzo in monopattino che mi supera in largo Argentina e Bangla sono i due signori che gestiscono le bancarelle in Viale Trastevere e lo sono decine di altre persone che incontro in giro per il centro di Roma. Sia detto per inciso per il romano Bangla è un iperonimo in grado di comprendere tranquillamente lo srilankese e il pakistano. Sono tanti e molto visibili perché gestiscono parte importante del piccolo commercio al dettaglio ed anche di quello ambulante. Non so bene come ciò sia avvenuto, che ruolo abbiano avuto in tutto questo i mitici Tredicine, però è un fatto che ora che il centro di Roma è stato privato dell’impiegato bianco e italiano, che lavora da casa, loro ci sono un po’ di più. Di solito sono persone gentili e grandi lavoratori. Solo cercando la loro collaborazione e possibile isolare e trovare il virus in quelle comunità. Comunque oggi Roma ci sono stati 23 nuovi casi di Covid-19 di cui 11 da fuori 8 con un link con i voli di rientro dal Bangladesh, uno dal Nicaragua e due da Milano. Superati i 2500 i tamponi effettuati alla comunità del Bangladesh.

State bene, adelante con judicio e non vi arrendete.

Centodiciottesimo giorno senza scuola

In classe siamo al metro statico, immagino da riva buccale a riva buccale, e alla mascherina in movimento. Una roba da misteri eleusini. I nostri capi nuovi e vecchi sono molto compiaciuti, dicono che siamo stati un esempio, che abbiano tracciato una via. Nel frattempo viene fuori che il nostro eroico personale del Pio Abergo Trivulzio di Milano aveva una personale interpretazione dello smartworking, erano assenti 2 dipendenti su 3, che in nessun Dpcm credo abbia mai interessato gli operatori sanitari. Su Roma Report proprio oggi è uscito un’interessante articolo di Elio Rosati che spiega come anche nel Lazio l’emergenza covid rischi di paralizzare la sanità anche in questi giorni. Posso testimoniare che è complicato anche avere un banale appuntamento con il proprio medico di famiglia. L’emergenza covid sta diventando un grande alibi.

A piazza Montecitorio c’è quasi sempre una piccola manifestazione, di solito con Ettore ci fermiamo un momento per capire chi sono. Dopo un po’ anche a causa del caldo desistiamo e ci andiamo a prendere un pezzettino di pizza bianca o del gelato. Nel frattempo il Censis ha pubblicato un rapporto nel quale ci spiega che gli italiani sono spaventati e per questo aumentano i loro risparmi in banca, mi è sembrato un invito ad un bel prelievo fiscale sui conti correnti come ai bei tempi di Giuliano Amato. In realtà molti hanno continuato a percepire il loro stipendio di dipendenti o pensionati anche durante il confinamento ed avendo diminuito le spese, si sono trovati con un piccolo gruzzoletto. Mi pare di aver capito che il revenge shopping non c’è stato.

Il piccolo focolaio bangla continua a dare notizia di se e in tutto siamo arrivati a 98 casi di importazione bengalese.

Ieri sera con Giuliano ci siamo un po’ dedicati alla lettura del suo nuovo libro di anatomia, resta molto sorpreso da molte delle cose che leggiamo e devo dire a volte un po’ anche io.

Oggi mi è arrivato un messaggio da una mamma che ha perso la bimba di otto anni l’anno scorso per via di un tumore. Mi voleva segnalare un murales da mettere nella pagina (https://www.facebook.com/muralesaroma/) sulla street art romana che gestisco per diletto, lo pubblico anche qui. La bimba Maria Sophia diceva sempre << Non mi devo arrendere mai.>>

State bene e adelante con judicio e non vi arrendete.

 

Centodiciassettesimo giorno senza scuola

C’è un tempo per tutto e un commissario per ogni cosa, che di solito è Arcuri. Ieri in via del Corso l’ho incontrato con una bellissima mascherina colorata della protezione civile, rideva contento insieme ad altri bei signori senza pancia, incravattati e ben vestiti. Tornavo dal centro estivo in bici e mi dirigevo verso l’ufficio. Credo di aver capito il motivo del loro buon umore. Di tutte le notizie veicolate ieri dallo spettacoloso ed inevitabile Casalino l’unica con una certa fondatezza è che Arcuri dopo l’ottima prova data con le mascherine si occuperà della riapertura delle scuole. Tutti noi abbiamo tirato un sospiro di sollievo: le rive buccali saranno ben custodite ed allocate. Ora spettiamo che la Lombardia nomini Bertolaso per le scuole ambrosiane e siamo apposto.

Ettore oggi quando eravamo quasi giunti al suo asilo-centro estivo mi ha intimato: <<Dai papà ‘ndiamo casa Plotta. Vojo mamma casa plotta.>> Ho provato a spiegargli che la mamma era in ufficio ma lui insisteva. Comunque siamo sempre sui 36.6 lui e 36,1 io.

Preparando una spettacolare carbonara di zucchine mi è occorso un piccolo incidente: mi sono affettato un dito. Il taglio non era niente di che però l’uso di gel e il lavaggio delle mani si sono improvvisamente complicati. Dovevo scegliere se privilegiare la cicatrizzazione e la guarigione del dito o le pratiche di igiene ora più che necessarie. Alla fine ho optato per un cerottino e gel e lavaggi come sempre.

La storia del contagio dei bengalesi a Roma sta conquistando le prime pagine dei giornali di qui. Il problema esiste, nel senso che molti di loro sono rientrati a Roma (dopo il blocco) dove lavorano dal Bangladesh, e alcuni sono risultati positivi a dei controlli in aeroporto. Infatti sono stati sospesi i voli diretti da Dacca. Anche in ambasciata ci sono stati dei casi di positività però ora non avrebbe senso iniziare una campagna contro il bangla, come si chiamano non troppo affettuosamente a Roma gli immigrati provenienti dal Bangladesh. Si tratta di una vasta e operosa comunità che risiede soprattutto a Torpignattara la cui situazione sanitaria andrebbe certamente monitorata senza però approfittarne per far del male a nessuno. Del resto è nostro interesse che la comunità bengalese a Roma si fidi delle autorità sanitarie se vogliamo proteggere loro e noi dal virus.

Oggi in ufficio Marco, un collega, ha potato una crostata per festeggiare il suo compleanno, abbiamo stappato una bottiglia di Prosecco è stato un atro piccolo momento di normalità.

State bene e adelante con judicio.

 

Centosedicesimo giorno senza scuola

Chiunque viva o abbia passato un lungo periodo a Roma sa che parte fondamentale della popolazione locale è composta dal clero, scuro o coloratissimo che sia; circostanza che dipende dai diversi ordini nei quali si è organizzata nei secoli la chiesa cattolica. Durante il periodo del confinamento anche loro, come era naturale, hanno smesso di solcare le strade con loro tonache, i loro sai, i loro clergyman, i loro sari e i loro veli e zuccotti. Quando mi capitava di incontrare una suorina ne ero colpito e rallegrato. Ora che tutti siamo tornati per strada anche loro che di questa città sono, non voglio dire l’anima, ma certamente parte fondamentale di una identità composita, sono tornati. Provengono da tutte le parti del mondo, hanno più o meno tutte le età possibili gravitano per lo più in centro tra il borgo e Trastevere. Rivederli mi ha dato quelle sensazione di piacere che danno i luoghi e le visioni consuete. Insomma ora almeno un prete per chiacchierare si trova. Quando le cose andavano piuttosto male ricordo che una domenica il Papa, tutto vestito di bianco, andò a trovare una Madonna a lui cara in Via del Corso. Noi romani ne fummo molto colpiti. Dopo aver ripreso Ettore siamo andati a Piazza San Cosimato per un gelato insieme a Giuliano e Gianluca, loro amichetto di ritorno da una bella vacanzina. Hanno riaperto anche le giostrine e il parchetto per i bimbi ed hanno montato il telo per il cinema all’aperto, a terra ci sono dei segni per le distanze. Ettore si scatena e ogni tanto cade e tocca per terra con le mani, io mi faccio prendere dal mio rinato igienismo e lo ripulisco tutto con l’amuchina. Giuliano è molto contento del suo libro sul corpo umano la cosa che non avevamo previsto era che questo si sarebbe incrociato con il “quetto come si cama” di Ettore che ora indica con una certa sicurezza le posizione dell’intestino e del cervello anche grazie alla complicità di Martina.

Per la scuola dopo la grande trovata delle rive buccali quasi tutto tace. Sappiamo tutti che serviranno più insegnanti ma non l’apparato politico-burcratico-sindacale non ha ancora stabilito un criterio per il reclutamento. Altro aspetto sono i test a campione tra gli studenti e per tutto il personale docente e non docente. Se si vuole fare però bisognerebbe cominciare a testare tra poco.

Nel frattempo l’America soffre, i vaccini sono lontani ed i focolai si accendono e si spengono come luci di un albero di Natale.

State bene e adelante con judicio.

Centoquindicesimo giorno senza scuola

“Mamma sono qui, mamma io sono qui.” Così il mio dolce Ettore ha protestato per l’assenza della mamma appena uscita per accompagnare il fratello al centro estivo. Poi si è ripreso e ha fatto il viaggio in bici tranquillo e beato. Le macchine, nonostante sia luglio, sono sempre più numerose e gli automobilisti sempre meno pazienti, ci suonano e ci sorpassano bruscamente più di una volta.

Ieri ci siamo dati ad una discreta abbuffata di libri alla Feltrinelli in Viale Marconi. Abbiamo comprato un libro di anatomia illustrato per bambini (Giuliano), Piperno (me), Amitav Ghosh (Martina), un libricino sui fantasmi (Ettore), un librone sui dinosauri (un po’ per tutti), Anna Frank (non me lo ritrovavo più). Tutti gli avventori sopra gli otto anni portavano la mascherina. E’ stato bello era tanto che non andavamo in libreria tutti insieme. Giuliano voleva quel libro su suggerimento di una zia infermiera di Martina. La signora Domenica, che ha avuto le sue gatte da pelare in questo periodo, che durante il pranzo di famiglia di un paio di settimane fa gli aveva spiegato che anche così piccolo poteva studiare qualcosa che riguardava la medicina: anatomia e fisiologia.

Questa mattina ho fatto una riunione in un ristorante convertito in sala riunioni. Era per me la prima non in video conferenza da un po’. C’erano persone che venivano da posti diversi della penisola ognuno con un suo approccio al covid nostro. Qualcuno offriva la mano, qualcun altro il gomito, altri ancora si inchinavano. Io fino al gomito mi sono spinto oltre no. Tenere la mascherina per tutta la riunione era molto difficile, faceva abbastanza caldo, ma almeno una persona lo ha fatto. Le distanze sono state mantenute e la porta è rimasta sempre aperta. E’ stato bello rivedere persone che progettavano e si confrontavano, un segno di vitalità che mi mancava. Quando torno in ufficio trovo una mascherina appesa come fosse un paltò all’attaccapanni. Trovo la cosa una discreta sintesi dei diversi approcci al covid nostro.

State bene e adelante con judicio.

Tutte le nostre giornate su Roma Report

 

Diciottesimo weekend senza scuola

Ieri era il 4 luglio e i contagi hanno ripreso un po’ a salire non solo in America. Il desiderio di molti di noi di voltar pagina purtroppo si scontra con numeri cocciuti ma chiari. La fase critica è finita in Italia grazie al duro lockdown cui ci siamo sottoposti ma il covid nostro esiste, resiste, fa ammalare e uccide le persone anche qui. Dobbiamo cercare di essere prudenti, il che significa usare le mascherine, non darsi la mano per salutare, non abbracciarsi per saluto, lavarsi le mani, cercare di rispettare le distanze ed evitare assembramenti. Vedo che il mio giornale preferito, il Corriere della Sera, non esita ad usare la parola untore per descrivere il veneto che tornando dalla Serbia, pur sapendo di essere positivo, ha rifiutato il ricovero e partecipato a svariate occasioni sociali. L’uomo effettivamente non appare dotato di particolare senso civico però untore pensavo fosse un parola confinata nella storia della colonna infame del Manzoni.

ll vicentino ora è in terapia intensiva, non se la sta passando benissimo.

Ieri siamo andati al Lago di Albano, o Castel Gandolfo, c’erano pochissime persone nello stabilimento dove andiamo di solito. A tenere lontani i bagnanti però non credo fosse stato il covid nostro ma le previsioni del tempo e un cielo che a est era nero e cupo come solo poco prima di un temporale estivo. Che puntualmente si è abbattuto su di noi. Un bagno e una mangiatina siamo riusciti a farli lo stesso ed Ettore e Giuliano ne sono stati contenti.

Per la scuola tutto sembra ancora in alto mare, la Cisl ha prodotto ieri un elenco di domande su igiene, distanze e spazi scolastici che se hanno ancora senso sono un brutto segnale, vuol dire che a parte ricalcolare le distanze fra le “rive buccali” non è stato fatto quasi nulla. Il Ministro della salute Speranza intanto annuncia che verranno fatti test sierologici sui lavoratori delle scuole e molecolari sulla popolazione scolastica. Il che tradotto dal burocratese significa tamponi ai ragazzi e prelievi agli insegnanti e al personale non docente. Non capisco se a tutti o a campione.

Per il momento con Giuliano facciamo un po’ di compiti e ci spariamo insieme ad Ettore con le pistole ad acqua sul terrazzo. Io e lui abbiamo una questione da dirimere, magari a pistolettate d’acqua, sul futuro di una pianta che abbiamo seminato durante il confinamento e che ora sta invadendo il pavimento del terrazzo e si arrampica sulle altre. Io ne avrei decretato la fine in autunno lui è contrario e vuole che resti.

State bene e adelante con judicio.

Centododicesimo giorno senza scuola

Non trovavo le chiavi della bici, le ho cercate come un matto, erano semplicemente nei jeans che portavo ieri. Ho fatto tardi, con Ettore che mi girava intorno e aspettava di andare. Comunque poi siamo arrivati 10 minuti dopo il previsto ma siamo riusciti. La notizia dei bimbi positivi al centro estivo del Caslino mi fa rabbrividire e spaventare un po’. Giuliano ed Ettore in queste settimane fanno una vita simile, e frequentano posti simili. La zona è molto distante dai nostri luoghi abituali ma dispiace e preoccupa ugualmente. Che prefiguri cosa succederà a settembre a scuola? Per il momento hanno chiuso il ristorante in cui sembra ci sia stata una cena di classe “imprudente” e il centro estivo frequentato dai due bambini. Oggi Ettore 36,4 di temperatura. Risalgo trafelato in bici saluto i ristoratori che apparecchiano davanti all’asilo e che mi hanno un po’ sfottuto per il ritardo e passo davanti al piccolo centro di aiuto per i poveri che c’è lì in Via del Corso. <<Aoh ma sei riuscito a dormì ar pronto soccorso der Policlinico. C’era na puzza che manco…>> Ascoltando i loro discorsi mi accorgo che scherzano e si prendono in giro con un grado di autoironia che non sospettavo. In ufficio si lavora un po’, mi riesce anche qualche cosetta un po’ più complessa che mi andava di fare da un po’.

I capi della città pare che in campidoglio vogliano ridiscutere dell’invasione di tavolini in centro. Mi pare un po’ tardi per quest’anno mi parrebbe sensato sorvolare comunque loro sono capi magari hanno ragione.

State bene e adelante con judicio.

Centoundicesimo giorno senza scuola

Prima della crisi, ero più o meno l’unico a portare mio figlio in bici a scuola. Ora quando arrivo all’asilo-centro estivo di Ettore sembra una tappa del Giro. Questa roba almeno a Roma ha mutato profondamene il nostro modo di muoverci. È pieno di persone in bicicletta e monopattino. Inizialmente li guardavo con un po’ di diffidenza, le cose nuove un po’ spaventano, ma in fondo non vedo perché no. Se questa orrenda vicenda ha qualche lato positivo, certamente il cambio della mobilità individuale è tra questi. Credo che un contributo lo abbiano dato anche gli incentivi, o almeno il loro annuncio, infatti pare che sia piuttosto complicato riscuotere questi bonus. C’è di buono che facciamo più movimento, inquiniamo un po’ meno e ci abbronziamo un po’. Più fu qualche negozio pensato per i turisti ha deciso di chiudere per un po’ o anche per sempre.

Giuliano ha scoperto che uno dei suoi compagni di centro estivo abita nel nostro stesso pianerottolo. Sono i nostri nuovi vicini di casa, si sono trasferiti appena prima del confinamento. Ettore invece chiede qualunque cosa a qualunque ora, di solito pasta al pesto, pizza o lecca-lecca, ed è stupito quando scopre che non la abbiamo: “Queta casa Plotta, casa Plotta gande!”. Per lui tutto è grande e totipotente.
L’America sta male e non so perché sento che il suo dolore e la sua società un po’ ferina ci riguarda più di prima.
State bene e adelante con juicio.

Centodecimo giorno senza scuola

Le lezioni della coppia che insegna musica e canto nel palazzo in cui c’è anche il mio ufficio sono riprese a pieno regime. Durante tutta la giornata i solfeggi e le ripetizioni monotone delle scale e degli accordi si susseguono. Il caldo è notevole ma lavorare si deve. Sbrigo un po’ di cose. I dati del covid nostro ieri in Italia erano piuttosto buoni. Gli immunologi si sfidano in pubblici dibattiti in tv ma le cose vanno decisamente meglio in USA ci sono invece circa 50.000 casi nuovi al giorno. Mi figlio Ettore oggi all’ingresso aveva 36,4 di temperatura e Giuliano era felice di uscire.

Sono in bici In Via del Corso, vedo un ragazzo di colore avvicinarsi ad una farmacia ed urlare senza un’apparente ragione, con marcato accento romanesco, “BUFFONA! SEI ‘NA BUFFONA”, e andar via. Il farmacista esce lo individua, lui si gira e ricomincia a gridare. Poco lontano davanti a un piccolo centro che distribuisce colazioni ai bisognosi un signore sulla cinquantina con uno zaino addosso si gira e dice : <<Aoh, là qualcuno urla, mi posso aggregare anche io.>> Purtroppo il numero delle persone in difficoltà aumenta e anche quello dei buoni samaritani per fortuna.

Traggo dall’ANSA: “Caritas ha assistito nei mesi più difficili della pandemia, da marzo a maggio, quasi 450.000 persone, di cui il 61,6% italiane. Di queste il 34% sono “nuovi poveri”, cioè persone che per la prima volta si sono rivolte alla Caritas. Tra le risposte alle richieste: 92.000 famiglie in difficoltà hanno avuto accesso a fondi diocesani, oltre 3.000 famiglie hanno usufruito di attività di supporto per la didattica a distanza e lo smart working, 537 piccole imprese hanno ricevuto un sostegno”. Lo spettro della povertà si aggira feroce tra noi e il covid nostro lo ha aiutato non poco.

State bene e adelante con juicio.

 

Centonovesimo giorno senza scuola

Oggi Ettore quando l’ho consegnato alle educatrici del centro estivo aveva 36,9 e io avevo 36,2. Credo sarebbe bastato un decimo in più per metterci tutti in allarme. I confini sono questo, alla fine risultano sempre un po’ arbitrari ma sono necessari. Per esempio qual è il confine tra la legittima preoccupazione per la propria salute e la psicosi? Qual’ è il confine tra la propaganda politica e lo sciacallaggio. Tra l’informazione e la disinformazione. Finalmente il covid nostro è mutato, almeno semanticamente e politicamente; da distopia antileghista (bergamaschi che infettano il mondo respinti alle frontiere africane) a distopia xenofoba: qualche immigrato magari di etnia Rom che viene dall’est positivo ai test e potenziale veicolo di contagio. Mi chiedo: l’atteggiamento rispetto al virus può essere diverso in base all’appartenenza politica? C’è stato un momento all’inizio della pandemia in cui chi era di idee progressiste tendeva a non credere al virus un po’ come Don Ferrante. Non sto qui a ricordare gli slogan raccapriccianti su città che non si sarebbero fermate o gli improbabili apericena forieri di contagi tra i dirigenti della sinistra italiana. Poi è successo il contrario da destra dopo molto scetticismo addirittura qualche caso di negazionismo. Ora che l’untore può essere l’immigrato immagino un altro cambio di rotta. Il covid nostro è l’unico che mostra una totale e indefettibile coerenza, dove può si moltiplica e impesta tutti: rossi, gialli, blu, neri, bruni, biondi, verdi e arcobaleno. Senza alcuna distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Neanche fosse un articolo di una costituzione repubblicana.

State bene e adelante con judicio.

Diciassettesimo weekend senza scuola

E’ stato un lungo e caldo fine settimana. A Roma c’era anche la festa del patrono, che poi da noi sono due Pietro e Paolo l’oriente e l’occidente, tre giorni di nuovo a casa tutti insieme. Siamo stati al mare a Fregene dove abbiamo avuto modo di vedere con occhi diversi la vita balneare del nostro litorale. Prenoto il giorno prima quindi mi spetta l’ombrellone secondo le distanze. Mentre cerco parcheggio, quelli dello stabilimento erano esauriti, Martina entra con Giuliano ed Ettore e vede che la signora alla cassa manda via più di qualcuno per esaurimento posti. Entro e trovo una situazione abbastanza normale, non abbiamo nessuno addosso e grazie al vento che tira sempre da quelle parti, nonostante siano le 12.00, non soffriamo troppo il caldo. Lo stabilimento è grande ci accomodiamo e sistemiamo le nostre cose. Stiamo bene con Ettore e Giuliano giochiamo un po’ con le onde. Dopo pranzo decidiamo di fare una passeggiata sulla battigia e ci accorgiamo che non funziona allo stesso modo in tutti gli stabilimenti e che c’è una marea di persone che si accalca un po’ ovunque. Credo che la discriminante sia l’arenile a disposizione, più ci spostiamo verso sud meno spiaggia c’è e più le persone stanno vicine. Siamo all’aria aperta, tira molto vento il virus qui nel Lazio è sempre meno presente, nonostante ci sia un focolaio proprio a Fiumicino.

La verità è che molti di noi pensano che sia meglio dire che sia finita, o almeno far finta che sia così, o addirittura negare completamente la vicenda. Cancellare tutto, 35000 persone morte solo in Italia mezzo milione in tutto il mondo, un’invenzione, in realtà morte di qualcos’altro. Lacrime di dolore, morte e povertà create ad arte dalle solite plutocrazie. Se qui va decisamente meglio in altri luoghi dove tutto è cominciato dopo siamo nel pieno dell’epidemia. In India, in America, in Brasile. La verità è che ne sappiamo ancora troppo poco per stare tranquilli. Per ora non è stato trovato alcun vaccino e le terapia che va per la maggiore è un banale steroideo (più o meno cortisone). La vita non si può fermare ma far finta di niente mi pare poco sensato e anche irrispettoso, se ha senso, come ha senso, avere rispetto per chi non c’è più. Comunque possiamo stare allegri dal 10 luglio via la calcetto e alle discoteche in Lombardia. Ogni tanto mi chiedo se qualcuno di loro di senta come il sindaco dell’isola di Amity.

Per chiudere il weekend siamo stati in un bosco vicino Maccarese un’oasi gestita dal WWF abbiamo visto un po’ di animali e qualche famigliola. Niente assembramenti lì. Giuliano è convinto di aver avvistato un Barbagianni Comune, era bellissimo grande e bianco in cielo.

State bene e adelante con juicio!

Centocinquesimo giorno senza scuola

Ettore ieri ha ricevuto il suo diplomino e il tocco di cartone che da qualche tempo le maestre degli asili nido consegnano alla fine del ciclo, quando i piccoli un po’ meno piccoli, ma molto diversi da come erano quando arrivarono, lasciano il nido per la materna. La piccola cerimonia si è svolta nel giardino dove ora lui va a giocare tutti giorni con le educatrici del centro estivo. Era molto contento della mia presenza lì, mi ha mostrato tutti i suoi giochi e i suoi luoghi: tavoli colorati, scivoli, bruchi-tunnel, casette di plastica, panche, panchette e molto altro. Mi sono sentito io il bambino in visita al prestigioso ufficio del fiero papà. Credo che gli piaccia molto stare lì. Ho anche assistito a straordinari dialoghi tra duenni, pezzi di comicità assoluta.

<<Io sono Tettere, io chiama Tettere.>> E lei che risponde <<No! Io sono Daffe!>> Poi di nuovo lui <<E’ data via!!>> Osservandola mentre di spalle offesa si allontana.

Anche in questa occasione ho potuto ammirare la passione e l’amore che le insegnanti mettono nel loro lavoro. Nel frattempo le linee guida per la riapertura delle scuole si fanno sempre più tortuose. L’ultima novità è che per i bimbi delle elementari non si esclude l’obbligo della mascherina durante tutto il tempo di permanenza a scuola. Il Governo si è impegnato a far riesaminare la questione a settembre dal CTS, che non è la sigla di un’agenzia di viaggi per studenti. Nel testo si parla di “distanziamento fisico inteso come 1 metro fra le rime buccali degli alunni”. La scelta delle parole non è mai casuale e connata chi le sceglie. In ogni caso con le rive buccali la burocrazia guadagna una decina di cm tra alunno e alunno. Mia moglie mi rassicura un po’ dicendomi che fino a settembre cambierà tutto mille volte, il che non so se sia un bene o un male ma almeno resta al speranza di un miglioramento. La cosa che continuo a non capire è perché si sia scelto di rimescolare i bambini e i ragazzi anche con età diverse. Il principio dovrebbe essere l’opposto, dividerli per gruppi più piccoli e farli mescolare il meno possibile, in un’ottica di contrasto al contagio. Ma certamente sono io a sbagliarmi. Comincia a farsi strada anche il “cruscotto” mitica banca dati che dovrebbe contenere tutti posto a sedere delle nostre scuole. Faccio presente che nel frattempo in molti paesi europei la scuola ha riaperto e recuperato quel che poteva dell’anno 2019-2020. Da noi però ha ripreso il campionato di calcio.

State bene e adelante con judicio.

Centoquattresimo giorno senza scuola

Al Pantheon oggi c’era di nuovo una botticella, con Ettore ci siamo fermati a salutare cavallo e vetturino. E’ un piccolo segnale di normalità anche questo. Prima del covid nostro ne incontravano tre o quattro parcheggiate in Piazza della Rotonda ,e svariate trotterellanti per il Corso con sopra coppie o famigliole. Si comincia a vedere in giro anche qualche turista; con i pantaloni corti, lo zainetto e il cellulare in mano per le foto. Non credevo che mi sarebbero mancati, c’è stato un periodo della mia vita in cui mi infastidivano e battevo il piede a terra per scansarli come fanno i veneziani, che vivono di loro ma li considerano fastidiosi quasi quanto i piccioni.

Ettore comincia ad essere sempre più partecipe nei nostri viaggi in bici, se gli chiedo se va tutto bene mi risponde che lui sta bene e mi dice “Più veoce, più veoce papà.”

L’invasione di tavolini dei ristoranti e dei bar prosegue circondando un po’ tutto, dappertutto. Il caldo rende sempre più difficile tenere su la mascherina. Negli uffici nonostante i buoni proponimenti accendiamo l’aria condizionata.

La pandemia fuori dall’Europa è nel pieno del suo vigore e finché non ci sarà un vaccino purtroppo, nonostante tutti i vari negazionismi del caso, non potremo stare tranquilli. Focolai ci sono e ci saranno ancora in Europa e in Italia. Ora c’è il caso inquietante della Bartolini a Bologna. In questi giorni ho pensato che con il distanziamento sociale l’igiene e le mascherine abbiamo dato un duro colpo non solo al covid nostro ma anche molti altri virus, più banali e frequenti. Ci raffreddiamo più difficilmente, potrebbe essere un risvolto positivo.

Speriamo bene e adelante con judicio.

Centotreesimo giorno senza scuola

“Riconfigurazione del gruppo classe in più gruppi di apprendimento; articolazione modulare di gruppi di alunni provenienti dalla stessa o da diverse classi o da diversi anni di corso; frequenza scolastica in turni differenziati; per le scuole secondarie di II grado attività didattica in presenza e digitale integrata; aggregazione delle discipline in aree e ambiti disciplinari; estensione del tempo scuola alla giornata di sabato.” Cito dall’Ansa quanto stabilito nelle linee guida che il capo di gabinetto del Ministro dell’istruzione ha inviato via mail alle parti sociali e immagino ai capi delle regioni. Il che in partenopeo si potrebbe tradurre in Facite Ammuina.

All’ordine tutti chilli che stanno a prora vann’ a poppa e chilli che stann’ a poppa vann’ a prora:
chilli che stann’ a dritta vann’ a sinistra e chilli che stanno a sinistra vann’ a dritta[…]

Questo mitico regolamento della marina del regno delle due Sicilie è un falso storico ma rende l’idea della nostra attuale condizione. Sostanzialmente si sta dicendo alle varie scuole di arrangiarsi, spostando gli alunni un po’ qua e un po’ la senza dar loro soldi e tantomeno docenti in più.

Giuliano è terrorizzato all’idea di perdere le sue maestre a causa di questi spostamenti io l’ho rassicurato. Però non so se ho fatto bene. Come faranno a separare le classi senza docenti in più? Il sabato a scuola ok, ma chi viene a fare scuola?

Discutendo della questione con un mio collega mi sono reso conto che il punto è molto più spiccio. Il padre esausto mi ha detto che per lui li possono mettere anche in uno scantinato, in una cucina a pelare patate l’importante è che a settembre se li “riprendano”. Ora a parte gli scherzi e le esagerazioni le famiglie di lavoratori hanno veramente bisogno della scuola anche per poter riprendere i ritmi consueti. La scuola fa parte della nostra organizzazione sociale.

Ettore e Giuliano intanto si stanno abituando ai nuovi ritmi, Giuliano ci racconto delle attività che svolge, dei ragazzi e dei bambini che incontra, ha incontrato un compagno di battaglie scacchisti online e un bambino con cui andava a nuoto. Ettore anticipa sempre di più la crisi di pianto che ormai si svolge prima di uscire da casa “P’lotta”.

 

Centoduesimo giorno senza scuola

Settantacinquesimo giorno senza scuola – Sono andato a far aggiustare la mia bici dal “ciclista” da cui vado da sempre a Porta Portese, più o meno dove De Sica ambienta alcune scene di “Ladri di biciclette”. Simone 88 mi tratta con la consueta bonomia nonostante sia nella posizione di potersi atteggiare quasi come un’archistar. Nel suo box ci sono sempre state decine e decine di biciclette in vendita, molte delle quali appese al soffitto con dei ganci, come prosciutti. Ora il box è sgombro. Niente biciclette le ha vendute quasi tutte, soprattutto le mountain-bike. Le persone per parlare con lui devono prendere un appuntamento, io ho dovuto chiamare prima anche per la banale sostituzione di una camera d’aria.
Anche oggi les deux sono nei loro centri estivi. Ettore si lascia accompagnare tranquillo. Giuliano è molto felice del suo corso di pallacanestro. In ufficio il lavoro è ripreso con ritmi quasi precovid.
Sulla scuola siamo sempre in alto mare, anzi sembra che per le superiori resterà in vigore la regola del 27. Cioè il divisore fra numero totale degli studenti e classi dove fare almeno 27 altrimenti le terze superiori si smembrano. Vogliono inoltre abolire più o meno ogni forma di distanziamento, assumere qualche bidello e fare le ore di 40 o 50 minuti. Insomma una roba votata al risparmio e, spero, non alla clientela che nulla ha a che vedere con il covid. Vedremo magari sono solo voci incontrollate. Gira anche l’ipotesi di chiedere agli insegnanti di lavorare 24 ore a settimana anziché 18, pagando loro la differenza. Nel dubbio si propongono un po’ di test sierologici per docenti e non docenti. Immagino che le presidi stiano già formando le classi seguendo le regole vigenti e con gli organici assegnati che non tengono in alcuna considerazione l’emergenza covid. Chiudere le scuole è gratis, apparentemente, riaprirle con criterio no.
In Via del Corso passo davanti al Plaza che ha i cancelli chiusi e rinserrati da catene per i motorini, ancora manca un po’ alla normalità.
State bene e adelante con judicio

Centunesimo giorno senza scuola

Per la prima volta da quando è iniziata la crisi sia io che mia moglie siamo potuti andare in ufficio, contemporaneamente. Giuliano è al centro estivo vicino casa ed Ettore al suo asilo – centro estivo in Via del Corso. Una piccola rivoluzione per il nostro ménage. Direi quasi un ritorno alla normalità. Anche Giuliano viene sottoposto alla misurazione della temperatura all’ingresso e deve tenere su la mascherina in alcune occasioni. La cosa che mi fa più piacere è che tornerà a nuotare. Economicamente è un piccolo sforzo ma speriamo di poter usufruire dei bonus baby sitter. Ancora nessun piano per la scuola ma i bambini, almeno alcuni tornano a stare insieme.

Io ed Ettore abbiamo bucato la ruota posteriore della nostra bici il che ci ha costretto, dopo un vano tentativo di rigonfiarla, a prendere uno dei numerosissimi taxi vuoti che affollano Piazza Belli. Ci troviamo separati dall’autista da una lastra di plexiglass con scritta tricolore, riusciamo ad arrivare in tempo, il tassinaro ci frega un euro in più sulla corsa con la scusa del resto mancante, penso che anche per lui non deve essere stato un bel periodo e lascio correre. Ettore entra contento dopo le consuete misurazioni e domande sulla nostra salute.

Nel frattempo in questo fine settimana un po’ sfrenato, era il solstizio d’estate, siamo fuggiti dalla nostra Trastevere, che pare aver dato il meglio e il peggio di sé e siamo andati nel paese di origine di Martina: Roccasecca. Lì in un agriturismo si è festeggiato il compleanno di una delle zie di Martina. Una riunione di famiglia iniziata con le mascherine e un po’ di timidezza e finita con una mangiata di tutto rispetto e molti brindisi augurali. E’ stata l’occasione per la grande famiglia di Martina per riunirsi e festeggiare la signora Assuntina ma anche tutta la famiglia in se. Pochi abbracci ma molti sorrisi e tante chiacchiere, una bella rimpatriata. Giuliano ha trovato dei quadrifogli che speriamo portino un po’ di fortuna a tutti.

Devo un ultima notizia ai miei affezionati lettori, ricordate Lello il rondone trovatello? In realtà non era fuggito molto lontano era solo caduto dentro una cesta di vimini che teniamo nel terrazzo per raccogliere la plastica. Sabato sentito il suo cinguettio lo abbiamo scovato e questa volta, portato alla Lipu a Villa Borghese. Lì il giovane volontario, anche lui con mascherina, ha confermato il riconoscimento fatto da Giuliano si trattava di un piccolo di Rondone Pallido ed aveva solo 15 giorni.

State bene e adelante con juicio

Novantottesimo giorno senza scuola

Lello ci ha abbandonato, nel senso che ieri sera ha preso ed è volato via. Le cure di Giuliano devono essere state efficaci. Questa mattina andando via Ettore ha urlato due o tre volte “vojo papà” ma poi è andato nel suo passeggino scarrozzato dalla mamma piuttosto contento fino al suo “asilo” dove ci dice “io piace Greta” che immagino debba essere una bella bambina. Io e Giuliano abbiamo passato il nostro ultimo giorno casalingo insieme, da lunedì comincia il centro estivo. Andiamo a fare un po’ di spesa al marcato lui fa merenda con uno spettacolare supplì e pranziamo davanti alla televisione, cosa che lo manda in visibilio, essendo un avvenimento piuttosto raro, una delle cose che ho imparato dai miei genitori è che a tavola non si guarda la TV.

I colloqui di ieri con le maestre sono stati un bel momento, per la prima volta eravamo presenti sia io che Martina, uno dei vantaggi delle videoconferenze. Una delle maestre ci diceva che non capisce perché non si possa cominciare dal primo settembre, magari solo la mattina ma intanto. Devi dire che non lo capisco neanche io. Nel frattempo pare che le regioni non vogliano la divisione delle classi e neanche le mascherine. Se così sarà facciamo semplicemente tutto come prima e poche storie. Veramente non li capisco questi nostri capi così trepidanti per tutti e tutto così “tranquilli” per la scuola e i bimbi. Gli assessori regionali all’istruzione pare abbiano comunque più di qualche competenza quindi dobbiamo ascoltarli per comprendere cosa sarà. Settembre si avvicina e pare che noi non si voglia avere un piano se non la speranza che per allora tutto sarà finito. Il che non ha senso comune anche se la pandemia si estinguesse il terrore nelle classi rimarrebbe e riemergerà carsico ad ogni caso di influenza.

Nel pomeriggio andiamo a Villa Sciarra che con mia grande sorpresa scopro essere diventata un set per foto erotiche. Trovo due fotografi piuttosto in carne che ritraggono due fanciulle seminude, davanti ai bambini che giocano e corrono. Comprendo anche da questo che siamo ben oltre la fase tre. I bambini giocano vedo anche un inizio di parapiglia. Mi ricordo le Botte da orbi che mi davo da bambino. Alla fine vederli giocare financo litigare mi fa un gran piacere.

Cuidado e adelante con juicio

 

Novantasettesimo giorno senza scuola

Lello scorrazza sul terrazzo per la gioia di Giuliano. Domani lo portiamo alla Lipu. Che non so perché ricordavo fondata da Garibaldi, grande amante degli animali e della natura, che invece creò quella che oggi è l’ENPA, ente nazionale protezione animali. Quante cose si possono fare in una vita sola, l’eroe dei due mondi era anche un feroce cacciatore, come lo fu Folco Quilici. E’ molto carino il nostro piccolo balestruccio, che Giuliano ha scoperto essere in realtà un rondone, ma mangia e beve troppo poco e ho paura che noi non si sia in grado di aiutarlo abbastanza.

Ettore si è fatto un unico pianto da casa fino all’asilo – centro estivo, sembrava una sirena. Giunto lì si è calmato ha cominciato a chiacchierare e a sorridere.
In ufficio trovo un po’ di colleghi ed incontro altre persone, molti continuano ad offrirmi la mano in segno di saluto che io continuo, con un po’ di imbarazzo, a rifiutare.

E’ arrivata la pagella di Giuliano, tutti dieci, dall’anno prossimo niente più voti quindi è l’ultima volta che potremo godere del suo amore per la scuola e lo studio tradotto in numeri. In compenso oggi incontreremo in video conferenza le maestre. Alle quali sono grato per essersi misurate con strumenti non abituali per riuscire ad insegnare ancora ai nostri figli. Una di loro, la maestra scientifica, mi ha confidato che appena torneranno a scuola vuole spiegargli le divisioni a due cifre, previste di solito dopo Natale, perché nel caso di un ritorno alla didattica a distanza quelle le vuole aver già fatte. La cosa un po’ mi spaventa e un po’ mi fa capire quanto questa signora tenga a quello che fa.

La vera questione è cosa sarà di loro alla riapertura, appurato che non sarà anticipata, perché nessuno sente alcun senso di urgenza paragonabile a quello della maestra scientifica. Pare che gli spazi verranno fuori (figli che facciamo sono pochi le vecchie strutture scolastiche erano pensate per più bambini) l’idea è di dividere le classi, servirebbero però a questo punto altri insegnanti.

Mentre scrivo mi telefona Giuliano, felice per essere riuscito a nutrire con un po’ di omogeneizzato Lello, mi dice di come lo ha preso e lo ha messo nella scatola, di come chiudeva gli occhi mentre con il becco prendeva un po’ di cibo dalla siringa. Quanto può essere bello il mondo raccontato da un bambino!

Ho visto che molto si è parlato dei festeggiamenti napoletani in seguito alla conquista della Coppa Italia, non capisco cosa ci si aspettasse. L’uomo tende ad assembrarsi, soprattutto quello pallonaro, ce ne dobbiamo fare una ragione.

State bene e adelante con juicio

Novantaseiesimo giorno senza scuola

Ettore oggi è andato via urlando: “Vojo casa Pllotta, vojo casa Pllotta”. Anche se le educatrici ieri mi hanno detto che è stato bravo evidentemente si deve ancora abituare ma si abituerà. Con Giuliano ci diamo al bricolage dal ferramenta gli regalano una piccola chiave inglese. Gli parla in romanesco con quel tono carezzevole e sfottente che hanno solo i bottegai romani. Non credevo fosse così complicato far entrare una guarnizione in un rubinetto. Comunque siamo riusciti. Dalla piscina mi fanno sapere che ci rimborseranno con un buono per le lazioni perse da mio figlio. Parlo con un po’ di negozianti non sono contenti della situazione molti di loro grazie a questa cosa della cassa integrazione anche per un solo dipendente hanno messo in cassa integrazione quelli che chiamano i ragazzi e si trovano loro dietro al bancone a fare caffè o a servire. Un piccolo carnevale di ruoli. Nel frattempo qualcuno lamenta di non aver ancora ricevuto la cassa. Non so se ad oggi sia ancora vero ma certamente non è stato un procedimento veloce. Ora aspettano come manna i nuovi contributi a fondo perduto. Tornando dalla spesa incontriamo in mezzo alla strada un pulcino di balestruccio, che decidiamo fi prendere e portare a casa. Ora è sul terrazzo lo abbiamo chiamato Lello, diminutivo di trovatello. Oggi la scuola ha dato un segno di vita ha consentito gli esami di maturità domani capiremo meglio come sono andati, qui a Roma ha anche piovuto quindi immagino che chi aveva approntato il cortile abbia dovuto ripiegare su palestre, aule o corridoi. Per la prima volta niente temi, niente scritti, commentare le tracce era un rito anche per chi lo aveva sostenuto da un po’. Covid nostro ha voluto dare un segno di vita anche lui facendo aumentare un po’ i casi oggi 338, ieri erano 210. Sono qualcuno di più purtroppo anche i morti.

State bene e adelante con juicio

Novantacinquesimo giorno senza scuola

Grande ‘sbiciclettata’ fino all’asilo – centro estivo di Ettore. Durante il percorso, là dietro nel seggiolino, un po’ è contento un po’ chiede della mamma. Giunti davanti all’ingresso ci misurano la febbre a pistolettate 36 io e 36,5, lui, poi si prendono Ettoruccio mio che urla come un disperato, “Vojo mamma” e cerca di aggrapparsi a me per resistere all’abbraccio delle educatrici. Oggi è andata meno bene di ieri, vado via ma continuo a sentire le sue urla per un bel po’. Domani lo riaccompagna la mamma magari andrà meglio.

Il covid nostro appare sotto controllo nelle italiche terre, il focolaio del San Raffaele sembra essersi raffreddato, La Lombardia fa ancora più dei due terzi dei casi nazionali ma siamo nell’ordine delle 300 unità in tutta la penisola. La cosa che preoccupa è quello che sta succedendo in Cina a Pechino con una recrudescenza le cui reali proporzioni per ragioni note ci resteranno ignote. La Cina ci angoscia per lo stesso motivo per cui all’inizio della nostra pandemia ci rassicurava, rappresenta quello che con ogni probabilità succederà tra qualche tempo qui, è il futuro del covid nostro; da Wuhan è andato via e questo ci ha dato speranza ora dovesse ritornare a Pechino ci scorerebbe.

Per pranzo esco per procacciarmi un panino e ritrovo un po’ di persone anche qui in centro, qualche negozio ha chiuso ma a Piazza Navona sedute su una panchina vedo anche due bionde che potrebbero essere due tedesche o due danesi. Non verifico, non è più quel tempo. Invece dopo un o’ è ora di andar a riprendere Ettore, mi fanno aspettare un po’; si entra per turni e si esce per turni. Non puoi arrivare prima, altrimenti ti assembri, per altro sotto al sole. Esce per ultimo, essendo entrato per ultimo, lo carico in bici e lo porto a prendere un enorme gelato nel quale fa un felice e fresco bagno di cioccolata e crema. Passiamo per Via Del Corso e troviamo anche un po’ di struscio.

State bene e adelante con juicio!

Novantaquattresimo giorno senza scuola

Nel centesimo dalla nascita di Albertone mi accorgo che Roma si sta trasformando in una grande tavolata all’aperto. I ristoratori e i baristi, complice covid nostro, hanno moltiplicato i tavoli fuori dai loro esercizi ed anche in centro cominciano ad avere un certo riscontro. Ettore oggi è di fatto tornato all’asilo, ufficialmente centro estivo. Martina che lo ha accompagnato mi ha raccontato che li hanno divisi per piccoli gruppi, di tre o quattro bambini, ogni gruppo è contrassegnato con un braccialetto di colore diverso. Una forma di distanziamento già praticata in Danimarca ed altri paesi del nord con i bimbi piccoli. Lui è stato molto contento, ha fatto solo mezza giornata ma era felice di stare con altri bambini e di giocare all’aperto. Le sue maestre non c’erano ma l’edificio e i compagni erano gli stessi degli ultimi due anni. Ha pranzato lì. E’ tornato molto elettrico. Il fratello maggiore ne ha sentito un po’ la mancanza, a pranzo mi ha detto che era stato tutto un po’ più triste senza Ettore. Ora sta facendo lezione di scacchi. Dalla scuola di Giuliano mi arriva una lettera molto preoccupata per l’inizio, si spera a settembre, della lezioni. Una commissione covid-19 dell’istituto di Giuliano, di cui non conoscevo l’esistenza, paventa una sorta di dimezzamento della scuola pubblica, e in particolare del nostro istituto, causa covid nostro e quindi chiedono più spazio e più docenti. La cosa non mi fa piacere “mezza scuola” in cosa si tradurrà? Metà delle ore? Mezza offerta formativa a distanza? Bah staremo a vedere. In teoria se si volesse nuovi spazi a Roma non mancherebbero, come si è accorto anche il nostro presidente del consiglio recentemente.
Ma la vera notizia del giorno è l’arrivo della Furia buia parte della nostra lista di Revenge shopping che ha suscitato grande gioia tra le deux.
State bene e adelante con juicio

Quindicesimo weekend senza scuola

Questo sabato per la prima volta ci siamo spinti là dove la terra finisce e il mondo cambia colore, forma e sostanza: a Torvaianica. Nonostante la giornata fosse un po’ ventosa, nonostante non fossimo proprio in una delle perle del Mediterraneo, siamo stati bene. Ettore, Giuliano e Gianluca si sono prodotti in una memorabile buca nella quale abbiamo perso temporaneamente anche le ciabattine del più piccolo.
L’acqua era freddina, e un po’ mossa, ma Giuliano e il suo amico hanno voluto fare lo stesso il bagno, sotto gli occhi vigili nostri e di un bagnino vestito con giacca a vento e pantaloni lunghi, che non credo si sarebbe mai buttato, aveva più freddo di me.

Quando arriviamo mi accorgo che una zona della spiaggia e contrassegnate da delle paline colorate, mi abbasso e faccio qualche foto. Il balneare si accorge della cosa e dopo un po’ viene a chiedermene conto, gli spiego che sono un giornalista e che sto tenendo un diario etc. Cambia tono e mi spiega che al sua è l’unica spiaggia libera attrezzata in cui ci son 5 metri tra un ombrellone e l’altro. A dire il vero a poca distanza invece c’è il resto della spiaggia, non gestito, in cui ci si può accampare liberamente senza distanze delimitate. Mi dice che lì è il Comune, come fossero i leoni in una cartina dell’antica Roma “Hic sunt Leones”.
Noi ci accampiamo fra i leoni in un delizioso modo zingaresco, borse a cerchio, bimbi in giro, asciugamani colorati ma niente fagotti, per il cibo ci rivolgiamo al chiosco del balneare che sul retro ha anche un discreto ristorante. Il personale che ci serve è rigorosamente mascherato. Anche a noi per andare in bagno, ed altre piccole incombenze, viene chiesto di mettere le mascherine ed igienizzarci le mani.

Questa cosa che l’eventuale riapertura delle scuole sia subordinata più o meno qualunque altra esigenza del Paese comincia a frustrarmi ogni giorno un po’ di più. Innanzitutto ci sono le esigenze dei capi delle regioni che non vogliono perdere le loro prerogative, poi ci sono quelle degli operatori turistici che non vogliono che apra troppo presto per non compromettere la “stagione”, poi ci son di nuovo quelle dei capi delle regioni che le scuole le vogliono aperte sì, ma per far svolgere le elezioni amministrative. Poi ci sono quelle degli insegnanti precari e dei sindacati che hanno trovato il modo di organizzare uno sciopero l’ultimo giorno di non-scuola. Della formazione e dell’educazione dei bambini e dei ragazzi ci sarà sempre tempo di occuparsi.
La verità è che la classe dirigente del Paese ha spesso una biografia che poco o nulla ha a che vedere con l’istruzione, la cultura e la formazione. Quello che conta alla fine non è quello che sai, ma quello che hai e chi conosci. Mi girano un po’ ma questo è il mio Paese, che non è giusto ma sempre un po’ più sbagliato. Una sola cosa ormai sembra certa: il primo settembre le scuole non riapriranno.
State bene e adelante con juicio

Novantunesimo giorno senza scuola

Prima di andare in ufficio sono passato dalla scuola di Giuliano. Potevamo riprendere un po’ di cose rimaste in classe, prima che la trasformassero in un centro estivo. Sono andato via con un discreto bottino: vocabolario, quaderno raccoglitore ad anelli con leopardo in copertina e una quantità di romanzi di Roald Dahl di cui Giuliano è un vorace lettore.
Insisto per entrare nella sua classe, faccio bene perché sotto il banco trovo un altro libro di Dahl, credo “L’Ascensore di Cristallo”. Mi fa un certo effetto ma non ho troppo tempo per fare il romanticone, il senso pratico delle bidelle incombe su di me. Pulirsi le mani col gel, dare nome e cognome. Estraggo il mio, di gel, che preferisco, ed entro. A parte le bidelle che comunque fanno capannello e un po’ di allegria con le loro chiacchiere, i corridoi, le scale, percorse rigorosamente in mascherina, le aule sono vuote, linde, ordinate ma spoglie. I lavoretti, i manifesti, le cartine, gli abbecedari non ci sono più. Quando salivo all’ultimo piano dove c’è l’aula di Giuliano per parlare con le maestre nei giorni di ricevimento, c’era sempre una gran confusione di bambini e bambine che correvano e giocavano nell’attesa dei colloqui. Invece silenzio.

Ettore, che ha visto l’entusiasmo di Giuliano per la caduta di un dentino, vuole che gliene cada uno anche a lui. Gli spieghiamo che è presto ma niente: “Anche anch’io dentino, anche anch’io vojo”. A casa nostra non vengono le fatine dei denti ma un più romano sorcetto che però, questa volta, bloccato dal lavoro arretrato prodotto dal confinamento ha tardato di un giorno. Oggi però Giuliano potrà spendere il suo piccolo premio per comprare qualcosa ed è di questo che parla da quando si è alzato. Da quando hanno aperto le regioni anche il centro di Roma un pochino si è ripopolato. Certo i turisti non ci sono, e si vede!

Nel frattempo Conte ha firmato quello che speriamo tutti sarà il suo ultimo, o almeno penultimo, Dpcm sul Covid nostro. Le discoteche riapriranno un po’ più in là, dal 15 luglio e da quella data potremo anche fare congressi e fiere. Nel frattempo dal 15 giugno si potrà andare al cinema, a teatro o a sentire un concerto, con il distanziamento, ma si potrà. Mi pare di aver capito che potrà ricominciare il campionato, che per recuperare le giornate perse si giocherà quasi tutti i giorni. Partite ovviamente a porte chiuse. Per molti appassionati sarà una grande gioia e una specie di bagno dionisiaco liberatorio in quello che per loro è uno degli elementi essenziali della vita: il calcio. Comunque già litigano su diritti e rovesci tv, su chi vincerà e chi perderà come sempre e come, in fondo, è giusto che sia.

Cuidado y adelante con juicio!

Novantesimo giorno senza scuola

Oggi, ufficio. Passo alla Posta per fare un paio di cosette. La scelgo accuratamente dopo avere escluso tutte quelle che avevano una certa fila davanti. Togliendomi il casco che uso per la mia bici mi cade la mascherina a terra. La raccolgo ma non ho il coraggio di rimetterla, la metto in tasca ma non la uso. Il punto è che senza mascherina non mi fanno entrare da nessuna parte, altro che Poste.
Comincio a girare per farmacie, dove non mi fanno entrare perché non ho la mascherina. Urlo da fuori che come vedono ho dimenticato la mascherina e dovrei comprarla, mi propongono un pacco da 50 pezzi che è un po’ eccessivo per me. Ma già al secondo tentativo trovo un pacco da 10 a soli 5 euro. Mi fanno anche entrare per pagare e ritirare la merce. Bisogna riconoscere che il molto criticato Arcuri dopo un po’ è riuscito.

In ufficio mi aspetta un po’ di lavoro; ieri mi sono rasato quasi a zero e il freddo improvviso che ha avvolto Roma e i goccioloni che colpiscono la mia crapa pelata mi fanno un po’ rabbrividire. Giuliano avrebbe voluto tanto essere rasato pure lui, ma la madre è contraria, quindi non gli ho fatto lo scalpo. In compenso oggi è andato dal nostro barbiere insieme al fratello, alla mamma e alla nonna che li è andati a trovare.

In ufficio cominciano ad esserci anche i colleghi ed altre persone che vengono da fuori regione. Ognuno con la sua storia e le sue aspettative post Covid. Mi sono sorpreso, con mio disappunto, a rifiutare la mano che mi veniva offerta in segno di saluto. Ho sorriso, mi sono financo inchinato per far capire che preferivo di no. Probabilmente sono stato inutilmente scortese ma per ora è così.

Il ministro Speranza dice che non sa se ci sarà una seconda ondata, apprezzo la sua mancanza di certezze in questo frangente. Una fondazione sostiene invece che si facciano meno tamponi del dovuto, per dare notizie migliori, speriamo si sbaglino sarebbe grave e paragonabile ad una forma di censura.Cuidado y adelante con juicio

Ottantanovesimo giorno senza scuola

“Allora perché combatti?” “Perché un T-rex ha ucciso mia madre.” Questo è lo scampolo di un dialogo di gioco di mio figlio Giuliano. E’ lì sul tappeto che fa combattere i suoi dinosauri, smilodonti e altri animai preistorici e non. Mi ha spiegato che ci vuole una buona memoria perché lui fa dei tornei molto lunghi e si deve ricordare gli esiti di tutti gli incontri. I suoni, i versi che fa con la bocca e il fatto che faccia tutto questo in quella che quando era la mia stanza di bambino mi trascina un po’ indietro nel tempo. Anche io facevo cose simili, emettevo suoni analoghi. Anche se non giocavo con i dinosauri, passione che ho preso da Giuliano.

Il consueto centro estivo in cui lo iscriviamo ha aumentato un po’ i prezzi credo che comunque lo iscriveremo. E’ in quella che fu l’Opera Balilla di Roma Centro. Una bellissima e larga struttura, potrebbe fare anche un po’ di sport. Il covid nostro resta al centro del dibattito, potremo tornare a ballare ma solo all’aperto, Yuppy! Potremo anche tornare al cinema e a teatro, ma seguendo una serie di misure di distanziamento.

La magistratura lombarda, intanto, ha cominciato da un po’ ad occuparsi di quello che è successo lì. Non so se ci siano responsabilità penali, certo tutti ci chiediamo cosa sia accaduto proprio lì e perché si sia scelto di chiudere tutta Italia, più o meno, piuttosto che chiudere, veramente, il distretto industriale di Bergamo. La verità è che forse tutti conosciamo la risposta ma non abbiamo il coraggio di ammetterlo nemmeno a noi stessi.

Intanto sembra che gli agognati assegni della cassa integrazione stiano finalmente arrivando. Le persone muoiono di meno ma sembra che più della metà dei cittadini della Bergamasca sottoposti al test sierologico (il 56.,9%) sia risultato positivo, cioè abbia contratto in qualche modo il virus. Per una serie di ragioni, sembra che non si tratti di un campione statistico particolarmente rappresentativo, certo un po’ impressione lo fa.

Il San Raffaelle, a Roma invece continua purtroppo a custodire nuovi contagiati dal Covid nostro. Che poi, questo santo così popolare tra i sanitari era un Arcangelo che curava tante cose (cecità, fertilità, follia) con le parti di un pesce catturato e ucciso dal suo protetto Tobia.
Comunque nel Lazio 18 nuovi casi di cui 13 provenienti dal santo del pesce miracoloso. Piccoli numeri ma significativi.
Cuidado y adelante con juicio!

Ottantottesimo giorno senza scuola

(post di martedì 9 giugno, in ritardo)
Martina mi ha raccontato che lunedì la maestra scientifica di Giuliano alla fine della lezione si è commossa. Chissà se immagina quanto mancherà il suo piglio e la sua voce ai nostri figli ed anche a noi.
Ettore è stato molto contento di potersi godere il fratello. Lo ha voluto sempre con se fino al pisolino che ha preteso iniziasse con lui. Abbiamo fatto una piccola passeggiata e abbiano comprato un paio di libri, uno per Ettore e uno per Giuliano. In Via San Francesco a Ripa c’è questa piccola libreria specializzata per bimbi e ragazzi, una delizia per piccoli lettori. Mi sono sorpreso per la prima volta nelle vesti di censore, Giuliano voleva comprare un libro di un autore che non amo, e stavo per impedirglielo. Poi ci ho ripensato, gli ho detto che mi vergognavo anche un po’ per quello che avevo detto e che se lo comprasse se voleva. Ma il danno era fatto. Il giudizio del padre a 8 anni è piuttosto significativo. Ha preso un altro libro che probabilmente era anche peggio, ma ho taciuto.

Ettore marciava fiero per Viale Trastevere con un bellissimo pezzo di pizza bianca e il fratello al suo fianco, che mi chiedeva quanto potesse essere scemo questo signore di cui io non volevo che lui leggesse il libro, per il resto tutto sembrava normale se non per le mascherine che io e quasi tutti i passanti ci ostinavamo a portare.
Ora credo cominci ad esserci anche un problema di smaltimento, ce ne sono tantissime ovunque e a qualunque prezzo. Meno male comunque almeno questo dopo un po’ si è riuscito a farlo. Purtroppo molte decorano con la grazia di un’infezione i nostri marciapiedi.
Giuliano, che ieri ha vinto il suo torneo a squadre di scacchi, continua a giocare le sue partite online, Ettore fa il suo pisolino ed io lavoro e scrivo un po’. Ho scoperto che a metà giugno ci saranno gli incontri con gli insegnanti. Mi chiedo se saranno in ‘presenza’ o in videoconferenza. Sono curioso vedremo.
Buon tutto e adelante con juicio!

Ottantasettesimo giorno senza scuola

Oggi sarebbe stato l’ultimo giorno di scuola. E in parte per Giuliano lo è, fa le sue ultime lezioni online.
Ritorno a casa prima di andare al lavoro dopo un paio di commissioni in Prati e lo trovo in quella che è stata la sua aula per tutti questi giorni: la nostra cucina. È lì con l’ormai suo tablet, un tempo il mio iPad, che corregge un’esercitazione Invalsi con la maestra scientifica. Ho portato un po’ di spesa, la mostro a Martina ed offro un uovo da bere a Giuliano, che se lo ingolla in un attimo. Ettore si aggira felice tra il fratello, la mamma e la televisione. Deve aver capito che tra qualche giorno tornerà all’asilo. “Tutti insieme, scuola andiamo.” Lo abbiamo iscritto ad un centro estivo che si terrà nella stessa aula in cui c’era l’asilo e in cui incontrerà gli stessi bambini che frequentava fino a marzo. Praticamente, riaprono il suo asilo sotto mentite spoglie.

Per quanto la situazione non sia ancora del tutto normalizzata, ed io sia un po’ spaventato, alla fine credo che sia giusto per Ettore ricominciare a vedere altri bimbi della sua età.
L’estate sembra essere alla fine l’unico vero antidoto trovato fin ora contro il Covid nostro. Che sembra essere stato spazzato via, almeno da noi, dal bel tempo e dal sole. Del resto si comportano più o meno così anche le più normali influenze stagionali. Passando in bici davanti al Ministero in Viale Trastevere incontro gli insegnanti che scioperano e manifestano, stretti, stretti sulle scalinate. Come sempre, come se non fosse l’ultimo giorno di non-scuola dei ragazzi d’Italia.
Trovo tra loro una vecchia conoscenza, Mauro Fortini, noto presenzialista che cerca di superare il record del maggior numero di comparsate TV. Gli chiedo se ha dovuto interrompere la sua attività e mi dice che si dopo 18 anni è stato a casa due mesi. La sua presenza lì mi sembra un ulteriore segno del ritorno alla normalità.
Le vie del centro a parte le manifestazioni, che si susseguono da un po’, restano semideserte, ogni tanto ascolto qualche discorso dei negozianti e dei pochissimi avventori e di quelli che un tempo i cronisti avrebbero definito sfaccendati. Si parla dei soldi che non ci sono, di quelli dei turisti e di quelli che Tridico, il presidente dell’Inps, gli ha promesso con la cassa integrazione, che ancora a molti non sono giunti.
Mi spavento anche un po’ perché si parla di schiaffi e botte. Se il Paese con l’estate guarirà dal Covid ci metterà un po’ di più per guarire dalle sue inevitabili complicanze.
Sabato abbiamo fatto una piccola gita all’orto Botanico creando un piccolissimo assembramento con i miei figli, quelli di mio cugino Federico, Francesco e Riccardo, e Gianluca, l’amico di sempre di Giuliano. Bellissima passeggiata tra bambù, e alberi di ogni foggia e feroci girini, peccato si cominci a vedere anche qui la crisi dei servizi giardini capitolini, e questo non credo sia a causa del Covid nostro.
Buon tutto e adelante con juicio!

Ottantaquattresimo giorno senza scuola

La maestra Francesca, che legge libri ai bimbi della sua classe al parco, ha la mia solidarietà, il mio affetto e la mia ammirazione. Dalle parti di Prato una maestra alla fine del confinamento e alla riapertura delle ville pubbliche ha deciso di trascorrere qualche ora all’aperto con i bimbi della sua classe, bimbi piccoli della materna. Al netto di tutte le inevitabili deformazioni della notizia, dovute ai media social e non social, di lei forse non avremmo sentito parlare se il sindacalista locale non ne avesse stigmatizzato il comportamento, perché fa sembrare le altre maestre delle ‘vagabonde’.

La storie è troppo rotonda per essere così come ce la raccontano, però io voglio credere che in questa fiera di vanità, plexiglass, ore di 40 minuti e convocazioni di stati generali esista veramente una Francesca che legge libri ai suoi scolari per amore e per passione.
Giuliano sta per concludere le sue lezioni online, che comunque abbiamo infinitamente apprezzato, come abbiamo apprezzato lo sforzo delle sue insegnati in questi ormai tre mesi di scuola live.
Oggi ho dato una bella ripulita alla casa, giocato con le costruzioni con Ettore preparato il pranzo e mangiato con loro. Ormai Giuliano mi caccia via letteralmente, quando fa scuola. “Papà ti posso chiedere di non stare qui quado ho lezione?”. Quando mi accomodo fuori, si alza e chiude la porta. Una roba seria.
Ettore orami qualunque cosa veda chiede “Come si cama? Ome si cama papà?” Dare un nome alle cose è uno dei privilegi dell’umanità e questa cosa che stiamo vivendo un nome suo vero non ce l’ha. Coronavirus, pandemia covid-19, Sars-CoV-2, sono nomi burocratici e scientifici nulla di reale e popolare.
Il più grande successo diplomatico della Repubblica Popolare Cinese è stato quello di impedire che tutto questo prendesse il suo nome o quello di una sua città. Nomina sunt consequentia rerum ma anche nome est omen dicevano i progenitori della Raggi e della Azzolina. Comunque meglio tornare a sistemare la cucina.
State bene e adelante con juicio.

Ottantatreesimo giorno senza scuola

In questi giorni sui giornali e in radio si parlicchia della possibilità di far incontrare i bambini per l’ultimo giorno di scuola. Però non a scuola, dove invece potranno frequentare un bel centro estivo a pagamento, ma nei parchi e nelle ville pubbliche. Un ultimo saluto, una foto di classe all’aperto da conservare e far vedere qualche anno dopo. Questo varrebbe in special modo per i bimbi alla fine di un ciclo, medie, elementari, materna, asilo.
Domenica scorsa ad Ettore è toccata un’esperienza del genere. Siamo andati a Villa Borghese dove le maestre, improvvidamente entrate a far parte della chat di classe, avevano dato appuntamento ai bimbi e ai genitori. Al laghetto, una bella giornata, un po’ di fango per la pioggia del giorno prima ma nel complesso una cornice perfetta per un incontro di bambini tra gli uno e i tre anni.
Con Giuliano stiamo un po’ in disparte, ad Ettore dopo un primo spaesamento piacciono molto i suoi vecchi compagni e si commuove quando rivede quella che doveva essere la sua maestra preferita. Si abbracciano, lei lo prende, lo scuote, lo lancia. Del resto non si può avere un rapporto con un bambino piccolo senza toccarlo abbracciarlo e baciarlo.
La cosa però suscita in me un moto di paura e di protesta. Sì, è vero, i contagi sono pochi a Roma, siamo all’aria aperta ma quello era decisamente un assembramento e stavamo violando molte delle regole sul distanziamento sociale ancora in vigore.
Penso che però quella maestra deve volere bene al mio piccolo Ettore se si esponeva così, non le dico nulla, lascio che lo baci e lo abbracci. Dopo un po’ prendo Giuliano e ci imbarchiamo sulla numero 13, una barchetta a remi che lui prova a governare, cosa che gli riesce abbastanza. Dopo un po’ ci raggiungono Martina ed Ettore. Mi sento più sicuro con tutta la mia piccola famiglia sulla barchetta.
Vedo sul viso di Giuliano un sorriso di felicità che mi riempie gli occhi e anche Ettore è contento. Finito il giro torniamo per il saluto al gruppo di “colleghi” di Ettore, inevitabile si presenta il rito della foto di classe. Protesto ma la mamma vuole farla, alla fine anche se un po’ distanti dal gruppo si mettono in posa. Andando via penso che a pochi centinaia di metri dal lì si sta svolgendo una manifestazione politica dove ovviamente le distanze non esistono. La verità è che le mascherine si stanno abbassando piano, piano ed una ad una. Io la mia la tengo ancora su, perché purtroppo la pandemia non è ancora finita, ma spero vivamente che non serva a nulla.
Oggi rimettendo in origine il terrazzo dopo le scorrerie di Ettore e Giuliano mi sono accorto che i semini che ho seminato all’inizio del confinamento sono diventati una rigogliosa pianta di basilico.
State bene e adelante con juicio.

Ottantaduesimo giorno senza scuola

Roma senza turisti è un po’ più triste, molto più povera ma assai più bella. Oggi dopo aver predisposto una comunicazione sulla sanificazione delle aziende e delle cabine degli automezzi, ché il Covid sembra insistere in tutta Europa, mi sono concesso una pausa pranzo a palazzo Braschi, luogo meraviglioso che racconta della Roma che fu e dalle finestre del quale si può ammirare Piazza Navona, già solo questo varrebbe il prezzo del biglietto.
Arrivo, mi mandano ad un altro ingresso perché ora quella è diventata l’uscita: ormai tutto ha un’entrata e un’uscita, anche il camioncino del bibitaro al Pincio; poi giunto alla biglietteria mi mandano via perché c’è un’altra persona dentro, aspetto, anche se mi chiedo a cosa servano due bigliettaie in questo caso. Giunto il mio turno, più o meno sconvolta una delle due signorine mi dice che non ho prenotato…. Chiedo se c’è una grande affluenza, con tono fermo e calmo, la signorina compulsa il PC e trova per me un ingresso esattamente due minuti dopo. Mi stampa il biglietto e mi raccomanda però in futuro di prenotare.
Comincio a girare per le sale, sono l’unico visitatore, incontro solo personale del museo. Il palazzo è bellissimo, anche se custodisce infauste memorie nere e poliziesche. In particolare mi colpisce un quadro che raffigura la mossa dei Cavalli Barberi a Piazza del Popolo. Il carnevale di Roma si celebrava così con una grande corsa di cavalli ”scossi” da Piazza del Popolo per tutta via del Corso, la via Lata, fino a Piazza Venezia. Dumas ne fa una descrizione spettacolare nel Conte di Montecristo.
Moccoli accessi e spenti, baci, maschere, rapimenti e assassinii. Penso a quante cose ha visto Roma e anche solo quel palazzo: prima di nobili romani, poi degli sbirri, poi dei fascisti, poi del Comune ed infine anche un po’ mio, unico visitatore ai tempi del Covid 19.
Mi giungono notizie da casa, Ettore abbeverando una “quaquila” ha scoperto che cambia colore con l’acqua e col sole. Giuliano me lo racconta con quella gioia della scoperta che solo i bambini, e gli Angeli, possono avere.
Rivado in ufficio pensando che i turisti torneranno ed anche la scuola riaprirà. Intanto ci arrivano dal Comune notizie dei centri estivi per i piccoli dei quali poco si capisce, se non che ce li dovremo pagare da soli. Tutte le promesse sugli aiuti alle famiglie con figli sembrano essersi sciolte al sole come sempre. Si vedrà forse nel 2021.
Leggo che qualche luminare tra gli uomini medicina si raccomanda di creare percorsi differenti tra i pazienti Covid e no nei pronto soccorsi. Rabbrividisco pensando che questo evidentemente non è ancora stato fatto. Mi affaccio e guardo Piazza Navona: non è più verde per l’erbetta, la natura è stata almeno da qui rimandata un passo indietro, un po’ dal sole e un po’ dai passi. Nel resto di Roma invece continua a crescere rigogliosa.
State bene se potete e adelante con juicio!

Tredicesimo weekend senza scuola

“Papà, papà vieni che c’è un Pavone che vuole fare sesso con uno struzzo”. Con queste parole Giuliano mi chiama ad una realtà fantastica che esce finalmente, almeno nell’immaginario, dall’incubo del coronavirus. Siamo allo zoo, più correttamente al Bioparco, e io sto tornando da un chiosco con due caffè e due ghiaccioli.
Effettivamente un pavone sta facendo una ruota spettacolare nella gabbia degli struzzi, e ad una prima occhiata sembra aver smarrito il senso delle proporzioni e delle cose perdendosi per l’enorme struzzo. Dopo un po’ però ci rendiamo conto che lì nella gabbia c’è, inizialmente nascosta dalla nostra prospettiva, anche una pavoncella bianca, vero oggetto d’amore del nostro scià.
È stato un lungo fine settimana di primavera in cui abbiamo potuto festeggiare la nostra Repubblica ognuno a suo modo, in una situazione di quasi normalità. Ettore si è molto entusiasmato per il drago di comodo, che non “puta fuoco” ma è comunque molto affascinante, per gli elefanti e la tigre.
Alcuni uomini medicina dall’aspetto signorile e un po’ dandy di chi ti dà la sensazione di non aver mai lavorato in vita sua, ci hanno comunicato che il virus non c’è più. Senza paura e senza rimorsi. Senza memoria e senza ragione noi li abbiamo ascoltati un po’ perplessi. Altri uomini medicina gli hanno replicato che niuna ragione vi è che lasci credere una cosa del genere, e che anzi non bisogna abbassare la guardia etc.
Altri simpatici signori si sono vestiti come Jarry Calà in Pony Express ed hanno proclamato che il virus non c’è mai stato e che si tratta solo di un complotto internazionale per non so cosa.
Ricominciano le manifestazioni dell’opposizione parlamentare che ha argomenti, si spera più ragionevoli, ricomincia la vita politica. Le distanze con i cerchi a terra e le linee gialle non sono e non possono essere più rispettati, una manifestazione è un assembramento per antonomasia.
Speriamo bene, speriamo che non succeda proprio qui proprio nella nostra Roma, in fondo graziata dal virus fino ad ora. Il Presidente della Repubblica invece va a Codogno a rendere un omaggio non scontato ai morti che purtroppo ci sono stati e al dolore che non è ancora finito.
State bene e adelante con juicio.

Settantasettesimo giorno senza scuola

Giuliano oggi ha fatto una sorta di assemblea scolastica online. Si è collegato con tutto il corpo docente e discente della sua scuola per ascoltare un breve discorso di saluto della preside. In cui pare abbia detto loro che siamo stati tutti bravi con questa cosa delle lezioni live, anche le famiglie, che però a lei non piace.
Me ne parla poi a pranzo e dopo, colpito soprattutto da numero delle persone collegate, 106, e dalle continue raccomandazioni di spegnere le telecamere per evitare che il collegamento cadesse. Pare che a settembre la scuola primaria sarà tutta in presenza ma con i dispositivi individuali per i bimbi.
Un terribile temporale ci coglie sul terrazzo, Ettore trova i trucchi della mamma e ne fa un uso circense.
Tutto si allenta e si appresta a finire, almeno socialmente, ma i nostri uomini medicina non sembrano avere nessuna certezza sulla fine della pandemia, che anzi nel nuovo mondo è in una fase di grande virulenza, se non che ne avremo ancora per un po’ e che molto dipende dai comportamenti individuali.
Lavarsi, mettere la mascherina, distanza.
Provo la mia nuova mascherina garibaldina e lavabile. Vorrei tanto andare con la mia famiglia “Chiccola”, come direbbe Ettore allo zoo, che in questi giorni riapre. Bisogna prenotarsi, il tempo però non promette bene. Giuliano è curioso di vedere se i rinoceronti sono cresciuti.
Faccio una riunione online in cui ne programmiamo altre.
State bene se potete e adelante con juicio!

Settantaseiesimo giorno senza scuola

Grande bagnetto collettivo per les deux. Hanno fatto una guazza quasi “inasciugabile” ma si sono divertiti. Poi vestizione con un paio di magliette nuove comprate ieri in una mini passeggiata a Viale Trastevere. Dato scorciatina ai capelli sugli occhi di Ettore. Scuola online, pranzo e giochi.
Poi aiuto Giuliano a fare una ricerca per il Due Giugno: l’emblema della Repubblica. Mi imbatto nella storia del valdese Paolo Paschetto, vincitore del primo e del secondo concorso bandito per la scelta del simbolo patrio (ed anche del terzo, indetto perché il suo lavoro non era piaciuto): mi immagino anche allora le cordate che brigano che fanno, il povero Ivanoe Bonomi che presiede la commissione preposta.
Scopro anche io un po’ di cose che non sapevo, come spesso capita quando mi metto ad aiutare il mio dolce Giuliano. Poi mentre lui si impegna a scrivere la sua ricerca per la festa della Repubblica tra stelle, ruote dentate, rami d’ulivo e querce, mi metto un po’ a lavorare anche io. Riunioni da organizzare, rigorosamente in teleconferenza, comunicati da scrivere, siti da aggiornare e piatti da lavare.
Ho scoperto da poco, grazie ad una circolare sul registro online della scuola di Giuliano, che quest’ultima riaprirà fisicamente appena finirà. Infatti ci viene proposto un centro estivo a pagamento fra le mura dello stesso edificio che invece ci viene precluso fino al giorno prima. In compenso dall’anno prossimo non ci saranno più i voti in decimi, gli alunni delle scuole primarie, ma dei giudizi descrittivi. Immagino già le povere maestre ad imparare a memoria dei formulari con giudizi descrittivi con affianco un numero.
Adelante con juicio! E senza scuola.

Settantacinquesimo giorno senza scuola

Questa mattina al nostro risveglio siamo stati accolti dal un piccolo blackout. Niente corrente elettrica. Pensiamo ad un contatto nel nostro impianto. Mia moglie fa per scendere per riattivare il contatore generale, ma si accorge subito che la luce manca anche fuori dal nostro appartamento. Guardo nel palazzo dirimpetto e anche lì nessuna luce, radio o televisione accesa. Ci mettiamo a cercare notizie sui cellulari e ci imbattiamo in un vecchio articolo del 2003 che però ci sembra attuale, ad un primo sguardo. La situazione descritta è catastrofica. Quello fu una roba grossa, tutta Italia senza energia elettrica tranne Capri e la Sardegna.
Capiamo subito che tutta la parte smart della casa se non torna la corrente va a farsi benedire, niente scuola, niente working, abbiamo un po’ di carica nei cellulari si potrebbe fare un po’ di hotspot ma non per moltissimo tempo. Per una strana forma di pregiudizio per i forni e i fornelli elettrici, che secondo me cucinano peggio, io ho ancora una cucina a gas, quindi con la moka due bei caffè si fanno.
Mi ricordo dei timori di Zuckerberg all’inizio della pandemia sulla possibilità che i server di FB e WAPP non reggessero lo spostamento della vita dal reale al virtuale. Cosa che non è avvenuta, i server hanno retto. Però senza energia elettrica sarebbe ancora peggio.
Le mie preoccupazioni si sciolgono fortunatamente prima del gelato in freezer, la luce torna e la nostra routine può riprendere.
Quando prendo la bicicletta e vado in ufficio Giuliano è già connesso, Ettore se la dorme e Martina è già al telefono per lavoro. In ufficio mi metto a litigare con il nuovo dispenser di gel disinfettante. Dopo numerosi assalti e l’intervento del mio collega Flaviano ne veniamo a capo, ora funziona, mano sotto ed immediata gelificazione.
Nel frattempo sembra che l’Unione Europea si faccia carico di aiutarci anche con questo nuovo fondo, il Recovery Fund di cui per la verità si parla da un po’. Speriamo che anche noi si sia in grado di usarlo, non è scontato che sia così. Le due signore tedesche che guidano l’Unione, ufficialmente e ufficiosamente, oggi sembrano numi benevoli, domani chissà. Le lunghe e complesse trattative brussellesi non sono pane per tutti i denti.
Sembra che il motto un po’ razzista circolato in questi giorni in certi ambienti “Aiutiamo i lombardi a casa loro” stia prendendo la forma di un’esclusione di questi ultimi dalla circolazione interna al paese. Non credo lo accetteranno. Nel frattempo il maestro di musica e canto nel palazzo del mio ufficio deve aver ricominciato ad impartire lezioni. Questa mattina grandi gorgheggi, scale e solfeggi. Lallallalalalalallalalla !!!
Adelante con juicio e state bene se potete!

Settantaquattresimo giorno senza scuola

Ettore si dispera per la fuga al lavoro della sua bellissima mamma fresca di parrucchiere. Poi, con un po’ di giochi e di Superpigiamini, ne usciamo. È di buon umore, mentre Giuliano studia con la maestra umanistica, siamo ai secoli sulla linea del tempo, Ettore costruisce e demolisce costruzioni.

Il buon Ciuchino, così si chiama il nostro robot aspirapolvere, si aggira per casa sospirando rumorosamente le sue aspirazioni.
Martina mi ha raccontato tutto il protocollo del parrucchiere, in fondo non irragionevole. Mascherine, grembiulini, teli, distanze, guanti e due clienti per volta nel salone, che non è piccolissimo. Pare che loro se la stiano passando non male, dopo la fine del confinamento.
La Repubblica dice che per il 70% delle donne è aumentato il lavoro domestico. Non fatico a crederci, non capisco perché solo delle donne poi ci pensò un attimo e capisco. Nel frattempo mi rendo conto che Ettore ha scoperto il frigorifero, come testimonia il ritrovamento di Saetta McCain accanto alle fragole.
Vuoi vedere che giusto sul finire della nostra storia di grida ed epidemie sbucano pure i bravi? L’idea stessa degli assistenti civici reclutati tra i migliori di noi produce in me un piccolo moto di ribellione. Penso sia una di quelle robe che mi rendono insofferente e un pizzico antipatriottico, e che mi sforzo sempre di reprimere. Poi scopro che non solo chi ha un animo liberale e un po’ anarcoide come me trova l’idea discutibile. Anche il ministro dell’Interno, quello della difesa è quasi tutte le persone dotate di un po’ di senso delle cose sulla scena pubblica hanno espresso più di una perplessità.
Nel frattempo l’amico Covid riesce a tenere prigionieri solo i bimbi. I casi in Italia come prima in Cina e in Corea sono precipitati sia per contagiati che per lutti. E della cosa non saremo mai abbastanza contenti.
Giuliano ieri era molto contento per l’esito di un torneo di scacchi a squadre. Pare che le lezioni, visto il successo tra i bimbi, si possano prorogare anche a giugno. Le facciamo! Per pranzo preparo loro uno spettacolare petto di pollo, con tasca di prosciutto di parma e stracchino, infornato con le mollichine. Grande successo lo rifarò. Ieri sera ho convinto Giuliano a vedere con me, dopo aver visto un po’ di cartoni, Easy Rider: gli è piaciuto, questa sera lo finiamo. Almeno così facciamo grandi giri on the road!
State bene e Adelante con juicio!

Settantatreesimo giorno senza scuola

Piazza Navona semivuota, qualche bambino che la percorre in bicicletta seguito dalla tata, bimbi che si aggirano con i nonni per Viale Trastevere. Così è se ci pare e anche se non ci pare.
Un po’ di movimento in ufficio. Finestre aperte e niente cannone del Gianicolo. Il mio paese è fatto così, non ama i bambini e li lascia un po’ al loro destino. Che tra via della Cuccagna e via del Paradiso è fare splendidi giri in bicicletta inseguiti dalla coppia di domestici, a Viale Trastevere è stare con la nonna e ad altre latitudini è stare per strada con chi capita o a casa dei vicini. Ci arrangiamo come possiamo.

Noi per il momento facciamo a turni, un po’ io e un po’ Martina. So che alcune coppie si scambiano i bambini e i ragazzi. Baby sharing, volendo ci sono anche siti specializzati. La totale assenza da questo punto di vista dell’unica vera agenzia educativa preposta allo scopo da qualche millennio mi rattrista oltre modo.

Nel frattempo ci prepariamo alla calata degli assistenti civici controllori e super controllori delle nostre distanze e confidenze. Saranno come al solito scelti tra i migliori di noi. Ci saranno brutti momenti con i ragazzotti della movida? Speriamo di no, la speranza che prevalga il buon senso c’è sempre.

Dodicesimo weekend senza scuola

Conoscete per caso Gallera? È quel signore con la faccia intelligente che tutte le sere, sorridendo felice, fa una conferenza stampa enumerando sullo stato del contagio in Lombardia. Credo sia l’assessore alla sanità, il nome ufficiale è welfare ma di fatto gestisce il pacchetto dei 20.064,8 milioni annui del fondo sanitario lombardo.
In tutti questi giorni non ha mai mancato un appuntamento, sempre sorridendo ed enumerando. Il sito del Corriere della Sera lo trasmette in diretta e mette il suo monologo nella parte alta della gerarchia delle notizie. Lo stesso fanno l’Ansa e quasi tutti media mainstream, pubblici, semipubblici e privati. Insomma quello che dice questo signore è importante quasi come il suo budget 20 miliardi di euro
Il dottor Gallera ieri ha cercato di spiegare ai suoi concittadini lombardi che ormai sono in una botte di ferro, quanto a possibilità di essere contagiati perché essendo “l’indice di trasmissibilità a 0,51 cosa vuol dire? Che per infettare me bisogna trovare due persone allo stesso momento infette e non è così semplice trovare due persone allo stesso momento infette per infettare me”.
È da ieri che tutti sui giornali e sui social ridono per questa affermazione, definita gaffe, che nulla ha a che vedere con la realtà, con la scienza, con la medicina, con la statistica, la matematica, con il virus o con il buon senso.
La tragedia è che non c’è nulla da ridere, l’avvocato Gallera è uno dei capi delle regioni, è una delle persone più autorevoli del sistema sanitario lombardo gestisce 20.064,8 milioni di euro. Ha preso alcune delle decisioni più importanti per il contrasto alla pandemia in Lombardia eppure dice che per contagiare lui ci vogliono 2 persone.
Colpisce anche il fatto che scelga come esempio la sua persona, ma evidentemente non è questo il problema. Come si fa a spiegare ai mitomani sui social, che sono diventati improvvisamente esperti di pandemie e virus e vogliono curare il Covid-19 con il limone, che conducono fiere battaglie contro le mascherine, che devono fidarsi delle autorità sanitarie preposte? Io ho un po’ di paura in più, da quando l’ho sentito.
Oggi sono andato con i miei due piccoli sulla pista ciclabile sul Tevere. Siamo scesi da quello che un tempo era il Porto di Ripa. Mai visti a Roma tanti ciclisti tutti insieme, neanche quando passa il Giro. Noi ci andiamo spesso ed eravamo quasi da soli, prima del lockdown. Ci divertiamo, anche se Giuliano si lamenta molto della lentezza di Ettore. Le persone cambiano abitudini e il Tevere a primavera è bellissmo, come sanno i fiumaroli.
Tornando mi fermo al super mercato lasciando les deux alla barriera delle casse. Coletta, la mia cassiera eroina, mi spiega che è preoccupata per tutte queste persone che escono per la movida, per le spiagge. Capisco che per lei sono molto più comprensibili gli errori dei giovinastri che quelli dell’onorevole Gallera, che per altro può fare anche lui un bel post di denuncia sui ragazzacci. E un po’ di ragione c’è l’ha, bisogna stare attenti.
Ieri Giuliano ha avuto la sua prima visita dopo il confinamento: il suo amico Gianluca è venuto a trovarlo, sono stati bene, devo dire che ha fatto un gran piacere anche a me. Per il compleanno passato riceve dal suo amico una bellissima scatola di Risiko che subito inauguriamo.
State bene se potete e adelante con juicio.
PS Forse ho capito chi è Pedro.

Settantesimo giorno senza scuola

Le voci delle maestre e del maestro di scacchi di Giuliano sono ormai entrate a far parte del mio universo domestico. Tra un po’ Giuliano non avrà più questa compagnia, perché il 5 giugno anche la scuola live chiuderà e il corso di scacchi finisce a maggio.

Di solito arrivavamo a questo punto con Giuliano stanco della scuola e pronto ad entrare nella dimensione estiva del riposo e del cazzeggio con gioia. Quest’anno sarà un po’ diverso. Ha passato sin troppo tempo in casa, come tutti noi del resto. Il centro estivo, potrà farlo? Sarà un carnaio? Ce la sentiremo di mandarcelo? Riusciremo ad andare in vacanza da qualche parte? Le distanze, le mascherine. Bah, speriamo bene. Una passeggiata al lago?
Intanto questa cosa del R 0 che diventa RT e stabilisce le visite tra le regioni sembra aver fatto imbufalire gli umbri, appena sfiorati dalla pandemia ma con la RT più alta insieme a Lombardia e Molise. Alcuni capi delle regioni sono usciti più forti e più affamati dalla pandemia. Altri decisamente no. Ma restano sicuri e pronti al loro posto. Una cosa li unisce, il gusto di insultare e minacciare gli adolescenti e i giovanotti che sbevazzano in giro. Mi ricordano i sottufficiali o graduati di truppa che ti minacciavano: “Ti sbatto dentro! Non ti faccio più uscire fino al Congedo!” E’ da allora che nessuno si era più permesso di dirmi che non posso uscire.
Vedo che ai capi delle Regioni e a quelli delle nazioni piace molto. Quattro ragazzotti al bar che bevono senza mascherine, incoscienti! Assassini! Continuiamo ad avere bisogno di individuare ed additare un nemico per comunicare e fare qualunque cosa. Un post, una diretta FB e giù duro contro gli untori. E dire che me li ricordo distintamente brindare a favore di fotocamera, fino a poco tempo fa.
Noi però dimentichiamo tutto e non ridiamo quando vediamo la stessa persona dire il contrario esatto di quello che aveva detto un attimo prima. Probabilmente siamo così anche noi.
Sempre per citare il caro don Lisander, speriamo non ci siano ora nuove colonne infami.
Poi, per carità, cerchiamo tutti di essere prudenti. Adelante con juicio!

Sessantanovesimo giorno senza scuola

Oggi Smart working vero! Ho moderato la mia prima assemblea tutta online dalla scrivania del mio studio di casa. C’erano anche importanti stakeholder istituzionali: presidenti, parlamentari, ex ministri, dirigenti. Insomma gente seria e ammodo. Io ero vestito di tutto punto con cravatta e giacca, sotto portavo dei comodissimi bermuda turchese.
Nel frattempo sentivo ogni tanto le vocine di Giuliano ed Ettore che stavano con la mamma e un po’ online anche loro, soprattutto Giuliano con le sue lezioni live. Poi finito tutto ancora lavoro sempre da casa: che dire, non c’è speranza per gli smartworker, le loro schiene si piegheranno anche dopo il Covid più in fretta e più in basso.
Una cosa mi ha incuriosito uno dei relatori si è presentato con la mascherina che ha tenuto per un bel po’. Probabilmente non era solo in stanza, non so. Comunque è stato divertente anche vedere come le persone cerchino di adattarsi a questo nuovo strumento con alterni ma inevitabili successi.

Sessantottesimo giorno senza scuola

Sono tornati! I miei concittadini sono tornati in giro per le strade. Su Viale Trastevere erano addirittura in doppia fila. E’ stato bellissimo risentire l’odore e il rumore della mia amata Roma. Pedalando ho percepito il fritto e lo smog attraversare la mia mascherina. In altri tempi forse mi avrebbe dato fastidio ma questa volta mi è sembrato l’odore della vita. Non vedevo tante persone tutte insieme da febbraio. Non ero più abituato al traffico che ho trovato a Ponte Garibaldi, nel tentativo di districarmi ho anche tamponato un ducato Bianco dal tubo di scappamento pestilenziale. Una bottarella non credo se ne sia neanche accorto io sì, ed è stato bellissimo.
Oggi davanti al Senato c’era addirittura una certa ressa. Discutevano della mozione di sfiducia individuale al Ministro Cinque stelle alla giustizia, al quale viene riconosciuta la buona fede che lui in passato non riconobbe ad altri. Renzi fa un po’ il duro ma dalla prima frase si capisce che lo grazierà. Folla di operatori, cameramen e giornalisti delle grandi occasioni. Il presidente del consiglio esce e non si sottrae. Fa un capannello d’altri tempi! Per bar e i ristoranti dei dintorni il ritorno dei politici e dei loro clientes è una manna.
In ufficio continuo a litigare con video piattaforme e social ma ne dovrei uscire vivo. Flaviano dai suoi due metri buoni di distanza cerca di terrorizzarmi con nefaste recrudescenze advenienti della pandemia, insomma la ormai mitica seconda ondata. Nel frattempo Giuliano ha cominciato a parlare in scacchese stretto: pedone isolato, difesa alla francese, pedone passato, pedone doppiato, apertura del drago, avamposto. Le lezioni online funzionano tra un po’mi spazzerà via ad ogni partita, mi devo preparare psicologicamente.
Adelante con juicio e voi rispettate le distanze se potete!

Sessantasettesimo giorno senza scuola

Le giornate passate in casa con il lavoro e i bambini sono sempre un po’ più faticose. Questa cosa dello smart working rischia di essere una sòla. Fatto sta che ora mi trovo il lavoro a metà, la casa in disordine e i bimbi scatenati.

Ho sempre chiamato i miei amori con tanti appellativi e vezzeggiativi. Non so se a causa delle mie origini siciliane o solo perché li trovo veramente delle meraviglie per i miei occhi e dei tesori incommensurabili per i miei destini. Fatto sta che Giuliano da piccolo mi guardava un po’ stupito ma contento quando lo chiamavo meraviglia dell’universo o amore mio spettacolare. Ettore invece mi fissa negli occhi e mi dice: “Io sono Tettere papà!”. Ricordandomi che nella vita l’importante e sapere chi si è tutto il resto viene dopo.
Martina torna dal lavoro con un tesoro di mascherine comprate al prezzo arcuriano in una farmacia vicino all’ufficio. E’ da quando è iniziata questa storia che non esco solo con mia moglie, magari solo per pranzo o per un caffè, mi manca. Mi dice che per le vie di Roma c’era un bel po’ di gente mi racconta di una sensazione di quasi normalità. Invece qui dallo smart working ci si barcamena tra social network, piattaforme per videoconferenze, per lavoro, per la scuola e per gli scacchi. Una vita per il monitor.
Ormai credo esista una nuova forma di stress che prima o poi verrà classificata con l’ennesimo anglismo o acronimo. Anzi probabilmente già lo è, ma io non lo so. Da ieri credo che le persone possano di nuovo pregare insieme mi pare importante, anche se io non lo farò.
A pranzo straccetti di vitella con spaghetti di carote e zucchine. Non male.
State bene ed adelante con juicio.

Sessantaseiesimo giorno senza scuola

Comprate qualcosa di nuovo oggi, se potete. Roma accoglie con una certa freddezza le grandi riaperture. Il tempo è grigio, file per lo shopping o grandi acquisti almeno in centro non ne vedo. L’unica coda che incontro è quella davanti a un centro che distribuisce cibo, vicino a Via dei Banchi Vecchi. Provo a fotografare gli avventori e loro giustamente si incazzano.
Mi capita di fare un giro tra Piazza Navona e Corso Vittorio, devo pagare una bolletta della luce, un po’ più alta del solito, del resto la nostra permanenza a casa è stata maggiore. Alla fine riesco, da un tabaccaio. Penso all’America della grande depressione che abbiamo visto in tanti film, topos cinematografico e letterario che va da Santa Giovanna dei Macelli del tremendo B. Brecht ad Anche gli angeli mangiano fagioli con Giuliano Gemma e Bud Spencer. Mi aspetto di vedere le divise dell’esercito della salvezza da un momento all’altro.
In ufficio lavoro un bel po’, tante cose da fare. C’è un certo fermento per la riapertura, fortunatamente non tutto il mondo è il centro di Roma. I commercianti aspettano tutti il ritorno dei turisti. Senza i quali non gli sembra aver senso neanche riaprire. Li sento che parlano fra di loro e si chiedono quando torneranno. “Dobbiamo riaprire i confini, sennò è la fine”.
Le frontiere, almeno quelle Ue, dovrebbero riaprire ad inizio giugno.
Durante la pausa pranzo mi concedo un caffè, unico cliente riverito di un delizioso bar e vado a comprare due piatti di un servizio “rustico” cui mancava il coperto per Ettore. Anche lì, sono l’unico avventore. Il gerente mi spiega che sta cercando di capire se gli conviene restare lì. Provo a dirgli che i turisti torneranno e che ci dimenticheremo di questa epidemia, però non domani. Alla fine il problema è il tempo: il padrone delle mura aspetterà? I creditori, i dipendenti aspetteranno?
Sulle scale dell’ufficio incontro l’unico residente nel palazzo, un maestro di canto che non suona più il suo pianoforte per i suoi allievi da un po’. Per chi non lo sapesse, cantare è un’attività che moltiplica le possibilità di contagio esponenzialmente. Perché cantare, ancora di più rispetto a parlare, trasforma le goccioline virulente in aerosol con grande efficacia.
Passando per Piazza Navona vedo due musicisti riprendersi un enorme violoncello e una rossa fisarmonica ed andar via, torneranno un giorno i viaggiatori torneranno e con loro anche la musica. Intanto adelante con juicio e state bene.

Undicesimo weekend senza scuola

“E’ arrivato l’arrotino, donne è arrivato l’arrotino. Affrettatevi donne! Aggiustiamo ombrelli, affiliamo coltelli. Donne è arrivato l’arrotino e l’ombrellaio. Aggiustiamo cucine a gas”.
Questa voce registrata e diffusa da un megafono che per gli archetipi che contiene sembra provenire direttamente dal secolo scorso mi ronza nella testa da questa mattina. Il ‘900, secolo troppo breve certamente per me, come mi manca, con le sue certezze ideologiche e il suo tempo accelerato e analogico. Comunque sono abbastanza certo che la registrazione del virile arrotino sia stata effettivamente fatta nel ‘900. Fatto sta che ho tormentato la mia famiglia con quest’urlo macho e corrivo per tutta la mattinata.
Capitava ancora che qualche camioncino, o addirittura qualche bicicletta, con il doppio passo ruote – macchina arrotatrice, si aggirasse per Trastevere diffondendo l’antico richiamo.
Chissà se succederà ancora. In questa modernissimo paese in cui migliaia di acronimi e anglismi si fanno strada nelle nostre vite di ex reclusi. Mi pare di aver capito che da domani riapre più o meno tutto, tranne le scuole: tanto, come dice il Ministero con cui confino, ora c’è la DAD. La didattica a distanza, nuova Mecca del sistema scolastico italiano. Si è trattato molto sulle misure, le distanze e tra le il governo che diceva 2 metri e le regioni del nord che dicevano 1, il compromesso è stato 1.
S
iamo stati a Villa Sciarra, un po’ di spazio c’era ma eravamo tanti. Comincia a fare caldo, le persone vogliono prendere un po’ d’aria, ed hanno ragione. I miei due, certamente violando più di qualche Dpcm e regolamento comunale, si sono messi a scavare una buca con dei bastoni vicino ad un albero. Dopo un po’ sono corsi verso di me, insieme ad un loro amico incontrato in loco, urlando di aver trovato una larva. Poi presi dall’entusiasmo ci hanno comunicato il ritrovamento di un osso, probabilmente un femore, quasi certamente di un dinosauro.
Tornando incontriamo due poliziotti a cavallo belli alti e senza mascherine.
I bambini sanno essere felici del poco e del molto che il mondo e le circostanze offrono loro di volta in volta, il che è un bene per loro e una consolazione per noi però si meriterebbero la scuola. Qual posto in cui Garrone, Enrico e il Franti hanno gli stessi banchi e le stesse sedie.
State bene se potete e adelante con juicio!

Sessantatreesimo giorno senza scuola

Roma è piena di esercenti di bar e ristoranti che fanno le prove per i tavoli, sono preoccupati e calcolano se gli converrà aprire o meno in base alle nuove regole di distanziamento e allo spazio in strada che gli verrà concesso. Il timore è quello di perdere soldi nel caso di apertura, di non rientrarci con le spese. La paura è quella di fallire.
Siamo spaventati e combattuti da una parte urliamo all’untore appena vediamo più di due persone in una piazza e dall’altra non vogliamo norme troppe restrittive se ci intralciano il lavoro. Il che è assolutamente normale, siamo tra due fuochi non è facile. Mai come ora avremmo bisogno di una politica in grado di misurarsi con l’arte del possibile ai tempi del covid 19.

Le fasi del lutto sono negazione, rabbia, contrattazione, depressione e accettazione. Voglio sperare che siamo almeno alla contrattazione. Anche se molti di noi si dibattono ancora tra la rabbia e la negazione. Io per esempio non riesco ancora a farmi una ragione del fatto che i miei figli non vadano più a scuola.
Agli argomenti di conversazione extra lavorativi tra colleghi si è aggiunto il vasto mondo dei dispositivi di produzione individuale. Alla chiacchiera sul modello di smartphone, sul calcio, sulla politica, sul cibo ora abbiamo tutti, chi più chi meno, aggiunto il tema delle mascherine ffp1 – 2 o 3, dei gel igienizzanti, dei guanti e delle visiere. Abbiamo cominciato anche ad apprezzare i diversi aromi dei disinfettanti per le mani. Comunque i miei portatori di mascherine preferiti sono i fumatori, con la loro aria un po’ equivoca e la sigaretta sempre in mano.
Nel frattempo i capi delle regioni e delle nazioni litigano proprio per via delle prossime riaperture e sembra che la Lombardia, il cuore del problema, sia stata abbandonata anche dal Veneto e dal Friuli. La scelta politica più importante fatta finora dal governo è stata quella di imporre regole uguali per tutti nonostante le situazioni fossero molto diseguali. La Lombardia chiede ancora che l’Italia le si adegui. Intanto pare che il 4 giugno potremo di nuovo girare liberamente per l’Italia.
A casa Ettore mi mostra in fantasmi o che gli ha disegnato la mamma è mi spiega che è suo. Giuliano è come al solito alle prese con le due lezioni online.
State bene e mi raccomando adelante con juicio.

Sessantaduesimo giorno senza scuola

Oggi il mio ufficio era tristemente vuoto. C’ero solo io, ieri invece pare ci sia stato il pienone.
Questa mattina, dopo aver sorbito il mio caffè, ho avuto il coraggio di pesarmi ed è stato un brutto momento. Avrei dovuto fare il runner anche io, dovevo rannare come direbbe qualcuno.
Finalmente il decreto Aprile ha visto la luce: la speranza è che possa aiutare un po’ la nostra provata economia, il timore è che come spesso capita da questa parti ci sia un’enorme distanza tra la carta e la realtà.
Devo organizzare un‘intervista in doppio remoto. Nel senso che sia il giornalista che l’intervistato mi sono remoti fisicamente. Lo facciamo con Zoom. Poi la video intervista registrata verrà messa online. Si può fare tutto, mi accingo con ottimismo. Non dovrebbe essere molto dissimile dall’organizzare un’intervista telefonica. La connessione dell’intervistato è ottima e anche la mia, la collega ha invece ha qualche problema. La vediamo comparire con dietro una veduta di Montecitorio che le fa da quinta. Mi ricorda vagamente il mio papà, che si collegava con sfondi simili per il TG2 e mi costringeva a videoregistrarlo, rinunciando per questa incombenza a vedere l’Uomo Tigre, mia passione assoluta.
Forse ho cominciato così a fare l’addetto stampa.
La falsa partenza si ripete tre volte poi la collega desiste e prova a riorganizzare la videochiamata. Credo cambiando il suo device. Mi ci wappo. L’attesa si allunga. Il rischio che la momentanea défaillance tecnica si trasformi in un problema per me aumenta di minuto in minuto. E la cosa peggiore è che non posso neanche fumare per ingannare l’attesa, perché non fumo più. Riesco a convincere l’intervistato, che peraltro è il presidente della confederazione per cui lavoro, a non dare forfait. Però se ne sono andati 45 minuti in attesa. L’ora di pranzo si avvicina. La collega ha cambiato location niente più sfondo con Montecitorio ma in compenso si sente un po’ meglio. Alla fine si riesce a fare, si capiscono, l’intervista si fa. Immagino che poi lei farà i suoi controcampi.
Sento mia moglie che mi ha mandato dei video spassosi de les deux in cui il maggiore fa il buffone e il piccolo Ettore ride a crepapelle. Giuliano in un momento di malinconia ha detto alla mamma che gli manca il rumore del gessetto sulla lavagna. Penso subito che so dove portarlo appena potrà.
Tornando passo per Piazza del Pantheon semivuota e dominata da due tavoli di un bar con gel antibatterico.
Adelante con juicio amici miei.

Sessantunesimo giorno senza scuola

Anche oggi casa. Giuliano studia un bel po’, lo aiuto in scienze, ecosistemi, nicchie ecologiche, biomi, habitat, comunità e popolazioni. Mi avvalgo della collaborazione di un vaso di basilico in terrazza che ospita discrete popolazioni di acari, vermi di varia taglia, un ragno e vari vegetali oltre al basilico che ci sto coltivando.
Con Ettore ci diamo alla pittura a dito e con pennello nel terrazzo in cui ormai passiamo più tempo che in casa. Poi si pranza, va tutto più o meno bene finché non mi piomba addosso il lavoro. Perché questa cosa dello smart working con i bambini alla coscia non è facilissima. Diciamocelo. Spiegare a mio figlio Giuliano che devo lavorare e non posso più dedicarmi a lui ed ai suoi compiti non è uno scherzo. Spiegarlo ad Ettore è quasi impraticabile.
Comunque pare che il decreto aprile non riesca a vedere la luce neanche oggi, tra un po’ Conte chiederà aiuto a Nanni Moretti, tanto consulente per consulente, che un’opera intitolata Aprile è riuscita a farla uscire.
In realtà il testo gira da giorni, ormai viene pubblicato anche sui giornali online.
I mitici ventilatori polmonari portatici dal buon vecchio compagno Putin prendono fuoco, uccidendo 6 persone in Russia, dove ora non si possono usare più. Torna mia moglie, Giuliano si rimette a fare video lezione ed io scrivo un po’.
State bene, adelante con juicio!

Sessantesimo giorno senza scuola

A casa coi pupi. Giuliano fa la sua video lezione del mattino. Non bisognerebbe assistere ad interrogazioni del proprio figlio, si soffre in un modo non consono. Passavo di lì per preparare il pranzo e ho assistito.
Chissà quando potrà ritornare a scuola.
L’inadeguatezza del mio Paese più o meno a tutto non mi fa essere ottimista. La vicenda delle mascherine nuovamente sparite non lascia sperare troppo per il meglio. Ora è quasi impossibile trovarne di chirugiche, cioè quelle per cui il commissario Arcuri ha fissato il prezzo a 50 centesimi più IVA. Invece, impazzano pezzi di stoffa non molto dissimili da quelli che vi potete fabbricare in casa. Oppure le ffp2 o ffp3, insomma tutte quelle che si possono prezzare liberamente. E dire che nei Promessi Sposi, libro mai troppo citato ed evidentemente troppo poco letto, succede anche questo. A un certo punto viene fissato da Ferrer il prezzo del pane ed indovinate un po’ che succede? Il pane sparisce. Il Gran cancelliere Spagnolo sta al pane come il super commissario Arcuri sta alle mascherine. Cosa ci dobbiamo aspettare ora? Che saccheggino i depositi di mascherine, già indicati da Arcuri come stracolmi di protezioni individuali. Nei Promessi Sposi succede.
Ho fatto una piccola passeggiata con Ettore e la sua biciclettina a spinta, mi sono fermato in un negozio di articoli sanitari ho chiesto mascherine di cui con un cartello in vetrina si decantava ampia disponibilità. Al dunque mi vendevano il pezzo di stoffa a cinque euruzzi cinque. Quando ho provato a chiedere quelle usa e getta, un eufemismo per chirurgiche, la signora mi ha guardato come se volessi il contenuto della cassa.
L’unica cosa che non ho capito in tutta questa situazione, è chi sia il Pedro di Arcuri.
Adelante con juicio, amici miei, e predetevi cura di voi stessi.

Cinquantanovesimo giorno senza scuola

Oggi dalla mia scrivania ho sentito di nuovo il cannone del Gianicolo. Ci stiamo assestando, almeno in centro, più o meno come se fossimo in una giornata di agosto. Comincio a vedere le cosiddette mascherine di comunità, cioè dei deliziosi prodotti sartoriali non molto dissimili da quelle che mi autoprodussi io quando erano introvabili. Però soprattutto quelle delle ragazze sono molto carine. Houellebecq aveva ragione, tutte velate però non per l’Islam, come in Sottomissione, ma per il covid-19.
Prima di uscire mi sono stirato una camicia da solo, quante cose utili abbiamo imparato a fare durante il lockdown.
In ufficio incontro altre quattro persone, mascherina e distanza. Faccio qualche telefonata, chatto, scrivo. Mi sorprendo a riflettere sul fatto che non sarà più possibile tornare indietro, il nostro modo di lavorare cambierà un altro po’. I dati a Roma e in Italia migliorano ogni giorno, in altre parti del mondo no. Chi ha cominciato dopo finirà dopo.
All’ora di pranzo esco ma non mangio nulla, non lo faccio dall’inizio di marzo, mangio solo in casa. Però mi addentro per i vicoli e le piazze intorno a Corso Vittorio Emanuele. La sensazione è quella di essere in un paesone, ogni tanto incontro qualcuno, una signora si affaccia dalla finestra, ma le presenze sono rarefatte. Un paesone con un bel centro storico che non viene a visitare nessuno, che ne so, tipo Offagna o Offida nelle Marche, luoghi meravigliosi ma nei quali non prenderei la residenza. Roma senza turisti, senza pellegrini, senza preti, senza bambini e belle fanciulle è un posto che non voglio riconoscere. E purtroppo non è una canzone di Conte. O forse sì.
Ettore invece ieri ha provato a far fare pipì al suo Batman; ha preso una formina di plastica dello stesso colore del suo vasino e vi ha posto sopra il suo alter ego supereroe. Sembravano soddisfatto tutti e due. Direi che con lo ‘spannolinamento’ ci siamo quasi!
State bene e prendetevi cura di voi, a domani.

Decimo weekend senza scuola

Questi due giorni sono stati quasi normali. Siamo andati in un parco, i bimbi hanno colto fiori, corso e tirato qualche calcio a un pallone. Casualmente abbiamo anche incontrato un amichetto cui Giuliano ed Ettore vogliono molte bene: Gialnluca, con la mamma. Tra il verde e il giallo del prato sotto il sole ci siamo anche un po’ abbronzati. Siamo stati bene.
A casa abbiamo fatto un po’ di compiti e mia moglie si è misurata con la sua seconda tinta casalinga. Operazione non semplicissima cui ho tenuto a partecipare anche io. Mai ho sentito parlare così tanto dei parrucchieri e dei barbieri come in questo periodo di forzato disordine tricologico.
Giuliano ha fatto un torneo di scacchi online. Devo riconoscere che il suo maestro è stato il primo ad offrire una sponda tecnologica ai bimbi rinchiusi in casa mentre la scuola si stava ancora organizzando. Non lo dimenticherò e credo neanche Giuliano. Oggi abbiamo anche imparato a ricostruire le grandi partite dei campioni sulla scacchiera.
Ettore è di ottimo umore, sarà la festa della mamma o la passeggiata di ieri. Martina è stata degnamente festeggiata con tagliata di chianina e prosecco. Queste ricorrenze molto consumistiche, ora che dal consumo siamo un po’estromessi, mi ricordano che se ce la caveremo lo dovremo l’uno all’altra e ai nostri bimbi.
Però in vista delle riaperture, in un momento di ottimismo, abbiamo stilato la nostra lista per il Revenge Shopping. Il catalogo è questo: scarpe per papà, magliette per mamma, calzini per mamma, furia buia per Giuliano, “drago puta fuoco” per Ettore, Risiko per eventuale nuovo lockdown, jeans bianchi per mamma, padella nuova per papà, ciabatte per tutta la famiglia, accappatoio per Giuliano, sandali con zeppa nere per mamma.
Della pandemia sappiamo sempre troppo poco; soprattutto non sappiamo se ci sarà o no la temuta seconda ondata, non sappiamo se l’andamento sarà simile a quello delle influenze stagionali, e molte altre cose. Sappiamo però che non è poco più di un’influenza, che il personale sanitario, indispensabile per contrastare il Covid-19, può anche essere un formidabile veicolo di contagio. E sappiamo che in un modo o nell’altro finirà.
Ne sapremo un po’ di più se faranno veramente questi test sierologici di massa.

Cinquantaseiesimo giorno senza scuola

Oggi Giuliano mi ha chiesto cosa sia il plasma. La cosa mi ha un po’ stupito ma evidentemente è colpa mia, parlo troppo. Ho provato a spiegarglielo e anche a spiegargli perché se ne parla tanto ora.
Come saprete l’ultima moda in tema di terapia anti covid-19 è appunto il plasma dei guariti, imposto in chiave antivaccinista dai socialmedia e da alcuni leaeder politici in difficoltà, come molte cose ormai.
Evidentemente per il momento non c’è abbastanza plasma per tutti, i guariti sono purtroppo 1.400.000 i contagiati quasi 5 milioni, nel mondo. Dobbiamo presumere che non tutti i guariti possano donare. Detto questo, speriamo che si riesca a curare tutte le persone possibili anche con il plasma. Certo, se si riuscisse a sintetizzare in laboratorio gli anticorpi, ne avremmo di più.
Comunque a Giuliano ho detto che è parte importante del sangue e che contiene molte cose utili alla vita tra cui gli anticorpi che le persone sviluppano per guarire dalle malattie, e che è già stato usato altre volte dai medici quando non sapevano come curare persone infettate da virus sconosciuti. E che a volte funziona e a volte no, come quasi tutto.
Nulla c’entra con il vaccino che serve ad impedire ai sani di ammalarsi.
Nel frattempo si susseguono le voci più diverse sulla manovra economica di aprile che ormai si farà a metà maggio e i capi delle regioni vogliono riaprire prima, non ho capito bene prima di chi, ma comunque prima.
Gli altoatesini hanno aperto oggi, prima di tutti, i loro bar e i loro ristoranti.
I milanesi passeggiano per i Navigli all’ora dell’aperitivo; il loro sindaco, che fino a qualche mese fa convinceva anche il nostro presidente di regione a farsi un’apericena da quelle parti, facendolo infettare, ora li rimprovera aspramente.
Ho incontrato una persona a me non congiunta al supermercato, mi fatto molto piacere. Si tratta di un vecchio amico, eravamo “travisati” tutti e due siamo riusciti a scambiare due chiacchiere. Mai avrei detto che avrei ricevuto amici al supermercato vicino casa. Al ristorante magari, ma al supermercato…
L’epidemia qui da noi sembra seguire più o meno il decorso di quella cinese e di quella coreana. Si sta spegnendo secondo alcuni per tornare quest’autunno, secondo altri per non tornare più. Nessuno lo sa veramente. Certo, la povertà fa ammalare anche lei.
State bene e se potete non buttate i guanti di plastica per terra. Adelante con juicio.

Cinquantacinquesimo giorno senza scuola

Abbiamo marinato la scuola on-line; abbiamo fatto sega! Questa mattina Giuliano aveva religione live invece siamo andati a Villa Sciarra. Les deux avevano veramente bisogno di camminare e correre un po’ in mezzo al verde e anche io ho apprezzato.
Arriviamo un po’ prima delle 10 e percorriamo tutto il perimetro della Villa, non enorme a dire il vero, ma piena di fontane, sfingi, fauni e aiuole. Da qualche anno è un po’ sgarrupata e mal tenuta, sostanzialmente dallo scandalo delle cooperative di “Mafia Capitale”. Però diciamo che nell’ultimo anno va un po’ meglio. Inizialmente incontriamo relativamente poche persone verso la fine della nostra visita invece cresciamo notevolmente in numero. Niente assembramenti, ma non eravamo pochissimi. Ettore quando ci addentriamo in una zona particolarmente verde decide di trasformarsi in Kung Fu Panda, fa delle strane mosse e ci sfida alla lotta. Cammina da solo per tutto il tempo senza chiedermi mai di salire in braccio, è cresciuto anche stando chiuso in casa. Giuliano insegue lucertole e guarda rapito la colonia di pappagalli che vive stabilmente sui pini e le palme della Villa. Mi invita ad osserva piccoli merli che zampettano sotto gli alberi. Ettore non resiste e tocca tutto, soprattutto la ghiaia che scava come fosse sabbia marina. Io mi sento morire e gli pulisco le mani con l’Amuchina una, due, tre volte. A un certo punto capisco che dovrei disinfettare tutta la ghiaia.
Tornati a casa pranziamo con uova al tegame, bieda e pasta all’olio. Ora Ettore dorme e Giuliano segue la sue lezione di italiano-live.
Nel frattempo un signore con un cognome altisonante, tipo Giovanni dalle Bande Nere Figà la Mancha, ci ha scritto a nome del Municipio I per questa storia dei centri estivi. In cui ci dice che non sa se li faranno ma se intanto vogliamo preiscriverci. Bah, proveremo.
Ieri tornando dall’ufficio ho comprato delle margherite per Martina vicino al ghetto in Piazza Cairoli, un’altra piccola cosa normale che si può fare. Credo le siano piaciute. Il mondo è un po’ meno grigio e un po’ più blu.
A domani e state bene se potete.

Cinquantaquattresimo giorno senza scuola

La grande notizia di oggi è che hanno riaperto Cecere, la pasticceria sotto casa mia. Ho potuto comprare bombe, sfogliatelle e crostatine per Martina e les deux. Avevano poca merce ma freschissima. Un pezzetto di sfogliatella tiepida l’ho assaggiato anche io ed era una piccola meraviglia.
La tintoria, in Via Ippolito Nievo, cui sono andato a fare visita subito dopo, ha invece inventato un modo per tenere i clienti fuori dal negozio ma servirli ugualmente: ha posto un carrellino all’ingresso che ostruisce il passaggio ma dà la possibilità di posare i capi da consegnare, semplice ma funzionale.
Sbrigate queste ed altre faccende domestiche che non sto qui a raccontarvi, ho preso la bici e sono andato in ufficio. I parcheggi sotto casa mia, bene raro e prezioso al mattino quando son aperti gli uffici, cominciano a scarseggiare, segno che le attività sono ripartite.
Ieri mentre facevo la spesa al supermercato, Coletta, la cassiera mia eroina, inseguiva chiunque tentasse di entrare senza mascherina o senza guanti. Con toni piuttosto spicci, che a parte il rispetto per gli altri è proprio obbligatorio, insomma! Poi ce l’hanno, non ce l’avessero ma ce l’hanno!
Il mondo ha ripreso ad avere un po’ dei suoi odori e a fare i suoi rumori. W il traffico almeno un po’, mi sto riabituando alle macchine e ai motorini. Arrivo davanti al Senato, oggi aperto, e trovo i due carabinieri in alta uniforme a guardia dell’ingresso con due belle mascherine chirurgiche celesti sotto i pennacchi. Il contrasto fa un certo effetto.
Vedo che nel frattempo i politici hanno ricominciato a litigare sui migranti, altro segno di normalità. Non ne stiamo uscendo migliori, direi proprio di no. Ho scoperto che il mio giornale preferito esce con allegata la mascherina, migliore tra i migliori.
Mentre lavoro mi telefonano Giuliano ed Ettore entusiasti per la visita della vicina che ha portato loro dei libri; mi parlano, soprattutto Giuliano, di Diario di una schiappa. Un gesto carino ma credo proibito da numerosi Dpcm. Ettore invece mi spiega che lui è Batman.
State bene, proteggetevi e godetevi un po’ di aria aperta che ne abbiamo tutti bisogno.

Cinquantatreesimo giorno senza scuola

Questa mattina sveglia presto. Giuliano doveva finire dei compiti. Colazione con uova e problemi di matematica in cui le persone vanno al cinema e fanno shopping forsennato, ironia della sorte. Dopo, lavaggio denti e vestizione. Alle 9.30 in aula virtuale. Verifica sui verbi, storia, letture, grammatica.
Insomma, un po’ lavorano.
Con Ettore ci dedichiamo a varie attività: colpire ripetutamente con un martello di legno la porta di casa, chissà che non ci fosse qualcosa di simbolico; colorare un enorme foglione bianco con tempere a dito, tirare fuori tutti i pezzi degli scacchi e metterli come capita sulla scacchiera facendo correre i cavalli e mostrando le torri, per lui castelli. Infine far scontrare Dusty pompiere con “Setta Quin”.
Preparo un piccolo brodo vegetale per fare un risottino zafferano e piselli. Immaginavo con l’inizio della fase due che avrei potuto provare a portarli in villa, ma con Martina in ufficio e Giuliano sempre online per le lezioni viene complicato. Magari nel tardo pomeriggio. Spero di riuscire ad andare almeno in tintoria.
La mia trasformazione in massaia di Voghera è quasi completata. Che poi a Voghera se la sono vista brutta questa volta le massaie il coronavirus ci è andato pesante.
Pranziamo in terrazzo, le deux hanno un sano appetito. Per Ettore è previsto il riposino, Giuliano ha un break di due ore poi lezione di scacchi e subito di seguito di nuovo scuola live.
Gli italiani e certamente i romani hanno mostrato in questi giorni una disciplina e un autocontrollo teutonico. I tedeschi invece hanno prodotto una sentenza della loro corte costituzionale che non ci aiuterà neanche un po’. E’ ironico come si sia sempre l’obiettivo della sovranità di qualcun altro, detto in modo più spiccio i “negri” di qualcuno. Certo, che in piena crisi da Coronavirus il paese più ricco e meglio organizzato dell’UE ci mandi a dire che non si potranno più comprare con i loro soldi i nostri titoli di stato non aiuterà.
La preoccupazione per i nostri piccoli, personali e poco significativi destini familiari ogni tanto mi assale. Dopo pranzo ci siamo buttati sul lettone un po’e vederli tutti e due lì intenti a giocare a “drago sputa fuoco” sul mio pancione mi ha rasserenato.
In queste ore è girato molto un murales di Mauro Pallotta al borgo. Ci sono Tom e Jerry con la mascherina e il topo che dice al gatto di stare a un metro di distanza. Bisognerebbe riuscire ad essere Jerry. C’è sempre un rovescio il punto e saperlo cogliere.
State bene e proteggetevi a presto.

Cinquantaduesimo giorno senza scuola

Maggio a Roma è forse il mese più bello e questo rende la Fase 2 meno tetra. Ho visto passare tanti tram e autobus, nessuno però pieno. Fuori cartelli con su scritto che bisognava aspettare di far scendere gli altri prima di salire ed altre norme, marker sui sedili.
Un po’ di persone a bordo le ho viste dalla mia bici, ma niente di paragonabile, almeno per oggi, a quello che c’è di solito in giro, tutti seduti e a una certa distanza.
Devo ammettere, anche se con dispiacere, che il mantenimento delle scuole chiuse aiuta a generare meno movimento. Ormai uso la mascherina anche a bordo della mia bici. Non vado in debito di ossigeno se non corro troppo.
Ieri abbiamo fatto una mini-passeggiata intorno al palazzo con les deux, le loro biciclette, io e Martina. Giuliano si è fermato vicino a un praticello su Viale Trastevere un po’ cresciuto di recente, speriamo che oggi le enormi ville pubbliche romane non si presentino allo stesso modo.
La riapertura dei bar per il take away toglie, almeno dalle strade del centro, l’effetto catastrofe post-atomica. Mentre arrivo in ufficio vedo un signore che scende da un taxi con la mascherina e una stampella, accompagnato da un ragazzo, forse il nipote. Mi immagino che tornino da un ospedale. Più avanti dei vigili discutono con qualcuno sugli autobus, macchine sui marciapiedi, per il momento della municipale e dei carabinieri.
I semafori tornano ad avere un senso e il traffico ad essere pericoloso. Il mondo riparte con un certo timore ma riparte. Per il momento niente app immuni e niente test sierologici o non sierologici di massa, ci restano la provvidenza e la prudenza. Adelante con judicio, come direbbe il cancelliere Ferrer dei Promessi Sposi.
Oggi a mezzogiorno dalla mia scrivania il cannone del Gianicolo non si sentiva più!

Nono weekend senza scuola

A me fare la spesa è sempre piaciuto. Ora è diventata a un’attività più complessa, quindi meno piacevole e spensierata. Di solito noi la facevano nei ritagli di tempo. Per esempio mentre Giuliano nuotava in piscina, andavo a fare una piccola spesa al supermercato lì vicino. Ora sai più o meno quando cominci, cioè quando ti metti in coda, certo non sai quando finisci.
Oggi sono andato nello stesso supermercato, ho trovato una bella fila e la piscina/palestra ovviamente sbarrata.
Complici le temperature in salita mi accorgo che la mascherina mi fa sudare la faccia, è una sensazione sgradevolissima che non potrà che peggiorare nei prossimi giorni. Guardo la fila davanti a me e dopo un po’ quella dietro di me e, complice la mia retina sempre più impressionabile, per la continua esposizione ai black mirror, mi sembrano il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo destrutturato.
In questo benedetto primo maggio senza bandiere e senza politica il Quarto Stato si è messo in fila indiana per fare la spesa, per comprare le medicine, per chiedere una piatto di minestra e un pacco alimentare se la spesa non la può più fare. Quante ne ho viste, di file di poveri e di ricchi.
Questo nostro fine settimana lo abbiamo passato studiando, leggendo, giocando e, ahimè mangiando. Con Ettore abbiamo fatto una pasta di sale che poi è piaciuta moltissimo anche a Giuliano. Ci abbiamo modellato cacchene (macchine in ettorese) di Formula Uno, omini e draghi che sputano fuoco e qualche bruco. Qualcosa lo abbiamo anche messo in forno.
Ci siamo dedicati anche a cacce al tesoro organizzate da Giuliano, strane tombolate e tornei di scacchi online.
I capi delle nazioni e delle regioni, come sempre non in perfetto accordo, ci hanno edotto su chi più o meno possiamo vedere e non vedere e su cosa possiamo fare e non fare. Dovremo stare attenti e cercare, regole o non regole, di evitare comportamenti che potrebbero aiutare il virus a diffondersi.
Mentre ero in fila ho visto passare quattro ragazzini in bici, che sembravano usciti da una sequenza dei Goonies o da Stranger Things. Erano bellissimi in sella alle loro bici, con i capelli un po’ lunghetti e le magliette a maniche corte. C’era quello un po’ più grande che guidava tutti e quello un po’più piccolo che ogni tanto urlava “Francesco aspettami, aspettami”.
Arrivano da un tratto di Viale Trastevere che fanno contro senso. Si infilano in un negozio di elettronica privo di fila, il più piccolo resta fuori a guardia delle bici, che ha finalmente riaperto dopo un mese di prudente chiusura. Vanno via con la loro preda, una cuffia mp3 coloratissima, bene in mostra lasciando noi vecchi lì in fila in attesa di conferire con il macellaio. Li guardo andar via e penso che per loro potrebbe anche essere una bellissima e lunghissima estate.
Chissà forse tra un po’ anche io potrò fare il mio revenge shopping, a dire la verità di un paio di scarpe avrei proprio bisogno. Comunque la bici è una delle vie per il contrasto al covid-19.
State bene e se potete da domani fate quel po’ che ci è di nuovo permesso senza mettervi a rischio.

Quarantanovesimo giorno senza scuola

L’odore delle melanzane mi ha sempre fatto impazzire. Le cucino per loro due, che nel frattempo si dedicano uno al cicloturismo in terrazza e l’altro alla chiacchiera in video conferenza. Mentre facevano religione si sono detti, ci vediamo al 24 della maestra di matematica. Ora sfruttano i vecchi link generati dalle maestre per rivedersi a fine lezione e parlare, giocare, mostrarsi gli schermi dei rispettivi device.
C’è un bel sole la radio parla di fase 2 e di Conte che riferisce alle Camere. Secondo l’ultimo sondaggio, citato en passant da chi conduce il GR, meno della metà della popolazione vuole usare l’app Immuni, e pochi fra noi sarebbero disposti a fare il vaccino nel caso arrivasse. Tantissime informazioni veicolate con una superficialità incredibile, anche dai media più accreditati, che sono purtroppo anche loro sensibili ai social e a quella che un tempo si chiamava disinformatia, rischiano di creare un rumore di fondo che copre tutto e mescola tutto.
Nel nostro civilissimo paese purtroppo esistono ancora sacche di diffidenza profonde nei confronti dei normali vaccini che facciamo da decenni, vorrei poter credere che per il covid-19 sarà diverso ma temo di no.
Ho avuto modo di confrontarmi con persone disposte a credere a tutto pur di fuggire dalla realtà. E devo ammettere che dalla realtà globale di oggi vorrei fuggire anche io. Però non riesco a credere che il limone e lo zenzero mi proteggeranno o che potrei farmi un’iniezione di disinfettante o che le persone muoiono di meno da quando c’è l’epidemia.
Devo ammettere che però anche gli scienziati qualche problema di polifonia lo hanno avuto, ogni giorno esce un’ipotesi di cura differente. Oggi un anziano professore, onusto di gloria e di storia, propone di vaccinarci tutti con l’antipolio, ieri proponevano antinfiammatori per la gotta, l’altro ieri un antimalarico. Potrei andar avanti per un po’.
Fauci, l’immunologo comandante in capo degli USA, sempre oggi parla di uno studio, fatto in doppio cieco su un migliaio di pazienti che confermerebbe l’efficacia del Remdesivir, che almeno è un antivirale.
L’umanità nel suo complesso si è mostrata terribilmente inerme e confusa di fronte a questi minuscoli esserini, che abbiamo qualche difficoltà a classificare addirittura come appartenenti al regno animale. Giuliano, che ora gioca a fare il maestro insieme ai suoi compagni, all’inizio di questa storia mi chiese se poteva schiacciare il virus con il piede e ucciderlo.
In ogni caso ci vorrà tanto tempo prima di avere il vaccino, o qualche altra medicina che lo schiacci come vorrebbe mio figlio, e lunedì prossimo saremo per strada per andare al lavoro in molti di più, senza vaccino ma solo con alcune regole da rispettare. Ci restano il distanziamento, l’igiene e i dispositivi.
La cosa che preoccupa di più per Roma sono i mezzi pubblici, che non sono il nostro fiore all’occhiello da un po’.
Alla fine le melanzane lo ho mangiate quasi tutte io, les deux hanno preferito pasta al sugo e un fiordilatte.
Sento il presidente Conte che dopo averci edotto sulla differenza tra doxa ed episteme si lascia andare ad un’apertura sulle scuole materne e nidi. Mi immagino di nuovo Il piccolo Ettore che saluta “Ciao Iujano io scuola”.
Comunque, come dice Checco Zalone, arriverà l’immunità di gregge e la pecora più bella sei tu.
Restate dove siete se potete e preparatevi ad uscire in sicurezza lunedì.

Quarantottesimo giorno senza scuola

Attraverso ponte Garibaldi con la mia bici e, con mio grande stupore, devo fare attenzione alle automobili e agli scooter che mi sfrecciano accanto facendo quel rumore che non sentivo da un po’. Saranno stati in tutto una decina di veicoli ma è già molto, rispetto all’effetto “Io sono leggenda” di qualche settimana fa.
Prima di uscire ho salutato i miei due bimbi e mia moglie pronti per un altro giorno di routine casalinga. Nell’androne incrocio una vicina di casa, mascherina, guanti non vedo l’espressione del suo viso, vi siete accorti che è più difficile capirsi da quando ci mascheriamo?
Vedo passare i bus e i tram con qualche persona in più a bordo. Pioviccica e non posso fare a meno di pensare che no non sono ancora pronto per risalire su un autobus. Né per farci risalire i miei figli. Ho passato, soprattutto con Giuliano ore sull’8, tram jumbo che collega Monteverde al centro passando per Trastevere, a chiacchierare e a giocare a indovina la parola. Ora non me la sentirei.
Come se non bastassero le ansie economiche e sanitarie che già viviamo, ieri il mio giornale preferito pubblicava un articolo sulla sindrome di Kawasaki legata al covid-19 che avrebbe cominciato a colpire i bambini a Bergamo e in UK. L’unica cosa che un po’ mi tranquillizzava era che il virus era più indulgente con i bimbi.
Oggi ho incontrato per varie ragioni più persone del solito ed ho avuto quindi più percezione del pericolo, in una parola più paura del solito. La fase due sarà anche questo più incontri quindi più occasioni di contagio, più timore. La paura non è una buona compagna di vita, può far fare cose brutte e stupide. A mezzogiorno dalla mia scrivania riesco a sentire il cannone del Gianicolo e mi rendo conto che siamo ancora in lockdown. Ritornando passo per Trastevere e in Piazza San Callisto davanti alla chiesa trovo una vecchietta che chiede l’elemosina, sembra una “zingarona”. Mi fermo e le do una moneta perché così si fa se si può. È un buon esercizio anche per le mie paure.
Restate dove siete se potete, ancora un po’.

Quarantasettesimo giorno senza scuola

“Entro la fine del Coronavirus”. Sento una bimba che durante una pausa della lezione della classe di Giuliano così pone una promessa nel tempo. Non capisco bene di che si tratti, nel frattempo sono nel terrazzo che gioco con le biciclette con Ettore. Dopo un po’ sento che parlano di slime e glitterini.

Ormai la prima mezzora di lezione Giuliano la fa insieme al fratellino che si mette lì e ascolta. Abbiamo una nostra routine scolastica anche senza scuola. Le maestre prendono sempre più confidenza con il mezzo, dei bambini inutile dire. Con Ettore leggiamo del compleanno di Topo Tip e della sua bicicletta, annaffiamo un po’ le piante e ci dedichiamo alla visione di CARS. Setta QUIN, come lo chiama lui, romba dalla televisione mentre Ettore lo incoraggia urlando veloce, veloce.
Nel frattempo vedo che le pressioni e le proteste delle persone e delle organizzazioni hanno ottenuto dal governo la possibilità di andare a fare l’amore, purché si abbia una relazione stabile (LOL), e qualche apertura sulle messe. Per la scuola, nisba.
Per i miei piccoli oggi a pranzo pasta al burro, coscette di pollo al rosmarino e melanzane a funghetto.
Giuliano ha scoperto che può usare i vecchi link inviati dalle maestra per le lezioni per vedersi e giocare con i compagni di classe. A me restano un bel po’ di piatti da lavare ma almeno hanno mangiato tutti e due. La mia trasformazione in massaia anni 80 procede celermente, mi manca solo uno di quei colorati vestiti a fiori che portavano le mamme dei miei amici.
Ieri mentre facevo la spesa ho sentito due signore che commentavano la qualità e la varietà della carne di un altro market lì vicino: devo ammettere di essermi perfettamente identificato, per altro concordavo con il loro giudizio.
Nel frattempo la curva del virus si indebolisce un po’ in Italia ma non nel mondo, abbiamo superato i 3 milioni di casi censiti di cui da noi circa duecentomila. Spero sempre che questa cosa se ne vada come è venuta ma gli uomini-medicina dicono che non sarà così e che anzi probabilmente con la prossima stagione influenzale, il prossimo autunno, arriverà la temuta seconda ondata. In Germania le cose peggiorano dopo il primo allentamento delle misure. Mi ostino a credere che non sarà facile e non sarà breve, ma finirà. Impressiona che anche il Papa ci chieda di stare buonini.
State bene e restate dove siete se potete, ancora un po’.

Quarantaseiesimo giorno senza scuola

Le scuole non riaprono, il presidente Conte ne parla un po’ su sollecitazione di una giornalista dopo la fine del suo lungo e articolato discorso, ma non sono evidentemente al centro del lavoro delle numerose commissioni e task force. Altro luogo che resterà tabù, pare d’aver capito, sono le chiese, in cui si potranno celebrare funerali ristretti ma non ancora le messe. Nel decreto è prevista per codice Ateco, la ripertura di molte attività produttive, diciamo così non essenziali: dilatate nel tempo ma sono previste, anche i centri massaggi potranno riaprire il primo di giugno, ma le scuole e le chiese no.

La cosa mi rattrista ma so che dovrò farmene una ragione e che come me se la dovranno fare i miei figli.
Giuliano mi dice che gli sembra passato un anno da quando è dovuto andar via da scuola.
L’altra cosa che mi pare poco sensata e che si debbano sottoporre alle medesime regole la Basilicata (appena sfiorata dal virus) e la Lombardia (il cuore del problema), ma tant’è. Si è scelto evidentemente di non creare divisioni tra nord e sud e tra le generazioni, nessuna particolare disposizione per fasce di età, anche se alla fine i più sacrificati restano i bambini e i ragazzi.
Qualcuno si ricorda cosa avrebbe a fatto a 16 o 17 anni per rivedere la propria ragazzetta. Io sì e sono felice di non aver vissuto gli amori della mia adolescenza prima giovinezza ai tempi del coronavirus.
Non ho più la grazia della fede da tanto tempo, sono un laico disgraziato, ma questa mattina ho sentito il desiderio di rivedere almeno per qualche minuto questo luogo proibito in cui si è costruita tanta parte dell’identità di noi occidentali ed in fondo anche per me consueto. Andando in ufficio passo per Via del Sudario e da qualche giorno ho notato che l’omonima chiesa è aperta. Scendo dalla bicicletta, non la lego neanche, mi avvicino e trovo affissi sulle porte parte dei Dpcm (allegato 1), in cui si raccomandano le regole di igiene contro il coronavirus.
Apro ed entro, trovo una suorina seduta credo con la Bibbia o il breviario in mano, un messale aperto sugli atti degli apostoli (Pentecoste) troneggia su un leggio e su in alto stuccato tra gli angeli, c’è lui con la barba che mi guarda. È proprio Dio con un bel drappeggio che lo circonfonde. Resto rispettosamente sull’uscio, la suora sembra sorridermi da dietro la sua mascherina. Non prego perché non ne sono più capace ma resto lì in silenzio, sull’attenti qualche minuto. Esco, rinforco la bicicletta e vado in ufficio.
Restate dove siete fino al 4 maggio e mi raccomando niente scuole e niente chiese.

Ottavo weekend senza scuola

Il tempo comincia a rallentare. La vetrina della cereria davanti casa mia espone ancora candele a forma di coniglietto e uova di ogni risma. Il nostro fine settimana del 25 aprile somiglia troppo a quello di Pasqua e temo somiglierà molto a quello del Primo maggio. Abbiamo mangiato la nostra lasagna, anche lei come la pizza migliora di festività in festività, fuori in terrazza per avere l’illusione della scampagnata. Mia moglie era bellissima, vestita di bianco con una minigonna azzurra, noi maschietti ci siamo messi pantaloni e camicie e abbiamo festeggiato fra di noi, come ormai è consuetudine un po’ per tutto, compleanni compresi. Un giorno li porterò in via Tasso, per ora ci si accontenta.
I romani tendono ad occupare, sarà retaggio dell’Urbe, gli spazi che trovano e ho notato che in questi giorni di confinamento e traffico semiazzerato molti hanno preso l’abitudine di camminare letteralmente in mezzo alla strada, perché il pericolo percepito è il prossimo a piedi con le sue goccioline di saliva non il Suv nero che potrebbe fare di te polpette.
Durante il giro del palazzo che ho fatto con il piccolo Ettore incontro un anziano signore con un cane che saluto e che di rimando mi dice che oggi tutti portano fuori i “regazzini”. Colgo un filo di fastidio nella sua voce gli sorrido, e gli dico che beh, anche loro, ogni tanto. Mi guardo intorno e vedo due fratellini che girano in monopattino e una coppia che porta un piccolo ovetto con un bebè.
Non sarà facile uscire da questa fase che prevede che gli altri siano il nostro inferno, letteralmente. “L’enfer sont les autres” perché possono causare il mio contagio e la mia morte. Questo pulsa dentro le nostre testoline, forse con un filo di esagerazione, però con un fondamento di verità. Dovremo reimparare a tollerarci, a frequentarci.
Leggo di questa idea di aprire i campi scuola e i centri estivi al posto delle scuole per i bambini da 0 a 6 anni. “A distanza di sicurezza”. Non si capisce ancora bene quale sarebbe l’idea, ma se alla fine Ettore dovesse tornare a scuola prima di Giuliano, per lui sarebbe un trionfo. “Ciao Nuano io vado a scuola!”.
Sembra tutto ancora un po’ confuso, l’unica cosa di cui tutti sono certi è che le aule resteranno chiuse fino a settembre e che andremo ancora avanti con le lezioni distanza da alternare alla presenza fisica. Giuliano è sempre andato ai centri estivi posti nei quali ha fatto sport, nuove amicizie e in cui si è molto divertito, certo non manteneva alcuna distanza di sicurezza. Vedremo…
Mi preparo a fare il giro del palazzo con Giuliano, gli accenno al fatto che forse le mascherine diverranno obbligatorie anche per lui. Non è contento mi dice che allora non esce proprio. Gli spiego che no, che esce, e che ci saranno molte cose che non ci piaceranno ma le dovremo accettare.
Restate dove siete se potete, anche se capisco che vi siate un po’ stufati.

Quarantatreesimo giorno senza scuola

Oggi insieme a Spiderman l’uomo ragno e mio figlio Ettore ho imparato finalmente a mettermi la mascherina senza che mi si appannassero gli occhiali. Non era difficile, è bastato piegare l’estremità superiore, che dentro ha un’anima flessibile che mantiene la forma, su naso e zigomi e son riuscito tenerla addosso per più di un’ora senza che mi si appannassero mai gli occhiali. Per me è stato piuttosto importante.
Poi con Spiderman l’uomo ragno ed Ettore siamo andati in missione-scarpe. Arrivando al negozio abbiamo visto quell’umanità dolente, di cui anche noi facciamo parte, dipanarsi per lunghe file per viale Trastevere, file davanti alle banche, ai panettieri, alle farmacie e naturalmente ai supermercati. Nel negozio di abbigliamento per bambini non c’era molta scelta, ma data la situazione non mi sono fatto troppi problemi e ho comprato le scarpine, semplici e monocolori, come se fossero l’ultimo modello di Sneaker di LeBron James.
Ettore e Spiderman erano più attirati dal cavalluccio e dallo xilofono, ma hanno collaborato il giusto. Sono contento di averlo portato lì perché avrei sicuramente preso il numero più piccolo, sbagliando.
Nel frattempo Giuliano era impegnato nella sua lezione online con la maestra umanistica, che ha dedicato la parte finale della lezione alla festa della Liberazione. Una breve lezione, mi riferisce mio figlio, per spiegar loro chi erano i partigiani, contro chi combattevano e cantare insieme “Bella Ciao”. Ho trovato la cosa giusta ed appropriata.
“Bella Ciao” a me l’ha insegnata mia mamma ed io l’ho insegnata, insieme a mia moglie, ai miei figli. La cantiamo in macchina quando facciamo dei viaggi un po’ più lunghi e ultimamente anche grazie alla “Casa di Carta” ci ha fatto da colonna sonora del confinamento. Il piccolo Ettore la canticchia storpiandone meravigliosamente le parole. Però ora mi risuona in testa il ritornello di Giovinezza, è che negli anni ho sviluppato una specie di allergia alla propaganda, anche alla mia.
Ciao, buon 25 aprile per domani, e state dove siete ancora un po’, se potete.

Quarantaduesimo giorno senza scuola

Il tempo è migliorato in mattinata per peggiorare nel pomeriggio. Ettore, dopo aver seguito parte della lezione di religione di Giuliano, si è messo a giocare con i nostri modellini di animali. Poi mi ha portato alla lavagna dove ha voluto che gli disegnassi degli squali che lui poi a modo suo ha migliorato.

La maestra parla ai bimbi della giornata mondiale del libro per aver modo di parlar loro della Bibbia, che lei definisce il libro più antico. Gli parla di Esaù e del suo piatto di lenticchie, di come Giacobbe divenne Israele lottando con Dio.
Io sono in giro per casa, un po’ ma sento e mi ritrovo. Perché alla fine quella storia, anche se non ci credi più, è una storia per te familiare, consueta e origine di molte delle tue convinzioni.
Nel libro dei libri c’è tutto ed anche il suo contrario. Una delle storie che mi piace di più è quella di Ezechiele, un profeta senza il dono della parola cui Dio ordina di mangiare un rotolo, un libro, dal quale prenderà quel che gli servirà per parlare al suo popolo. Credo sia la prima occorrenza di bibliofagia.
Per me i libri hanno sempre avuto un’aura magica, non solo quelli sacri. Credo di aver sofferto anche della sindrome di Emma Bovary e di aver confuso qualche volta la realtà con la letteratura, cosa di cui mio padre mi rimproverò da ragazzo, tutto sommato però questo ha reso più interessanti sia la prima che la seconda.
Ora che siamo tutti piombati in questo romanzo distopico-apocalittico, genere piuttosto in voga anche nei secoli scorsi, mi tornano in mente alcune pagine che ho letto e forse questa volta non sto confondendo i piani. Forse la lettura di Camus, piuttosto che di Manzoni o Mann mi ha anche aiutato a capire meglio e un po’ prima cosa stava succedendo.
Giochiamo un po’ a scacchi ed Ettore si sveglia dal suo pisolino piangendo e urlando contro qualcosa o qualcuno. Solo con l’aiuto di Giuliano riesco a capire che ce l’ha con due fantasmi che devono averlo disturbato nel sonno, capisco che centra anche Batman ma non so bene come. Propongo una merenda che il piccolo mi snobba. Quando Giuliano riprende le sue lezioni andiamo fuori in terrazza e vengo costretto su una piccola macchina cavalcabile per fare una gara con Ettore che ogni tanto si ferma e mi dice pronti, partenza, via.
I capi delle nazioni sembrano voler tardare a prendere decisioni, tra oggi e domani qualcosa dovremmo sapere. Anche loro, da tutta Europa, si vedranno in videoconferenza.
Giuliano urla qualcosa durante la lezione, sento tutti i bambini che parlano dei libri di Sepulveda. Non sarà lezione in classe ma ormai lo impegnano quasi tutto il giorno. Chissà che non ci si debba abituare per un bel po’ a questa modalità.
Ciao e state dove siete ancora un po’, se potete.

Quarantunesimo giorno senza scuola

Prima di uscire saluto mia moglie, che si sta truccando con cura davanti allo specchio. Le domando perché e mi spiega che ha delle videoconferenze e vuole farsi trovare in ordine. A me è sempre piaciuta tantissimo anche senza trucco, però capisco. Le nuove tecnologie, complice il Covid-19, permettono sempre di più al lavoro di entrare nelle nostre case e noi ci comportiamo di conseguenza. Qualcuno magari in questo momento si sta sistemando il nodo della cravatta prima di un importante incontro d’affari in cucina o in salotto. Tutto va bene purché si riesca a lavorare un po’.
L’apocalisse che sta colpendo il nostro sistema economico è di dimensioni a noi ancora sconosciute. Molte delle idee alla base del mercato e del liberalismo moderno sono già state spazzate via, non so se solo temporaneamente. Le preoccupazioni economiche delle persone sono più che giustificate. Il nostro Paese in particolare è, tra i più deboli, i peggio amministrati, i più indebitati e i più colpiti dal virus d’Europa. Se non verremo aiutati dalla parte più ricca, meglio amministrata, meno indebitata e meno colpita dal virus dell’Unione Europea sarà terribile.
Piove, devo prendere la macchina, parcheggio vicino a Piazza delle Cinque Lune, per arrivare in ufficio posso passare per Piazza Navona. La trovo verde, l’erba continua a crescere ogni giorno un po’ di più fitta tra i sanpietrini, e solcata dai runner che non si preoccupano molto della pioggia, un piccolo Circo Massimo. Il topos della natura che si riprende il suo è ampiamente rispettato.
Pare che ‪il 4 maggio riapriranno i parchi per i bimbi, chissà se qualcuno si è occupato della loro manutenzione. Provo a immaginare Ettore che riscopre l’erba e mi rallegro un po’. Tornando passò davanti al Raphaël , luogo abbastanza significativo per me, e lo trovo tutto sbarrato sotto le sue edere. La libreria antiquaria dirimpetto ha messo fuori dei libri che si stanno bagnando, gli urlo: “Si bagnano!”. Ma niente, solo il ticchettio della pioggia di rimando.
Ciao e state dove siete ancora un po’, se potete.

Quarantesimo giorno senza scuola

“Mamma togliti le scarpe! Mamma togliti le scarpe!”. Con questa ingiunzione Ettore ha tentato, questa mattina, di impedire che Martina uscisse per andare in ufficio. La sua operazione è fallita ma il tono era quello di uno che sapeva il fatto suo.
Dopo l’inevitabile partenza ci siamo fatti un pianterello, che però ci ha abbandonato appena cominciamo a giocare. Nel frattempo Giuliano si è collegato con i compagni e la maestra umanistica. Chiede loro di Pasqua, parlano anche di Sepulveda, che mio figlio subito chiarisce, nella sua spietatezza di bimbo, essere morto di Coronavirus. Dà loro da fare un fumetto se una una piccola ricerca su vita e un opera del maestri cileno.
Con Ettore facciamo collage, giochiamo con le spade laser e disegnamo con i pennarelli nuovi sulla lavagna. A un certo punto però, dopo essere sceso con me in portineria per ritirare delle mascherine che aspettavamo da un po’, presto seguite dai pigiamini, mi molla e va a sentirsi un po’ di lezione di Giuliano. Homo sapiens , homo erectus, capanne, fuochi. Cose incomprensibili per lui ma il fascino della scuola di Giuliano supera per Ettore queste banali questioni epistemologiche.
Pranziamo poi pisolino per Ettore compiti per Giuliano che nel pomeriggio a di nuovo lezione questa volta con la maestra scientifica. Cominciano addirittura con ginnastica, dopo un po’ di esercizi Giuliano propone il plank, un esercizio che gli ho incautamente insegnato in uno dei miei rari momenti ginnici. I bimbi e la maestra lo eseguono senza battere ciglio. Parlano discutono, giuliano si vanta della ginnastica che fa con la mamma e ogni tanto con me come, manco fosse Yuri Chechi. Si divertono molto mi pare. Poi però rappel à l’ordre e matematica per tutti.
Il tempo continua a essere bruttino.
C’è un posto vicino a casa mia dove tutte le primavere fioriscono dei ciliegi, è il nostro “Viale dei ciliegi”. Ieri mentre tornavo l’ho visto tutto ricoperto di un manto eccezionalmente compatto di petali rosa, la vita vince sempre.
Leggo che i capi delle nazioni hanno detto molte cose in sintonia o in distonia con quelli delle regioni, ma ancora nulla è stato deciso, pare però che le mascherine serviranno per un po’, e non solo quelle. Aspetto, preferisco non pensarci troppo per oggi. Martina è tornata e si è tolta le scarpe per Ettore e per me.
Ciao e state dove siete se potete, ancora per un po’.

Trentanovesimo giorno senza scuola

Oggi pioggia, ufficio, caffè e qualche chiacchiera con i colleghi, per un’oretta particolarmente numerosi: tre. Riusciamo comunque a mantenerci alla giusta distanza. Scopro che le teorie del complotto sono più popolari di quanto mi aspettassi, la cospirazione ha sempre il suo fascino. A questo va aggiunto il pressappochismo e la mancanza di rigore della comunicazione ufficiale.
Prima di uscire vedo il mio Giuliano connesso e pronto per la sua lezione: oggi comincia con inglese, è contento come sempre, si è dovuto anche svegliare a un’ora decente. Sul Lungotevere al primo rosso trovo una decina di macchine che si fermano, qualcuno in più comincia ad esserci. I dati indicano che le cose vanno meglio qui giù tra noi “sudici”. Di aperture differenziate però sembra non si possa parlare. Mi rendo conto che ci sia un tema di tenuta dell’unità del paese di cui i capi delle nazioni non possono non tener conto.
Il rapporto di Ettore con il vasino è decisamente migliorato, proprio ora che ero riuscito a procurarmi un quantitativo di mutandine in grado di far fronte ad ogni esigenza, un po’ come il super-ospedale alla fiera di Milano. Chissà potrebbe sempre esserci una seconda o terza ondata, dicono.
Lavoro un po’, leggo, scrivo, telefono. Aziende, reti, credito, ortaggi. Mi accorgo che mi manca molto fumare. Inutile e meravigliosa attività con la quale non ho più nulla a che vedere da più di un anno. Fumare e sentire il tempo passare erano per me quasi la stessa cosa.
Arriva dalla finestra ogni tanto il rumore di Roma quello delle macchine, dei passanti. Dopo un po’torna il silenzio a ricordarmi che ancora non è finita, forse però ci siamo quasi.
Restate dove siete se potete, ancora per un po’.

Settimo weekend senza scuola

Cercando delle scarpe per Ettore ho scoperto due cose: la prima è che in Viale Marconi non si trova parcheggio neanche durante il lockdown, la seconda è che hanno riaperto i negozi di abbigliamento ma non quelli di scarpe per bambini. Le uniche che trovo, le vende un negozio di abbigliamento ma non ho il coraggio di comprarle sia perché sembrano stare insieme con lo spago sia perché la taglia non è quella giusta. E dire che mi ero portato dietro una scarpetta di Ettore per prenderne una un poco più grande. Mi dovrò buttare sull’online, che però non è più celere come un tempo.
Sto aspettando da un po’ mascherine di vari tipi, pigiami per Giuliano e ad altre piccole non indispensabili cose. Sono riuscito comunque a comprare un po’ biancheria, che con lo spannolinamento è quanto mai necessaria.
Batman è sempre più presente nelle nostre vite, Ettore ci parla e lo invoca molto spesso. Ormai lo sento che ci discute, credo abbiamo anche dei momenti difficili. “Io Tettere no Batmann vai scuola in tua cacchena.”
I cumuloettore, concrezioni semispontanee presenti nella nostra casa di solito composte da giocattoli ed altri utensili casalinghi, cominciano a prendere forme particolarmente significative a volte anche patriottiche.
Invece ho scoperto che il repentino aumento di ore deciso dalla scuola di Giuliano, che sostanzialmente impegnerà i bambini sia la mattina che il pomeriggio cinque giorni a settimana, è stato preso da alcuni con entusiasmo e da altri con preoccupazione. La tremenda chat delle mamme, di cui so da Martina, ha parlato. La principale obiezione è che le ore sono troppe e che i bambini si rovineranno gli occhi davanti ai monitor. La maggioranza delle mamme però sembra contenta del cambiamento. Noi siamo grati alla tecnologia e alla scuola del tempo che possiamo far trascorrere a Giuliano studiando e imparando quel che si può.
Don Milani diceva che la scuola sarà pur sempre meglio della merda, e che ogni parola in meno che un bimbo impara è un calcio in culo in più che prenderà nella vita. Qui l’alternativa non è quella di andar a spalare letame ma è quella di veder trascorrere il tempo dell’infanzia in routine comode e noiose come una convalescenza interminabile.
Nel frattempo vedo che le associazioni di genitori cominciano e chiedere ai capi delle nazioni e delle regioni qualche certezza in merito alla riapertura fisica delle nostre amate scuole. Continua a sembrarmi assurdo che si voglia far ripartire il sistema sociale e produttivo escludendo la scuola.
Questa domenica ci siamo dedicati di nuovo alla pizza ,che viene un po’ meglio ogni fine settimana. Il tempo migliora, lasciamo le finestre aperte questo, secondo il buon senso, dovrebbe aiutarci anche contro il covid-19.
Ciao e restate dove siete se potete, ancora un po’.

Trentasettesimo giorno senza scuola

Passato aspirapolvere e mocio con candeggina, smosso tappeti, spostato sedie e poltrone. Lottato con aspirapolvere ostruita, per sconfiggerla ho dovuto infilare il tubo dell’acqua del terrazzo nel suo lungo collo per farle zampillare via un discreto bolo di polvere.
Sto anche prendendo confidenza con i nuovi rifiuti che hanno cominciato a popolare i miei cestini: mascherine, guanti, flaconcini.
Quando Ettore si è alzato e ha visto che non c’era la mamma un po’ si è dispiaciuto, ma poi l’orgoglio di aver passato la notte senza fare la pipì nel pannolino ha avuto il sopravvento.
Ieri abbiamo fatto una piccola incursione in una cartoleria vicino a casa: è stato bello comprare, cose colorate e una piccola cartina dell’Italia. Giuliano ha fatto un po’ di compiti extra e giocato pazzamente insieme a me e al fratello a questo strano hockey sul terrazzo che si sono inventati. Inoltre è diventato un temibile giocatore di Monopoli, perdo anche se provo a barare, mi sgama.
Mangiamo pasta al sugo e frittatine, preparate insieme ad Ettore che sbatte le uova con la giusta combinazione di entusiasmo e gola. Giuliano alle 15.30 ha la sua lezione live con la maestra “scientifica”. Li sento, fanno una specie di appello, la maestra li saluta uno a uno. Credo cerchi i loro volti sul monitor. Gli comunica che le ore aumenteranno e praticamente saranno impegnati tutti i giorni sia la mattina che il pomeriggio. Giuliano fa una faccia bellissima è evidentemente contento del nuovo orario.
Oggi il mio giornale preferito, il Corriere, intervista la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina la quale sembra escludere la riapertura della scuola sia a breve che durante l’estate. Anche il primo settembre, minuscolo anticipo, comincia a sfumare. Peraltro poggia questa posizione esplicitamente sul numero dei morti di ieri, parla di 500 morti al giorno. Comprendo, capisco che in fondo tenere le scuole chiuse sia più facile in questo momento che affrontare tutti i problemi connessi alla riapertura. Capisco tutto, anche la retorica che vuole che gli insegnanti e gli studenti abbiano continuato a lavorare e studiare anche durante il lockdown. Tutti sappiamo che sì molti lo hanno fatto, ma certo non è stato come andare in classe tutte le mattine. La scuola è molto nella vita dei bambini, dei ragazzi e delle famiglie se si vuole far ripartire il paese, quando si riterrà, si faccia ripartire anch’essa oppure temo che tutto sarà più difficile. Il mio giornale preferito però oggi titolava “Via libera per moda e auto”.
State dove siete se potete e non dimenticate di essere quello che siete se volete. Buona fortuna.

Trentaseiesimo giorno senza scuola

L’apertura del Corriere della Sera “La Lombardia vuole ripartire” mi ricorda che il mio quotidiano preferito, che non compravo in cartaceo da un po’, è lombardo anche lui. Capisco che i capi delle regioni vogliono, anche questa volta, dettare i tempi ai capi delle nazioni.
Oggi arrivando in ufficio ho visto qualche persona in più in giro, qualche saracinesca semi aperta, cartolerie che si preparano a riaprire, gerenti che ripuliscono i locali, qualche pedone in più.
Vicino a Piazza san Callisto incontro anche i capi della Comunità di Sant’Egidio, Andrea Riccardi e Marco Impagliazzo, anche loro con la mascherina e in fila indiana, rallento la bici li saluto gli auguro buona fortuna.
Su Corso Rinascimento c’è un ristorante, che prima del Covid andava piuttosto bene, che aveva scelto come suo principale mezzo di propaganda delle signore che in vetrina facevano la pasta con le mani, l’acqua e la farina. Dopo la chiusura ha cominciato quasi subito a fare consegne a domicilio e oggi ha rimesso in vetrina una signora che lì sola soletta prepara cavatielli, orecchiette e forse fettuccine.
Spero che il Paese possa riaprire, non so se sia il caso di ripartire proprio dalla regione più colpita e che ha ancora oggi i maggiori incrementi, però vorrei che si ricominciasse. Lo vorremmo tutti. Hans, il protagonista della Montagna Incantata di Thomas Mann, a un certo punto ha l’opportunità di uscire dal sanatorio nel quale è prigioniero da più di un anno ma non vuole, resta lì, preferisce il Berghof alla vita giù al piano, dove non sanno neanche misurarsi la febbre come si deve.
Tra le tante cure che vengono proposte per il covid-19 è riemerso il buon vecchio vaccino per la TBC, il mal sottile la malattia che si curava sulla Montagna incantata. Anche il mio giornale preferito ne dà conto con un titolo che mi spiazza un po’: “Perché sono pochi i pazienti di colore nelle terapie intensive?”.
Il motivo sarebbe che molti extracomunitari sono vaccinati contro la TBC.
Comunque l’idea di riaprire le scuole sembra non sfiorare né i capi delle nazioni né quelli delle regioni, qui in Italia. Noto che invece in alcuni Paesi del resto d’Europa dove, qualche riapertura comincia a intravedersi, la scuola dei più piccoli è la prima cosa. Culture diverse.
A casa mia moglie si barcamena tra videoconferenze e les duex. Giuliano oggi aveva lezione con la maestra di religione che gli ha raccontato di Sara e Abramo e dell’origine del monoteismo.
In ufficio dopo un po’ arriva Luca, parliamo un po’, attività preziosa che mi manca sempre di più. A un certo punto addenta un fantastico pezzo di pizza con la mortadella. M rendo conto di quanto sarebbe impensabile chiedergliene un po’. Il mio verrebbe considerato un atto di irresponsabilità, forse anche giustamente.
Leggo che è morto Luis Sepulveda, di Covid pure lui, mi dispiace molto perché l’ho molto amato quando ero più giovane e ne ho parlato tante volte sia con mio papà che con mio figlio Giuliano, che aveva potuto cominciare ad apprezzarlo almeno nella sua versione più semplice e diretta, che poi forse è la migliore.
Quando torno a casa glielo racconto mi guarda fa una smorfia triste e mi chiede se i libri di Sepulveda sono ormai quelli. Ettore invece vuole ballare accende lo stereo in salotto prende la mamma e balla con lei,
Ciao e restate dove siete se potete, ancora un po’.

Trentacinquesimo giorno senza scuola

Oggi, mentre Giuliano seguiva la lezione con la maestra, mi sono messo a preparare il necessario per il pranzo. Crema di carote per la pasta e un petto di pollo intero da tagliare per la carne alla palermitana, una variante senza frittura e senza uova delle classiche cotolette.
Le carote da sempre parte fondamentale della dieta di Giuliano ed Ettore, che le adorano, grazie al covid-19 hanno aumentato anche del 233% il loro prezzo, per fortuna in origine non altissimo. Gli alimenti hanno subito oscillazioni notevoli ed abbiamo potuto apprezzare dal vivo le leggi della domanda e dell’offerta.
Le persone hanno creduto che alcuni prodotti si prestassero meglio per resistere in casa all’assedio del virus e ne hanno fatto incetta, non solo il lievito e la farina; le carote, i cavolfiori, i broccoli, sono verdure meno deperibili, quindi accaparrate.
Mentre le pelo mi ricordo di un brillante discorso di Carlin Petrini (il fondatore di Slow Food) sull’iniquità dei prezzi troppo bassi dei prodotti della terra. Prese ad esempio proprio il prezzo delle carote, che secondo lui andava decuplicato per aiutare i contadini di tutto il mondo. Arrivò a dire che avremmo dovuto pagare di più per mangiare di meno.
La frase, molto efficace per la platea, suscitò invece qualche sorriso tra chi era reduce da pranzi o cene con lui ed aveva una vaga memoria di quante cose buone fosse in grado di mangiare il simpaticissimo, brillantissimo ma non magrissimo genio di Brà. Chissà se si è accorto che in qualche modo quel suo auspicio si è avverato.
Comunque speriamo di non dover rinunciare al cibo a buon mercato. La fame non è una bella cosa.
Finita la lezione mangiamo: Ettore, che si è un po’ disperato per la mancanza della mamma, fa onore come il fratello sia al primo che al secondo. Il pomeriggio va via tra cartoni, ginnastica e un’indiavolata partita a hockey con tubi di platica come mazze e una palla delle bocce come dischetto sulla terrazza di casa nostra.
Buone cose e restate dove siete se potete, ancora per un po’.

Trentaquattresimo giorno senza scuola

“Mie scarpe, mie scarpe piccole.” Dice il mio Ettore. Oggi ci dovrebbe essere la riapertura dei negozi per bambini, se le trovo, le prendo. Fa tenerezza, vero? Che dolci i piedini dei bimbi che crescono, la vita continua ed altre amenità. Del resto se sei un pubblicitario e sei disperato che fai? Prendi un bimbo e gli fai vendere il tuo prodotto.
Bene, credo che sia stato per questo che si è deciso di riaprire i negozi di vestiti “per bambini e neonati”, una pura scelta di comunicazione. Come lo è quella delle librerie, anni di messaggi sulla bella politica, che poi ci ha portato al populismo un tanto al chilo, non potevano che portare ad altra retorica. Credo ci siano pochi prodotti che si prestano meglio dei libri all’acquisto online, infatti Amazon ha cominciato con quelli. Badate amo i libri, ne ho comprati qualche migliaia nella mia vita, ma quando si scelgono simboli di solito si sbaglia. Comunque comprerò, è radicato in me l’istinto al consumo. Prima o poi dovremo riaprire con un progetto organico e lo dovremo fare con una serietà e un rigore che spero avremo acquisito.
Noi siamo quelli che hanno fatto un’ordinanza regionale per autorizzare le RSA (le case di riposo per anziani) ad accogliere malati di covid-19 per alleggerire gli ospedali. L’inadeguatezza dei capi delle nazioni e dei capi delle regioni è ogni giorno più manifesta.
A Pasqua abbiamo mangiato tanto, troppo come sempre. La gita fuori porta a Pasquetta, come molti l’abbiamo fatta mangiando in terrazzo, davanti alla cucina. Il risultato è che sono un po’ più grasso e un po’ più triste. Soprattutto oggi che il tempo è brutto e piove. Sono venuto in ufficio in macchina, cosa che non faccio mai. Pioveva troppo e la bici non si poteva prendere. Sono qui alla scrivania in mezzo al puzzo d’alcool.
Giuliano ed Ettore credo siano stati bene. Il grande ha scoperto il Monopoli e l’avidità del capitalismo, Ettore è molto preso come sempre da Batman e dalla mamma, però anche l’uovo di Batman lo ha conquistato.
Mentre scrivo suonano le campane a festa, non capisco perché ma mi fa piacere. In ufficio arrivano colleghi, barbe lunghe e vite sospese come me. Uno di loro starnutisce, è in un’altra stanza ma comunque mi fa impressione. Ne usciremo migliori? Non so.
Però qualche buona notizia c’è: una mia amica si è “negativizzata” e suo marito è stato dimesso dall’ospedale. Sono sempre di più le persone che guariscono in tutta Italia. Perché, con ogni evidenza, non è andato tutto bene ma comunque tutto passa anche le cose peggiori.
Restate dove site se potete e non andate via.

Sesto weekend senza scuola

Le mascherine si portano ormai per due motivi fondamentali, il primo è sanitario e non mi metto qui a discuterlo, il secondo è sociale. Qualche giorno fa mi sono reso conto che non è più socialmente accettabile entrare in un luogo pubblico senza. Le vogliamo e siamo disposti a pagarle anche più del dovuto. Qualche giorno fa ho raccontato che ero andato al mercato senza, alcuni dei miei lettori hanno reagito con un certo sconcerto. Fra questi c’è un farmacista che mi ha gentilmente offerto di vendermi le mascherine che ha a un prezzo che ho giudicato più che accettabile. Il problema era, ed è, che la farmacia è piuttosto lontana da casa mia. Noi stiamo a Ripa dalle parti di Trastevere, lui è sulla Palmiro Togliatti, zona est. Normalmente si tratterebbe di un viaggio di un’ora. Sono molto indeciso fino alla fine se andare. Lui mi spiega che è un giustificato motivo. Però penso che le mascherine le hanno anche in farmacie più vicine a casa mia, anche se a prezzi notevolmente differenti. Alla fine mi decido, lo avverto e parto. Siccome sono un ragazzo fortunato appena volto l’angolo, cioè passo Ponte Sublicio, vengo fermato da una pattuglia della municipale. Quando spiego che sto andando a comprare delle mascherine sulla Palmiro Togliatti uno dei due agenti, una vigilessa, mi dice con molta franchezza che non posso andare così lontano. Stanno per farmi il verbale, mi chiedono di aprirgli il portapacchi che ho montato sul tetto. Lo faccio, constatano che non ho nulla, non sto tentando di andare in vacanza. Alla fine l’altro agente che mi ha chiesto la patente e sta registrando i miei dati mi dice che se avessi un documento che attestasse l’ordine allora potrebbe non procedere. Chiamo subito la farmacia, mi mandano immediatamente una mail con l’ordine. Il vigile con grande gentilezza mi fa modificare l’autocertificazione e mi lascia andar via. Riparto contento e in dieci, al massimo quindici, minuti sono davanti alla farmacia.
Guidare con il lockdown è “spettacolare”. Passo davanti all’arco di Tito e al Colosseo preceduto solo da una Jeep Militare e da un’altra utilitaria rossa. Il Raccordo, la Tangenziale, sembrano piste non strade. All’arrivo, Salvatore mi offre anche un caffè. Facciamo due chiacchiere poi compro, pago e vado via.
Un altro quarto d’ora e sono di nuovo a casa. Trovo Giuliano e Martina intenti a mettere in ordine uno scaffale pieno di fumetti ed inserti di giornali. Quel che si dice pulizie di Pasqua. Decido di prendermi Ettore per andare a ritirare l’abbacchio ordinato a San Cosimato. Provo a mettergli la mascherina. Non fa una piega, è felicissimo di uscire e la porta tutto orgoglioso saluta tutti, del resto tutti la portano. I piccoli, tutti i piccoli non necessariamente i bambini, sono conformisti. Dopo una ordinata fila sotto un sole ancora piacevole prendiamo quello che dovevamo prendere e ritorniamo verso casa. A questo punto si consuma la tragedia, Ettore perde la sua mascherina che viene prontamente raccolta da un passante che si offre di restituircela ma al nostro ovvio diniego è ben felice di intascarla, si tratta di un oggetto concupito e bramato anche dai meno fortunati tra noi. Il mio piccolo amore scoppia in un pianto disperato ed inconsolabile dal quale si riprende solo quando gli porgo, qualche minuto dopo, un tarassaco da soffiare via.
“Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli.” Diceva Gesù che domani risorge come sempre come ogni anno e ogni Pasqua da 2020 anni.
Restate dove siete se potete e Buona Pasqua.

Trentunesimo giorno senza scuola

Anche oggi sole splendente: vuoi vedere che quest’anno che non possiamo andare da nessuna parte a Pasquetta, rompendo ogni tradizione, non piove. Bah, vedremo. Ettore è qui che canticchia Batman Lego ma con la musica della serie anni Sessanta che abbiamo visto noi che eravamo bimbi negli anni Ottanta, e la cui sigla ipnotica gli ho fatto sentire mille volte: Bat maaaaaan du du dududduuu du.
Fatto un po’ di pulizie, letto un po’ e cucinato il pranzo. Preso anche un po’ di sole in terrazza. Pare che il contagio qui da noi vada un po’ meglio, anche in Lombardia; certo le persone continuano ad andar via a centinaia ogni giorno ma gli uomini medicina e i capi delle nazioni, e delle regioni, dicono che siamo in calo per aggiungere però, subito dopo, che non dobbiamo abbassare la guardia.
Niente benedizione Pasquale a casa nostra, di solito venivano i frati di San Francesco a Ripa, questa volta non si è fatto vedere nessuno. I piccoli sono più adattabili di noi: ieri sera prima di andare a dormire ho trovato Giuliano circondato dai su disegno sui draghi, tutto sommato felice e mi sono detto che ce la stava facendo. Martinuccia è un po’ alle prese con il lavoro è un po’ col ferro da stiro. La lavanderia Pirrotta lavora a pieno regime. Nel frattempo nella mia vasca da bagno si sta svolgendo la battaglia di Azio. Grandi galere romane si scontrano contro le navi egizie di Marcantonio e Cleopatra. Credo che anche questa volta abbia vinto Ottaviano.
State bene e restate dove siete, se potete.

Trentunesimo giorno senza scuola

Oggi siamo andati a fare un po’ di spesa a Piazza San Cosimato, prima dal solito fruttarolo-gioielliere e dopo da Mauro e Simonetta, una coppia che gestisce un banco di macelleria da quando ero bambino, per ordinare l’abbacchio per Pasqua.
Ho osato, e mi sono portato Giuliano. Siamo tra i pochissimi senza mascherine, gli ingressi sono contingentati e se ti avvicini troppo, cosa che io faccio, da dietro il banco ti redarguiscono. A terra ci sono strisce bianche e che delimitano con precisione fin dove puoi arrivare.
Provo ad andare in un paio di forni, per comprare pizza bianca, pane e, hai visto mai, anche una pastiera, ma le file sono troppo per me, poi mi scoccia mettere in coda anche Giuliano.
Quando passiamo davanti al parchetto giochi della piazza, mi chiede se l’ho mai visto così vuoto. Effettivamente fa un po’ impressione così di giorno, sotto il sole con tutti i cavalcabili allineati. Tornando mi fermo da un “bengalino” che ci vende anche un Calippo, grande gioia per Giuliano. Oggi niente scuola online e sarà così per un po’, da domani cominciano le vacanze di Pasqua.
Ho ricevuto una videochiamata da mio cugino che vive in Australia, anche lì è cominciata la stretta: scuole chiuse, ristoranti chiusi, meglio lavorare da casa etc. Ha due figli bellissimi ed è giustamente preoccupato. Mi ha fatto piacere vederlo, sembrava fosse in camera mia. Gran cosa, la tecnologia.
Ettore è ancora alle prese con lo spannolinamento, e per la disperazione della mamma ogni tanto si dimentica di dirci che deve fare pipì. Mi è capitato per motivi di studio e diletto di leggere storie di famiglie importanti, e con mio grande stupore mi resi ben presto conto che gli eventi principali per tutti sono: le nascite, i matrimoni, le malattie (con i loro decorsi positivi o negativi) e in ultimo le morti. Anche qualche lite e qualche questione ereditaria o debitoria spesso è degna di nota, ma la sostanza sembra essere altra. La domanda più semplice che ci facciamo quando ci incontriamo: come stai? È la chiave delle storie di tutte le persone e le famiglie. Ora è diventata una questione nazionale o meglio globale.
Nel frattempo il desco della mia cucina è diventato un tavolo da Ping Pong.
State bene e restate dove siete, se potete.

Trentesimo giorno senza scuola

Le notizie buone oggi sono due. La prima è che la maestra “umanistica” di Giuliano si è fatta prestare un computer dalla figlia e questo ha reso la sua lezione meravigliosa. Finalmente la sentivamo bene, sembrava di averla in casa.
Ha fatto con i bambini anche il tradizionale lavoretto di Pasqua. Ritagliare, colorare, incollare; ne è venuto un bell’ovetto di carta che si apre a ventaglio e si può anche appendere. È stato un momento di quasi normalità, i bambini si parlavano tra loro e si mostravano l’un l’altro a che punto erano arrivati. Ettore, quando ha visto forbici e cartoncino, ha strabuzzato gli occhi; onde evitare inutili capricci mi sono messo lì con lui e abbiamo fatto un bel collage: polpo, pesce, medusa e murena.
Ettore soffre un po’ quando il fratello fa lezione e lo dice senza troppi giri di parole: “Anche io scuola”.
Poi c’è questa cosa delle vacanze di Pasqua che ha del surreale, ma tant’è.
La seconda buona notizia è che siamo riusciti a farci dare le nuove chiavi del terrazzo condominiale!
Grande passeggiata al sole. Les deux hanno corso e fatto merenda con due fruttini da astronauti, quei cosi che se li schiacci esce la purea di frutta, come se vivessimo in assenza in gravità. Da lassù si vedono belle cose: vecchie, nuove, blu e prestate. Nel palazzo dirimpetto una signora si aggirava sul terrazzone facendo telefonate al cellulare. Per prima cosa l’abbiamo salutata. Ma il vero spettacolo per me è stato vedere Ettore correre e cadere come non faceva da un po’.
Buona fortuna e state dove siete, se potete.

Ventinovesimo giorno senza scuola

Per la prima volta non ho avuto bisogno di mettermi il berretto sotto il casco in bicicletta, il tempo è buono le temperature migliorano. Sono passato per Trastevere per andare in ufficio e per i vicoli ho visto qualche signora e qualche signore con la mascherina tra farmacie e supermercati. Forse qualcuno in più in giro c’è, ma poca roba, ho passato il Tevere nuovamente in solitaria fra i gabbiani che si lustravano le penne in acqua.
Ieri sera a cena si parlava del virus e io in un momento di folle ottimismo mi ero spinto a dire che magari lo abbiamo già preso e ci è passato, il saggio Giuliano mi risponde che sarebbe meglio non prenderlo proprio. Eppure credo che chi lo avrà già avuto si troverà con un vantaggio competitivo sui siero negativi almeno per un po’.
Questa mattina prima di uscire mi accorgo che les deux hanno scoperto un puzzle intonso regalato chissà quando e chissà per quale occasione. Rappresenta l’Italia. Da un lato politica e da un lato fisica, mi urla Giuliano mentre mi rado. Vado a vedere, l’hanno finita, è bella tutta colorata con le regioni. Alla fine, come si fa non amare il proprio Paese. La retorica patriottarda di questi giorni non mi ha fatto troppo piacere, come sempre, ma mi sorprendo a guardare lo stivale con tenerezza e penso a tutti i miei connazionali ammalati o che in questi giorni non sono riusciti restare con noi. Italiani qualunque come me.
Tornando a casa attraverso Campo dei Fiori, il mercato ha riaperto transennato e con un po’ di regole per la distanza ma ha riaperto, credo non avesse chiuso manco durante la Seconda Guerra Mondiale; mentre passo stanno smontando tutto, è tardi. Passo al supermercato per la spesa e trovo il plexiglas montato davanti alle casse e la distribuzione di guanti all’ingresso. A casa Giuliano fa inglese con la maestra scientifica ed Ettore da un po’ d’acqua alle piante.
Tra un po’ è Pasqua! Buona fortuna e state dove siete se potete.

Ventottesimo giorno senza scuola

Pare che le scuole riapriranno a settembre, forse il primo, per recuperare il tempo perduto. Il nuovo decreto-scuola prevede che nessuno venga bocciato e che venga valutato anche l’impegno per le lezioni a distanza. Tutti promossi!!! Tutti contenti? Bah, non so. Tutti ammessi alle classi successive! Che bello!
Resta ancora una vaga possibilità che il 18 maggio riaprano le scuole, ma appare improbabile. Mentre scrivo, Giuliano sta facendo lezione con la maestra “umanistica” che come spesso capita ha seri problemi audio. Non si arrende e prova a fare lezione con il supporto della chat.

Oggi a casa con i piccoli e Martina in ufficio. Mi dedico a grandi e piccole pulizie, faccio un puzzle con Ettore, cucino due uova per colazione e preparo gnocchetti sardi con crema di carote per pranzo.
A un certo punto mi perdo i figli e li ritrovo insieme chini su un bel libro illustrato, una sorta di guida ai Draghi di Dragons Trainer. Giuliano legge e il piccolo Ettore lo ascolta tutto preso. I libri: vecchi amici analogici, miracolosi parallelepipedi. Sono stati preziosi alleati in questi giorni anche per i piccoli, Giuliano continua a leggere la saga di Harry Potter, ora è al quarto libro: il Calice di Fuoco. Io proseguo lentamente con “La Montagna incantata”, Martina legge Gabriel Garcia Marquez e il piccolo Ettore spesso viene con qualche librettino perché noi glielo si legga.

Ettore fa il suo riposino ed io ho un momento per scrivere il diario. Sembra che si cominci a vedere la fine di tutto questo. Ci vorrà ancora più di qualche settimana ma sembra che il trend, anche quello formidabile della Lombradia, migliori. I capi delle nazioni ed i principi continuano ad ammalarsi, le regine invece se la passano meglio. Dio deve aver preso sul serio gli inglesi con il loro God save the Queen.

Mi chiedo se sarà possibile a un certo punto differenziare le situazioni all’interno del Paese: è oggettivo che le situazioni lo siano tra loro, non so se i provvedimenti potranno esserlo.
E’ tornata mia moglie!!!
Buona fortuna e state dove siete, se potete.

Quinto weekend senza scuola

Ieri ho preso il mio figlio più grande, Giuliano, e l’ho portato a fare un giro in bici. Io a piedi e lui ciclante. Lo guardo andare e mi ricordo di due anni fa, quando ha imparato ad andare senza rotelle.
Dopo attenta lettura di giornali e circolari sono giunto alla conclusione che in dubbio pro reo, che sarei io (il reo), e quindi una passeggiata attorno al palazzo ogni tanto gliela faccio fare. Del resto l’ultima cosa scritta al riguardo è la circolare interpretativa del Viminale che autorizza.
Comunque raggiungiamo la farmacia vicino casa e con mia grande sorpresa trovo in vendita le ormai irrinunciabili mascherine. Due tipi: le chirurgiche sfuse a 2,50 Euro l’una e le FFP2 in confezioni da due a 25 euro. Trovo i prezzi abbastanza sostenuti, ma acquisto. Non posso farne a meno, anche se non siamo in Lombardia dentro ognuno di noi si nasconde un Fontana mascherato.

I nostri fine settimana somigliano un po’ di più a quelli della nostra vita precedente. Certo niente gite, niente musei, niente zoo, (Bioparco per i migliori tra noi), niente Porta Portese, niente amici, però comunque si stava tutti insieme, non si andava a scuola e non si andava in ufficio.
Mangiamo, giochiamo, leggiamo, guardiamo la tv e facciamo i compiti come abbiamo sempre fatto. Giuliano partecipa anche a un torneo di scacchi online. Ettore, vista la bella giornata, domenica passa molto del suo tempo in terrazzo e a un certo punto mi chiama per chiedermi di prendere il passeggino. Si siede, vuole che lo porti. Lo scorrazzo per il terrazzo ma gli dico che ormai è grande e che forse non gli servirà più. Lui ripete “Gande, io gande” e con una certa solennità scende. Giuliano invece mi chiede della domenica delle palme: gli racconto di Gesù che entra a Gerusalemme acclamato dalle genti.

Venticinquesimo giorno senza scuola

Ettore, complice la claustrazione, ha sviluppato una certa mammite. La sindrome non è preoccupante vista l’età del soggetto. In alcuni casi però nelle sue fasi più acute di si manifesta con ostilità e minacce nei confronti degli altri maschi del gruppo. Al grido di “Vojo mamma, mamma vojo” ci spintona e ci intima di allontanarci: “Via sciò, sciò”. Questa mattina durante una di queste manifestazioni edipiche mi sono opposto invocando anche io la divinità ettoresca “mammallah, mammallah, mammallah” le grida dal vago sapore mediorientale hanno riempito tutta la nostra casa. Al rito si è unito anche Giuliano e insieme abbiamo riso e giocato un po’. Lentamente ho cercato di trasformarmi in una donna berbera che esulta con uno zaghroutah. Quello strepitoso grido di gioia che lanciano le donne del nord Africa quando festeggiano qualcuno o qualcosa. Il risultato almeno agli occhi dei piccoli è stato esilarante. Ridiamo come degli scemi e anche Ettore si diverte e ogni tanto si avvicina per farsi investire da quegli strani suoni.

Dov’è finito il mondo? Quello colorato, diverso, profumato ma anche un po’puzzolente che ho conosciuto e frequentato fino alla chiusura delle scuole? Mi manca. Mamma mia, quanto mi manca. Però dobbiamo resistere e arrenderci alla situazione e al Covid-19.

Percorro con la mia bici le solite strade ed arrivo in ufficio. Non c’è nessuno, la distanza di sicurezza è mantenuta. Mi metto a lavorare. È venerdì, un tempo il mio giorno preferito insieme al lunedì, due cominciamenti.

Tornando a casa, su Viale Trastevere, trovo un edicolante patriottico con il tricolore esposto sotto i platani ogni giorno un po’ più verdi. Arrivato a casa mi metto a giocare un po’ sul balcone con i miei figli. Poi Giuliano fa la sua lezione online. Oggi scienze e aritmetica.
Buona fortuna brava gente e se potete restate dove siete.

Ventiquattresimo giorno senza scuola

Oggi grande bagno per i piccoli. Una delle gioie, in fondo ancora numerose, che gli sono rimaste. Vasca piena, acqua ovunque e grandi risate.
Mi dedico a un po’ di lavoro da casa. Qualche tentativo di capire se le passeggiate con i bimbi sono ancora permesse dopo le numerose e diverse versioni sin qui prodotte dalle autorità preposte. Ironica sensazione di vivere in una condizione analoga a chi deve fare la domandina per fare ogni cosa. In fondo le autocertificazioni somigliano un po’ alle “domandine” delle nostre carceri.

Giuliano continua nel suo studio dei verbi, siamo al ripasso del trapassato prossimo. Pranziamo tutti e quattro con pollo, riso e piselli. Giochiamo a nascondino, mosca cieca e scopro che ad Ettore piacciono i fantasmi uuhhhh. Si nasconde dietro le tende a ulula. Decido che è pronto per Ghost Busters. “Fantasma grande uhhhhhhhhhh”, dice il mio piccolotto, gli piace. Giuliano invece mi ha raccontato un sogno, o una fantasia non so bene. “Papà, un carabiniere entra a casa nostra per controllare se rispettiamo la distanza di sicurezza di un metro e visto che non la rispettiamo comincia a urlare Wilma dammi la clava e ci prende a mazzate”.

Oggi niente lezioni live per la classe di Giuliano. In compenso alle 11 Ettore si è collegato con una sua maestra e una compagniuccia di classe che lo voleva vedere.

Ventitreesimo giorno senza scuola

Ieri, quando scrivevo della claustrazione dei miei figli, non immaginavo di trovarmi alla vigilia della pubblicazione di una circolare del Viminale proprio sul tema delle passeggiate con i minori, seguita subito da una precisazione dello stesso Viminale e poi da un’altra precisazione del Viceministro Vito Crimi: “Possono uscire solo i bimbi piccoli, non certo i quindicenni”.
Insomma possiamo passeggiare con i bambini, correre da soli e disperarci con gli adolescenti. Assessori e presidenti di Regioni si sono mossi con tutte le loro divisioni per ristabilire l’ordine e rimettere il più velocemente possibile tutti: bambini, adolescenti e genitori in punizione. Mi rendo conto che quando finirà la crisi sarà difficile rimettere i demoni nel vaso.

Ci sono dei luoghi che i romani hanno cominciato a frequentare – spero di non rivelare un segreto – si tratta dei terrazzi condominiali. Sempre più presenti nelle foto sui social, i vecchi ballatoi, lavanderie e stenditoi, in cui abbiamo visto ambientare più di qualche scena del cinema della commedia all’italiana, son tornati di gran moda. Qualche famiglia ci porta i bimbi a prendere un po’ di sole, per sintetizzare la vitamina D. Ma ho visto nel palazzo di fronte al mio anche dei “pericolosi” adolescenti chiacchierare e bersi una birra.
Decido di organizzare una sorta di picnic con la mia famigliola. Preparo uova sode, tramezzini qualche mandarino ed altre piccole cose adatte allo scopo. Prima di partire per la gita decido di andare in avanscoperta con Giuliano. Giunti sul posto scopriamo che gli adorati condomini hanno cambiato portoncino e serratura. Ci ritiriamo in buon ordine e ci accomodiamo sul nostro terrazzo. Per consolarci, prepariamo anche due spaghetti.

Per festeggiare la circolare porto Ettore a passeggio dopo pranzo: per la verità fa un po’ freddino, però lui è entusiasta saluta chiunque passi con qualunque mezzo. Indica tutte le “cacchene”, a dir la verità solo due in 20 minuti, che vede passare. Quando torniamo a casa saluta il fratello con il tono di uno che è appena stato a fare un giro in dirigibile.

Poi ci sono due notizia che devo darvi una buona e una cattiva. Quella buona è che la stampante di Amazon giunse, dopo lunga attesa. Quella cattiva è che Cernia Gialla il nostro pesce rosso con l’infezione alla vescica natatoria, è spirato in quarantena.
Buona fortuna brava gente e, se potete, restate dove siete.

Ventiduesimo giorno senza scuola

Sento la video lezione di scienze naturali delle maestra di Giuliano. Spiega ai bimbi l’habitat e fa loro l’esempio dell’orso bruno, dell’orso bianco e dei loro rispettivi ambienti. Per far loro capire meglio, paragona l’habitat alle nostre case. Vi trovo una certa ironia.

Oggi a casa con i piccoli, sveglia tardissimo, compiti di matematica per Giuliano per Ettore puzzle, corse di macchinine e Superpigiamini su Netflix. Ricordo il mio rapporto di fanciullo con la televisione, capitava non di rado che i miei mi punissero proibendomi di uscire ed andare a trovare gli amichetti del palazzo, e allora io pensavo che, male che fosse andata, qualche bel cartone animato lo avrei potuto vedere. È un po’ come se in nostri figli fossero stati messi in una super punizione dal coronavirus. Punizione che a dire il vero sembra spettare anche a noi. Però loro sono veramente reclusi. Se avete un cane, lo potete portare a fare una passeggiata, se avete un figlio no. Uno di quei casi in cui una vita da cani non è poi così male. Io mia moglie per lavorare o fare la spesa siamo usciti un po’, Giuliano ed Ettore no.

Anche le maestre dell’asilo hanno cominciato a mandare messaggi in cui leggono favole, cantano filastrocche o semplicemente chiamano per nome tutti i bimbi della classe.
Ieri grande mangiata di spaghetti alla chitarra cozze e pecorino, oggi a pranzo loro tortellini al sugo, io rapa rossa. Il prezzemolo e il basilico che abbiamo seminato nel terrazzo hanno cominciato a sbucare dal terriccio. Mia moglie ha fatto invece una riunione di lavoro con una piattaforma per videoconferenze con grande profitto.
Buona fortuna brava gente e, se potete, restate dove siete.

Ventunesimo giorno senza scuola

Sono in ufficio e sento lo spalare degli operai che stanno facendo un lavoro di scavo, credo per qualche tubatura o qualcosa da cablare. Sono proprio davanti al portone che ospita il nostro ufficio. Lascio la finestra aperta per poter continuare a sentire il frash delle palate. Fanno presto, quando vado via già non ci sono più.
Nel mio percorso in bicicletta ho notato tanti piccoli cantieri che velocemente spariscono. Probabilmente c’erano anche prima però li notavo meno, in mezzo al grande caos in cui mi immergevo ogni volta. In ufficio faccio le cose che devo fare, dopo aver disinfettato e lavato tutto quello che potevo. Devo dire che andare a lavorare aiuta a concentrarsi su altro e questo rasserena un po’.
Il mio condominio per la prima volta manda una email in cui lamenta carenza di cassa. Evidentemente, vista la situazione i condomini hanno deciso di tagliare anche lì.

Tornando rallento, mentre attraverso il Tevere, e insieme alla consueta colonia di gabbiani vedo un giovane airone bianco, bellissimo con le sue zampe slanciate il suo becco aguzzo e nero con cui sembra pulirsi il piumaggio.

Prima di arrivare a casa decido di fermarmi per fare un po’ di spesa ad un supermercato diverso e più fornito di quello che ho adottato dall’inizio della crisi. Faccio una discreta fila in Viale Trastevere tra i platani che si inverdiscono ogni giorno di più. Riesco a conquistare delle cozze e del pesce fresco, penso che quando arriverò a casa sarò accolto come il messia e lo dico a Gabriele del banco del pesce, che con la consueta gentilezza mi ha preparato tutto. Abbiamo una amena discussione sulla preparazione della pasta allo scoglio, imparo più di qualcosa, come al solito.

Effettivamente quando scendo carico di doni dalla mia bicicletta vengo accolto da mia moglie molto compiaciuta per la presenza dei mitili. Trovo il piccolo Ettore che gioca con i colori a dito in cucina e Giuliano che fa una videolezione con la maestra “umanistica” .
Dopo un po’ Giuliano mi chiama e trovo che per errore è riuscito a mettere lo schermo del mio pc in verticale, io neanche sapevo che si potesse fare: perdo un po’ la pazienza poi mi metto e lo risistemo, nel frattempo lo mando a fare scuola in un’altra stanza. Sento la voce un po’ chioccia e un po’ elettronica della maestra ‘umanistica’ che fa una lezione mi pare di capire di grammatica, sembra la voce contraffatta del professore de “La Casa di Carta”. Lui urla continuamente IO, IO, IO, Giuliano. Sul Corriere leggo che una lezione delle medie della stessa scuola di Giuliano è stata hackerata da qualche genio del male che si è divertito a mandare immagini oscene ai bimbi. Bah, spero sia stato un altro bimbo.

I capi delle nazioni e i gli uomini medicina dicono che il contagio pur crescendo ha un trend in discesa. Speriamo!!!! Oggi ho scoperto che una mia amica di qualche vita fa è stata male. La cosa mi ha molto addolorato ma lei è forte e sta già meglio. Non vedo l’ora di poterla riabbracciare.
Buona fortuna a tutti brava gente e se potete restate dove siete.

Quarto weekend senza scuola

La mia casa sogna. Se l’attività onirica è la capacità di elaborare e trasformare in simboli quello che ci succede nella vita reale, la mia casa lo sa fare.
Vi racconto l’ultimo sogno che ha fatto per noi. Abbiano in casa da almeno 5 anni dei pesci rossi, o meglio dei carassidi, anche perché nessuno di loro è più rosso, in un piccolo acquario in cucina. È successo che uno di loro si è ammalato, probabilmente ha un’infezione alla vescica natatoria, per questo non riesce più nuotare dritto e, insomma, sta maluccio. Le cause dell’infezione possono essere le più diverse, ma probabilmente sono contagiose, quindi abbiamo dovuto separarlo e metterlo in quarantena in una piccola vasca. Il suo nome è Cernia Gialla perché quando lo abbiamo comprato era appunto giallo e Giuliano, che già si appassionava delle creature marine, aveva scoperto da poco le cernie giganti. Il punto è che anche un altro pesciolino comincia a nuotare a tratti malamente. Se anche l’elegante Linguetta dovesse essere contagiato temo che dopo poco toccherebbe anche a Bruto, il più anziano del gruppo.
Questa piccola vicenda ha molto colpito i miei due piccini che sono molto preoccupati. Per il resto, il weekend è andato avanti tra le faccende domestiche: lavatrici, pulizie varie e qualche gioco con i bambini. In particolare con Ettore abbiamo seminato un po’ di vasi con peperoncini e cetriolini.

Qui chiusi ogni tanto litighiamo, ci disperiamo sia i grandi che i piccini. Poi però ci calmiamo e per il momento ritroviamo l’equilibrio necessario ad andare avanti un altro po’.
Qualcuno tra i capi delle nazioni comincia a pensare che bisognerebbe rincominciare a riaprire qualcosa a breve, un po’ per non morire e un po’ per non impazzire, altri dicono che no, non se può parlare nemmeno per il momento. Non sono in grado di dire quando e quanto si debba ancora restare in questo stato, ma almeno la possibilità di discuterne vorrei che fosse concessa a tutti: capi e non capi. Buona fortuna a tutti brava gente e se potete restate dove siete.

Diciottesimo giorno senza scuola

La notizia di oggi è che nonostante qualche timido segnale dalle nostre parti le cose non migliorano.
Gli Usa ci hanno largamente superato e stanno per passare la Cina per numero di contagiati. Abbiamo raggiunto il mezzo milione di casi nel mondo, 2 miliardi e mezzo di persone si sono chiuse in casa e 25.000 sono morte.
Noi europei dovremmo aiutarci fra di noi ma non sembra che i paesi più ricchi siano disposti ad aiutare più di tanto. Ieri grande Consiglio UE con Zoom o Skype, non so, comunque in videoconferenza, dal quale noi italiani usciamo sbattendo la porta come forse non facevamo dalla conferenza di Parigi del 1919, e allora non fu una scelta felice. La tragedia è che probabilmente abbiamo ragione, ma in politica estera temo che il torto sia un concetto spurio quanto il suo contrario.

Comunque queste sono riflessioni troppo complesse per me, il mio universo è sempre più domestico. Oggi ancora a casa con i bimbi. Giuliano fa un po’ di compiti, sveglia alle 8, ed Ettore gioca con macchinine varie e domino di legno.
Mi accorgo che tutte le cose che ho in casa, ora che siamo costretti, possono essermi preziose per fare qualcosa in più. Prendo la lavagna che tengo chiusa in uno sgabuzzino da un po’, la metto in cucina e la uso per fare matematica con Giuliano e qualche squalo con Ettore.
Dopo pranzo Ettore si fa un pisolino. Mi chiedo quando il mondo esterno sarà per lui un ricordo sfocato. Giuliano vuole che facciamo qualcosa insieme, vado. Giochiamo a Indovina chi, mi piaceva molto da bambino, mi ricorda una vacanza inaspettata, e sfogliamo un librone pieno di animali preistorici che ci piace molto.
Torna Martina, mi racconta di una Piazza Navona vuota solcata da due o tre persone che corrono in tondo, in fondo tanto tempo fa era uno stadio.
Tra i miei appassionati lettori ce n’è uno, di otto anni, che mi ha scritto una letterina che pubblico qui di seguito:

#Restiamoacasaancheseèdura
Questo coronavirus, lo so, è molto stancante ma bisogna rispettare le regole e, dunque, restare a casa.
Lo so che è dura ma questo è il momento in cui tutti dobbiamo sacrificarci.
Questo coronavirus mi provoca tanto fastidio e dolore ma mi consolo pensando alle cose belle fatte con gli amici.
Tanti giorni senza scuola, senza sport e amici sono veramente duri!
Passo il tempo giocando a pallone in salone, guardando qualcosa su Raiplay e giocando alla playstation.
Ogni giorno penso alla Serie A di calcio: quando torneremo a vedere le partite?
Gianluca Falchi

I principi ed i grandi continuano ad ammalarsi, oggi è il turno del biondissimo Boris Johnson. Chissà che in questo periodo così cupo per i principi non possa andar un po’ meglio per i Draghi…
State bene brava gente e restate dove siete se potete.

Diciassettesimo giorno senza scuola

La ragione per cui non ho usato mai le mascherine, nella mia lunga esperienza di ciclista metropolitano, è che mi fanno appannare gli occhiali. Ed è lo stesso anche con il Covid-19. Eppure in Grey’s Anatomy riescono ad usare occhiali bellissimi e mascherine fighissime senza appanno alcuno.

Comunque, questa mattina missione spesa. Decido di collaudare la mia mascherina auto prodotta che dovrebbe farmi appannare gli occhiali un po’ meno. Salgo in macchina, fuori piove a dirotto: in realtà devo andare al supermercato che sta a 300 metri da casa, però la macchina mi consentirà di caricare più spesa e di non bagnarmi. Compro un bel po’ di roba. Del resto, spero ci basti almeno per tre quattro giorni.
Alla cassa non trovo Coletta ma una sua collega, anche lei gentilissima. Con lei c’è un omone gigantesco, con la mascherina, una grande pancia, una grande barba è una grande testa pelata. Lei lo tratta con quel fare brusco e scherzoso che a Roma si riserva ai propri cari. Mentre passa gli infiniti codici a barre, ci dice che è suo fratello. Dopo un po’ capisco che è un disabile e che è lì perché è l’unico posto in cui ora può stare con qualcuno che abbia cura di lui. Enorme, sulle sue gambone, mi guarda mentre pago e imbusto a un certo punto si piega in due e porta le mani sulla testona calva. “Che è na fitta? Dai che mo’te passa”.

Torno a casa e trovo Ettore che tenta con mezzi fisici e psichici di monopolizzare la mamma, “Mia Mamma”. Spinge letteralmente fuori dalla stanza me e il fratello protestando l’esclusività della sua proprietà.
Ricordate Monk, il detective ossessivo compulsivo interpretato da uno spettacolare Tony Shalhoub? È un genio della deduzione con alcune terribili manie legate spesso all’igiene. Cerca di non dare mai la mano a nessuno e se gli capita si pulisce subito con una salvietta umidificata. Non abbraccia nessuno. Insomma, diciamo che mantiene in distanziamento sociale pre Covid-19. Una delle cose che mi faceva più ridere era la pulizia con uno spruzzino di tutta la spesa acquistata. Ora lo faccio anche io.

Sento Martina che stira, Ettore dorme e Giuliano segue la sua lezione di scacchi. Lavoro un po’ . Giuliano mi dice che nel 2019 abbiamo vissuto una vita completamente diversa da quella del 2020. Aspettiamo come sempre il bollettino delle 18. Il governatore della Lombardia Fontana dice che va male. State dove state se potete.

Sedicesimo giorno senza scuola

Decido di svegliare Giuliano presto e di metterlo a studiare subito dopo colazione. La sera prima glielo annuncio. Lo sveglio poi non prestissimo, sono le 8, fa colazione con un uovo, è molto assonnato.
Dopo un po’ si alza anche il fratello, nel frattempo Martina esce e va a lavorare. Dobbiamo studiare l’indicativo: ok, lo facciamo, ma cominciamo con il verbo essere e lo scriviamo in italiano, in inglese e in latino. La cosa lo diverte, sopratutto il latino che, gli faccio notare, è la lingua delle formule magiche di Harry Potter. Sentirgli dire sum, es, est, sumus, estis, sunt e poi eram, eras, erat, eramus, eratis, erant (questa volta il t9 è impazzito veramente…) mi ha fatto un piacere enorme. Volevo che si impastasse la bocca con questa lingua inutile, vecchia e sublime almeno una volta. Ha otto anni e sta vivendo una delle esperienze più strane della storia umana.
Tutto il mondo si sta fermando, tutto il mondo è terrorizzato. Il segretario generale dell’Onu parla di minaccia per l’umanità. Un altro principe si ammala, una teoria interminabile di vecchie stelle del firmamento della fantasia e dell’arte si spengono una dopo l’altra. Migliaia di persone normali come me muoiono nella sorpresa generale. E come se non bastasse il nostro capo della protezione civile, l’uomo dalla bocca del quale pendiamo ogni giorno alle 18 ha la febbre, forse è contagiato, forse no. Fatto sta che sembra che aboliscano la conferenza stampa, che verrebbe sostituita da un comunicato stampa. Poi sembra che la facciano senza di lui. Noi abbiamo bisogno di ascoltare parole autorevoli, di avere la sensazione che qualcuno continui ad occuparsi di questo maledetto virus è un po’ anche di noi. Il punto è che per la prima volta l’emergenza da gestire riguarda direttamente anche i capi. Che uno dopo l’altro si ammalano o finiscono in quarantena. Bertolaso invocato come un semidio è ora ricoverato al San Raffaele.

Ettore, dopo essersi beccato un rimprovero al mattino si ammansisce ed è particolarmente dolce tutto il giorno. Forse voleva solo questo un limite, un no. C’è un bel sole anche se fa freddino Ettore vuole uscire in terrazza, gli metto il piumino e gli organizzo una partita coni birilli. Giuliano ci raggiunge giocano, ridono prendono le biciclettine. Preparo loro il pranzo , mangiamo volentieri tortellini confezionati al sugo.
Torna la mamma, il pomeriggio va via tra il pisolino di Ettore, un po’ di scacchi, altri compiti, la lezione di ginnastica che Martina ci impartisce e la merenda. Quanto fumerei volentieri se non avessi smesso l’anno scorso, fuori dalla mia finestra vedo un signore in vestaglia che come di consueto fuma nel sul terrazzo. Non ci ho mai parlato, non l’ho mai salutato. Riesco a vedere un po’ dentro la sua casa, ha una bella libreria. Chissà, magari mi starebbe pure simpatico. Nel frattempo Amazon continua a dirmi che mi invierà una email quando avrà una data di consegna prevista per la mia stampante. Sono ormai 3 giorni. State dove state se potete.

Quindicesimo giorno senza scuola

Ieri sera mentre guardavamo su Netflix “La casa di Carta” sono stato preso da un raptus sartoriale e mi sono confezionato una mascherina. Ho tirato fuori le enormi forbici che mia mamma e le mie tate usavano quando ero bambino. Ho preso una vecchia maglietta e mi sono messo a tagliare e cucire. Il risultato non è stato grandioso, però tant’è. La questione comincia a diventare seria perché chi è sprovvisto di mascherina è mal visto dal prossimo suo che teme possa irrorarlo con virulente goccioline. Fuori dalle farmacie i cartelli sono passati da “mascherine esaurite” a “Le mascherine non arrivano”. Io ne ho, compresa quella auto prodotta, tre.

Questa mattina ho preso la bici e sono tornato in ufficio. Roma era freddina, le temperature si sono abbassate un bel po’ ma c’era quella luce fantastica che si riesce ad avere solo quando l’aria è più fresca. La popolazione che ho incontrato era piuttosto limitata e si componeva per un terzo di senzatetto, per un terzo di poliziotti e per un terzo di me…

Ogni tanto qualche sirena di auto mediche a tutta velocità e tram che nel vuoto sembrano giganteschi.
Giunto in ufficio, pulisco mani e postazione, tiro fuori il portatile e mi metto a stampare il nuovo modulo per l’autocertificazione. Ormai un genere letterario, vorrei conoscerne l’autore. Mi metto a lavorare: scrivere, telefonare, pubblicare. Chiamo casa e sento che Giuliano ed Ettore stanno dando del filo da torcere a Martina. Giuliano si è impuntato che la lezione live non è oggi ma domani. Vuole rimandare i compiti!
Quando torno lo trovo che ha fatto quasi tutto, finiamo e poi giochiamo un po’.

È tutto un più difficile, i bimbi si innervosiscono dopo quasi venti giorni di cattività. La lezione live lo vede partecipe: lo sento urlare, dire la sua; la voce della maestra questa volta sembra giungere dall’Apollo 13, qualche problema con il microfono. Ettore cerca Batman che, come dice lui, “colle”, e mentre lo dice corre disperatamente per tutta casa. Chissà perché si è così innamorato proprio dell’uomo pipistrello. Ieri mi sono messo a fare un puzzle con lui, è bravo, riesce. Oggi l’ho trovato che faceva un collage con la mamma. Vuole stare con noi. Vuole la scuola cioè uscire, gli altri bimbi e stare con noi.
Quanto tempo facciamo passare ai nostri bimbi davanti ai device? Sempre di più e sempre di più ne passiamo pure noi.

Pare che le cose vadano un po’ meglio in Italia: meno morti, meno ricoveri. Il governo però prepara un provvedimento che consentirà, se necessario di prorogare le chiusure fino al 31 luglio e di governare con più elasticità grazie ai prefetti.
Merenda con latte e biscotti e la mamma che è sua. Superati i 400.000 casi nel mondo. State dove state se potete.

Quattordicesimo giorno senza scuola

Alla fine il mio ufficio non ha chiuso e sono anche riuscito a fare il mio ordine su Amazon, anche se dice che mi manderà una email quando saprà del giorno della consegna.
Oggi ho cercato di lavorare, giocare con Ettore, cucinare e far fare i compiti a Giuliano contemporaneamente. Non è andata benissimo, ma si fa quel che si può. Ho tanto sonno, leggo di notizie tremende da tutto il mondo. Anche dalla Spagna che per una serie di ragioni mi è particolarmente cara.

“Io bimbo, mia scuola vojo” dice il piccolo Ettore e il fratello gli risponde “Forse fra tanto tempo in una galassia lontana lontana riaprirà la scuola.” Mi rendo conto di come Lucas abbia un ruolo sempre maggiore nel nostro ménage…
Fa un po’ più fresco, dal terrazzo vedo i pollini dei platani che il vento sta facendo mulinare un po’ ovunque. Giuliano fa la sua consueta lezione di scacchi su Zoom. Torna mia moglie, e si mette a giocare con i palloncini insieme ad Ettore. La casa si colora un po’ in attesa della conferenza stampa con il bollettino delle sei. State dove state se potete.

Terzo weekend senza scuola

Questa mattina mi sono alzato e ho trovato sul web l’annuncio del Presidente del Consiglio che diceva che avrebbe chiuso tutte le attività non essenziali. Immagino che questa volta chiuda anche il mio ufficio. La cosa non mi fa piacere, anzi. Ieri mi sono accorto che Amazon non consegna più, quindi niente stampantina.

È presto, non sono neanche le sette. Al mio occhio sempre più presbite il display del cellulare sembrava dire le otto, invece sono solo le sei e cinquanta. Faccio le mie abluzioni ascolto la radio e penso che devo andare in ufficio l’ultima volta a recuperare il mio pc. Aspetto che mia moglie si svegli per parlargliene e mi metto a preparare l’impasto per la pizza, attività semiludica che ha visto molti di noi impegnati in questo periodo, in ogni caso l’ho promesso ai miei due piccoletti quindi si fa.
Martina si sveglia, le dico. Dopo un po’ compare Ettore molto assonnato ma bellissimo come sempre. Prendo la bicicletta, il gel, il casco, un bustone di tela e vado. Viale Trastevere è quasi completamente vuota, la percorrono solo rari autobus a tutta velocità. I platani hanno cominciato a fare i pollini e qualche germoglio, sembrano aver visto il calendario, la primavera ai tempi del Coronavirus è cominciata. Trovo solo due carabinieri che chiacchierano davanti al Senato. Salgo, pulisco la postazione, apro la finestra e nel silenzio sento solo lo stridio dei gabbiani sempre più padroni della città. Prendo quel che devo prendere e vado via.
Torno a casa trovo tutti sul terrazzo che giocano. Ettore ha le calosce, credo per fargli innaffiare le piante senza bagnarsi. Bevo un caffè provo a parlare un po’ con Martina.
Poi esco, vado al supermercato ultimo luogo fisico del consumo. Compro un po’ di cose saluto Coletta che ha appena discusso con un mio vicino di casa. Mi accorgo che tutti hanno un po’ i nervi a fior di pelle. Passiamo al tu, mi dice che posso trovare le noci per mia moglie in quello scaffale. Torno, prendo, pago, vado via. Rincontro il mio vicino di casa, gli dico che le cassiere poverine lavorano e rischiano molto di ammalarsi. Mi spiega che hanno sbagliato perché qua e perché la. Si parla del virus, scopro che crede a teorie complottiste per le quali sono statipe deliberatamente attaccate le zone più produttive del Paese. Lo saluto vado a riprendere il carico di passate di pomodoro che giace nel mio portabagagli.

Preparo la pizza, viene benino, pranziamo fuori. Siamo abbastanza allegri. Mi guardò intorno e vedo una signora che fa la ciclette, due che potano i gerani, un uomo che fuma, una ragazza che si fa bella. State a dove state se potete. Buona domenica.

Dodicesimo giorno senza scuola

Sono andato in ufficio, ho disinfettato la mia postazione, lavato le mani e mi sono accomodato alla mia scrivania odorosa di alcool denaturato. Stampo della roba, mi rendo conto che devo comprare una stampantina per casa. Non c’è nessuno, probabilmente verrò raggiunto più tardi.
Lungo la strada poche persone, quasi nessuno, anche se a giudicare dai social avrei dovuto incontrare frotte di corridori e passeggiatori. I gabbiani e i pappagallini volano tranquilli. Chissà che pensano di noi umani improvvisamente spariti.
L’ingresso centrale del Senato è circondato da una nastro giallo della polizia che ricorda vagamente quelli americani con su scritto “CRIME SCENE DO NOT CROSS”. In compenso si vedono i proiettori che immagino coloreranno rosso, bianco e verde la facciata di Palazzo Madama la notte, non so bene per quali occhi.

Per anni mi sono occupato dell’agroalimentare italiano e mi viene in mente che purtroppo non siamo autosufficienti. Il che, detto in due parole, vuol dire che non produciamo abbastanza cibo per la popolazione residente in Italia e difficilmente potremmo farlo, data la nostra orografia. Abbiamo bisogno di importare grandissime quantità di cibo. Se gli stati prima di tutto UE, ma anche extra Schengen, in questa emergenza non trovano il modo di collaborare, per noi non sarà facile. Il che temo valga per molte altre filiere produttive.
In compenso uscendo mi è capitato di incontrare un’ardita dei cuoricini che ha colto l’occasione datale dall’apertura del nostro portone per entrare e incollare nell’androne e sul portone stesso cuori rossi e messaggi di ringraziamento e incoraggiamento a tutti quelli che mettono la musica contro il covid-19 alle 18.
Cuori rossi e musica che sia questo l’antidoto? Non so, oggi ho letto che il vecchio Ennio Morricone dice che c’è poco da far musica. Però può essere di grande conforto, e poi un po’ di casino almeno sonoro c’è lo lascino, pur facendo la tara dell’inevitabile propaganda che il momento porta con se.

Dopo un po’ in ufficio arrivano Flaviano e Luca. Mi dà un piacere inaspettato scambiare quattro chiacchiere con loro. Si parla del virus, delle cose che dobbiamo fare e si scherza un po’. Sempre mantenendo una certa distanza, non simbolica, proprio fisica. Quando vado via mi salutano dalle finestre, fumando e sorridendo.

Ho dimenticato di mettere la catena alla bici, ma l’unico che ogni tanto le passava vicino era un vigile urbano. Torno a casa e mia moglie mi dice che Giuliano vuole uscire, vuole che gli invitiamo a casa almeno un amichetto o la bimba che abita al piano di sopra. La mamma gli ha detto di no, lui non l’ha presa benissimo. Ma purtroppo ha ragione Martina.
Mentre scrivo sento la classe di Giuliano che fa gli auguri prima di iniziare la lezione live. Oggi sono un po’ più giù del solito, forse perché non vedo la fine. Allora vado a prendere il caccia stellare di Giuliano e mi rallegro un po’ pensando a lui che mi ha accolto chiedendomi se mi era mancato, e non intendeva se stesso ma il caccia stellare.
Ciao e state dove siete se potete.

Undicesimo giorno senza scuola

Le cose come è noto sembra che continueranno ad andare così per un po’. Anzi pare che il governo stia approntando misure ancora più restrittive: è che anche i principi delle favole si possano ammalare. Le persone sopratutto in alcune zone del paese, tra le più ricche e le più sviluppate, soffrono e troppo spesso muoiono.
Ho difficoltà a dire che ci dobbiamo ritenere fortunati, anche perché siamo solo all’inizio di questa avventura, per il momento facciamo di tutto per non intristirci troppo.

Oggi era l’ottavo compleanno del mio figlio maggiore, il mio diletto Giuliano. Abbiamo preparato insieme una crostata, una bella pasta al pesto e abbiamo festeggiato in salotto, con la tavola apparecchiata è tutto quello che serviva, compreso un abbigliamento consono. Sarebbe stato bello avere con noi i nonni, gli amici, qualche compagno di giochi o di scuola di Giuliano ma ci siamo accontentati di noi quattro.
Giuliano era contento, Martina gli ha fatto trovare in giro per casa tante candele da spegnere, per tutta la giornata gli ha cantato tanti auguri a te. Ieri aveva chiesto se questo sarebbe stato il suo compleanno più brutto, con un po’ di imbarazzo gli abbiamo detto che tutto sommato saremmo stati bene insieme.
Dopo pranzo ci siamo dedicati a montare il caccia stellare di Star Wars della Lego che la nonna gli aveva regalato. Amici e parenti gli hanno fatto gli auguri per telefono o con video chiamate. Anche la maestra si è ricordata e gli ha inviato un audio in cui gli cantava tanti auguri.
Ettore, il minore ci ha messo un po’ ad accettare che non fosse il suo di compleanno ma poi se n’è fatto una ragione e ha spento le candeline con il fratello.
Avete mai visto Una giornata particolare? È un film meraviglioso di Scola in cui Roma, per motivi diversi dai nostri, è vuota e rarefatta come quella di oggi. Se vi capita guardatelo, oppure riguardatelo, ora vedo se c’è sui miei canali streaming.
State dove state se potete.

Decimo giorno senza scuola

Le agenzie oggi hanno battuto questa notizia “Unesco: metà degli studenti del mondo senza scuola. A causa dell’emergenza scatenata dall’epidemia”. Si tratta di una tragedia vera. La scuola è stata una delle grandi conquiste dell’umanità la sua sospensione ha una gravità incommensurabile. Maggiore di quella delle libertà individuali cui siamo stati costretti a rinunciare in questi stupidì giorni di marzo.

Lei si chiama Coletta ed è la mia eroina. Non mi stancherò mai di ringraziarla ogni volta che la incontro al supermercato vicino a casa, in cui cerco di andare il meno possibile per evitare contatti e le droplet, le pessime goccioline del virus. Sono entrato ho preso il mio carrello, ho incrociato con sospetto gli altri avventori, ho comprato tutto quello che mi serviva e poi sono andato da lei. Era li, al suo posto di lavoro con la sua mascherina, i sui guanti e i suoi occhi scuri e la sua cassa. La conosco da anni, ha visto crescere i miei figli appollaiati sul carrello. Mai però le avevo chiesto come si chiamasse. Oggi l’ho voluto fare e mi sono presentato anche io.

Lei è lì lavora e rischio, molto più di noi, clienti terrorizzati che chiediamo di non mettere la nostra spesa nello scivolo vicino a quella dell’avventore precedente. Vorrei fare qualcosa per lei, per ora riesco solo a ringraziarla e cercare di non andare a trovarla troppo spesso.

Ho preso tante cose ma soprattutto le candeline, il burro, la marmellata, le uova e la farina per preparare la crostata per il compleanno di Giuliano che sarà domani. Pulisco tutte le confezioni di plastica con uno spruzzino. Mi pare eccessivo, ma il temibile Burioni lo consiglia. Giuliano aspetta con grande trepidazione i sui 8 anni, conta le ore non vede l’ora come si suol dire.

Altra novità importante è che ci è arrivato il filtro della lavatrice ordinato online. Funziona benissimo. Abbiamo di nuovo una lavatrice!!!! Anche oggi lezione online. Verbi: tempi semplici, tempi composti. Preistoria, paleolitico, cacciatori raccoglitori. I bambini erano di più quasi tutti, un gran fischiare di microfoni. Questa sera dopo cena vedremo La casa di carta, come dire di altre claustrazioni. State dove siete se potete.

Nono giorno senza scuola – o quasi

Anche oggi Giuliano ha parlato con i suoi compagni e con tutte e due le sue maestre. Stanno carburando, pian pianino entreranno a regime e saranno delle lezioni perfette. Ne sono certo.
Per il momento il gap tecnologico di molti di noi è un problema. Diciamoci la verità, né le famiglie né le insegnanti, nel loro grande numero, hanno la cultura digitale e gli hardware necessari. Oggi ho visto plasticamente il digital divide. Che peraltro non è necessariamente legato al censo o al livello di istruzione generale. Comunque in parte verrà abbattuto proprio dalla resistenza e la resa al Covid-19.

Martina è andata in ufficio, mentre Giuliano fa la sua lezione online io ed Ettore abbiamo improvvisato un meraviglioso pic-nic sul terrazzo. Per dargli maggiore credibilità, ci siamo puliti le mani con il gel disinfettante, davanti ai panini con la marmellata senza rientrare in casa. Poi ci siamo dati al giardinaggio, abbiamo qualche pianta ornamentale ma soprattutto qualche giorno fa abbiamo seminato dei preziosi semini di prezzemolo e basilico. Ettore era molto contento, gli avevo messo anche un giubbotto è stato quasi come uscire. A lui manca molto, continua a ripetere: “Ettore scuola vojo”. Vorrei tanto portarli a fare una passeggiata, Giuliano lo ha chiesto come regalo di compleanno. È stato bellissimo rivedere tutte quelle faccine vestite e lavate come in un giorno qualunque.

Il pomeriggio fanno lezione sulle frazioni, parlano di unità frazionarie. Correggono problemi, insomma è proprio scuola. Ogni tanto strani echi attraversano lo spazio e il tempo della lezione, ma nel complesso funziona. I bimbi non si sottraggono, leggono con il loro tono cantilenante. Per me è un’esperienza notevole: non frequentavo le elementari da più di trent’anni, quasi quaranta. “Se la maestra dice 3 decimi, è una frazione decimale? “.

Vorrei andar via, e ogni tanto lo faccio, perché non mi sembra giusto poter essere lì, mi sembra di invadere un territorio che dovrebbe essere esclusivo di mio figlio. Mi aggiro per casa cercando di evitare i cumuloettore: si tratta di concrezioni semispontanee presenti nella nostra casa di solito composte da giocattoli ed altri utensili casalinghi; possono essere molto pericolose provocando cadute ed altri incidenti.
State dove state se potete. Tutto passerà, anche se non andrà proprio tutto bene, le persone stanno male ed alcuni vanno via.

Ottavo giorno senza scuola, o quasi

infatti oggi Giuliano ha rivisto le sue maestre e molti dei suoi compagni di classe, gli è stato chiesto conto dei compiti ed altre cose da SCUOLA. Il tutto però online, in video conferenza. La maestra Virginia, che insegna matematica, scienze e molte altre cose, oggi, facendosi aiutare da una giovanissima nipote, che le forniva assistenza tecnica in tempo reale, ha fatto una prima scoppiettante lezione. Piena degli intoppi e delle trepidazioni delle prime volte.
Noi ci eravamo un po’ esercitati con lo strumento, perché il maestro di scacchi di Giuliano è riuscito a regalare un paio delle sue ore al giorno a tutti i bambini che segue da qualche giorno. Sì, perché nella scuola di Giuliano fanno una di quelle cose che stanno tanto antipatiche ai più conservatori di noi, i progetti e uno era proprio quello di scacchi. Ettore ha voluto partecipare anche lui e per un po’ ha seguito la lezione. Cosa che gli abbiamo consentito finché non ha cominciato a cantare Batman a squarciagola. Il tutto è durato poco più di un’ora ma ha funzionato, e questo era lo scopo di questo primo contatto.

Siccome il mondo spesso si accanisce, quest’oggi ci si è rotto il filtro della lavatrice. Piccola tragedia, lo abbiamo ordinato online speriamo che arrivi presto. Sono stato io a romperlo, per aprirlo e liberare due calzini di Ettore imprigionati.

Finito di scassare la lavatrice esco, prendo la bicilcletta e vado in ufficio. Il tempo è bellissimo e l’aria sembra pulitissima. Non incontro molte persone però un altro ciclista in Via Arenula, davanti al Ministero, sputa a terra. La cosa mi fa talmente impressione che sbando per evitare lo sputo. Dietro sento il clacson di un motorino, che a sua volta sbanda per evitarmi.
Arrivo in ufficio e mi metto a lavorare. Dopo un po’ mi affaccio alla finestra e noto le graminacee che da un po’ crescono sul tetto del Senato, sempre più robuste. Che sia un anticipazione dei futuri orti di guerra? State dove state se potete.
PS le maestre hanno tutta la mia più incondizionata ammirazione e stima. Da bambino non lo avrei mai detto.

Secondo weekend senza scuola

Oggi per la prima volta dal mio terrazzo non si vede più Porta Portese. Il mercato non c’è più. La strada dei russi (i profughi riuscivano a far entrare splendide Leica) è deserta. Domenica scorsa si vedeva ancora in lontananza un piccolo brulicare di avventori e venditori.
Penso a papà, che ci è andato tutte le domeniche per decenni.

Giuliano ha scoperto le videochiamate e riesce giocare con un suo amico a qualunque cosa: corsa, spadate, morra cinese, lotta dei dinosauri ed altro ancora. Ettore li insegue passo passo per tutta casa.
Per pranzo preparo carne con le mollichine alla palermitana, pasta e cavolini dì Bruxelles. Il tempo è buono decidiamo di mangiare sul terrazzo. Stiamo bene c’è un po’ di sole, chissà che i piccoli non facciano un po’ di vitamina D.

Martina, in un momento di ottimismo, mi fa notare che sicuramente riusciremo a spannolinare Ettore in poco tempo, data la situazione. Esco per fare un po’ di spesa, incontro una coppia di vicini di casa vestiti di tutto punto che fa dello jogging ad alti livelli: le scarpe giuste, i pantaloncini attillati, quasi da ciclista, addosso però hanno anche gli ormai quasi inevitabili guanti e la mascherina da chirurgo.
Quando torno dalla spesa trovo lei che fa degli scatti davanti al portone. Compulso i miei device alla ricerca di notizie dal mondo e dalla Lombardia. Come tutti sapete, non sono buone: la nostra condizione di reclusi probabilmente durerà ancora un po’ e, cosa peggiore, il Covid-19 giorno dopo giorno si porta via qualcuno in più.

Ieri ho lavorato più di quanto avrei voluto da casa, tra qualche tempo forse mi mancherà. Però, che forza i piccoli “Che facciamo?”. “Giochiamo a sasso carta forbice”. Ora suonano strumenti vari in video conferenza. Il virtuale e il reale si mescolano, le amicizie online prendono peso e quelle sulla terra se non coltivate in rete si affievoliscono, vale anche per noi grandi.
State dove state se potete.

Settimo giorno senza scuola

La novità oggi è che mia moglie è stata fermata per un controllo. Era a piedi mi dice che sono stati gentili e le hanno chiesto l’autocertificazione, che hanno fotografato, e le hanno detto che sarebbero andati in ufficio a controllare.
Sono a casa con i bambini, mi preoccupo un po’ mentre inizia a raccontarmelo. Lei è la mia famiglia, il mio amore, la mia compagna.

Giuliano fa colazione con un uovo, gioca a spadate con Ettore e poi a studiare: ha un po’ di schede. Sono un po’ brusco gli spiego che la mattinata è dedicata ai compiti, mi metto a fare un pò di faccende domestiche. Guardo la Montagna incantata, che avevo cominciato a leggere prima del virus, e mi ricordo di Hans entrato a Berghof (il sanatorio) per un periodo di tre settimane per poi restarci 1300 pagine. Anche li tutto gira attorno ad una infezione respiratoria, la tisi.

Preparo il pranzo, per i prigionieri è un rito importante, Giuliano ed Ettore non escono da domenica scorsa: bistecchina di maiale, patate lesse è un po’ di pasta al sugo.

Ieri Martina, la più ginnica fra noi, ci ha fatto una breve lezione di corpo libero. È stato molto divertente anche se per me faticosissimo, Ettore rideva e ci abbracciava continuamente però qualche esercizio ha provato a farlo pure lui.

Quando la sentiamo rientrare vorremmo andare ad abbracciarla ma prima via le scarpe e lavaggio mani. Partita a scacchi questa volta patto per ripetizione di scacchi al re. Buona serata a tutti, state dove siete se potete.

Sesto giorno senza scuola e primo giorno agli arresti domiciliari

Verso le dieci di sera ieri dopo aver sentito il discorso del presidente Conte capisco, in realtà male, che il virus mi ha fatto prigioniero è che non potrò andare in ufficio. Devo stare a casa. Mi devo organizzare perché comunque delle cose le devo e le voglio fare.
Ne parlo con mia moglie. Giuliano le chiede come faremo a comprare da mangiare se non lavoreremo più. Gli rispondiamo che non è proprio così, però devo ammettere che con i suoi otto anni ha colto il punto. Fino a dieci giorni fa le persone programmavano le vacanze estive, uscivano la sera e accompagnavano i figli a scuola e ora tutti a casa.
Questo servirà allo sforzo collettivo contro il virus, lo spero veramente però certo non mi rallegra. Poi leggo meglio e capisco che gli uffici sono solo oggetto di raccomandazioni non sono stati chiusi di imperio. Decido di andare, ho la mia autocertificazione, mi vestirò bene per fare una buona impressione alle forze dell’ordine.
Nel pomeriggio, dopo il ritorno di Martina, ero uscito per andare a comprare un regalo per Giuliano, che tra un po’ fa il suo compleanno, sapevo che probabilmente sarebbe stata l’ultima occasione. Faccio una chiacchierata con il giocattolaio di Via Fonteiana che è simpatico, dotato di buon senso e preoccupato come tutti noi.

Questa mattina mi faccio coraggio ed esco con bici casco e guanti, niente mascherina: la metterei ma non riesco a trovarla in farmacia. Vedo grandi file davanti ai supermercati, la distanza di sicurezza le allunga.
La verità è che medici e gli infermieri sono sicuramente gli eroi della lotta al coronavirus ma il vero impatto psicologico della nostra psicosi lo hanno retto le cassiere ed i cassieri che sono rimasti lì, a toccare tutto quello che noi avevamo appena toccato e a gestire interminabili file di clienti spaventati.

Roma è silenziosa, vuota e di una bellezza struggente, attraverso Ponte Garibaldi quasi in solitaria, penso a Will Smith in “Io sono Leggenda”. I senza tetto sono più visibili e più soli: noi siamo quasi tutti dentro, loro sono fuori sulle panchine a terra.

Arrivo in ufficio, lavoro per una confederazione di piccole e medie imprese (CEPI), c’è molto da fare: bisogna comunicare agli associati le misure per congelare i mutui, come gestire le questioni di sicurezza legate al virus nei cantieri. Scrivo, posto, invio, telefono. La tastiera nel silenzio ticchetta come non aveva mai fatto mi ricorda la Olivetti di papà.

Dopo il pranzo, che salto, arrivano altre due persone io vado ho più o meno finito tutto quello che dovevo fare anche se c’è quell’intervista… Arrivo a casa. Martina, Ettore e Giuliano hanno risistemato il terrazzo che sarà per noi un po’ d’aria in più. Ettore mi spiega che corre, corre Batman e che quella è la cacchena di Batman. Vuole giocare, mi rendo conto che ho ancora un po’ di belle cose. Le maestre hanno chiesto a Giuliano e ai suoi compagni di fare un disegno con la bella scritta “osserviamo le regole e andrà tutto bene”. Speriamo sia vero è che le regole siano finite qui.

 

Quinto giorno senza scuola

Meno male che sono in due giocano si guardano, si menano si vivono fra loro. Mia moglie mi chiama dall’ufficio, lavorano. Oggi tocca di nuovo a me stare a casa con i miei due fanciulli. Ieri tornando ho visto Roma andare oltre il ferragosto, uno scenario rarefatto, solo code fuori dalle farmacie e gente nei supermercati, leggo che hanno chiuso Fontana di Trevi, è davanti la scuola di Giuliano, è parte del nostro percorso quotidiano due volte al giorno. Mi rattristo, mi sembra una specie di distopia da fumetto, un racconto dell’Eternauta. Mi rendo conto che sotto traccia si gioca una partita politica non gradevolissima. Ogni giorno che passa ci convinciamo di più della necessità di rinunciare a tutto per salvarci la pelle, il che è comprensibile, speriamo di riavere indietro anche le libertà cui abbiamo rinunciato chiudendo ogni giorno un pezzo di paese in più. Giuliano mi ripete la lezione di scienze, habitat , produttori, nicchie ecologiche, consumatori primari, individui, popolazioni, comunità. Vi trovò una singolare attinenza alla nostra distopia quotidiana. Ettore lo ascolta e si ciuccia il suo biberon. Ogni tanto chiede della scuola chissà cosa passa per la sua testolina di duenne. Giuliano sa la lezione, giochiamo partita a scacchi tra le incursioni di Ettore che ci sposta i cavalli, perdo e mi incazzo. Tra un po’ preparo il pranzo: carbonara per tutti grandi e piccini. Buona giornata a tutti, cerchiamo di stare dove stiamo se possiamo.

Quarto giorno senza scuola e primo giorno in cui tutto è diventato rosso, Italia zona protetta

Comunque ieri è finita con un risottino giallo tutti insieme. Qualche discussione la claustrazione semivolontaria la provoca, ma dopo piccola sfuriata passa. Ci mettiamo a vedere una serie su Netflix e mi sorprendo a notare tutti i dettagli, diciamo così, previrus: amiche che bevono dalla stessa bottiglia, prossemiche molto strette, vestiti e automobili condivise. Temo per la simpatica sharing economy dei millennial. Oggi vado io in ufficio e Martina resta a casa con i nostri due fanciulli. Mangio uno yogurt in piedi davanti a Giuliano che si è appena svegliato e a mia moglie che si sta preparando il caffè, Ettore dorme ancora. Prendo la bici qualcuno in giro c’è, sembra agosto non ancora Ferragosto solo agosto.
Arrivo in ufficio, vedo una signora che fa le pulizie in qualche ufficio del palazzo con un armamentario anti NBC di tutto rispetto.
Mi metto a scrivere, telefono. Giunge Flaviano, mio collega e amico. Parliamo lavoriamo, beviamo un caffè ma stiamo comunque lontani un metro forse anche di più. Trovo un metro, misuro sono 2,20 m.

Terzo giorno senza scuola

C’è di buono che sono arrivati finalmente i compiti! Dopo la colazione Giuliano fa un po’ di matematica. Con Ettore sfogliamo un libricino sugli uccelli. Il suo preferito è il kiwi, gli è sempre piaciuto forse per l’aspetto un po’ buffo. Provo a disegnarglielo, non sono bravissimo ma a lui piace, lo riconosce, ride. Siamo tutti allo stesso tavolo, Martina è in ufficio. Il fine settimana è passato quasi nella normalità. Fatta anche breve passeggiata a Villa Sciarra tutti e quattro. Ogni tanto leggo i giornali online e mi coglie un po’ di tristezza, le notizie non sono buone. Loro sono tranquilli studiano, giocano, tra un po’ mangeranno ma la loro vita sta per cambiare come quella di tutti noi. Anzi direi che è già cambiata, e non in meglio. Ho preparato brodo di pollo tra un po’ li faccio pranzare, vi lascio… buona fortuna a tutti e se potete state dove state, non partite e non uscite.

Secondo giorno senza scuola

Ieri è stato divertente, il primo giorno di qualunque cosa ha sempre un che di speciale, di eccitante. Oggi Ettore e Giuliano stanno con la mamma, io vado in ufficio. E’ strano non doverli accompagnare a scuola, infatti sbaglio strada scendo dall’otto, semi vuoto posso sedermi, una fermata dopo come se dovessi andare a scuola di Giuliano. Giornata uggiosa, pioviccica Roma è bella comunque ma non ha quella sua spettacolare luce che ti dice “Ma davero’. Persone in giro ce ne sono ma non tantissime, trovo anche una comitiva di turisti, li fotografo. Salgo in ufficio a piedi, l’ascensore mi sa di promiscuo e contagioso, non ha un gran senso ho appena preso un tram, però. Comunque varco la porta qualche collega c’è, vado in bagno lavo le mani, anche se ho già usato il gel. Accendo il pc pulisco la scrivania, mi accorgo che nel mondo abbiamo superato i 100.000 casi. Prendo atto che il tempo sarà lungo e mi metto a lavorare. Scrivo telefono.

Primo giorno senza scuola

I bimbi, 2 e 8 anni, stanno con me. Perché da un po’ va così anche da papà, come direbbe un politico con il mojto e il post alimentare facile, si sta con i figli. Loro sono lì a tavola in cucina pronti per la colazione, il bagno, i denti e tutti i riti mattutini. Però dopo non andremo a scuola, quel luogo meraviglioso e terribile in cui siamo cresciuti e in cui abbiamo lasciato fiduciosi e preoccupati i nostri figli. Oggi non c’è e non ci sarà neanche domani. Dovremo inventare qualcosa da fare come in estate ma siamo ai primi di marzo. Per fortuna là fuori c’è Roma uno dei posti più belli del mondo pare che le autorità sanitarie incoraggino le attività all’aperto. Il Circo Massimo per esempio grande, verde, piano e quasi sempre semivuoto. Si potrebbe andare e vedere, come diceva un chirurgo canterino, l’effetto che fa. Che poi a pensarci bene ci sarebbe anche il Bioparco. Lo zaino è lì pieno di libri dove lo abbiamo lasciato ieri all’ingresso, ce ne occuperemo da domani, ora Circo Massimo e Roseto Comunale.

27-11-2020 | © Riproduzione riservata

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*