Solo frenate dolci

di

Roma è una città pericolosa per i pedoni e per i ciclisti. Certo, ci sono pedoni e ciclisti indisciplinati. Certo, la Capitale è una città grande e sparpagliata, costruita soprattutto a misura di automobile. Certo, spesso gli attraversamenti pedonali sbiadiscono o non sono ben segnalati. E certo, automobilisti e motociclisti vanno spesso troppo veloci e pensano di poter dribblare senza problemi le persone. 

Mentre ci dividiamo sulle cause, però, le statistiche dicono che le persone continuano a morire sulle strade romane (nel 2018 sono state 143, secondo i dati Aci-Istat) . Quindi, in attesa di una politica per la riduzione degli incidenti, con obiettivi e impegni chiari da parte dell’amministrazione, bene fa la Compagnia dei Cuscinetti a lanciare una tre giorni romana, il 14-15-16 febbraio, per chiedere “solo frenate dolci”.

Quella lanciata dalla Compagnia, che nei mesi scorsi è stata attiva soprattutto in III Municipio, è “una campagna di educazione alla cittadinanza ispirata al lavoro rivoluzionario dell’ex sindaco di Bogotà, Colombia Antanas Mockus.  Attua un’articolata campagna di educazione alla cittadinanza. È stato lui che attraverso azioni simboliche è riuscito a riattivare i meccanismi di responsabilità, di fiducia civica. Fra le misure più note: clown e mimi al posto dei vigili urbani, per gli uomini un coprifuoco volontario, conferenze stampa divulgative, imposte volontarie”.

“Fateci caso: anziani, adulti, bambini possono stare per un tempo infinito davanti alle strisce pedonali prima di riuscire ad attraversare, perché? Hanno paura e nessuno li fa passare. L’obiettivo di questa campagna è il rispetto assoluto per i pedoni, invitare chi è alla guida di un’automobile a una maggiore responsabilità verso il prossimo (e se stesso), ricordarsi che il pedone ha il diritto di attraversare la strada in serenità”.

Quindi, la proposta della Compagnia è quella di adottare una strada per almeno due ore, farsi “una corazza di cuscini” per accompagnare i pedoni mentre attraversano, utilizzando un cartello fronte/retro con su scritto “SOLO FRENATE DOLCI”, appunto. 

Nel frattempo, la Compagnia sta predisponendo una mappa Google condivisa per indicare orari, giorni, indirizzo, mail di riferimento; un tutorial sui Cuscini e altri materiali scaricabili (cartello, volantino); infine, un vademecum per come comportarsi con gli automobilisti.

Per aderire, si può scrivere a grandecomeunacitta@gmail.com, una sorta di “incubatore” di attività nato nel III Municipio.

 

11-02-2020 | © Riproduzione riservata

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*