Cene diversamente appetitose

di

Due luoghi a Roma permettono di trascorrere una piacevole serata cenando e contemporaneamente alimentando un sistema di buone pratiche che hanno il fine di rendere la città più equa, più sostenibile, più vivibile.
In Via dei Suplici 117 H, quartiere Tuscolana, si trova un ristorante pizzeria molto particolare e molto piacevole, la Locanda dei Girasoli; ai tavoli giovani con sindrome di Down che con grande solerzia e simpatia si occupano dei clienti. Il progetto nasce grazie alla cooperativa sociale “I Girasoli”che ha come obiettivo quello di integrare e inserire nel mondo del lavoro persone svantaggiate. Simbolo scelto il grande fiore giallo alla perenne ricerca del sole che ben rappresenta la voglia e la determinazione con cui i ragazzi portano avanti l’iniziativa.

La Trattoria degli Amici (in Piazza Sant’Egidio 6, nel cuore di Trastevere) invece è un locale gestito da una cooperativa promossa dalla Comunità di Sant’Egidio dove vi lavorano persone disabili affiancate da amici che li aiutano volontariamente. L’occupazione restituisce dignità, volontà e diritti. Qui tra il servizio ai tavoli e quello in cucina il tempo è sospeso, non c’è fretta, anche piccole azioni hanno bisogno di qualche minuto in più…i tanti clienti, ormai affezionati, comprendono e apprezzano un’atmosfera meno frenetica. Alle pareti sono appese opere d’arte di autori con abilità diverse che ogni anno a settembre diventano oggetto di una mostra mercato.
Realtà come le sopra citate hanno bisogno, soprattutto in rischiosi momenti di crisi, del sostegno di noi tutti!

Marzia Fiordaliso
www.ecoincitta.it

[Nella foto, diffusa con licenza Creative Commons: Una parte del team di cucina di Disabiliteat: Emanuele e Simone con il toque blanche de La Locanda dei Girasoli di Roma e sulla sinistra Flavia de La trattoria de Gli Amici di Roma, al Refettorio Ambrosiano di Milano, il 15 ottobre 2015]

14-11-2016 | © Riproduzione riservata

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*